Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

note: This topic has been closed to new comments.
43 views
La Sfida dei Classici > Sfida dei classici 2019/20- SETTEMBRE

Comments Showing 1-50 of 74 (74 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments Quarto mese di sfida insieme! Potete postare qui sotto gli aggiornamenti per le vostre letture secondo il consueto schema. Vi ricordo che per acquisire i punti è necessario inserire un commento (no link) al libro letto.
Qui il documento di lavoro. https://docs.google.com/spreadsheets/...




Autore:
Titolo:
N. Pagine:
Libro consigliato :
Tipo testo:
Continente:
Anno:
Inizio lettura:
Fine lettura:
Punti


Mariafrancesca di natura viperesca sta con gli ultimi della terra | 560 comments Autore: Joao Guimares Rosa:
Titolo: Grande Sertao
N. Pagine: 500
Libro consigliato : No
Tipo testo: Prosa
Continente: America
Anno:1963
Inizio lettura: 1 Settembre
Fine lettura:
Punti


message 3: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments Grande Sertao mi ispira da parecchio, attendo tue nuove, buona lettura intanto!


message 4: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments C'è stato un gdl sul Grande Sertao qui https://www.goodreads.com/topic/group...

magari può interessarvi qualche considerazione in merito.


message 5: by Saturn (new)

Saturn (xsaturn) | 2477 comments Questo mese mi butterò su Enrico IV di Luigi Pirandello


message 6: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments Amaranta wrote: "C'è stato un gdl sul Grande Sertao qui https://www.goodreads.com/topic/group...

magari può interessarvi qualche considerazione in merito."


Grazie, sì proprio da lì avevo conosciuto questo libro...


message 7: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Autore: Jules Verne
Titolo: Ventimila leghe sotto i mari
N. Pagine: 495
Libro consigliato : No
Tipo testo: Romanzo
Continente: Europa
Anno: 1896
Inizio lettura: 03/09/19
Fine lettura:
Punti


message 8: by Ajeje (last edited Sep 03, 2019 06:42AM) (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments Autore: J. Bottero (traduttore/curatore)
Titolo: L' epopea di Gilgames. L'eroe che non voleva morire
N. Pagine: 296
Libro consigliato : No
Tipo testo: Poema
Continente: Asia
Anno: 2100 a.C.
Inizio lettura: 2/09/2019
Fine lettura: in lettura...
Punti


message 9: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments Ajeje wrote: "Autore: J. Bottero (traduttore/curatore)
Titolo: L' epopea di Gilgames. L'eroe che non voleva morire
N. Pagine: 296
Libro consigliato : No
Tipo testo: Poema

Contin..."


io ho trovato 2100 a. C come data di riferimento.


message 10: by Saturn (new)

Saturn (xsaturn) | 2477 comments Autore: Luigi Pirandello
Titolo: Enrico IV
N. Pagine: 119
Libro consigliato : sì, da Patryx
Tipo testo: opera teatrale
Continente: Europa
Anno: 1922
Inizio lettura: 1/9
Fine lettura: 1/9
Punti: 2 pagina + 5 consiglio + 2 teatro + 10 settembre = 19
Commento:

Enrico IV è un'opera metateatrale dove le sovrapposizioni fra realtà e finzione sono molteplici. Il punto focale del testo è la maschera; il ruolo interpretato dagli attori si sovrappone alla loro identità reale per assecondare un uomo che crede di essere o si finge Enrico IV. Ma qual è la vera maschera? Quella che si indossa su un palcoscenico o quella che portiamo tutti i giorni per apparire in un certo modo o per farci apprezzare dagli altri? Enrico IV sembra conoscere il suo vero stato molto di più di quanto non possa apparire. Ma qual è la sua vera follia? Fingersi un altro o non riuscire ad adeguarsi a una società a cui sente di non appartenere?
Follia, alienazione, mal di vivere, contrapposizione fra realtà e finzione, scomposizione della rappresentazione teatrale... Sono tantissimi gli elementi di questo lavoro di Pirandello che ci vorrebbe un saggio per analizzarli tutti.
Semplicemente un capolavoro.


message 11: by Ajeje (last edited Sep 03, 2019 06:44AM) (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments Grazie Amaranta, ho editato il mio messaggio, comunque cambia poco, perchè tanto i bonus storici arrivano fino al 476 d.C. quindi 8 punti, giusto?


