pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti discussion

72 views
Tornei e giochi > Miglior romanzo italiano degli anni 2000: GIRONE Ф

Comments Showing 1-50 of 56 (56 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Catoblepa (last edited Apr 15, 2019 03:02AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3549 comments Mod
Penultimo dei tanti incontri con Mari, ancora una volta favorito. Lagioia e Zanotti dubito che rimangano a guardare, mentre Casadei mi è ignoto, se non per Romagna mia (ma era altro Casadei). Invitovi come sempre a presentarlo, se l’avete letto (finora gli inviti non è che siano stati accolti con grande sollecitudine, in realtà. Non siate timidi).

Termine votazioni: mercoledì 17, ore 14.00

Umberto Casadei: Il suicidio di Angela B..
Nicola Lagioia: Riportando tutto a casa
Michele Mari: Leggenda privata
Paolo Zanotti: Bambini bonsai


message 2: by flaminia (new)

flaminia | 250 comments se riportando tutto a casa passa il turno faccio una strage.
sapevatelo.


message 3: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3549 comments Mod
Io intanto voto così (non per evitare stragi eh, ma sinceramente):

Bambini bonsai 3
Leggenda privata 1


message 4: by Amaranta (new)

Amaranta | 403 comments flaminia wrote: "se riportando tutto a casa passa il turno faccio una strage.
sapevatelo."



sappi che per me ha funzionato.

Mari 3
Zanotti 1 (mi fido di @Cato)


message 5: by Cxr (new)

Cxr | 36 comments @flaminia: ti prego sii più esplicita, sulla qualità di "Riportando tutto a casa" intendo.


message 6: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3549 comments Mod
Sì, ha ragione Cxr: siate un po' più espliciti, non solo sui libri che vi sono piaciuti, ma anche su quelli che vi hanno annoiato, infastidito, non v'hanno lasciato nulla.
Fate dibattito, suvvia.


message 7: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2966 comments Mod
Cxr wrote: "@flaminia: ti prego sii più esplicita, sulla qualità di "Riportando tutto a casa" intendo."

Per me Riportando a casa è stata una lettura terrificante, di una noia mortale, mentre ho apprezzato moltissimo La ferocia, al punto che sembra scritto da un altro autore.


message 8: by Ubik (new)

Ubik 2.0 | 1229 comments Catoblepa wrote: "Sì, ha ragione Cxr: siate un po' più espliciti, non solo sui libri che vi sono piaciuti, ma anche su quelli che vi hanno annoiato, infastidito, non v'hanno lasciato nulla.
Fate dibattito, suvvia."


a me le motivazioni interessano soprattutto per i libri che sono piaciuti


message 9: by Karenina (new)

Karenina | 399 comments Mari 3
Lagioia 1


message 10: by Héctor (new)

Héctor Genta | 343 comments Zanotti 3
Lagioia 1


message 11: by lise.charmel (new)

lise.charmel (lisecharmel) | 1303 comments atterrita, mi astengo


message 12: by Amaranta (new)

Amaranta | 403 comments lise.charmel wrote: "atterrita, mi astengo"


pagheranno anche gli astenuti ;DD


message 13: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1891 comments Amaranta wrote: "flaminia wrote: "se riportando tutto a casa passa il turno faccio una strage.
sapevatelo."


sappi che per me ha funzionato.

Mari 3
Zanotti 1 (mi fido di @Cato)"


anche per me:

LaGioia 3
Mari 1


message 14: by Domenico Fina (last edited Apr 15, 2019 06:49AM) (new)

