Goodreads Italia discussion

362 views
Discussioni sui Libri > Insultata e minacciata da un'autrice

Comments Showing 1-50 of 190 (190 new)    post a comment »
« previous 1 3 4

message 1: by Laura (new)

Laura Jelenkovich (laurajelenkovich) | 138 comments Ciao a tutti, ho scritto una recensione negativa ad un libro che ho letto e non mi è piaciuto per niente e mi sono ritrovata coperta di insulti da parte dell'autrice, minacciata di querela anche da parte del suo editore. Ha pubblicato un post su facebook col mio nome in cui dice che la sto diffamando scrivendo la stessa recensione su decine di siti, ma io l'ho messa solo su goodreads e tramite Kindle su Amazon. Ammetto di aver usato un tono secco ma non l'ho insultata direttamente ne' offesa. Vi è mai capitato? Cosa posso fare? Non credo che questo sia lo spirito di goodreads, un autore dovrebbe saper accettare anche i commenti negativi.


The Books Blender (thebooksblender) | 151 comments Brutta questione. Mi dispiace.
A me, per il momento (e corna facendo), non è capitato. Non ho letto la tua recensione, quindi non so il tono che hai usato, però, che io sappia, i blogger hanno regole diverse dai normali giornalisti. Se i toni usati non sono offensivi (e con offesivi intendo insulti, offese ed epiteti volgari) non credo che si possa essere accusati! Insomma, in definitiva hai espresso semplicemente una tua opinione: il libro non ti è piaciuto.
Se mi dai un po' di tempo, ti faccio una ricerca, perché ricordo d'aver letto tempo fa di una sentenza della Cassazione che diceva proprio che i blogger non possono essere accusati dal momento che non sono equiparabili ai giornalisti (certo, ripeto, salvo insulti e offerse).


message 3: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Sto guardando anche io. Se poi l'autrice è su Goodreads dovremmo segnalarla


Mircalla (#FreePatrickZaki) (mircalla64) | 41 comments a me è capitato in passato con una recensione cinematografica su un film italiano, è quella la pratica comune qui da noi: insultare chi non incensa ogni prodotto che viene dalla nostra "cultura" la regista del film in questione all'epoca mise su un vero circo con gente che mi chiedeva il numero di inscrizione all'albo dei giornalisti e roba così...si, dovremmo segnalare questi episodi perchè non è davvero questo lo spirito con cui si scive ciò che si pensa di un libro, almeno qui su GR

hai tutta la mia solidarietà;-)


message 5: by Francesca (new)

Francesca Mascari | 86 comments E vedo che ti sei tirata dietro anche l'ira dei suoi fans! :-))) Mamma mia! :-D Mai visto una cosa simile. Comunque penso anch'io che non possa farti nessuna querela, hai espresso la tua opinione su un libro, non hai offeso la persona dell'autrice.
p.s
è così strano fare copia e incolla della propria recensione in più siti? Io a volte faccio lo stesso....


message 6: by dely (new)

dely | 498 comments Laura wrote: "Ciao a tutti, ho scritto una recensione negativa ad un libro che ho letto e non mi è piaciuto per niente e mi sono ritrovata coperta di insulti da parte dell'autrice, minacciata di querela anche da..."

Un'autrice italiana? Di solito noi italiani, fino ad ora, siamo sempre stati liberi di scrivere ciò che volevamo nelle recensioni perché i nostri scrittori emergenti sono più tranquilli e accettano anche recensioni negative. Va molto peggio agli americani e tempo fa c'era una discussione nel gruppo Feedback. Mi ricordo di una povera disgraziata che aveva ricevuto delle minacce pesanti perché l'autrice era riuscita a trovare nome, cognome e indirizzo e le parlava di ogni sua mossa e di quelle dei familiari.
Non penso si possa fare qualcosa e non riesco a trovare la discussione di cui ti parlavo. Se ho tempo di cercare meglio te la linko. GR, purtroppo, da quando è stato acquistato da amazon ha adottato una politica di censura e parecchie recensioni offensive vengono eliminate senza preavviso. Però, come detto, è una cosa che non ha mai riguardato noi italiani.
Nel caso non dovessi ritrovare la discussione, puoi chiedere nel gruppo Feedback; sono sicura che lì qualcuno ti potrà linkare la discussione di cui parlo.
Si, un autore dovrebbe accettare anche commenti negativi ma alcuni sono molto permalosi.

