Goodreads Italia discussion

17 views
Novità Libri in Uscita > In uscita La guerra contro Gesù di Antonio Socci

Comments Showing 1-4 of 4 (4 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

⚔️Kelanth⚔️ (kelanth) | 1004 comments Abbiamo da poco parlato del nuovo libro di Papa Benedetto XIV che ha come soggetto la storia di Gesù, e già tanto atteso nelle librerie è La guerra contro Gesù, di Antonio Socci per i tipi della Rizzoli, che ha l’obiettivo di difendere la vincenda di Cristo, cercando di unire la storia e le testimonianze archeologiche a quanto narrato nel Nuovo Testamento.

Secondo Socci, infatti, l’aver accettato - da parte degli atei soprattutto - l’esistenza storica di Gesù, non basta. Il fatto che i Vangeli vengano considerati solo il risultato narrativo-allegorico delle vicende del Cristo è per lui inammissibile in quanto ricerche storico-archeologiche e narrazione evangelica coincidono (e nel libro vuole dimostrarlo). E soprattutto, si domanda l’autore, chi è che ha scatenato questa guerra contro il cristianesimo che dura ormai 2000 anni e che dal Settecento ha preso così piede in Italia, sede tra l’altro del Vaticano? Ed ancora, per Socci l’attacco alla Chiesa è strettamente collegato a vicende storico-politiche e socio-culturali, che hanno radicato dei pregiudizi anticristiani tali da rendere i seguaci di Gesù i più perseguitati al mondo.

Trovate il resto qui.


message 2: by Plch (new)

Plch | 126 comments guerra contro il cristianesimo lunga 2000 anni??? mi sembra che il 'cristianesimo' (i cristiani, in realta') non abbiano risparmiato guerre in nome del loro credo nel frattempo. Se puoi si vuol far credere che critica e difesa di valori laici siano uguali a una guerra, mi pare che non si sia del tutto onesti.


message 3: by Enrico (last edited Mar 05, 2011 05:31AM) (new)

Enrico (red-er) | 8 comments io penso che alla base di tutte le guerre ci sia proprio questo atteggiamento che pretende di portare gli altri alla stessa propria visione del mondo ..


message 4: by [deleted user] (last edited Mar 07, 2011 12:54AM) (new)

L’evoluzione storica del cristianesimo lo ha trasformato in religione e le religioni provocano guerre e nelle guerre il ruolo di vincitore si alterna, inevitabilmente, a quello di perseguitato .
Ma anche se il cristianesimo avesse rispettato la sua natura di sequela di Gesù, non avrebbe avuto sorte migliore, perché il cristiano avrebbe dovuto testimoniare il regno di Dio, che è rovesciamento di troni e innalzamento di umili: dove c’è odio, testimoniare il perdono, dove c’è egoismo, testimoniare l'amore, dove c’è ricchezza, testimoniare la povertà, dove c’è il potere, testimoniare la mitezza; perché il martire, nel suo significato originale, è colui che testimonia.
Per questo motivo Gesù è stato crocefisso dal potere politico romano, che vedeva la minaccia di un rovesciamento, ma non andava bene nemmeno agli ebrei, che aspettavano un messia vindice, che li avrebbe liberati dai romani, come Dio aveva fatto con gli ebrei dall’Egitto; un messia molto diverso da quell'uomo che entrava in città a dorso di mulo. Per questo il popolo, messo di fronte a una scelta, sceglie Barabba, che non era un brigante come noi lo intendiamo, ma un partigiano, che nel vangelo si dice aveva fomentato una rivolta contro i romani.
Il cristiano, che oggi viene perseguitato, deve chiedere a se stesso perché. Se il motivo è la sequela di Gesù, questo è quello per cui è stato battezzato e questo è quello per cui vive e ha consacrato la sua vita: saldare l’alleanza con Dio, attraverso l’alleanza con gli uomini, che è amore per l’umanità.


back to top