Domenico Fina (dfina) | 325 comments Qui non mi astengo. Ritengo Leggenda privata il miglior libro di Mari (benché io non sia un marista) e uno dei migliori di questi ultimi venti anni, per me secondo solo a La furia del mondo (2006) di Cesare de Marchi, che era il mio preferito, ma che ho lasciato a casa per candidare la brava Claudia Durastanti.
Leggenda privata come per molti libri di Mari, quelli di rammemorazione d'infanzia, è una mescolanza di blitz linguistici, ossessioni, libri letti e temuti, momenti panici, ricordi d'infanzia e di prima giovinezza straelaborati. Ma in Leggenda privata c'è qualcosa in più, è un libro ispirato, dolente, come se si stesse scrivendo l'ultimo libro senza pensare a chi lo leggerà e chi lo pubblicherà, come se volesse dire - e in effetti lo dice - fate di me ciò che volete, ciao, questo è tutto: c'è compassione di sé e di chi gli è vicino, c'è anche il guizzo di chi se ne frega di sembrare gradevole, in altre parole dice poco e niente di edificante riguardo ai suoi genitori, ma c'è serietà nel farlo, non c'è maniera, o meglio Mari ha trovato la maniera di piacere anche a me, che non sono un esatto marista.


Quindi:

Mari 3
Zanotti 1


message 15: by flaminia (new)

flaminia | 250 comments sarò più esplicita: riportando tutto a casa mi ha annoiato da morire, con l'aggravante della scrittura, definita (credo nei risvolti) "lenticolare" - e già una definizione del genere per quel che mi riguarda grida vendetta al cielo - e che io ho trovato semplicemente fastidiosa e indisponente.


message 16: by Ed Chigliak (new)

Ed Chigliak Mari 3, Casadei 1.


message 17: by Ed Chigliak (new)

Ed Chigliak Mari 3, Casadei 1.


message 18: by Tittirossa (last edited Apr 15, 2019 07:44AM) (new)

Tittirossa | 1839 comments Da una veloce lettura della sinossi di Umberto Casadei: Il suicidio di Angela B.., direi che non mi attira proprio per niente, ma niente niente.

La sinossi di Nicola Lagioia: Riportando tutto a casa a sua volta mi attira quanto un dito in un occhio, più o meno quello che preferirei piuttosto che leggere Michele Mari: Leggenda privata, così arriviamo a Paolo Zanotti: Bambini bonsai
e ho finito gli occhi.

Passo anche a questo giro.

(ma solo di infanzie derelitte in vario modo sanno narrare questi italici?)


message 19: by lise.charmel (new)

lise.charmel (lisecharmel) | 1303 comments ennò, io avevo candidato uno che non raccontava affatto di infanzie derelitte e non me lo avete votato. poi non venite a lamentarvi con me che vi fanno male gli occhi a furia di infilarci le dita


message 20: by Sarag22 (new)

Sarag22 | 201 comments Mari 3
Zanotti 1

Mari l'ho letto e mi è piaciuto moltissimo; l'altro mi ispira.


message 21: by Sarag22 (new)

Sarag22 | 201 comments "Riportando tutto a casa" è un bel titolo. E' vero che le storie di adolescenti o sono bellissime o sono orrende.


message 22: by I.Borsa (new)

I.Borsa (borsa) | 48 comments Mari 3
Casadei 1


message 23: by ferrigno (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Leggenda privata è ancora autofiction ma convincente, si becca i miei 3 punti. A lettura appena terminata ero molto perplesso, ma le immagini del padre e della madre, a distanza di mesi, sono ancora molto vivide. Scrittura molto evocativa, con qualche incursione nell'onirico e nel surreale, incursioni calibrate ed efficaci.

A Lagioia non darei neanche il punticino. A me non piacciono i personaggi stereotipati e in La ferocia ce n'è. Non amo lo stile "barocco" quando barocco vuol dire abbondanza di ipotassi e abuso di figure retoriche stucchevoli -e anche queste abbondano in La ferocia. Riportando tutto a casa non l'ho letto ma non mi fido.

Bambini bonsai: ho il forte sospetto che qui si abusi del genere distopico. Mi tengo alla larga da questo rischio.

Il suicidio di Angela B: lo voto per simpatia, mi piacciono i romanzi che sembrano rapporti di polizia, con quel materiale spurio raccolto e messo insieme in modo apparentemente casuale e la varietà dei registri stilistici.

