Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

16 views
La Sfida dei desideri > GDL: Ready Player One di Ernest Cline

Comments Showing 1-7 of 7 (7 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Drilli (new)

Drilli | 2567 comments Apro il GDL per Player One di Ernest Cline, per Lupurk e chiunque altro voglia aggiungersi :)

L'ho iniziato nel fine settimana e sono appena a 120 pagine, ma mi ha già conquistata. Le premesse stanno andando un po' per le lunghe e c'è forse qualche spiegone di troppo, ma la scrittura scorrevolissima e le centinaia di allusioni nerdacce e videoludiche mi stanno facendo perdonare ogni altro difetto :D


message 2: by Lupurk (new)

Lupurk | 1597 comments Io non vedo l'ora di iniziarlo, mi incuriosisce tantissimo!


message 3: by Drilli (new)

Drilli | 2567 comments Appena la storia entra nel vivo diventa veramente difficile staccarsi dalle pagine... e in un attimo ieri sera sono arrivata alla metà libro :D


message 4: by Drilli (new)

Drilli | 2567 comments Terminata ieri sera la lettura!

Che dire... da videogiocatrice e nerdaccia quale sono, Player One è stata per me una lettura veramente piacevole e coinvolgente. E' un libro, del resto, pensato e scritto proprio per i giocatori e gli amanti della cultura pop e geek; è prettamente indirizzato a chi ha vissuto gli anni '80, che si troverà senz'altro a proprio agio nel mare di citazioni di ogni tipo (videoludiche, musicali, cinematografiche e non solo), ma dal momento che è quasi inevitabile che un nerd si imbatta quantomeno nei grandi classici degli anni '80, il libro è godibilissimo anche per chi è stato adolescente nei decenni successivi e non colga la totalità delle citazioni. Credo che la condizione fondamentale per immergersi davvero in quest'avventura, sia più la comprensione e la condivisione del linguaggio e dei meccanismi dei videogiochi e in particolare dei MMORPG.
In più, la scrittura è semplice ma scorrevole, gli eventi si susseguono con un buon ritmo, i temi trattati sono tutti pienamente nelle mie corde, ma soprattutto le mie esperienze personali, presenti e passate, mi hanno portato a un'immedesimazione completa con il protagonista - il senso di competizione, l'ansia di miglioramento, il non poter resistere alla curiosità di scoprire cosa accadrà dopo, l'ansia di terminare il gioco... ma anche la solitudine di adolescente un po' fuori dal mondo, la felicità di aver trovato finalmente delle amicizie, anche se "virtuali", le ansie che derivano dal non poter sapere se chi c'è dall'altra parte è completamente onesto con te, il desiderio di incontrarsi dal vivo e l'ansia di poter avere brutte sorprese, o solo di non riuscire a parlare e capirsi allo stesso modo, la certezza che sia Amicizia vera, anche se non ci si è mai guardati negli occhi... Tutte sensazioni che hanno fatto parte del mio passato e del mio presente, e che mi hanno portato a un'empatia totale con Wade.

Non dò al libro la quinta stella perché, volendomi porre da un punto di vista più oggettivo, il romanzo in sé non è nulla di eccezionale: i personaggi sono piuttosto stereotipati; i problemi e le difficoltà che si presentano nel corso della trama vengono risolti, nella quasi totalità dei casi, fin troppo in fretta e con troppa facilità; la quantità di infodump è decisamente eccessiva; le citazioni della cultura pop degli anni '80, per quanto le premesse sembravano voler costruire l'intera trama su di esse, sono quasi del tutto superflue ai fini della trama, nel senso che nella maggior parte dei casi conoscere o non conoscere il film o il videogioco citato non aggiunge granché, se non la soddisfazione personale di sapere di cosa si stia parlando e potere immaginare gli eventi con maggior chiarezza; c'è poi una strana incongruenza nei destinatari dell'opera: è senza dubbio un romanzo per ragazzi, per il tipo di personaggi presenti, il modo relativamente superficiale in cui sono trattati molti temi e il modo in cui si sviluppa la trama... eppure strizza l'occhio a chi è stato ragazzino negli anni '80, molto più che all'adolescente odierno.

Insomma, volendo mantenersi distaccati le stelle dovrebbero essere pure 3, ma non posso non tenere conto della mia esperienza di lettura e del modo in cui questo libro ha saputo tenermi incollata alle pagine e a farmi vivere in prima persona l'avventura della Caccia all'Easter Egg di Halliday.


message 5: by Lupurk (new)

Lupurk | 1597 comments Bellissima recensione! Io sono al capitolo 4 e lo sto trovando piacevolissimo e molto scorrevole...poi già solo per la citazione di Schegge di follia lo adoro, è stato uno dei miei film preferiti per tutta l'adolescenza :P


message 6: by Lupurk (new)

Lupurk | 1597 comments Finito! Per me è un 5 stelle, più di pancia che oggettivo, ma mi è piaciuto molto, per le mille citazioni e per la storia in sé. Mi è spiaciuto non vedere citato nemmeno da lontano il mitico Monkey Island, ma devo dire che mi sono proprio divertita in questo viaggio su Oasis!
Grazie per la compagnia e per la bellissima recensione! ^_^


message 7: by Drilli (new)

Drilli | 2567 comments Vero, l'assenza di qualsivoglia riferimento ai giochi della Lucas Arts non me l'aspettavo neanche io, e una parte di me la potrebbe reputare ai limiti dell'inaccettabile xD Però in effetti a livello di videogiochi vengono citati solo i primissimi punta e clicca e gli arcade da bar.
Felice che sia piaciuto anche a te e grazie anche a te per la compagnia!


back to top

unread topics | mark unread


Books mentioned in this topic

Player One (other topics)

Authors mentioned in this topic

Ernest Cline (other topics)