Primavera Quotes

Quotes tagged as "primavera" Showing 1-19 of 19
Francesca Lia Block
“Sometimes she has imagined what it would be like to fly, to live in the river, to run like a horse. She has dreamed of that freedom, that power, and fears the wildness in herself that wants to live as beasts live, moved purely by need and desire. She has felt torn between the heat of her limbs and the thoughts in her mind telling her to be careful and good and always calm.
Don't scream or cry, don't run to him and throw yourself at his feet, pleading for him to take you in his arms, don't strip off your clothes and run naked to the water, wild with wanting.”
Francesca Lia Block

Gabriel García Márquez
“la veía transfigurada en la reverberación de las dos de la tarde bajo la llovizna de azahares de los almendros, donde siempre era abril en cualquier tiempo del año.”
Gabriel García Márquez, Love in the Time of Cholera

Filipe Russo
“Quantos fragores lancinantes de primaveras esvanecerão até o advento do consenso?”
Filipe Russo, Caro Jovem Adulto

Bruno Schulz
“Stupida, facilona primavera! Ricopre tutto senza discernimento, confonde il senso con il nonsenso, eternamente buffona, finta tonta, di una leggerezza senza limiti.”
Bruno Schulz, Le botteghe color cannella: Tutti i racconti, gli inediti e i disegni

Jojo Moyes
“A primavera chegou durante a noite, como se o inverno fosse um hóspede indesejado que de repente resolveu vestir seu casaco e desaparecer sem se despedir. Tudo ficou mais verde, as ruas foram banhadas por um sol fraco, o ar agora perfumado. O dia tinha sinais florais e acolhedores, com trinados primaveris como fundo musical.
Jojo Moyes - Como eu era antes de você”
Jojo Moyes, Me Before You

Pablo Neruda
“Ella —la que me amaba—se murió en primavera.
Y se llevó la primavera al cielo.”
Pablo Neruda, Regalo de un Poeta

Jordi Balaguer
“Eran muchos los colores que el paisaje ostentaba, pero en el Hanami nada es simplemente rojo, azul o verde: Los rojos no son iguales en el averno, los azules son distintos en el crepúsculo y los verdes no brillan igual en primavera.”
Jordi Balaguer, HANAMI: La búsqueda de Ran

Jordi Balaguer
“Ran lloró, apretando la cabeza del muchacho contra su pecho. Allí no había nada por lo que reír. No había nada divertido. Nada. Cuando la primavera se enfada, y contra todos libera su furia, nadie se atreve a sonreír. Solamente los Neko... y la muerte. Sobre todo la muerte.”
Jordi Balaguer, HANAMI: La búsqueda de Ran

“Пока оседлые люди будут искать истины, яблоко с дерева познания не будет сорвано.”
Лев Шестов, All Things are Possible

“Araablane oleks ütelnud:keegi ei rüüsta viljatud puud. Kividega loobitakse üksnes neid, mille küljes ripuvad kuldsed viljad.”
Lilli Promet

“Nähes, kui paljud sinust ees on, mõtle sellele, kui paljud on sinust tagapool.”
Lilli Promet, Primavera

Klara Woodson
“Noi siamo invecchiate. Abbiamo incontrato voi, i vostri padri e i padri dei vostri padri. Abbiamo incontrato il paese che è divenuto città, e la città è cresciuta sempre di più fino ad inglobare i cuori delle persone, che ora non celebrano più l'arrivo della Primavera.”
Klara Woodson, Il Salmastro. Le stagioni in città

L.M. Montgomery
“Es una de las cosas buenas de este mundo. Uno está siempre seguro de que habrá más primaveras. - Ana. Ana de Avonlea”
Lucy Maud Montomery

Yukio Mishima
“Venne un giorno, agli sgoccioli della primavera, che sembrava lo scampolo che un sarto avesse staccato da una pezza d'estate, oppure una prova in costume della stagione ventura.”
Yukio Mishima