Leggenda privata 3
Il suicidio di Angela B. 1


message 24: by Daniela (new)

Daniela (danielag73) | 96 comments Zanotti 3


message 25: by Marica (new)

Marica (wmarica) | 283 comments Mari 3
Zanotti 1


message 26: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3549 comments Mod
Daniela, mi serve anche un libro da un punto.


message 27: by cristina (new)

cristina c | 239 comments Mari 3
In grande difficoltà per quello da 1 punto, la raccolta di infanzie derelitte non mi attira affatto.
Nell'infanzia di Mari ( che anche quella i suoi problemi ce li ha...) c'è il tempo della rielaborazione e una compassione che avvolge non solo il bambino che fu ma anche gli adulti imperfetti che gli stavano intorno .
Leggendo i commenti agli altri tre libri ho invece l'impressione che l'infanzia sia trattata in maniera più manichea rispetto al mondo adulto e come esemplare di qualcosa che non mi interessa troppo sapere.
Alla fine poiché diffido dalle distopie e dalle stragi, voto con poca convinzione per
Casadei 1


message 28: by Susanna (new)

Susanna | 237 comments Mari 3
Casadei 1


la veglia dell'aceto | 150 comments non il miglior mari.
il miglior zanotti.

bambini bonsai 3
il suicidio di angela b. 1


message 30: by Marozzi (new)

Marozzi | 147 comments Zanotti 3
Casadei 1


message 31: by Ubik (new)

Ubik 2.0 | 1229 comments Leggenda privata 3 (l'ho proposto io nella fase preliminare, come potrei non votarlo...)
Riportando tutto a casa 1


message 32: by Daniela (new)

Daniela (danielag73) | 96 comments Catoblepa wrote: "Daniela, mi serve anche un libro da un punto."

Per forza?
Allora metto Mari 1


message 33: by Cxr (new)

Cxr | 36 comments Grazie @flaminia e @ferrigno che mi hanno facilitato la scelta tra quattro libri che non ho letto.
Mari 3
Casadei 1


message 34: by Chiara187 (new)

Chiara187 | 362 comments Nessuno, passo, non mi viene voglia di leggere niente


message 35: by Davide (new)

Davide | 117 comments Leggenda privata 3
Riportando tutto a casa 1


message 36: by Malacorda (new)

Malacorda | 612 comments Escludo Zanotti perché la distopia non è nelle mie corde - a meno che non si parli di Orwell o autori di quel livello lì.

Escludo Mari perché Mari non è nelle mie corde tout court.

Mi restano due sole corde (Lagioia e Casadei) ma per imparare a suonare l'igil ne devo ancora mangiare, di crostini... comunque mi butto:

Casadei 3
Lagioia 1


message 37: by Orne (new)

Orne | 88 comments Mari 3
Pur non amando il genere distopico, mi incuriosisce Bambini bonsai, per cui il mio punticino se lo aggiudica Zanotti


message 38: by Mar (new)

Mar Gherita | 56 comments Mari 3
Lagioia 1


message 39: by Héctor (new)

Héctor Genta | 343 comments Spiace per Zanotti, scrittore di razza riscoperto solo recentemente ma che avrebbe meritato un riconoscimento del suo talento quand'era ancora in vita. A mio avviso Bambini bonsai sarebbe stata un'opera più che degna di entrare in finale nella nostra sfida anche perché originale, diversa da tutte le altre, una specie di favola ricca di mille colori sul mondo dell'infanzia, scritta con cuore e stile. Non credo che si tratti di un romanzo distopico ma in fondo non è l'etichetta che ci si appiccica sopra a fare grande o meno un libro.
E questo è uno di quelli grandi.


message 40: by Orne (new)

Orne | 88 comments Un po' superficialmente ho parlato di distopico leggendo il post di Malacorda, e me ne scuso.
D'accordissimo con Hector Genta, non è l'etichetta a fare grande un libro e ora sono più che mai curiosa di leggere Zanotti.


message 41: by Frabe (new)

Frabe | 68 comments Mari 3 (convinto)
Lagioia 1 (poco convinto)


message 42: by Malacorda (new)

Malacorda | 612 comments D'accordissimo anche io, l'etichetta non conta anche perché non tutto è etichettabile e non tutto è riassumibile in un'etichetta - tuttavia, siccome si deve scegliere (nel torneo, nel mettere un libro in wl, o quando si fanno acquisti in libreria) è più che normale affidarsi al proprio fiuto e alle proprie sensazioni.


message 43: by ferrigno (last edited Apr 17, 2019 01:51AM) (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Héctor, in realtà quello che mi responge è l'accostamento della parola "bambini" alla parola "poesia". Mi rendo perfettamente conto della pochezza del (non) ragionamento, ma credo che questa modalità di scelta sia insita nella natura del gioco: questi sono libri sconosciuti ai più, non c'è modo di leggerli tutti prima di votare e ci si deve basare sui pochi commenti che si trovano in giro.