Fossi in te non eliminerei la recensione e lascerei tutti i suoi commenti così altri lettori si rendono conto di che persona è l'autore e possono decidere se leggerla o meno.


message 7: by Roberta (last edited Apr 26, 2015 11:45PM) (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
AH AH l'ho trovata!
C'è la tua recensione e quella di una fantomatica Alessia che ha recensito e letto solo ed esclusivamente questo romanzo.

Situazione ridicola. Penso che tu possa ignorarla e lasciare la recensione come l'hai scritta. (Io sono più passiva-aggressiva quindi nella prima riga metterei, in grassetto e maiuscolo, la dicitura "recensione modificata su richiesta dell'autore").


message 8: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Trovata su Amazon. C'è una Paola che lo ha valutato 5 stelle (la stessa autrice?) e una Rosaria che l'ha valutato 5 stelle (ed è la sua unica recensione).

Mmm...


message 9: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments A me viene voglia di leggere il libro e recensirlo a mia volta. Costa caro?


message 10: by dely (new)

dely | 498 comments Bruna wrote: "A me viene voglia di leggere il libro e recensirlo a mia volta. Costa caro?"

Dando soldi a una persona che non se li merita perché non capace di accettare le opinioni di un lettore? E' esattamente quello che vuole l'autrice: attirare comunque l'attenzione per vendere.


message 11: by Eleonora (new)

Eleonora | 441 comments Mi spiace molto per la situazione, ma non dovresti tornare sui tuoi passi, secondo me. Credo non sia possibile una querela, non credo proprio ci siano le basi...
Ho letto la recensione e i relativi commenti ed è veramente assurdo. Un lettore deve scrivere la sua opinione liberamente. E poi farei come ha suggerito Roberta: grassetto maiuscolo, o anche solo grassetto. ;)


message 12: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Hai ragione, Dely, ma tutto dipende da quanto costa: se è in promozione di lancio - altrimenti ci sarebbero più di due recensioni, immagino - magari costa un euro o due. Rinuncio volentieri a un paio di caffè per avere il privilegio di leggere questo capolavoro al di sopra di ogni critica. E il diritto di esprimere la mia modestissima opinione a proposito, of course.


message 13: by Eleonora (new)

Eleonora | 441 comments E tra l'altro il primo profilo sembra un po' falso: un'editrice con solo un libro?! Mah...


The Books Blender (thebooksblender) | 151 comments Allora, io ho trovato questo:
1. La diffamazione (perché immagino che ti abbia querelato per diffamazione tramite web) è stata recentemente depenalizzata [http://it.blastingnews.com/politica/2...]. Quindi, si tratterebbe "solo" di una multa, ma almeno il carcere è stato eliminato;
2. Le sentenze che ho trovato in cui blogger sono stati accusati di diffamazione, anzi, mi correggo, LA sentenza, uscita da poco e che sta facendo molto discutere, è del Tribunale di Varese e riguarda una blogger accusata di diffamazione per non aver moderato i commenti nella sezione forum del suo blog. Si trattava di commenti pesanti e offese all'indirizzo di una casa editrice a pagamento [http://www.webnews.it/2013/05/09/sent...]. Si tratta di un caso particolare in cui la responsabilità della blogger è stata equiparata a quella del direttore di giornale, quindi non riguarda per nulla il tuo caso, ma te l'ho scritta per dire che è l'unico caso fino ad oggi (in Italia) in cui è stata effettivamente applicato il reato di diffamazione ad una blogger;
3. In ogni caso, in Italia, c'è una cosa che si chiama diritto di critica (oltre che, ovviamente, la libertà di pensiero). Ho trovato la tua recensione qui su Goodreads. Non so se era completa (e allora quello che seguo mi riservo di rivalutarlo), ma non hai offeso nessuno, non hai usato epiteti offensivi e non hai accusato la scrittrice. Quindi, non vedo nemmeno come ci possano essere gli estremi per una diffrazione...


message 15: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Eleonora wrote: "E tra l'altro il primo profilo sembra un po' falso: un'editrice con solo un libro?! Mah..."

