Gruppi di Lettura & Bibliografie discussion

21 views

Comments Showing 1-4 of 4 (4 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Ladygiodesi (last edited Oct 05, 2017 07:25AM) (new)

Ladygiodesi (goodreadscomladygiodesi) | 68 comments Mod
I volti di Philip Marlowe

Ripreso da Wikipedia:

Philip Marlowe è il detective privato nato dalla penna del celebre scrittore di noir Raymond Chandler.

Nato a Santa Rosa, California, non riesce a completare gli studi all'Università dell'Oregon, abbandonandola dopo due anni. Si trasferisce a Los Angeles, dove riesce a trovare lavoro prima come investigatore in una compagnia di assicurazioni e poi come assistente del procuratore della contea.

Frequenta abitualmente i bassifondi metropolitani, solitario, difende umiliati e offesi, risoluto investigatore in perenne conflitto con l'ordine costituito. Duro di carattere, a prima vista egoista, si dedica in maniera indefessa al suo lavoro in cui si rivela preciso e accurato. Il mondo in cui si aggira sono gli Stati Uniti d'America degli anni trenta, dipinti con estremo realismo e popolati da squali della finanza, ricchi arroganti, poliziotti corrotti e dark ladies.
Elegante, dipendente dal fumo e dall'alcol, non si interessa del denaro che spende, interessato alle donne come qualsiasi scapolo ma al tempo stesso tendente alla misoginia, e non vuole utilizzare le armi di ordinanza.



message 2: by Ladygiodesi (last edited Oct 05, 2017 07:25AM) (new)

Ladygiodesi (goodreadscomladygiodesi) | 68 comments Mod
Le cover di Philip Marlowe

La sua prima apparizione è nel romanzo Il grande sonno del 1939, a cui seguirono un racconto e sette romanzi, anche se uno di essi rimase incompleto. Marlowe è inoltre protagonista del romanzo di Osvaldo Soriano – scrittore argentino, ammiratore di Chandler – Triste, solitario y final.

Il grande sonno (The Big Sleep) (1939)
Addio, mia amata (Farewell, My Lovely) (1940)
Finestra sul vuoto (The High Window) (1943)
La signora nel lago (The Lady in the Lake) (1943)
La sorellina (The Little Sister) (1949)
Il lungo addio (The Long Goodbye) (1953)
Ancora una notte (Playback) (1958)
La matita (The Pencil) (1960) racconto pubblicato postumo
Poodle Springs Story, romanzo incompiuto (completato da Robert B. Parker)
Triste, solitario y final (1973) di Osvaldo Soriano



message 3: by Ladygiodesi (last edited Oct 10, 2017 09:01AM) (new)

Ladygiodesi (goodreadscomladygiodesi) | 68 comments Mod
I film di Philip Marlowe

Il primo adattamento da un romanzo di Chandler è The Falcon Takes Over di Irving Reis (1942, inedito in Italia), tratto da Addio, mia amata, ma il protagonista, interpretato da George Sanders, non mantiene il nome di Marlowe.
Sarà Dick Powell, nel 1945, ad interpretare per la prima volta il personaggio di Chandler. mentre lustro ha conferito al personaggio la recitazione di Humphrey Bogart ne Il grande sonno di Howard Hawks (1946).
In seguito, molti altri attori impersonarono il ruolo di Marlowe, fra cui Robert Mitchum ed Elliott Gould.

Fra i tanti Marlowe dello schermo c'è anche un italiano, l'attore e doppiatore Luciano Melani, che impersonò il detective in uno sceneggiato RAI del 1981, La matita.


Interpretato da:

Dick Powell: L'ombra del passato
Humphrey Bogart: Il grande sonno
Robert Montgomery: Una donna nel lago
George Montgomery: La moneta insanguinata
James Garner: L'investigatore Marlowe
Elliott Gould: Il lungo addio
Robert Mitchum, due film: Marlowe, il poliziotto privato e Marlowe indaga
James Caan: Marlowe - Omicidio a Poodle Springs


message 4: by Ladygiodesi (new)

Ladygiodesi (goodreadscomladygiodesi) | 68 comments Mod
Un nome quasi identico, senza la e finale, ha Philip Marlow, protagonista di The Singing Detective, serie televisiva scritta da Dennis Potter e trasmessa sul canale BBC One nel 1986.

Il personaggio di Marlowe ha ispirato Tiziano Sclavi per la caratterizzazione di Dylan Dog e Andrzej Sapkowski per Geralt di Rivia i quali, per i loro creatori, avrebbero dovuto essere dei tipi cupi e solitari proprio come Marlowe[1][2]. Inoltre i titoli di alcuni romanzi sono stati ripresi proprio come titolo di altrettanti albi di Dylan Dog, come ad esempio Il lungo addio, considerato uno dei capolavori della collana.



back to top