Goodreads Italia discussion

56 views
Discussioni sui Libri > Guide turistiche: sì, ma quali?

Comments Showing 1-15 of 15 (15 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Ciao a tutti!
Non mi pare di aver visto una discussione sulle guide turistiche tra i topic, e questo è il periodo giusto per parlarne!

Per la prima volta da 4-5 anni andrò qualche giorno in ferie ad Agosto. Come mia abitudine, sono andata in biblioteca a prendere alcune guide turistiche dell’area che visiterò.
La prima domanda potrebbe essere questa: voi comprate le guide per le vostre ferie?
Io l’ho fatto in passato, ma ho sempre avuto l’impressione che non ne valesse la pena, perché le guide sono subito “vecchie”, almeno per me che tendo a non tornare negli stessi posti tanto presto. Inoltre i libri hanno spesso dei prezzi importanti, che mi scoraggiano (ad esempio una di quelle che ho in mano ora costa quasi 30€, una 23€ e l’altra 26€).
Certo, io sono fortunata ad avere il famoso sistema bibliotecario “ricco” che ha sempre guide nuove e in almeno un paio di copie!

Qualcuno di voi le acquista in eBook? Ho visto che ad esempio la Lonely Planet permette di comprare i singoli capitoli.

Infine, quali guide vi piacciono di più?
Io ad esempio non amo molto le guide del Touring Club, perché non danno mai le informazioni sui prezzi dei musei, o sui possibili itinerari a piedi nelle città, mentre mi sbrodolano pagine e pagine di ristoranti e alberghi. Spesso però sono le migliori se si viaggia in auto, perché hanno cartine dettagliate.
Conosco poco le Rough Guides, che so essere pubblicate ora da Feltrinelli, mentre ho un buon ricordo di una guida Routard dell’Umbria usata qualche anno fa (informazioni di base date con chiarezza, anche se forse era un po’ asciutta).


Antonella Imperiali | 1344 comments Io ne ho tantissime (cartacee, una libreria a parte...); le prendo sempre quando vado a visitare luoghi, città o paesi, italiani o stranieri che siano. Non importa la casa editrice (no Touring Club!), l'importante è che abbia descrizioni esaustive di "attrazioni" artistiche, storiche e anche, perché no, di divertimento (hotel e ristoranti inclusi). Le segno, le sottolineo, ci scrivo alcune note, le USO insomma! A parte poi conservarle a ricordo delle visite...


message 3: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Antonella, anche tu non ami le guide TCI allora!
Posso chiederti come mai?

Un’altra collana di guide che non mi piace molto è quella edita da Mondadori Electa.
Bella l’idea delle immagini 3D di palazzi/musei/piazze, peccato che poi però le informazioni siano date in maniera confusionaria e di difficile lettura.


Antonella Imperiali | 1344 comments Le trovo molto "didascaliche" e fredde, un elenco di descrizioni che non appassionano e non inducono in tentazione/curiosità. Le cartine saranno anche utili, ma in genere viaggio in treno/aereo ed eventuali percorsi in auto me li studio prima. Inoltre, se non sbaglio, non suggerisce itinerari ad hoc per chi ha pochi giorni a disposizione, toccata e fuga insomma. Le trovo molto "commerciali", ecco. Ne preferisco di meno pretenziose ma più tentatrici rispetto alle possibilità che offre il posto che intendo visitare.


message 5: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1611 comments Io le ho sempre comprate anche perché mi piace tenerle, ma è verissimo che invecchiano in fretta. Se la tua biblioteca ne è ben fornita forse la scelta migliore è prenderle in prestito :)

Neanche io amo le Touring Club perché le trovo asettiche, sono d'accordo in toto con Antonella. Del resto non viaggiando in macchina non ho la necessità delle cartine. Le mie preferite sono le Lonely Planet, ma da qualche anno ho scoperto e mi sono innamorata delle Polaris (http://www.polariseditore.it/). Secondo me sono meravigliose e poi pubblicano guide anche per paesi particolari. Le sfoglio spesso in libreria, ma l'unica che possiedo è quella dell'Armenia, dove sono stata nel 2013, che è bella anche da leggere e non solo da consultare. Buone le Routard, non male le Rough Guides.