Il profilo non è necessariamente falso, magari è solo l'editrice che cerca di difendere i propri interessi economici. Goffamente, direi: si vede chiaramente che non sanno nulla di Goodreads.


message 16: by Bruna (last edited Apr 27, 2015 12:16AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments E cosa dovrebbe fare un produttore di film, allora, quando uno spettatore scrive su mymovies che rimpiange amaramente di aver speso i soldi del biglietto perché deve trattarsi del film più brutto che abbia mai visto in vita sua? E poi procede dilungandosi sulla sceneggiatura insulsa, la recitazione approssimativa e la regia sciatta? Eh sì che dietro a un film, anche il più scacione, girano un bel po' di quattrini. In proporzione, se tanto mi dà tanto, il produttore di cui sopra dovrebbe chiedere la fucilazione in piazza del recensore colpevole!


message 17: by Eleonora (new)

Eleonora | 441 comments Roberta wrote: "Il profilo non è necessariamente falso, magari è solo l'editrice che cerca di difendere..."

Ok, però a prima vista lo sembra, dai. Come le persone che ti suggeriscono di continuo un libro di un autore semi-sconosciuto e in libreria hanno solo quello... Sembra tutto un po' irreale.


message 18: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Ho letto la tua recensione che è perfettamente "in linea" con le regole di Goodreads: NON hai insultato l'autrice ma hai espresso il tuo giudizio, severo ma legittimo, sul romanzo. L'autrice non fa parte del Goodreads Author Program, altrimenti avresti potuto segnalarla e l'avrebbero cacciata.
Salvati tutti gli screenshot da Facebook e Goodreads (per evitare che cancelli i commenti e poi faccia finta di nulla se gliene rendono conto).

E' una pena quando un autore non riesce a "digerire" una critica negativa, o meglio neanche a "realizzare" che le persone, guarda un po', sono libere di pensare quel che vogliono sul suo libro: se vai "in crisi" per questo, forse è meglio che cambi mestiere e fai qualcosa che non sia, per sua natura, esposto al giudizio del pubblico.


message 19: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Bruna wrote: "E cosa dovrebbe fare un produttore di film, allora, quando uno spettatore scrive su mymovies che rimpiange amaramente di aver speso i soldi del biglietto perché deve trattarsi del film più brutto c..."

Qui si tratta solo di maleducazione italiana, incapacità (o non volontà) di comprendere il funzionamento delle recensioni online e bullismo. Brutta bestia l'ignoranza.


message 20: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Aggiungo che la sua idea che "basta che se ne parli, è sempre pubblicità" mi sembra assai miope, se altri lettori vedono come vengono trattati se solo "osano" dire che il romanzo non è favoloso, credo che se ne terranno ben lontani, per evitare che succeda loro la stessa cosa.

Ma questo alcuni autori "dilettanti" non lo capiscono: attaccano il recensore e così "ingigantiscono" il peso di *una* recensione negativa (che ci sarà sempre, è inevitabile: vuoi piacere a tutti? impossibile).

E vorrei dire anche questa: io "fiuto" sempre l'imbroglio se vedo SOLO E SOLTANTO recensioni entusiaste e da 5 stelle: penso subito "ecco la cricca degli amici dell'autore che lo sta 'pompando'": le recensioni negative, suonerà paradossale, ma "aiutano" a far sembrare l'opera più "genuina" (non so se il mio discorso era chiaro). L'autore dovrebbe "ignorarle" (nel senso di ricavarne spunti di riflessione sul suo lavoro, se crede, ma MAI RISPONDERE)


message 21: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Moloch wrote: "Aggiungo che la sua idea che "basta che se ne parli, è sempre pubblicità" mi sembra assai miope, se altri lettori vedono come vengono trattati se solo "osano" dire che il romanzo non è favoloso, cr..."

Mi hai tolto le parole di bocca sul "basta che se ne parli".
Fate caso anche solo ai nomi che stanno partecipando alla discussione: per quel che mi riguarda siete persone che conosco e di cui mi fido, almeno nell'ambito Goodreads. Cosa me ne faccio dell'opinione di una signora Alessia o di un signor Donato, che non ha recensito nemmeno 1 (dico uno) libro? Che non ha costruito uno scaffale, salvato un to-read, o usato il sito per un'attività diversa dal prendersela con Laura?

