pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti discussion

56 views
Tornei e giochi > Torneo America Latina: quarti, turno 2

Comments Showing 1-22 of 22 (22 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 2966 comments Mod
Altro scontro durissimo, ma ormai è inutile segnalarlo: sono rimasti solo scontri durissimi.
Anche a 'sto giro siete invitati a commentare il più possibile.

Jorge Luis Borges: L'Aleph VS Juan Carlos Onetti: Raccattacadaveri

Termine votazioni: mercoledì 20 maggio, ore 14.00


message 2: by Gattalucy (new)

Gattalucy | 137 comments Qui vado sul sicuro. Mi spiace per Onetti ma l'Aleph merita la finale.
Quindi accendo Borges.


message 3: by Catoblepa (last edited May 19, 2020 03:37AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 2966 comments Mod
Io nel sommo dell'indecisione continuo a puntare tutto il mio borgesismo su Finzioni (che gioca però contro un altro libro adorato... che dilemmi morali!) e quindi qui voto per il suo acerrimo rivale (i due non si amavano, anzi, probabilmente si detestavano) Onetti, e il suo libro pieno di puttane e di meschinerie. Vediamo se da outsider riesce a insidiare Borges.


message 4: by Elalma (new)

Elalma | 152 comments Questa volta è un incontro alle pari: entrambi li ho appena letti.

La mia prima considerazione è che Borges ha due libri in gara e di questi due il mio preferito è Finzioni.
Per quanto riguarda lo scontro, preferisco nettamente Raccattacadaveri perché mi piace troppo quel mondo, quei personaggi, il modo originale in cui Onetti racconta.
Voto Raccatta!


message 5: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1320 comments Io invece, da borgesiano convinto, preferisco votare per l’Aleph qui e tentare di portare Rulfo in semifinale...

Onetti è l’esplosione creativa incontrollata, ribollente e materica; è la fantasia folle che ti investe e ti sommerge con sangue, lacrime e dolore insensato e inspiegabile.

Borges è quanto di meraviglioso, lucido e geniale può costruire una mente quando è libera da inutili zavorre come la verosimiglianza, il realismo, la materia - per mia forma mentale personale preferisco la rottura dalle catene del reale e gli infiniti spazi che ci ha donato il maestro bonarense.


message 6: by Tittirossa (new)

Tittirossa | 1511 comments Voto Onetti

Perché mi avete fatto venire voglia di leggerlo, mentre non mi è venuta l'ispirazione di rileggere Borges.
(lo so che non è una gran motivazione, ma mi appello al diritto del voto secco :-) )


message 7: by flaminia (new)

flaminia | 249 comments "¿lo creerás, ariadna?" dijo teseo. "el minotauro apenas se defendió".

"lo crederesti, arianna?" disse teseo "il minotauro non s’è quasi difeso".

a me basta questa chiusa strepitosa della casa di asterione per fare pendere la mia personalissima bilancia per borges.


message 8: by Héctor (new)

Héctor Genta | 318 comments flaminia wrote: ""¿lo creerás, ariadna?" dijo teseo. "el minotauro apenas se defendió".

"lo crederesti, arianna?" disse teseo "il minotauro non s’è quasi difeso".

a me basta questa chiusa strepitosa della casa di..."


Da onettiano rispondo così;
"Era un uomo di oltre cinquant'anni, con una peluria a piumino intorno alla pelle rosea del cranio, con la faccia flaccida e glabra, con sporadiche fiammelle d’astuzia e d’interesse sotto la canizie precoce delle sopraccigli. S’accomodava, corretto e pesante, sul sedile circolare della sedia, teneva unite le scarpe piccole e lucide, e descriveva curve nell'aria con la mano sinistra, o la presentava a palmo rovesciato sulla coscia. Forse sapeva di cosa stava parlando quando imponeva il racconto della sua vita, ed enumerava o diminuiva ingiustizie; quando la voce ridente ripercorreva luoghi comuni: il capitalismo, l’oligarchia, le cooperative agricole o il laburismo inglese; quando lasciava intendere che tutto ciò era stato, se non un prologo deliberato, un antecedente fatale dell’esistenza di un postribolo a Santa Maria."

Voto Onetti.


message 9: by flaminia (new)

flaminia | 249 comments @hector: una riga contro nove, per me, cultrice della sintesi tacitiana, non c'è storia. ;-)


message 10: by aconeyisland (new)

aconeyisland | 138 comments Una lettura troppo lontana e una non lettura. Come argomentare. Ragiono sui vostri ragionamenti e mi trovo a concordare con flaminia: sintesi e lucidità per me vincono su quella che interpreto come una prosa strabordante e sentimentale. Inoltre non sono in vena di meschinerie. Voto L’Aleph


message 11: by Evi * (new)

Evi * | 430 comments Collegandomi al post di Aconey quando definisce la scrittura di Onetti strabordante.
Non ho letto Raccatacadaveri bensi La vita breve e devo dire che Onetti mi  è  sembrato  uno scrittore molto preciso, anche un po maniacale nella sua attenzione   ai particolari  fa quasi delle radiografie quando descrive; nel brano che riporta Hevtor non viene tralasciato nulla nella descrizione del personaggio,  addirittura quel palmo di mano appoggiato alla coscia  rivolto in su  era  importante? se ne poteva  fare a meno? Non lo so, ma  rende la descrizione vividissima, quasi cinematografica. Quindi  sì  in questo senso la sua può essere una scrittura strabordante, peraltro invece mi è  sembrato un autore molto  poco sentimentale, ahimé  forse troppo poco.