message 6: by Tintinnabula (last edited Aug 06, 2018 01:33AM) (new)

Tintinnabula | 1051 comments Marina (Sonnenbarke) wrote: "Le sfoglio spesso in libreria, ma l'unica che possiedo è quella dell'Armenia, dove sono stata nel 2013"

No Marina, cosa mi dici! Sono anni che voglio andare in Armenia, ma alla fine non ci sono mai riuscita.

Il nome delle guide di cui parli all'inizio non mi diceva nulla, poi dal link ho capito quali sono. Le ho sfogliate anche io in libreria, ma non ne ho mai usata nessuna. Tra l'altro mi hai dato un'altra dritta, perché nel loro catalogo c'è una guida sull'Engadina che mi interessa, e ho scoperto che la mia biblioteca ne ha una copia!

Ecco, una difficoltà che si presenta nel prendere le guide a prestito in biblioteca è che a volte è dura trovarle nell'OPAC. Visto che hanno titoli generici tipo "Parigi", "Spagna", "Veneto" ecc., se non sono catalogate in gruppi univoci (tipo "guide turistiche" o "saggistica di viaggio") è come cercare un ago in un pagliaio. Se però si conoscono i nomi degli autori, ad esempio guardando sui siti delle case editrici, diventa più facile.

Un'altra collana di guide che mi è capitato di acquistare in passato è quella delle guide traveller di National Geographic. Hanno molte foto, poche mappe, e possono essere utili per organizzare il viaggio dando begli spunti sui luoghi da visitare. Sono meno utili se si vuole una guida che dia indicazioni di orari e costi di musei/attrazioni varie e su come muoversi da un posto all'altro.

Anche le Guide Top 10 di Mondadori non sono malvagie, se si ha bisogno di una guida rapida per un fine settimana o comunque per pochi giorni. Di sicuro non vi faranno scoprire angoli nascosti, ma svolgono bene il loro compito. Se a qualcuno interessano sono scontate del 15% (e se guardate bene, alcune lo sono anche del 55%, perché a breve usciranno le nuove edizioni): https://www.mondadoristore.it/libri/i...


message 7: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1611 comments Tintinnabula, l'Armenia è un paese meraviglioso, spero che tu riesca ad andarci! Io ne ho dei ricordi bellissimi. Ora che viaggio stai organizzando, se posso chiedere?


message 8: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Marina (Sonnenbarke) wrote: "Tintinnabula, l'Armenia è un paese meraviglioso, spero che tu riesca ad andarci! Io ne ho dei ricordi bellissimi. Ora che viaggio stai organizzando, se posso chiedere?"

Sì sì, certo! Farò un brevissimo tour nel sud della Francia, principalmente in Provenza. Non ci sono mai stata, nonostante non sia poi così lontana.


message 9: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1611 comments Bello! Anche io ci vorrei andare. Sono quei posti che uno non visita mai perché "tanto sono vicini, ci andrò prima o poi..." ...e poi finisce che non ci si va più. Buona vacanza, divertiti!


message 10: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Esatto, è una zona che non ho mai esplorato perché tanto è lì, a qualche ora di macchina.
Poi diciamo che spero che la maggior parte della gente sia spaparanzata sulla Costa Azzurra e che l'entroterra sia un po'meno affollato (lo so, sono pie illusioni e mi maledirò appena varcata la frontiera, ma lasciatemi sognare!).


message 11: by Pamela (last edited Aug 08, 2018 01:02PM) (new)

Pamela (anapplescruff) | 45 comments Io invece adoro le Guide Mondadori (ma non le Guide Top 10, non abbastanza esaustive). Sono in assoluto le mie preferite, se la meta non esiste tra le Mondadori, allora ripiego sulle Guide Verdi del Touring (mi è successo per Scozia e Finlandia).

