Sapere Quotes

Quotes tagged as "sapere" (showing 1-10 of 10)
Horace
“So, if you don't summon a book and a light before dawn,
If you don't set your mind on honest aims and pursuits,
On waking, you'll be tortured by envy or lust.
Why so quick to remove a speck from your eye, when
If it's your mind, you put off the cure till next year?
Who's started has half finished: dare to be wise: begin!”
Horace

Daniel Pennac
“Il sapere è innanzitutto carnale. Le nostre orecchie e i nostri occhi lo captano, la nostra bocca lo trasmette. Certo, ci viene dai libri, ma i libri escono da noi. Fa rumore, un pensiero, e il piacere di leggere è un retaggio del bisogno di dire.”
Daniel Pennac, Chagrin d'école

Jacqueline Carey
“Non c'è nulla che non valga la pena sapere.”
Jacqueline Carey, Kushiel's Dart

Fredrik Sjöberg
“Le lacune crescono al ritmo del sapere.”
Fredrik Sjöberg, The Fly Trap
tags: sapere

Jodi Picoult
“La vera forza de lupo non sta nelle sue tremende mandibole, che possono stringere con una pressione di oltre cento chili per centimetro quadrato. La vera forza di un lupo sta nell'avere quella capacità e sapere quando non usarla.”
Jodi Picoult, Lone Wolf

Bertolt Brecht
“Una delle principali cause della miseria delle scienze sta, molto spesso, nella loro presunzione di essere ricche. Scopo della scienza non è tanto quello di aprire una porta all’infinito sapere, quanto quello di porre una barriera all’infinita ignoranza.”
Bertolt Brecht, Galileo

Alexandre Dumas
“Voi dovreste insegnarmi un poco di quanto sapete” disse Dantès, “non fosse altro che per non annoiarvi con me. Mi sembra che dobbiate preferire la solitudine ad un compagno senza educazione e senza cultura come sono io. Se acconsentite, vi prometto di non parlarvi più di fuga.”

Faria sorrise.

“Ahimè, figlio mio” disse, “la scienza umana è molto limitata, e quando vi avessi insegnato le matematiche, la fisica, la storia e le tre o quattro lingue vive che io parlo, voi sapreste quello che so io. Tutta questa scienza potrei farla passare dal mio spirito nel vostro in due anni.”

“Due anni!” disse Dantès. “Credete che io possa imparare tutte queste cose in due anni?”

“Nella loro applicazione no; nei loro principi sì. L’imparare non è lo stesso che sapere: vi sono gli eruditi e gli scienziati, la memoria forma i primi, la filosofia i secondi.”

“Ma la filosofia non si può imparare?”

“La filosofia non s’impara, la filosofia è la riunione delle scienze imparate nel genio che le applica.”

“Vediamo” disse Dantès. “Che cosa m’insegnerete per primo? Ho smania di cominciare, ho sete di scienza.”

“Tutto!” disse Faria.”
Alexandre Dumas, The Count of Monte Cristo

Milan Kundera
“In una società ricca, la gente non è costretta a lavorare manualmente e si dedica all'attività intellettuale. Aumentano le università e aumentano gli studenti. Per potersi laurerare, bisogna trovare argomenti per le tesi di laurea. Gli argomenti sono una quantità infinita perché è possibile scrivere tesi su ogni cosa al mondo. Risme su risme di fogli scritti si accumulano negli archivi, che sono più tristi dei cimiteri, perché non ci entra nessuno nemmeno il giorno dei morti. La cultura scompare nell'abbondanza della sovrapproduzione, nella valanga dei segni, nella follia della quantità. Ecco perché ti dico che un libro vietato nel tuo vecchio paese significa infinitamente di più dei miliardi di parole vomitati dalle nostre università.”
Milan Kundera, The Unbearable Lightness of Being

Sara Rattaro
“Non esiste una sola verità, ne esistono tante versioni. Dipende da cosa sappiamo, da quello che riusciamo a vedere e da quello che abbiamo voglia di ascoltare.”
Sara Rattaro, Uomini che restano

“La guardo con la coda dell'occhio e vedo soltanto il suo sorriso che è tremendo e che si beffa di me. Perché lei sa e vede oltre quel che io conosco e che accetto.”
Giovanni Ragonesi, La primavera da lontano