Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

13 views
La Sfida dei desideri > GDL: L'occhio di V. Nabokov

Comments Showing 1-13 of 13 (13 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments sono circa a metà e non sono ancora entrata in sintonia con questo libro, che comunque è di un autore che apprezzo e di cui ho letto già qualche libro.
Confesso di aver sbirciato la trama su wikipedia per cercare di raccapezzarmi un pochino :-D


message 3: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 9609 comments Mod
Mi hai incuriosita... e preoccupata!!!
Se riesco lo comincio domani e lo porto avanti insieme a Sciascia.


message 4: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments Finito, ti aspetto per commentare insieme ;-)


message 5: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 9609 comments Mod
Ok, ma andando avanti è migliorato??? :)


message 6: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments tematica interessante, ma non sono riuscita ad entrare in sintonia del tutto con questo libro.
Comunque, sì. A parer mio, poi migliora.

Non lasciarti influenzare, magari è solo un mio problema :-)


message 7: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 9609 comments Mod
Alla fine l'ho iniziato ieri sera e con stamattina sono arrivata a circa 70 pagine, quindi sono a buon punto e, sì, anche io sono perplessa...
Non riesco a capire dove vogli arrivare e soprattutto cosa c'entrino le prime 30 pagine con il racconto delle sue corna con l'evoluzione successiva del racconto. Spero in una sorpresa finale che spieghi tutto!!!
Stasera lo finisco di sicuro :)


message 8: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments Sì, la spiegazione arriva


message 9: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 882 comments Un breve strampalato romanzo russo che ci mostra come dopo la morte il pensiero umano continua a vivere per forza d'inerzia, un submondo che Nabokov immagina come una vertigine di specchi dove il povero Smurov esiste solo per ciò che si riflette in altri cervelli i quali, a loro volta, si trovano nel suo stesso strano impiccio.
In questo romanzo Nabokov ci mostra con grande modernità una realtà sempre mutevole, sempre in balia dell'occhio che la legge, del sistema di riferimento in cui si situa. Non è troppo lontano, volendo, il pirandelliano Vitangelo Moscarda che imparò a considerare sé stesso Uno, nessuno e centomila, dice Smurov : Kasmarin si era portato via un'ennesima immagine di Smurov. Fa differenza quale? Si sa che non esisto: esistono solo i mille specchi che mi riflettono."
Oltre lo sguardo profondamente novecentesco di questo romanzo ho amato l'atteggiamento dissacratore di Nabokov sempre pronto a ribaltare qualsiasi certezza sul mondo e su come si scrive un romanzo, la colta leggerezza, l'umorismo sottile che pervade ogni pagina, e soprattutto la grande prosa di Nabokov che nonostante la traduzione resta sempre un godimento per gli occhi, le orecchie e l'intelletto.
Voto:8


message 10: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 9609 comments Mod
Quindi... secondo te Smurov è morto???
Ok il riferimento a Uno, nessuno e centomila, ok Smurov è come se fosse privo di vita e la sua vita sia solo fantasia, ma morto proprio? Kaput, addio, termine della corsa????

Io lo interpreto come un personaggio traumatizzato dal tentato suicidio fallito, che cerca di ricostruirsi una vita attraverso gli occhi degli altri. Come se non fosse in grado di vedersi per quello che è. Però vivo e vegeto...
O non ci ho capito niente??? :((


message 11: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments Nonostante l'esiguità del numero di pagine, si tratta di un libro molto complesso che affronta la tematica del giudizio altrui. Ognuno, osservando una persona, si fa un'idea del tutto personale dell'individuo, un'idea che può essere diversissima da quella degli altri e che può, o meno coincidere con la realtà.
Purtroppo non sono stata catturata dal romanzo, come mi sarei aspettata. All'inizio l'ho trovato parecchio strambo e ho faticato a seguire il filo logico che lega tutti i personaggi. Chi è l'istitutore picchiato dallo sconosciuto? Cosa c'entra con questo fantomatico Smurov, del quale noi lettori dobbiamo farci un'idea attraverso le varie versioni fornite dai personaggi?
La risposta a questa domanda si trova solo alla fine...
La morale qual è? Che una persona ha mille sfaccettature che la rendono diversa a tanti osservatori diversi o che la profonda essenza di una persona è sconosciuta anche a sé stessa? Sicuramente sono spunti su cui riflettere attentamente.
Tematica decisamente attuale e anche un po' pirandelliana.


message 12: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6410 comments nemmeno secondo me è morto


message 13: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 882 comments Mah, non avendo altri elementi tendo a prendere per buone le parole di Smurov che si dichiara morto. Ma poi sia fine, fa tanta differenza?


back to top

unread topics | mark unread


Books mentioned in this topic

L'occhio (other topics)