Le Mondadori mi piacciono perché trovo che contengano tutte le informazioni storico-artistiche che mi servono in modo chiaro e conciso inframmezzate da spaccati in modo che non diventino trattati di architettura da leggere per 20 minuti di fronte a un edificio; apprezzo anche la sezione Cosa mangiare e Cosa acquistare.
Mi sono sempre trovata bene con i percorsi a piedi di 90 min circa suggeriti e i percorsi più brevi per avere un'infarinatura di ogni quartiere.

Le Guide Verdi del Touring le trovo un po' troppo prolisse, ma carenti dal punto di vista delle passeggiate. Mi sono trovata bene però nell'usarle per zone d'Italia non coperte in modo approfondito dalle Mondadori (Lombardia, Emilia Romagna).

Io le prendo sempre e solo cartacee, adoro andare in giro per le città con la mia guida in mano, ci infilo biglietti dei musei, dei trasporti e diventano bei ricordi di viaggio.
Non mi preoccupo più di tanto del fatto che le guide "invecchino" in fretta, anzi. Dato che normalmente per le informazioni pratiche come orari e prezzi di ingressi ecc. mi informo online, le guide per me sono solo un supporto per la parte storico-artistica.
Addirittura normalmente quando acquisto una guida prendo l'edizione più vecchia, normalmente pubblicata attorno al 2012, visto che sono scontate di circa il 50%.

Prima di partire integro sempre con gli articoli 36 Hours del New York Times (ho la 36 Hours in Europe pubblicata da Taschen) e 48 Hours dell'Independent.

Ora mi sto informando per il viaggetto a Napoli e costiera amalfitana.


message 12: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6233 comments Mod
Pamela wrote: "Io invece adoro le Guide Mondadori (ma non le Guide Top 10, non abbastanza esaustive). Sono in assoluto le mie preferite, se la meta non esiste tra le Mondadori, allora ripiego sulle Guide Verdi de..."

Anche a me piacciono, proprio per i percorsi a piedi.


message 13: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Grazie Pamela per il tuo commento molto dettagliato!

Ammetto che il mio giudizio sulle guide Mondadori è stato influenzato da un’esperienza con la guida di Monaco di Baviera, che era, per me, talmente confusionaria da farmi desistere dall’usarne delle altre.
D’altra parte però mi è capitato anche con le Lonely Planet: ne ricordo almeno un paio fatte coi piedi!

Più in generale credo che dipenda da cosa cerchiamo nella guida. Io faccio l’opposto: guardo su internet le informazioni culturali/artistiche/storiche e voglio che la guida che ho sottomano mi dica se il tal museo è aperto, e qual è il percorso migliore per arrivarci.

Appena ho un attimo andrò a vedere quegli articoli di cui hai parlato!


message 14: by Sorairo (new)

Sorairo | 146 comments Al tecnico turistico ci consigliavano le Touring Club e le Lonely Planet e spesso le pubblicazioni di Dove. Per il Veneto la nostra professoressa ci aveva consigliato la guida Mondadori di Venezia ed il veneto che riteneva ottimale.
Di mio apprezzo le National Geographic. Vorrei tornare a prendere quelle pubblicate spesso in edicola dai giornali del settore, se non altro per collezionismo, ma risultano comunque complete e gradevoli. Conservo ancora con gran cura le versioni taccuino delle guide Dove di New York, Parigi e Londra e la Touring speciale su Milano. Ho preso poi varie pubblicazioni locali interessanti su Alpi, Dolomiti e Veneto di varie tipologie di editori locali, alcune solo fotografiche.


message 15: by Esteb (new)

Esteb | 860 comments Lonely planet e poi le monografie di Meridiani sono i miei compagni di viaggio (sopratutto di preparazione ai viaggi)


back to top