Riccardo Falcinelli


Born
in Rome, Italy
April 25, 1973

Genre
Art


Average rating: 4.31 · 555 ratings · 52 reviews · 12 distinct worksSimilar authors
Cromorama: Come il colore h...

4.52 avg rating — 251 ratings — published 2017 — 2 editions
Rate this book
Clear rating
Critica portatile al visual...

4.33 avg rating — 154 ratings — published 2014
Rate this book
Clear rating
Fare i libri: Dieci anni di...

4.25 avg rating — 40 ratings — published 2011
Rate this book
Clear rating
Guardare, pensare, progetta...

4.48 avg rating — 29 ratings — published 2011
Rate this book
Clear rating
Grafogrifo

by
3.67 avg rating — 3 ratings — published 2004
Rate this book
Clear rating
L'allegra fattoria

by
really liked it 4.00 avg rating — 3 ratings — published 2007
Rate this book
Clear rating
Cardiaferrania

by
really liked it 4.00 avg rating — 1 rating — published 2001
Rate this book
Clear rating
Fare i libri

0.00 avg rating — 0 ratings
Rate this book
Clear rating
A volte ritorno

by
3.99 avg rating — 4,993 ratings — published 2011 — 23 editions
Rate this book
Clear rating
New York, ore 8.45: La trag...

by
3.57 avg rating — 21 ratings — published 2006 — 4 editions
Rate this book
Clear rating
More books by Riccardo Falcinelli…

Upcoming Events

No scheduled events. Add an event.

“Forse una via di uscita sta nel sottrarsi alla lotta tra consumare ed essere, tornando al fare.”
Riccardo Falcinelli, Critica portatile al visual design: Da Gutenberg ai social network

“Non è un caso, infatti, che la grafica globalizzata tenda spesso a somigliarsi un po' tutta. Non si tratta di mera influenza culturale, ma di modo di procedere. Tutti i designer compiono gli stessi movimenti, maneggiano pixel: un po' più a destra; ruotato; di nuovo a destra; abbassato; poi sopra; e taglia; e incolla. Così all'infinito. Il design dovrebbe essere un modo di ragionare, di impostare problemi, di raccontare storie, non può ridursi a maneggiare box o spostare pixel.”
Riccardo Falcinelli, Critica portatile al visual design: Da Gutenberg ai social network

“Secondo gli stereotipi comuni, la grafica si occupa, in maniera artistica e creativa, di pubblicità e di siti web, al fine di rendere le cose più belle e attraenti. Se ne identifica così il compito anzitutto nel campo della persuasione. Da sempre però – e ben prima della società pubblicitaria – il visual design svolge altri compiti, se non più nobili, spesso più utili: si occupa cioè di spiegare.”
Riccardo Falcinelli, Critica portatile al visual design: Da Gutenberg ai social network



Is this you? Let us know. If not, help out and invite Riccardo to Goodreads.