message 12: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments Ajeje wrote: "Grazie Amaranta, ho editato il mio messaggio, comunque cambia poco, perchè tanto i bonus storici arrivano fino al 476 d.C. quindi 8 punti, giusto?"

yes! ;)


message 13: by Dafne (last edited Sep 03, 2019 09:20AM) (new)

Dafne | 38 comments A settembre leggerò:

Autore: Wilkie Collins
Titolo: Armadale
N. Pagine: 811
Libro consigliato: si, Monica.A
Tipo testo: romanzo
Continente: Europa
Anno: 1866
Inizio lettura: 03 settembre 2019
Fine lettura:
Punti


message 14: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments @Amaranta grazie!


message 15: by lise.charmel (new)

lise.charmel (lisecharmel) | 608 comments Autore: M. Bulgakov
Titolo: Il maestro e Margherita
N. Pagine:
Libro consigliato : no
Tipo testo: romanzo
Continente: Europa (o Asia? come considerate la Russia?)
Anno: wikipedia dice: riscritto più volte tra il 1928 e il 1940, pubblicato postumo nel 1966
Inizio lettura: 04/09
Fine lettura:
Punti


message 16: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments @lise, considera Asia


message 17: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Autore: Jules Verne
Titolo: Ventimila leghe sotto i mari
N. Pagine: 495
Libro consigliato : No
Tipo testo: Romanzo
Continente: Europa
Anno: 1896
Inizio lettura: 03/09/19
Fine lettura: 10/09/19
Punti
Commento: Chi è mai il capitano Nemo se non un individuo che ha scelto di rifiutare il mondo in cui è vissuto, le sue regole, i suoi sogni, la sua crudeltà per cercar (inutilmente, forse) pace in un universo diverso, nelle profondità marine in cui i sogni sembrano acquisire concretezza, in cui, lontano dal vano strepito del mondo, è possibile coltivare lo spirito. Chi è questo novello barone rampante che si affranca dal mondo che gli aveva sottratto quanto di più prezioso possedeva, per non farvi più ritorno, scegliendo un volontario esilio a una passiva connivenza, se non un indomito ribelle, un poeta volto a cogliere orizzonti ancora preclusi alla gretta visione dell'uomo medio? Chi è Nemo, questo fantasma, questo 'nessuno' che affascina, conquista, ma si fa anche temere e contestare in più di un'occasione, se non un personaggio immortale?


message 18: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments @carlo per la tua lettura i punti sono 19 😉


message 19: by Mariafrancesca di natura viperesca sta con gli ultimi della terra (last edited Sep 12, 2019 09:56AM) (new)

Mariafrancesca di natura viperesca sta con gli ultimi della terra | 560 comments Finito:
Autore: Joao Guimares Rosa:
Titolo: Grande Sertao
N. Pagine: 500
Libro consigliato : No
Tipo testo: Prosa
Continente: America
Anno:1963
Inizio lettura: 1 Settembre
Fine lettura:12 Settembre
Punti 20

...Non do stelle perché chi sono io per abbandonarmi a un rimpianto/rimprovero per essere stata ostacolata da una prosa ostica con frasi avvoltolate come in un ghiommero di cui ero incapace di trovare il bandolo?
Ma in questo cielo senza stelle so che a luna spenta, quando è buio fatto, c’è un’oscurità che impastoia e prende. Sì prende, eccome se prende.


message 20: by Monica.A (new)

Monica.A | 854 comments Autore:William Golding
Titolo: Il signore delle mosche
N. Pagine: 223
Libro consigliato : NO
Tipo testo: romanzo
Continente: Europa
Anno: 1954
Inizio lettura: 07/09/2019
Fine lettura: 12/09/2019
Punti: 4pp+10= 14

Una piccola comunità di ragazzi costretti ad autogestirsi su un'isola deserta in seguito ad un disastro aereo dimostra quanto siano insiti nell'uomo il bene e il male, indipendentemente dall'età del soggetto. La corruzione dall'anima può germogliare anche in un fanciullo ancora dedito al gioco.
Primo fra tutti emerge l'istinto di sopravvivenza, poi la forza di volontà e il desiderio di primeggiare sugli altri hanno il sopravvento.
Una selezione naturale elegge due capi fazione, uno yin e uno yang che si contendono il potere, da qui in poi è un percorso in discesa verso gli istinti più bassi, la derisione, l'umiliazione, la soppressione, l'onnipotenza.
Ecco, il fanciullo innocente è sparito e al suo posto vediamo l'uomo, nudo triste e solo, sporcato dal peccato.
È sempre la solita storia.

