pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti discussion

Charles Simic
This topic is about Charles Simic
41 views
Autori del Nuovo Continente > Charles Simic

Comments Showing 1-9 of 9 (9 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Mario_Bambea (last edited Mar 15, 2018 11:41AM) (new)

Mario_Bambea | 1872 comments Ho notato che non abbiamo nessuna discussione dedicata a poeti - quindi in attesa che l'esperto del gruppo ci proponga qualche nome meritevole, apro questa dedicata a Simic.
Benchè nato a Belgrado, credo debba essere considerato autore USA a tutti gli effetti.

Nel mio piccolo ho letto solo Hotel Insonnia che non mi è dispiaciuto per nulla. Una poesia quasi prosaica che parla di forchette, stampelle ed insetti - ed ogni tanto inventa della frasi con allitterazioni e risonanze davvero felici.

Qualcun altro lo conosce?


message 2: by Catoblepa (last edited Mar 15, 2018 11:33AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3529 comments Mod
Io ho dei suoi versi tatuati sul braccio.

Poeta americano a tutti gli effetti, visto che ha sempre scritto in inglese e, almeno agli esordi, le poesia avevano un carattere urbano chiaramente riferito alle metropoli americane.
[comunque notevole anche il suo contributo per la diffusione della miglior poesia in serbo-croato nei territori anglofoni, poeti che perlopiù sarebbero rimasti altrimenti sconosciuti al di fuori della penisola balcanica.]

Effettivamente assai prosaica, tanto che alcune sue opere sono raccolte di poesia in prosa (tra cui la più famosa, The World Doesn't End, che vinse anche il Pulitzer).
Colpisce il suo far emergere dal quotidiano gli elementi più triviali e trasformarli in schegge di infinito, in qualcosa di molto più importante della nostra quotidianità.

Le mie preferite:
My mother was a braid of black smoke.
She bore me swaddled over the burning cities.
The sky was a vast and windy place for a child to play.
We met many others who were just like us. They were trying to put on their overcoats with arms made of smoke.
The high heavens were full of little shrunken deaf ears instead of stars.

**********

«Everybody knows the story about me and Dr. Freud», says my grandfather.
«We were in love with the same pair of black shoes in the window of the same shoe store. The store, unfortunately, was always closed. There'd be a sign: DEATH IN THE FAMILY or BACK AFTER LUNCH, but no matter how long I waited, no one would come to open.
Once I caught Dr. Freud there shamelessly admiring the shoes. We glared at each other before going our separate ways, never to meet again».

************

Are Russian cannibals worse than the English? Of course. The English eat only the feet, the Russians the soul. «The soul is a mirage», I told Anna Alexandrovna, but she went on eating mine anyway.
«Like a super confit of duck, or like a sparkling littleneck clam still in its native brine?» I inquired. But she just robbed her belly and smiled at me from across the table.

*************

The Garden of Earthly Delights

Buck has a headache. Tony ate
a real hot pepper. Sylvia weighs
herself naked on the bathroom
scale. Gary owes $800 to the
Internal Revenue. Roger says
poetry is the manufacture of lighting rods.
José wants to punch his wife
in the mouth. Ted's afraid
of his own shadow. Ray talks
to his tomato plants. Paul
wants a job in the post office
selling stamps. Mary keeps
smiling at herself in the mirror.
And I,
I piss in the sink
with a feeling of
eternity.


Quest'ultima la mia preferita, di gran lunga.
So che in questo gruppo c'è almeno un altro suo fan, che si faccia avanti.


message 3: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1872 comments Catoblepa wrote: "Io ho dei suoi versi tatuati sul braccio.

Poeta americano a tutti gli effetti, visto che ha sempre scritto in inglese e, almeno agli esordi, le poesia avevano un carattere urbano chiaramente rifer..."


Adesso però devi dirci quali sono i versi che ti sei tatuato addosso!


message 4: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3529 comments Mod
Quando organizzeremo un rendez-vous ve lo farò vedere dal vivo.


message 5: by Héctor (last edited Mar 16, 2018 02:11AM) (new)

Héctor Genta | 342 comments Eccomi. Già, Simic. La terza gamba del tavolo dei surrealisti americani moderni (le altre due sono state Ashbery e Strand). Ho trovato molto interessanti le raccolte de Il mondo non finisce, Hotel Insomnia, Club Midnight, meno Il cacciatore di immagni e The Lunatic. Credo che come al solito Cato con un paio di pennellate abbia detto molto sulla sua poesia ("Colpisce il suo far emergere dal quotidiano gli elementi più triviali e trasformarli in schegge di infinito, in qualcosa di molto più importante della nostra quotidianità."). Oltre a questo mi piace nella sua poesia anche quell'idea di sospensione permanente, di qualcosa che può succedere, cambiare da un momento all'altro.
"And I,
I piss in the sink
with a feeling of
eternity.
, mi sembra di averla già letta su qualche avambraccio un po' di tempo fa... (ma potre sbagliare, ormai invecchio).


message 6: by Mario_Bambea (last edited Mar 16, 2018 02:39AM) (new)

Mario_Bambea | 1872 comments Catoblepa wrote: "Quando organizzeremo un rendez-vous ve lo farò vedere dal vivo."

in effetti sarebbe ora - ma ci vorrebbe qualche organizzatrice professionista: io sono intrinsecamente incapace a ideare e gestire eventi sociali.

Comunque io ho trovato Simic anche molto capace nel costruire con i suoni e gli echi:

I like it when Achilles gets killed

lo trovo geniale per le assonanze e per lo sguardo nuovo, sardonico e un pò scorretto rivolto alla cultura classica.

Ammetto la mia ignoranza in letteratura e vi chiedo come si chiama questa figura retorica in cui ci sono parole che suonano simili. E' una allitterazione anche se i suoni non sono all'inizio della parola??


message 7: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3529 comments Mod
Sì, è un'allitterazione, anche se più rara quando non è a inizio parola. Ma l'occlusiva velare [k] ha un suono talmente forte che risalta anche in mezzo alla parola. Achilles/killed potrebbe essere anche considerata una paronomasia.


message 8: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3529 comments Mod
Héctor wrote: "mi sembra di averla già letta su qualche avambraccio un po' di tempo fa... (ma potre sbagliare, ormai invecchio"

😂😂😂


la veglia dell'aceto | 150 comments arrivo in ritardo e non ho molto da aggiungere: che sia però un grande poeta (l'ultimo grande americano? no, forse esagero, ma io non amo l'attuale poesia americana) lo voglio dire anch'io.

il paragone con ashbery fatto da héctor genta mi sembra assai interessante: in realtà i due poeti hanno caratteristiche assai diverse (molto più magniloquente e oscuro il linguaggio di ashbery, molto meno prosastico e molto meno sintetico), però sì, è vero, forse hanno caratteristiche comuni che non saltano subito all'occhio ma che in profondità si riescono a sentire. dovrei indagare e rifletterci più a lungo.


back to top