“Da questa panchina, oggi, sento traboccare la primavera e penso, come a ogni cambio di stagione, che tempo più bello sia quello che deve ancora venire.”
Roberta Plebani, Echi d'inverna e di tramontana

Lorenzo Marone
“Insomma, la primavera è la stagione piú bella, con il suo carico di vita e speranza che rigenera corpo e spirito. Ma si porta dietro, ahimè, anche una serie infinita di fobie contro le quali diventa difficile difendersi. Allora forse è meglio l’inverno, la stagione piú abitudinaria; perché in fondo noi di quello abbiamo bisogno, delle nostre piccole e inutili certezze con cui ci illudiamo di avere tutto sotto controllo. D’estate regnano anarchia e imprevedibilità, siamo costretti ad allontanarci dalle nostre cose, anche dai medici e dai farmacisti (che se la godono alle nostre spalle), e semmai ci ritroviamo su un’isola meravigliosa, certo, ma il primo ospedale dista un’ora di elicottero.
Soffriamo l’estate, le stagioni di mezzo contribuiscono a risvegliare fastidiosi sintomi, resta l’inverno, come dicevo, il lungo inverno fatto di giornate buie e corte, di pioggia e serate in casa. Se sei meteoropatico, problemi tuoi, per un ipocondriaco fobico l’inverno rappresenta forse il giusto compromesso. A meno che non soffri anche di quionofobia, la paura dell’inverno e della neve, o di frigofobia, il terrore irrazionale di avere freddo.
Ognuno ha le sue paure, ci scherzo su, ma in verità rispetto tutti. E come potrei proprio io non farlo? È che il mondo è come te lo metti in testa. Sapete vero che le immagini della realtà ci arrivano dritte sulla retina, ma questa le capovolge? È il cervello ogni volta a dover intervenire per mettere a posto le cose, a ribaltare la visuale per mostrarci il mondo per ciò che in effetti è. È la ragione a instradarci, l’istinto (il corpo) invece sa benissimo che non c’è niente di dritto e niente di vero, non c’è un solo modo di vedere le cose, e ciò che ad alcuni sembra in equilibrio, altri lo ritengono storto, ciò che a molti appare normale, tanto normale per altri non è. Ci illudiamo di controllare la vita, di conoscere la strada, spesso siamo convinti di avere la verità in tasca, e che la nostra visione, la nostra esperienza, sia la verità assoluta, quando invece si tratta solamente di un’opinione. Siamo tutti prigionieri dentro una caverna, come ci ricorda Platone, e quello che ci è permesso vedere il piú delle volte è solo la proiezione della realtà, l’ombra della verità. Pochi riescono a uscire da questa visione limitata che rende schiavi, e questi pochi non sono poi creduti da tutti gli altri, che continuano beati a pensare di star guardando il reale. Siamo limitati, e poco inclini a un livello superiore di conoscenza, convinti che ciò che ci dice la testa sia la strada.
Ogni capa è nu’ tribunale, diceva un altro grande filosofo, mio nonno.”
Lorenzo Marone, Inventario di un cuore in allarme

João Doederlein (a.k.a.Poeta)
“primavera (s.f.) é a promessa que fez o universo de que tudo o que vai, volta. é a prova de que naturalmente a felicidade é um ciclo e sempre vai se concluir.”
João Doederlein (a.k.a.Poeta), O Livro dos Ressignificados

E.M. Forster
“Durham sentou-se no chão fora do seu alcance. Era fim de tarde. Os sons de Maio, os aromas de Cambridge em flor, entravam flutuando pela janela e diziam a Maurice, «Tu não nos mereces.» Sentia-se meio morto, um estranho, um labrego em Atenas. Não tinha nada que estar aqui, ou ter um amigo assim.
- Durham.
Durham aproximou-se. Maurice estendeu uma mão e sentiu a cabeça aconchegar-se nela. Esqueceu-se do que ia dizer. Os sons e os aromas segredavam, «Tu és nós, nós somos a juventude.»”
E.M. Forster, Maurice

Alejandro Mos Riera
“La primavera, es una raíz del árbol de la vida.”
Alejandro Mos Riera