Libro che si legge come un racconto per ragazzi, i primi giorni sull'isola sono interamente dedicati allo svago, alla conquista della libertà, all'abolizione delle regole.
Un blando tentativo di stabilire l'ordine viene boicottato dai ragazzi più piccoli e la storia sembra voler procedere così, per inerzia.
L'arrivo improvviso del Signore delle mosche sembra imporre un brusco cambio di atmosfera, è lì che ti guarda con la sua faccia mostruosa, impossibile ignorare la sua presenza, è l'inizio della supremazia del male, del totalitarismo. Le atmosfere si incupiscono, l'isola e la natura diventano ostili e soffocanti, le ultime pagine sono dense di tensione e terrore, il finale inatteso quanto liberatorio.


message 21: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Grazie mille, Lelena😊


message 22: by Lelena (last edited Sep 13, 2019 09:56AM) (new)

Lelena | 3508 comments Dovere!!! 😃

Quindi ti è piaciuto Il signore delle mosche @monica?
Io l'ho letto l'anno scorso ma non mi ha convinta. Ho trovato i personaggi poco approfonditi dal punto di vista psicologico e la scrittura un po' piatta o, almeno per quelle che erano le mie aspettative


message 23: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Lelena, in merito al signore delle mosche credo che le scelte stilistiche e tematiche siano volute e appositamente cercate. Trattandosi di un gruppo di ragazzi molto giovani, i caratteri sono distinti, ma non possono che essere abbozzati, come del resto è stata la natura di ognuno di noi a quell'età. La scelta di ricorrere a ragazzini credo intenda evidenziare gli sviluppi che si creano in una società quasi "primitiva", ancora parzialmente libera da condizionamento successivi: sviluppi che conducono, comunque, verso il Male al quale l'uomo sembra (dal libro, almeno) irrimediabilmente destinato. In sostanza, credo sia una scelta precisa dell'autore e non una sua "mancanza".


message 24: by Monica.A (new)

Monica.A | 854 comments Lelena wrote: "Dovere!!! 😃

Quindi ti è piaciuto Il signore delle mosche @monica?
Io l'ho letto l'anno scorso ma non mi ha convinta. Ho trovato i personaggi poco approfonditi dal punto di vista psicologico e la s..."

A me è piaciuto molto, l'ho trovato scorrevole. Solo che, avendo seguito tutta la serie di Lost , non facevo altro che incitarli a prendere provvedimenti, dimenticando che fossero solo dei bambini. Saranno banalità ma, solo per fare un esempio, Piggy rompe gli occhiali e nessuno pensa di usare la lente rotta per accendere il fuoco ma solo quella buona rimasta sulla montatura, perchè?
Certo avrei sviluppato meglio la trama, possibile che non siano mai tornati al relitto dell'aereo per recupereare oggetti utili? E poi, è vero che tutti gli adulti sono morti, ma la cosa è piuttosto strana, nessuno che dica dove stessero andando e perchè un aereo fosse pieno solo di ragazzi. Mah.


message 25: by Monica.A (new)

Monica.A | 854 comments Carlo wrote: "Lelena, in merito al signore delle mosche credo che le scelte stilistiche e tematiche siano volute e appositamente cercate. Trattandosi di un gruppo di ragazzi molto giovani, i caratteri sono disti..."

Vero, però sembra davvero che manchi qualcosa, o forse sarà solo che ormai ci siamo abituati a leggere libri molto più consistenti che lasciano poi poco spazio alle libere interpretazioni del lettore.


message 26: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Monica, sì, quando lo di legge si notano diverse piccole incongruenze, diciamo così. Bisognerebbe capire se dovute a una mancata revisione o al desiderio di concentrare la scrittura solo su certi aspetti, sorvolando sugli altri. Forse solo Holding l'avrà saputo. L'ho sempre letto cercando di astrarmi dalla comune visione di un adulto per tentar di adottare una visione più ingenua e ragazzina. In tal modo lo si apprezza maggiormente, senza soffermarsi troppo su particolari non proprio perfettamente sviluppati. Ma è una mia personale visione e non è detto che dia poi quella corretta.