Denunci pure. Laura, l'avvocato te lo paghiamo col crowdfunding


message 22: by dely (last edited Apr 27, 2015 01:13AM) (new)

dely | 498 comments Moloch wrote: "L'autrice non fa parte del Goodreads Author Program, altrimenti avresti potuto segnalarla e l'avrebbero cacciata."

Non lo sapevo, ottimo! Nella discussione nel gruppo Feedback tutti si lamentavano che non venivano mai presi provvedimenti e così pensavo che GR non facesse niente.


message 23: by dely (new)

dely | 498 comments Roberta wrote: "Cosa me ne faccio dell'opinione di una signora Alessia o di un signor Donato, che non ha recensito nemmeno 1 (dico uno) libro? Che non ha costruito uno scaffale, salvato un to-read, o usato il sito per un'attività diversa dal prendersela con Laura? "

Infatti. Trovo anche ridicoli quelli che arrivano in quarta esclamando "ti denunzio, ti denunzio" volendo solo spaventare.
Ci prendono anche per fessi se pensano che non siamo capaci di discernere tra utenti attivi e utenti senza un libro nello scaffale.


message 24: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Mi sembra che l'abbiano fatto in alcuni casi, ma ora non ricordo i nomi degli autori coinvolti: ricordo che qualcuno aveva riferito il caso di un GR Author e, quando sono andata sul profilo, non era più GR Author.
Poi non so se a questo seguano altri provvedimenti.

Nel caso di Laura non saprei cosa potrebbe fare Goodreads, perché appunto l'autrice non è iscritta al programma (ma non guasta mai provare comunque a contattarli al support@goodreads.com ), magari se nei commenti alla sua recensione (qui su GR ovviamente, non su Facebook) i toni si fanno pesanti li può "flaggare" e gli account verranno evetualmente cancellati


message 25: by The Books Blender (last edited Apr 27, 2015 01:22AM) (new)

The Books Blender (thebooksblender) | 151 comments Comunque, sono cose che non dovrebbero capitare. Insomma, nel rispetto degli altri e con educazione, uno può scrivere che non gli è piaciuto un libro. Insomma, mica è reato! Non mi piace. Punto.
Liberi poi gli utenti successivi, recensioni, opinioni (reali) e quant'altro di smentire la recensione negativa!
Ora che non ci si possa nemmeno più esprimere per paura di ricevere querela mi sembra assurdo!
Se (su Goodreads, ma anche ovunque!) ci sono anche le stelline da 1 e 2 vuol dire che è lecito usarle!


message 26: by Baylee (new)

Baylee | 290 comments Mah, visto il tono dell'autrice (che ha sostanzialmente dato della stupida a Laura senza manco conoscerla), credo che Laura potrebbe restituirle il favore e denunciarla a sua volta.
Non ho neanche capito il motivo di tirare in ballo Topolino, che ha tra le sue strisce delle vere perle. Semplice e lineare un cavolo.
La sua risposta no ha proprio senso: chiunque abbia un blog, sa che la recensione (positiva o negativa, non ha importanza) viene segnalata anche su vari social. Quindi, di cosa ti lamenti? Che il tuo libro abbia avuto lo stesso trattamento degli altri?
L'osservazione poi che Laura non abbia letto altri suoi libri mi ha fatto quasi ribaltare dal ridere: forse è una masochista che gode nel leggere recensioni negative sui suoi lavori...

Non mi è mai capitato personalmente un episodio del genere, ma so di molti blogger che hanno dovuto affrontare le ire degli autori (soprattutto autopubblicati) per una recensione negativa (ma non offensiva verso niente e nessuno). So che molti hanno smesso di offrire recensioni ad autori autopubblicati per la loro cieca arroganza e un calo della qualità vertiginosa. C'è questa infantile convinzione che per scrivere un bel romanzo sia sufficiente essere alfabetizzati ed essere fan di un certo genere.


message 27: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Dovrebbero essere anche gli autori, specie quelli self ed esordienti, a farsi sentire di più CONTRO queste derive, contro i loro "colleghi" che insultano i lettori.
Si dovrebbero rendere conto che sono tali "autori" i pericoli maggiori per la loro carriera, NON i lettori che recensiscono. Io, ad esempio, un romanzo autopubblicato o di un esordiente tendo ad evitarlo ANCHE PERCHE' non voglio incorrere in situazioni del genere. La pubblicità negativa che gettano sulla categoria questi autori "bulli" è assai forte.


