Mancanza Quotes

Quotes tagged as "mancanza" (showing 1-6 of 6)
Diego De Silva
“- Mia nonna, quando il nonno morì, si mise a dormire al suo posto. Diceva che in quel modo non sentiva il vuoto accanto. […] Così, - continua Nicola, - quando di notte si svegliava, guardava il posto vuoto vicino al suo e pensava “Ma vedi, non ci sono”.”
Diego De Silva, Mancarsi

Mariangela Gualtieri
“(enigma: io sono la mancanza – la mancanza che sono
– sono ciò da cui manco – sono tutta mancanza – e non
c'è nostalgia – neppure lontananza – essendo ciò che
manca – adesso e sempre – io)”
Mariangela Gualtieri

J.R. Ward
“Guardando il bel viso del suo migliore amico, Qhuinn ebbe la sensazione di conoscere da sempre quei capelli rossi, quegli occhi azzurri, quelle labbra, quella mascella. E fu proprio in virtù della loro lunga storia in comune che cercò qualcosa da dire, qualcosa in grado di riportarli al punto di partenza. Tutto ciò che gli venne in mente fu... Mi manchi. Mi manchi talmente tanto che sto male, ma non so come trovarti, anche se sei qui davanti a me.”
J.R. Ward, Black Dagger Brotherhood, #1-9

Andrzej Sapkowski
“«Ma non potevo vivere col vuoto che si era impadronito di me. A un tratto ho capito che non era la mancanza di una donna a provocare quel vuoto, ma la mancanza di ciò che provavo allora. Paradossale, vero? Non credo sia necessario che finisca, intuirai il seguito. Sono divenuto un mago. Per odio. E solo allora ho capito quanto ero stato sciocco. Avevo confuso il cielo con le stelle riflesse di notte sulla superficie di uno stagno.»”
Andrzej Sapkowski, Czas pogardy

Donatella Di Pietrantonio
“Nel tempo ho perso anche quell'idea confusa di normalita' e oggi davvero ignoro che luogo sia una madre. Mi manca come puo' mancare la salute, un riparo, una certezza. E' un vuoto persistente, che conosco ma non supero. Gira la testa a guardarci dentro. Un paesaggio desolato che di notte toglie il sonno e fabbrica incubi nel poco che lascia. La sola madre che non ho mai perduto e' quella delle mie paure.”
Donatella Di Pietrantonio, L'Arminuta

Antoine de Saint-Exupéry
“«Ti amo» – disse il Piccolo Principe.
«Anche io ti voglio bene» – rispose la rosa.
«Ma non è la stessa cosa» – rispose lui. – «Voler bene significa prendere possesso di qualcosa, di qualcuno. Significa cercare negli altri ciò che riempie le aspettative personali di affetto, di compagnia. Voler bene significa rendere nostro ciò che non ci appartiene, desiderare qualcosa per completarci, perché sentiamo che ci manca qualcosa».”
Antoine de Saint-Exupéry, Il Piccolo Principe - Bilingue Italiano-Francese: In Italiano Semplice E Moderno