message 27: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments Carlo wrote: "Lelena, in merito al signore delle mosche credo che le scelte stilistiche e tematiche siano volute e appositamente cercate. Trattandosi di un gruppo di ragazzi molto giovani, i caratteri sono disti..."
Non so. È vero che a quella età per me era tutto bianco o nero, però io non credo che gioventù=superficialità anzi! Da ragazzi vediamo le cose più contorte di quello che sono, siamo per certi versi persino più introspettivi e meno inclini a lasciar passare... O almeno così ero io 😅


message 28: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments Carlo wrote: "Monica, sì, quando lo di legge si notano diverse piccole incongruenze, diciamo così. Bisognerebbe capire se dovute a una mancata revisione o al desiderio di concentrare la scrittura solo su certi a..."
Sono da poco in un gruppo reale di letture per ragazzi dai 10 ai 18 anni e ci provo a mettermi nei panni dell'adolescente lettore, ma sono alle prime armi, dovrò provare a rileggerlo quando sarò una più esperta lettrice adolescente


message 29: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Lelena, infatti questo modo di vedere adolescenziale si riflette assai nel romanzo. La parte finale sembra quasi delirante e la mente dei ragazzi, sottoposta a grande pressione, finisce per analizzare le cose in modo tale da smarrirsi. Non intendevo porre un binomio tra adolescenza e superficialità, ma metter in evidenza come spesso, da giovani, gli eventi vantino un peso più lieve rispetto a quando li si guarda con l'atteggiamento serio e preoccupato dell'età adulta. E più gli anni passano, più quel modo 'spensierato' di veder le cose va perso. Purtroppo...


message 30: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments Letto anche io da poco. Il tema è molto interessante e ben sviluppato, ma a dire il vero come @Lelena ho fatto un po'fatica nella lettura, mi ha a tratti annoiato. Sospetto risenta molto del tempo, il nostro, che passa


message 31: by Carlo (new)

Carlo Mascellani Amaranta, può anche darsi. Più ci si avvicina ai nostri tempi, più i romanzi diventano snelli e scorrevoli, cambiano i temi, svaniscono le digressioni, il lessico si semplifica (a volte sono quasi a banalizzarsi). Tutto diventa più veloce, come la nostra epoca. Di certo, abituati a un altro tipo di letteratura, a volte alcuni classici risultano un po' pesanti. È capitato anche a me. A tutti, penso.


message 32: by Monica.A (new)

Monica.A | 854 comments Carlo wrote: "Lelena, infatti questo modo di vedere adolescenziale si riflette assai nel romanzo. La parte finale sembra quasi delirante e la mente dei ragazzi, sottoposta a grande pressione, finisce per analizz..."

Invece io, proprio nella parte finale, li ho trovati terribilmente adulti nel modo di comportarsi, nel modo di affrontare le paure e anche i gli istinti primordiali.
Per me si sono trasformanti bruscamnete da bambini innocenti in adulti terrificanti, la comparsa del totem del signore delle mosche è stata decisiva, non a caso coincide forse con uno dei primi veri omicidi sull'isola. per un attimo, sul finale, ho temuto che si risolvesse tutto in un gioco.
Più ci ragiono e più mi piace questo libro.


message 33: by Carlo (last edited Sep 15, 2019 02:03AM) (new)

Carlo Mascellani Monica, è proprio il primitivismo legato agli istinti primordiali che unisce bambini e adulti nella visione di Golding. Non a caso, credo abbia volutamente scelto di usare i bambini come personaggi per mostrare che anche la presunta innocenza d'animo che solitamente si ascrive loro, in realtà si mostra più propensa ad abbracciare un istinto del tutto prevaricatore.


message 34: by LauraT (last edited Sep 17, 2019 11:50PM) (new)

LauraT (laurata) | 1820 comments Finalmente finito il MIO classico di settembre - vista la data ho optato per un'opera teatrale così è corta!!!