message 28: by [deleted user] (new)

Roberta wrote: "Denunci pure. Laura, l'avvocato te lo paghiamo col crowdfunding
Di cosa si tratta? perché io vi do una mano volentieri...
Trovo questo sito affascinante proprio perché c'è LIBERTA' DI PENSIERO senza doverne pagare le conseguenze. Non trovo per niente giusto che un autore che non risulta nemmeno iscritto mini in questo modo tale diritto, Moloch ha ragione nel dire che le recensioni negative aiutano, anch'io faccio più caso a quest'ultime prima di leggere un libro, e quando vedo che invece sono tutte entusiaste, a stento leggo il titolo della recensione perché mi sembra una forzatura.
Non sono una persona molto attiva nel sito, ma amo leggere le varie discussioni e per quanto a volte abbia trovato utenti che non hanno i miei stessi gusti e stroncavano in toto libri che ho letto, per quanto mi sentissi "toccata" nella critica, invece di rispondere per le rime mi sono fatta una risata e sono andata avanti.
Mi dispiace per quest'autrice che sta basando la sua "carriera" sullo stroncare le critiche invece di apprezzare le recensioni positive( a questo punto ce ne sono di vere?) e ringraziare qualsiasi persona abbia letto il suo libro.
Quanti autori all'inizio hanno scritto libri che non erano il top, eppure hanno lasciato perdere le critiche e sono andati avanti scrivendo libri migliori? Dovrebbe fare così anche questa signora, o cambiare agente, di certo questa non è la linea da seguire se vuole far successo.


message 29: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Moloch wrote: "Dovrebbero essere anche gli autori, specie quelli self ed esordienti, a farsi sentire di più CONTRO queste derive, contro i loro "colleghi" che insultano i lettori.
Si dovrebbero rendere conto che ..."


Concordo. Anche io recensisco molto più serenamente il buon vecchio Stephen King che un esordiente trovato nella top 100 degli ebook gratuiti di Amazon, perché:
a)King non sa nemmeno che esisto e la mia recensione, bella o brutta che sia, non camierà nulla nella cosmicità delle cose
b)non voglio trovarmi in una situazione come questa, dove il piacere della lettura è rovinato da drammi inutili. Chissà quanti autori sconosciuti e bravi mi sono persa, così facendo, ma ci tengo al quieto vivere


message 30: by Bruna (last edited Apr 27, 2015 02:16AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Forse gli autori emergenti di questo tipo non hanno un'esperienza lavorativa del tipo che ti costringe ad applicare anche quando dentro di te schiumi di rabbia il motto "il cliente ha sempre ragione". Per lo scrittore, il lettore è innanzitutto il cliente.

In quanto agli autori esordienti. Io ho letto tempo fa l'opera prima di un autore italiano che su GR aveva ricevuto critiche così così, e siccome il libro a me era piaciuto, mi sono sentita in dovere di pubblicare la mia recensione positiva (non entusiasta, sia chiaro) proprio per controbilanciare quelle non troppo buone che aveva ricevuto. Per un autore affermato non mi sarei forse data altrettanta pena.


message 31: by [deleted user] (new)

Questa autrice è vergognosa -.-'


message 32: by Baylee (new)

Baylee | 290 comments Roberta wrote: "non voglio trovarmi in una situazione come questa, dove il piacere della lettura è rovinato da drammi inutili. Chissà quanti autori sconosciuti e bravi mi sono persa, così facendo, ma ci tengo al quieto vivere "
Si stanno tirando la proverbiale zappa sui piedi.

Anch'io rimango sconcertata dalla cinque stelle date con generosità e acriticità agli esordienti. A questo punto cerco le recensioni negative, o al limite quelle intermedie con tre stelle. Non basta scrivere una recensione, bisogna anche che questa sia veritiera (tenuti presenti i gusti personali di ciascuno, ovviamente).


message 33: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
@anna crowdfunding vuol dire finanziato dalla folla. Sono quei progetti in cui la persona che ritiene di avere una buona idea (la realizzazione di un prodotto, per esempio) organizza una raccolta fondi online per finanziarsi. La gente dona quello che vuole (un euro come mille). Avrai di sicuro letto di qualche storia del genere su internet. C'è la leggenda di un americano che ha chiesto di finanziare gli ingredienti per un'insalata di patate e ha raccolto migliaia di dollari.

