Goodreads Italia discussion

69 views
Discussioni sui Libri > Quando dietro un libro c'è una storia

Comments Showing 1-7 of 7 (7 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2900 comments Mod
Sono una di quei lettori a cui, francamente, non importa granché della storia dell'autore, della sua visione del mondo, della sua "poetica", delle sue idee politiche e così via, però mi piace scoprire le storie dei libri, questo sì.

Mi sono imbattuta in questi due articoli del Post (probabilmente l'unico giornale che riesco a tollerare in quest'ultimo periodo, ma ciò è off-topic).


Nel primo articolo si parla di un manuale di anatomia scritto da un medico nazista usato ancora oggi e, probabilmente, insuperato.

Nel secondo articolo c'è la storia del più famoso romanzo nordcoreano, che sotto la patina di propaganda riesce comunque a trovare temi universali.


message 2: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Molto interessante Nazzarena, grazie.
Sinceramente nemmeno io mi informo molto sugli autori dei libri che leggo, ma mi ero fatta due domande in merito alcuni anni fa, riguardo una diatriba simile, che vede protagonista Indro Montanelli e la sua “madama” etiope.
Penso che in linea generale un’opera vada valutata per quello che è, e che i giudizi morali, più che mai leciti, debbano essere separati. Facile da dire, ma difficilissimo da fare in pratica.
Un’opera più utilitaristica forse mi turba meno: se questo atlante anatomico serve a salvare vite, beh, chissene frega da chi è stato scritto!

E più in generale mi pare che se si ragionasse in modo troppo categorico, si finirebbe per poter leggere giusto le memorie di Madre Teresa.
Anche Aristotele aveva degli schiavi, per dire. O, per fare un esempio in un contesto diverso, Caravaggio pugnalava chiunque gli stesse antipatico. Ma io non ci penso quando guardo una sua pala d’altare.


message 3: by minty (new)

minty (minty_2017) | 324 comments Tintinnabula wrote: "Penso che in linea generale un’opera vada valutata per quello che è, e che i giudizi morali, più che mai leciti, debbano essere separati. Facile da dire, ma difficilissimo da fare in pratica.

La penso esattamente come te. Peraltro, mi sa che su questo tema avevamo già dibattuto qui sul gruppo, o ricordo male?

Un’opera più utilitaristica forse mi turba meno: se questo atlante anatomico serve a salvare vite, beh, chissene frega da chi è stato scritto!

Esatto. Anche fosse, finché è utile a fare del bene, benissimo usarlo. Quale migliore rivincita sulla sua origine oscura?

E più in generale mi pare che se si ragionasse in modo troppo categorico, si finirebbe per poter leggere giusto le memorie di Madre Teresa. "

Non spererei troppo neanche su quelle :P
E' vero che l'hanno fatta santa, ma negli anni ho sentito spesso contestare Teresa e i suoi metodi. Proprio su Il Post si trova un articolo in proposito:

https://www.ilpost.it/2015/12/20/le-c...

Io avevo sentito, in passato, delle critiche a lei mosse riguardo il suo «culto della morte e della sofferenza», e letto descrizioni abbastanza agghiaccianti degli ospedali gestiti coi suoi metodi. Non so però chi abbia ragione...

Non sono comunque sicura che Nazzarena volesse re-introdurre l'annoso problema della separazione fra l'autore e la sua opera o se, più semplicemente, volesse attirare la nostra attenzione su quei libri (opere, non volumi fisici) che, aldilà del contenuto, hanno proprio una storia loro intrinsecamente interessante, per le circostanze in cui furono compilati e le vicende che hanno attraversato ^^


message 4: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments E chi lo sapeva che anche Madre Teresa fosse malvagia? ;-)

Sì, probabilmente non ho centrato in pieno l’argomento. Scusate!

Non credo di conoscere storie particolari riguardo la genesi o la vita successiva dei libri, ma mi spremo le meningi e sai mai che tiri fuori qualcosa dal cilindro.


message 5: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2900 comments Mod
minty wrote: "Non sono comunque sicura che Nazzarena volesse re-introdurre l'annoso problema della separazione fra l'autore e la sua opera o se, più semplicemente, volesse attirare la nostra attenzione su quei libri (opere, non volumi fisici) che, aldilà del contenuto, hanno proprio una storia loro intrinsecamente interessante"

Un po' l'una cosa e un po' l'altra, in verità.
Sono anch'io del parere che l'opera ha il diritto di essere giudicata per quello che è e non per chi l'ha scritta e ben vengano i contributi in tal senso, ma queste due storie, soprattutto il manuale nazista di anatomia, mi hanno proprio fatto pensare che a volte i libri hanno una propria storia, che una volta che gli si è dato l'imprimatur sono come autonomi soggetti di diritto. Tipo i manoscritti di Qumran, chi se li fila gli autori? O Beowulf.


message 6: by Uhtred (new)

Uhtred | 50 comments Credo che sia giusto separare l'opera dall'autore, ma credo che sia difficilissimo se non impossibile farlo. Vale per i libri, ma vale anche per i film, per i brani musicali, per i quadri, per tutto. E' fin troppo facile e istintivo definire bello/interessante/stimolante un'opera dell'intelletto creata da un autore che stimi e che ti stimola, così come è altrettanto facile fare il contrario, ossia sminuire un'opera solo perchè si detesta chi l'ha creata. Ho un paio di esempi, giusto per dare un contributo al dibattito: adoro i brani heavy metal, ma quando scavo troppo nelle vite di chi li ha scritti di solito mi pento, meglio stare in superficie e godersi la musica. Un altro esempio di come sia difficile separare un'opera da chi la rende reale è Montalbano: adoro i libri di Camilleri su Montalbano e adoravo anche i film TV fatti sui suoi libri. Perchè uso l'imperfetto? Perchè da quando ho visto Zingaretti vestito da frate fare la pubblicità ad una compagnia telefonica per me ha perso tutta la credibilità come Montalbano, e da lì non non più guardato un episodio....


message 7: by Pao (new)

Pao (pao_letta) | 737 comments Opere ed autori vanno sempre separati: se smetto di ascoltare Wagner o Michael Jackson perché hanno fatto delle scelte di vita sbagliate l'unica che ci rimette sono io che mi privo di ottima musica.

Tra l'altro il romanzo nordcoreano sembra proprio interessante quindi spero che qualcuno lo traduca presto in italiano.


back to top