Autore: Sofocle
Titolo: Antigone
N° pagine: 80 Punti 11
Libro consigliato?: si Punti 5
Tipo di testo: opera teatrale Punti 2
Continente: Europa
Anno: 441 B. C. Punti 8
Inizio lettura: 16/09/2019
Fine lettura: 17/09/2019
Punti libro: Punti 26

Commento:
Difficile parlare di Antigone. E' una storia così nota da essere diventata una sorta di modo di dire, una sorta di proverbio vivente. Il simbolo della resistenza alle leggi dello stato considerate ingiuste. L'incipit dell'obiezione di coscienza come la conosciamo noi.
Forse però la scrittura è un po' antiquata - e vorrei vedere!!!!


message 35: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6428 comments Autore: Bertolt Brecht
Titolo: L'opera da tre soldi
N. Pagine: 118
Libro consigliato : no
Tipo testo: opera teatrale
Continente: Europa
Anno: 1928
Inizio lettura: 14/09
Fine lettura: 19/09
Punti: lascio l'onore e l'onere ad Amaranta :-D

Il protagonista di questo testo teatrale è Mackie Messer, un delinquente londinese.
Makie è il leader di una banda di ladri, che svolge la propria "attività" nel quartiere di Soho.
L'uomo è apprezzato dalle donne, passa le sue notti con le prostitute e si fa proteggere dal suo amico commissario di polizia, un uomo corrotto che pensa prevalentemente ad accumulare denaro con i loro traffici.
Polly, la figlia del "re dei mendicanti", fugge da casa e sposa l'uomo. Ciò crea una gran confusione nella vita familiare, tanto che il padre della ragazza pretende l'impiccagione del delinquente più famoso di Londra.
Mackie viene tradito non una, ma bensì due volte, dalle prostitute e dalla propria eccessiva sicurezza nella protezione della polizia.
Il finale è un po' strambo: una grazia sul filo del rasoio dalla regina in persona, il cui corteo deve sfilare per le strade di Londra proprio quel giorno.
La storia in sé l'ho gradita, ma poichè il testo è infarcito di testi musicali che lanciano messaggi al pubblico, penso che renda molto di più a teatro.


message 36: by Vabe (last edited Sep 19, 2019 01:57PM) (new)

Vabe | 832 comments Autore: Bontempelli
Titolo: Gente nel tempo
N. Pagine: 177
Libro consigliato : no
Tipo testo: romanzo
Continente: Europa
Anno: 1936
Inizio lettura: 1 sett
Fine lettura: 4 sett
Punti: 10 + 3 pagine = 13

Con questo romanzo ho scoperto un autore che conoscevo solo per nome ma di cui mai mi ero interessata. E' stata una scoperta piacevole perché la storia mi è piaciuta: la famiglia di Silvano sembra sia gravata da una maledizione che porta alla morte tutti i suoi componenti. Ma sarà veramente così? Questa spada di Damocle quali meccanismi innesca nella mente dei vari familiari? Finale bellissimo!
Lo consiglio.


message 37: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 10015 comments Mod
Pensavo di fare tempo a leggere altro, ma questo mese ho letto pianissimo, quindi il mio classico è il primo libro che ho letto a settembre di ritorno dalle ferie

Autore: JRR Tolkien
Titolo: Il ritorno del Re
N. Pagine: 649
Libro consigliato : no
Tipo testo: romanzo
Continente: Europa
Anno: 1955
Inizio lettura: 2/9/19
Fine lettura: 8/9/19
Punti: 22

Pur sapendo come andava a finire la storia, quest'ultimo capitolo della saga dell'anello è stato intenso come gli altri.
Epica la battaglia di Minas Tirith, col bellissimo ruolo giocato da Eowyn, l'unica figura femminile di rilievo esclusa la dama Galadriel. Bella e dolorosa la salita a Monte Fato che conferma il ruolo commovente di Sam in tutta la storia.
Il finale... per quanto malinconico, chiude il cerchio della storia in modo a mio parere perfetto.
Grazie sig. Tolkien


message 38: by Amaranta (new)

Amaranta | 4162 comments @LauraT, curiosa la datazione in inglese in una discussione italiana di un libro il cui originale è in greco, letto probabilmente in italiano...

@Anto i tuoi punti sono 14, 10 lettura, 2 pagine, 2 opera teatrale

@LaCitty, Tolkien è nato in Sudafrica, prendi 3 punti in più.