@tutti. Ho tentato di tendere un ramo d'ulivo contattando la sig.ra Alessia via messaggio, ma mi ha frantumato l'ulivo.


message 34: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
@anna crowdfunding vuol dire finanziato dalla folla. Sono quei progetti in cui la persona che ritiene di avere una buona idea (la realizzazione di un prodotto, per esempio) organizza una raccolta fondi online per finanziarsi. La gente dona quello che vuole (un euro come mille). Avrai di sicuro letto di qualche storia del genere su internet. C'è la leggenda di un americano che ha chiesto di finanziare gli ingredienti per un'insalata di patate e ha raccolto migliaia di dollari.

@tutti. Ho tentato di tendere un ramo d'ulivo contattando la sig.ra Alessia via messaggio, ma mi ha frantumato l'ulivo.


message 35: by comablack (new)

comablack (dancerinthedark) | 535 comments Cara Laura, credo non dovresti preoccuparti davvero di nulla.
La tua "disavventura" ricorda vagamente un episodio capitatomi mesi fa: si tratta sempre di un autore emergente, di cui non ho letto nessun libro, ma avevo qualcosa da dire su un articolo da lui scritto e pubblicato sul suo sito. Il mio commento (non ho offeso nessuno ne denigrato ciò che lui aveva scritto, ho solo messo in luce degli aspetti della questione che lui aveva volutamente tralasciato per rendere più forte la sua posizione) non è mai stato pubblicato perchè ovviamente è lui che li approva o meno, mentre altri interventi (tutti rigorosamente positivi e a lui favorevoli!) sono stati pubblicati. Così ho cercato il suo profilo (pubblico) Facebook e gli ho chiesto come mai non accettasse anche i commenti "negativi" e che così facendo non ha senso dare l'opportunità ai lettori di recensire se poi pubblica solo ciò che gli aggrada. Mai ricevuta risposta ma non credo abbia fatto una bella figura di fronte ai pochi che avranno letto.
Con te ci sono andati pesantucci ma a mio parere dovresti stare del tutto tranquilla: sono le critiche che fanno crescere un autore, se non vengono accettate vuol dire che si pensa che il proprio lavoro sia perfetto e che non ci sia nulla da obiettare. Che grande sbaglio!
E poi... non ho MAI visto gli autori (che siano famosi o meno) rispondere a delle recensioni! E anche i big della scrittura vengono criticati.
Credo proprio che questa "signora" (anche se dai toni usati nei tuoi confronti è un parolone chiamarla signora!) volesse un paio di minuti di celebrità e li ha trovati aggrappandosi alla tua recensione. Non darci peso, non ne vale proprio la pena. =)


message 36: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Hai ragione per un verso, e cioè che, sperabilmente, Laura non dovrà sopportare altri strascichi e potrà tranquillamente scrollarsi dalle spalle la brutta esperienza.

Per altri versi però è bene "dar peso" a casi come questi, e quindi bene ha fatto Laura a denunciarlo, così altri lettori si rendono conto che 1) non fai niente "di male" se dici che un libro non ti è piaciuto, è un tuo sacrosanto diritto, e 2) i comportamenti di certi autori non sono passati "sotto silenzio"


message 37: by Ippino (new)

Ippino | 153 comments Ma quale sarebbe questa recensione?
Non si può avere il link?


message 38: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Meglio che sia Laura a decidere se vuole mettere il link o no


message 39: by Francesca (new)

Francesca Mascari | 86 comments @Roberta in che senso "ha frantumato l'ulivo"?


message 40: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Francesca wrote: "@Roberta in che senso "ha frantumato l'ulivo"?"

