Goodreads Italia discussion

Umami
This topic is about Umami
118 views
Discussioni sui Libri > Traduzioni - Paese che vai traduzione che trovi

Comments Showing 1-11 of 11 (11 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Pao (new) - rated it 3 stars

Pao (pao_letta) | 728 comments Ho appena finito di leggere Umami e facendo delle ricerche su internet mi sono imbattuta in una situazione che non mi era mai capitata.

Tutto è iniziato dalla dedica riportata nella mia edizione italiana che recita
alla nonna Duende e all'abuelo Toro

nella pagina seguente c'è invece la citazione
Tra tutti, sappiamo tutto. Alfonso Reyes

Poiché abuelo significa nonno non riuscivo a capire perché era stata tradotta solo nonna (abuela) così ho provato a cercare la versione originale

Grazie a google books ho trovato la versione spagnola Umami https://books.google.it/books?id=nE4j...
dedica
A Maria Selene Alvarez Larrauri (AKA el Duende)

citazione
Todo lo sabemos entre todos Alfonso Reyes

A questo punto ho cercato la versione inglese e stavolta mi ha aiutato l'opzione Leggi l'estratto di Amazon https://www.amazon.it/Umami-English-L...
dedica
For Tod, por todo

citazione
If poetry could truly tell it backwards, then it would Carol Ann Duffy

Quindi al mio dubbio originario si è aggiunto anche l'interrogativo: ma è normale che il libro abbia dediche e citazioni diverse a seconda del paese di pubblicazione?
Vi è mai capitato?


message 2: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Non mi è mai capitato, ma ammetto che non ho mai controllato. Onestamente sono basita! Che senso ha?

A volte fare un raffronto fra le varie traduzioni può essere interessante. Poco tempo fa in uno dei due gruppi che modero si era deciso di leggere un romanzo originariamente pubblicato in olandese e ambientato in Olanda, solo per poi scoprire che in molte altre lingue (di sicuro italiano, inglese e tedesco) era stato stravolto con un'ambientazione americana e, apparentemente, altri stravolgimenti. Pare che fosse stato fatto con il consenso dell'autore, il quale affermava che i lettori americani si sarebero sentiti più vicini a una storia ambientata nel loro paese... WTF?? Tra l'altro, perché avrebbe dovuto essere così anche per i lettori di altre nazionalità?


message 3: by Patryx (new)

Patryx | 1040 comments Di quale libro si tratta? Vorrei essere sicura di non leggerlo... Queste alterazioni mi sembrano un'offesa per i lettori


Antonella Imperiali | 1264 comments HEX. La maledizione
https://www.goodreads.com/book/show/3...

In effetti ne abbiamo rimandato la lettura, per non leggere libri “diversi” nel Gruppo.


message 5: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Patryx wrote: "Di quale libro si tratta? Vorrei essere sicura di non leggerlo... Queste alterazioni mi sembrano un'offesa per i lettori"

Sono d'accordo con te. Riguardo al libro ti ha risposto Antonella :)


message 6: by Pao (new) - rated it 3 stars

Pao (pao_letta) | 728 comments Adeguamenti all'interno del romanzo o traduzioni infelici posso capirle ma avere dediche e citazioni diverse a seconda del paese per un libro è davvero strano.

Il libro è anche molto recente quindi non è plausibile neppure l'ipotesi edizioni rivedute e quindi con ripensamenti da parte dell'autrice.


message 7: by Giulia (new) - added it

Giulia | 2 comments Ciao a tutti, sono capitata per caso su questa discussione e in quanto traduttrice del libro, posso confermarvi che cambiare la dedica è stata una scelta personale dell'autrice, nell'edizione italiana come nelle altre ;)
Grazie per la lettura e la curiosità!


message 8: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Giulia wrote: "Ciao a tutti, sono capitata per caso su questa discussione e in quanto traduttrice del libro, posso confermarvi che cambiare la dedica è stata una scelta personale dell'autrice, nell'edizione itali..."

Grazie Giulia! Che bello poter dialogare direttamente con la traduttrice del libro :) Trovo la scelta dell'autrice molto bizzarra, ma deve aver avuto le sue buone ragioni. Magari una volta arrivata allo stadio di traduzione, dunque passato diverso tempo dalla stesura del libro e dalla pubbicazione originale, si è resa conto che preferiva dedicare il libro a qualcun altro.


message 9: by Pao (new) - rated it 3 stars

Pao (pao_letta) | 728 comments Giulia wrote: "Ciao a tutti, sono capitata per caso su questa discussione e in quanto traduttrice del libro, posso confermarvi che cambiare la dedica è stata una scelta personale dell'autrice, nell'edizione itali..."

Che onore veder intervenire in una discussione la traduttrice del romanzo!

Visto che sei stata così gentile da soddisfare il secondo quesito magari puoi svelarci anche il primo mistero: è stata l'autrice a voler mantenere nella dedica il termine spagnolo abuelo invece di tradurlo in italiano?

Grazie.


message 10: by Giulia (new) - added it

Giulia | 2 comments Ciao a tutti!
Sì, esatto, è stata una scelta precisa dell'autrice cambiare la dedica e, in particolare, nella dedica dell'edizione italiana, lasciare in spagnolo la parola "abuelo".
Non si tratta di ripensamenti, ma di scelte precise: Laia Jufresa è una scrittrice e artista poliglotta (parla e scrive correntemente in spagnolo, inglese, francese, e mastica un po' di italiano), e ha vissuto in molti paesi (Messico, Stati Uniti, Francia, Spagna, Germania, ora Regno Unito).
Ha deciso, a seconda delle lingue di dedicare il romanzo a persone diverse, che sono importanti nella sua vita in quel paese e in quella lingua, è tutto voluto, nulla è lasciato al caso.

È un piacere essere intervenuta, anzi, resto a disposizione per altre chiacchiere su questo o altri libri.
Grazie ancora e un saluto,
giulia


message 11: by Pao (new) - rated it 3 stars

Pao (pao_letta) | 728 comments Giulia wrote: "Ciao a tutti!
Sì, esatto, è stata una scelta precisa dell'autrice cambiare la dedica e, in particolare, nella dedica dell'edizione italiana, lasciare in spagnolo la parola "abuelo".
Non si tratta..."


Grazie mille Giulia per le risposte e per il tempo che ci hai dedicato.

Avere la possibilità di dialogare con chi lavora con e sui libri per renderli disponibili a noi lettori è sempre interessante.


back to top