@ tutte- foglio classici base aggiornato


message 39: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 10015 comments Mod
Oh, wow! Grazie ^^


message 40: by Eli.Mi. (new)

Eli.Mi. (elimi) | 97 comments Questo mese ho letto:

Autore: Anne Brontë
Titolo: Agnes Grey
N° pagine: 286
Libro consigliato?: No
Tipo di testo: Romanzo
Continente: Europa
Anno: 1847
Inizio lettura: 1/09/2019
Fine lettura: 4/09/2019
Punti libro: 5 pt. pagg. + 10 pt. mese --> 15 pt.
Il racconto in prima persona di Agnes, una giovane che lascia casa e affetti e affronta il mondo per poter aiutare economicamente la famiglia. Agnes diventa istitutrice presso alcune famiglie benestanti e affronta le situazioni difficili con tranquilla caparbietà fino a che riesce a ricongiungersi con la propria famiglia e a trovare l'amore.
Pur non potendo rivaleggiare con le opere delle sorelle, ho trovato questo testo godibilissimo.
Con questo classico mi è tornata la mania per i libri inglesi dell'800, purtroppo non avevo calcolato questa possibilità prima del trasferimento e ora tutto ciò che vorrei leggere è a casa in Italia.


message 41: by Acrasia (new)

Acrasia | 3716 comments Autore: Jospeh Conrad
Titolo: L'agente segreto
N° pagine: 263
Libro consigliato?: No
Tipo di testo: Romanzo
Continente: Europa
Anno: 1907
Inizio lettura: 13/09/2019
Fine lettura: 22/09/2019
Punti: 15

Mi dispiace dare due stelle a Conrad perchè è un grande scrittore ma proprio non è nelle mie corde, che fatica finire questo libro!
Mi sono annoiata tantissimo, la prosa non è per niente scorrevole, alcune parti ho dovuto rileggerle due-tre volte perchè mi distraevo facilmente, non riuscivo a restare concentrata... sarà anche che la trama non fosse per me delle più invitanti, infatti sono partita un po' prevenuta e alla fine i miei pregiudizi sono stati fondati.


message 42: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 3536 comments Autore: J. Bottero (traduttore/curatore)
Titolo: L' epopea di Gilgames. L'eroe che non voleva morire
N. Pagine: 296
Libro consigliato : No
Tipo testo: Poema
Continente: Asia
Anno: 2100 a.C.
Inizio lettura: 2/09/2019
Fine lettura: 22/09/2019
Punti: 27

L'epopea di Gilgames è una delle prime opere scritte dall'uomo o almeno tra le prime ritrovate. Purtroppo molte parti sono perdute nel corso dei millenni, ma una buona parte è stata ricostruita e qui trascritta dal cuneiforme incise su tavolette d'argilla.
Più di 4000 anni son passati dalla stesura di quest'opera, ma l'uomo è pressochè lo stesso con le sue paure, le sue gioie, virtù e dolori.
Cos'è la morte? C'è una "vita" dopo la morte? La ricerca dell'immortalità, che solo gli Dei hanno. Ci potrà mai essere la Vita senza la Morte?

Un'opera affascinante, che apre molti spunti per letture future sulla mitologia sumerica, accadica, babilonese, purtroppo non coinvolge totalmente, per colpa dei pezzi mancanti, che rendono la lettura spezzettata e singhiozzante. Però questa defezione, rende l'opera misteriosa, come soffusa da una nebbia ancestrale di ignoto errare, attraverso qualcosa di onirico, etereo!

https://www.youtube.com/watch?v=mAQ6k...


message 43: by LauraT (new)

LauraT (laurata) | 1820 comments Amaranta wrote: "@LauraT, curiosa la datazione in inglese in una discussione italiana di un libro il cui originale è in greco, letto probabilmente in italiano...

@Anto i tuoi punti sono 14, 10 lettura, 2 pagine, 2..."


No no l'ho letto in inglese. Non avevo il testo in italiano ma in inglese, e siccome tanto è comunque una traduzione dal greco - che non conosco! - ho deciso per questa. Bear with me!!!!!


message 44: by robylegge (new)

robylegge | 516 comments Autore: Fëdor Dostoevskij
Titolo: L'adolescente
N. Pagine: 661
Libro consigliato : no
Tipo testo: romanzo
Continente: Asia (Russia)
Anno: 1875
Inizio lettura: 10 settembre 2019
Fine lettura: 23 settembre 2019
Punti: 13 (pt pag) + 10 (pt fine lettura) + 2 (pt Geografia) = 25 pt

Lettura atroce. Una tortura. Vedo che la mia opinione è abbastanza condivisa, credo che non fosse il miglior libro di Dosteovsky... ma, aiuto, è stata un'esperienza da dimenticare. Trama pressoché assente, o comunque stagnante; personaggi insopportabili e bidimensionali; dialoghi troppo teatrali. Nulla, e dico NULLA, succede in 660 pagine. Credevo che avrei letto un libro sul rapporto padre figlio... mi sbagliavo.