Nel senso che "Signora Roberta, la signora Laura non si limita a scrivere recensioni ma gira sui vari siti offendendo personalmente l'autrice e altre persone che leggono i suoi libri. Lo fa in modo pesante, con parolacce e insulti. Non é solo una questione di recensioni."


message 41: by dely (new)

dely | 498 comments A me capita spesso di leggere libri di scrittori emergenti italiani e non ho mai avuto problemi nemmeno quando scrivevo recensioni negative. Con alcuni c'è stato un confronto pacifico tramite messaggio privato, ma mai nessuno si è permesso di offendermi.
Uno scrittore americano, invece, mi ha contattato per sapere come mai avevo dato solo 3 stelline al suo libro :/ Dai toni non era molto felice e gli ho dovuto spiegare che per me 3 stelline sono tante, significa che il libro mi è piaciuto ed è finita lì.

Alcuni scrittori emergenti sono bravi e non è giusto evitare i loro libri per il comportamento di pochi scrittori permalosi.


message 42: by Francesca (new)

Francesca Mascari | 86 comments Sarà una "guerra tra autori"? :-)


message 43: by Francesca (new)

Francesca Mascari | 86 comments Sottoscrivo Dely


message 44: by dely (new)

dely | 498 comments Francesca wrote: "Sarà una "guerra tra autori"? :-)"

L'ho capita solo ora. In questo caso si danno la zappa sui piedi entrambe.


message 45: by Moloch (last edited Apr 27, 2015 03:34AM) (new)

Moloch | 6386 comments Mod
dely wrote: "Alcuni scrittori emergenti sono bravi e non è giusto evitare i loro libri per il comportamento di pochi scrittori permalosi. "

Certo, non è "giusto" o razionale, perché non tutti gli autori si comportano così, ma inevitabilmente è una reazione che scatta ("hai visto mai che mi succede..."). Proprio per questo gli autori seri e corretti dovrebbero intervenire energicamente contro quelli scorretti, perché sono danneggiati anche loro da questi comportamenti


message 46: by dely (new)

dely | 498 comments Moloch wrote: "Proprio per questo gli autori seri e corretti dovrebbero intervenire energicamente contro quelli scorretti, perché sono danneggiati anche loro da questi comportamenti "

Su questo ti do ragione.
Intendi però con l'aiuto e il supporto di GR o indipendentemente dal sito?


message 47: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Roberta, la risposta poco conciliante che hai ricevuto mi sorprende per vaghezza di riferimenti. Non parlo come lettore o recensore o frequentatore di forum e siti vari, parlo come qualcuno che se minacciasse querele si preoccuperebbe di citare nomi, date e circostanze, o meglio ancora dichiarerebbe di essere in possesso dei suddetti nomi date e circostanze per "riservarsi" di produrli nelle sedi opportune.


message 48: by Moloch (new)

Moloch | 6386 comments Mod
Anche indipendentemente, coi mezzi che ha, insomma: tipo, se l'autore ha un blog, prendere posizione. Intervenire in questa discussione. Intervenire su Facebook. Su Amazon anche ci sono dei forum, intervenire anche lì. Se gli sta a cuore che la sua immagine di "autore esordiente/autopubblicato" non venga danneggiata, farà un po' lui


message 49: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 5963 comments Mod
Bruna wrote: "Roberta, la risposta poco conciliante che hai ricevuto mi sorprende per vaghezza di riferimenti. Non parlo come lettore o recensore o frequentatore di forum e siti vari, parlo come qualcuno che se ..."

Sì Bruna, la penso come te.


message 50: by Laura (new)

Laura Jelenkovich (laurajelenkovich) | 138 comments Grazie a tutti, davvero. Purtroppo la questione continua ancora adesso. Stamattina mi ha telefonato mia cugina terrorizzata perché ha visto gli insulti che ho ricevuto su Facebook ed era preoccupata per la querela. Io sono laureata in giurisprudenza e so che non ci sono gli estremi, perciò sono tranquilla, ma mi dà addosso il mare di fango con cui mi stanno sommergendo. Non so come inserire il link, scusate. Il testo della recensione dice:
Terribile. Da appassionata di Maria Antonietta e di Versailles no bara sono sconcertata da questo libro, un mix mortale di nozionismo storico e rivisitazione superficiale. Personaggi ridicoli, non caratterizzati. Ahi ahi povera Ikeda e povera Maria Antonietta.
Sono stata davvero così maleducata ed offensiva? Non mi sembra. Possibile che non si possa più esprimere la propria opinione liberamente?


« previous 1 3 4
back to top