Per quanto riguardo il voto lo assegno a Raccattacadaveri


message 12: by aconeyisland (new)

aconeyisland | 138 comments (@Evi solo per precisare, uso sentimentale in senso negativo, come strabordante emozioni in modo così esibito da lasciarmi con un senso di falsità. Se non è sentimentale, allora va già meglio)


message 13: by Susanna (new)

Susanna | 230 comments Mah, non saprei. Raccattacadaveri non l’ho letto anche se l’ho messo in programma. Di Onetti ho letto Il Cantiere ma per quanto mi sia piaciuto non riuscirei mai a metterlo al di sopra di Borges.
Quindi assolutissimamente voto L’Aleph e il suo magico mondo.


message 14: by Marica (new)

Marica (wmarica) | 272 comments L'aleph l'ho letto un milione di anni fa e non me lo ricordo, cosa che depone male.
Di Raccattacadaveri ho letto solo qualche pagina e mi ha fatto simpatia. Lo leggerò.
Su questo futilissimo spunto, voto Raccattacadaveri.


message 15: by Amaranta (last edited May 19, 2020 11:16AM) (new)

Amaranta | 400 comments Borges, perchè da Onetti mi aspettavo una scrittura, che sebbene brillante, speravo fosse più scoppiettante. Spero basti per il voto.


message 16: by floricanto (new)

floricanto | 403 comments E’ un po’ come dover scegliere fra il primo amore e l’ultimo, quello attuale.
Onetti è scoperta recentissima, grazie al torneo. L’Aleph, lo dico da un po’, è la mia prima scelta, il mio candidato vincitore.
Scrittura strabordante Onetti? Macchè! Quello che mi ha folgorato è proprio lo stile. Sicuramente ricco ma anche chirurgico, per niente barocco. In perfetto equilibrio: una grande lingua assolutamente letteraria ma non ridondante. Non toglierei nemmeno una parola. Tutto è funzionale e, soprattutto, l’autore scompare: entri dentro una scrittura molto personale ma senza avvertire la presenza di chi scrive. Per me è una dote fondamentale. E allora voto Onetti?? Eh no. Però sono felice di averlo scoperto.
L’Aleph.


message 17: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 2966 comments Mod
Scontro scoppiettante e incertissimo.

Vi ricordo il termine oggi alle 14.


message 18: by Chiara187 (new)

Chiara187 | 349 comments Onetti perché mi ispira di più e ho intenzione di leggerlo.
Borges non mi va proprio giù. Ho iniziato L’Aleph e l’ho subito abbandonato. Forse ho conosciuto Borges con il libro sbagliato: Il manoscritto di Brodie


la veglia dell'aceto | 150 comments anche per me onetti: scelta durissima tra due autori a me molto molto cari, ma raccattacadaveri è il miglior libro di onetti, l'aleph non è il miglior libro di borges. mi lascio guidare da questo sistema molto poco scientifico e molto de core.


message 20: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2602 comments Mod
Inizio a scrivere senza ancora sapere chi voterò, ma conservo gli ultimi dieci minuti, prima di inviare, per leggere ancora qualche pagina di Onetti (ieri è toccato a Borges). :-)

E quindi, ho deciso di votare per L'Aleph: la scrittura di Onetti è sicuramente più congeniale al mio modo di leggere e di intendere la letteratura, ma lettura per me è anche apertura a nuovi mondi e a nuovi intelletti; partendo da questo ragionamento non posso negare la fascinazione subita nel leggere i primi cinque racconti di Borges, anche quando non ho letteralmente capito di cosa parlasse: non ho fatto studi classici, ho studiato Filosofia un solo anno e pure di corsa, delle figure storiche (epiche e non) so pochissimo; cionostante alcuni racconti mi hanno completamente rapita e trasportata in luoghi dove non avrei mai pensato di andare, che è un po' ciò che chiedo, prima ancora della scrittura, alla lettura.

Ho letto molto meno di Raccattacadaveri, lo confesso, oggi la mattinata è stata avara di tempo, ma continuerò a farlo, perché i primi capitoli mi sono piaciuti, anche se di Onetti avevo in mente di leggere Gli Addii.


message 21: by LW (last edited May 20, 2020 04:58AM) (new)

LW | 90 comments Ops, spero di fare in tempo, scusate il ritardo...voto
L'Aleph ,pur amando Onetti
(Gli addii è bellissimo)


message 22: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 2966 comments Mod
Sorpassi e controsorpassi nell'ultima mezz'ora disponibile. Alla fine la spunta L'aleph.

Jorge Luis Borges: L’aleph VS Juan Carlos Onetti: Raccattacadaveri 9-8


back to top

231860

pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti

unread topics | mark unread


Books mentioned in this topic

L'Aleph (other topics)
Raccattacadaveri (other topics)