Mariafrancesca di natura viperesca sta con gli ultimi della terra | 560 comments Roberta wrote: "Autore: Fëdor Dostoevskij
Titolo: L'adolescente
N. Pagine: 661
Libro consigliato : no
Tipo testo: romanzo
Continente: Asia (Russia)
Anno: 1875
Inizio lettura: 10 s..."


noooooo😢😢😢


message 46: by robylegge (new)

robylegge | 516 comments Ebbene sì, @Mariafrancesca. è stata una tortura leggere questo libro. A tal punto che mi pento di averlo letto. Mi sembra di capire che tu abbia provato emozioni diverse dalla mia nella lettura :D


Mariafrancesca di natura viperesca sta con gli ultimi della terra | 560 comments Beh il giovanotto, non è proprio simpaticissimo e sono d'accordo con te, ma diventerà il prototipo di tutti i perdigiorno a venire.
Il padre è uno scavezzacollo egoista ma complessissimo: è' il bene e il male in un amalgama non ben riuscito e non per colpa di Dostoewskij ma della natura umana.
Dopo svilupperà questi temi nei suoi capolavori.


message 48: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments @roberta hai retto per 661 pagine un libro che non sopporrtavi? 😱 Masochista!🤣


message 49: by Saturn (new)

Saturn (xsaturn) | 2477 comments Lelena wrote: "@roberta hai retto per 661 pagine un libro che non sopporrtavi? 😱 Masochista!🤣"

L'ho pensato anch'io... Complimenti per la perseveranza! 😁


message 50: by Lilirose (new)

Lilirose | 945 comments dopo un agosto da desaparecida e un settembre di semi-blocco del lettore, torno a questa sfida!

Autore: Alexander Pushkin
Titolo: Eugenio Onegin
N. Pagine: 640
Libro consigliato : no
Tipo testo: Romanzo in versi
Continente: Asia (Russia)
Anno: 1833
Inizio lettura: 03/09/2019
Fine lettura: 07/09/2019
Punti: 26 (12 pagina + 10 mese + 2 geografico + 2 storico)

Uno dei pilastri della letteratura Russa, che tutti conoscono almeno di nome ma che pochi (almeno in Italia) hanno davvero letto.
Io finalmente sono riuscita a colmare la lacuna, ma doverosa premessa: ne ho letta una versione in prosa, in cui il traduttore ha preferito concentrarsi sul significato piuttosto che sul ritmo; ne consegue che non posso giudicare lo stile ma solo il contenuto, anche se il lirismo che pervade l'opera riesce a trasparire anche così.
Iniziamo col dire che è molto più brillante di quanto mi aspettassi (ma in effetti anche "La figlia del capitano" mi aveva meravigliato in tal senso), con una trama intensa se non a livello di avvenimenti di sicuro in quanto a passioni ed emozioni. I personaggi sono pochi e splendidamente delineati, ciascuno a rappresentare sia se stesso che un tipo sociale: abbiamo il protagonista dandy, il suo amico poeta romantico e soprattutto Tatiana, figura femminile di rara profondità; da ragazzina ipersensibile sboccia in sofisticata donna di mondo senza che questo scalfisca la sua interiorità più profonda.
Il libro è un'eterna lotta tra cinismo e sensibilità, tra spontaneità e convenzioni sociali: Eugenio e Tatiana sono agli estremi di questo dualismo che alla fine non vedrà né vincitori né vinti.
Interessanti anche i richiami alla società russa del tempo, ma purtroppo per me lettrice moderna sono andati in gran parte perduti; la ricchezza descrittiva invece, per quanto esempio del genio di Puskin, ha appesantito la lettura.
A conti fatti un'opera monumentale ma non facile, che richiede uno sforzo di attenzione e di riflessione per essere apprezzata fino in fondo. D'altronde è a questo che servono i grandi libri, ad aprirci la mente.

P.s: essendo un romanzo in versi non so come regolarmi sul bonus, nel dubbio i 2 punti non li ho messi :D


« previous 1
back to top
This topic has been frozen by the moderator. No new comments can be posted.