Insomma, se trovi che Zanotti meriti di più, adesso hai l'occasione di esprimerlo ;-)


message 44: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2966 comments Mod
Sarei tentata di passare anche io la mano, ma vado a sensazione e a quel poco che ho intuito da commenti e sinossi incrociando le informazioni con i miei pregiudizi di lettura (ed escludendo Lagioia che qui non mi è piaciuto affatto) :-)

Bambini bonsai, 3
Il suicidio di Angela B.., 1


message 45: by Ubik (new)

Ubik 2.0 | 1229 comments ferrigno wrote: "Héctor, in realtà quello che mi responge è l'accostamento della parola "bambini" con la parola "poesia". Mi rendo perfettamente conto della pochezza del (non) ragionamento, ma credo che questa moda...questi sono libri sconosciuti ai più..."
Il fatto che questi libri, o molti di essi, siano sconosciuti ai più è un rischio/vantaggio che abbiamo affrontato consapevolmente.
Da un lato c'è il vantaggio di poter riempire il proprio carniere di nuovi autori, libri, addirittura filoni che in seguito ognuno potrà centellinare o abbuffarsene secondo le proprie propensioni.
Sull'altro piatto della bilancia sta il fatto che molti voti vengono dati un po' a casaccio, sulla base di suggestioni, fobìe, curiosità o ambarabàciccìcoccò.
Personalmente cerco di spendere il meno possibile l'opzione del "voto alla cieca" limitandola alle situazioni (come questo girone) di cui voglio votare la prima scelta ma sulla seconda devo arrampicarmi sugli specchi; se invece non conosco manco uno dei quattro preferisco astenermi, ma è giusto che ognuno si comporti a modo suo.


message 46: by ferrigno (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
D'altro canto, Ubik, grazie a questo gioco ho visitato tantissime librerie, sentito nominare tanti autori (alcuni in lettura adesso) e be', mi sembra tanto.
Ad esempio, sto leggendo Falco. Piace anche a gente con gusti opposti ai miei (con alcuni di loro siamo in perenne confronto dialettico ;-), i commenti non mi ispirano, eppure lo sto leggendo e -sorpresa- mi sta incuriosendo e piacendo.


message 47: by LW (new)


message 48: by Héctor (new)

Héctor Genta | 343 comments @ferrigno: non mi sento di consigliare la lettura di Zanotti a tutti perché si tratta - a mio avviso - di un "irregolare", difficilmente incasellabile in qualche filone classico della letteratura.
Con Bambini bonsai riesce a trattare un tema abusato come quello dell'infanzia senza cadere nei luoghi comuni, con leggerezza e pesantezza al tempo stesso, mettendo in scena una specie di favola che sotto la superficie ha molto da dire.
A me è piaciuto molto e l'avrei visto bene anche più avanti nel torneo, ma capisco che a molti possa non interessare.


message 49: by Domenico Fina (new)

Domenico Fina (dfina) | 325 comments Héctor wrote: "@ferrigno: non mi sento di consigliare la lettura di Zanotti a tutti perché si tratta - a mio avviso - di un "irregolare", difficilmente incasellabile in qualche filone classico della letteratura. ..."

Hector, secondo me non esistono irregolari per un lettore vorace, quindi lo leggerò, anzi l'ho scaricato già come eBook :-) inoltre ho visto che anche a te è piaciuto molto "La furia del mondo" di De Marchi, e sebbene lo stile sia differente, anche quel libro tratta di bambini e adulti, e di un bambino che 'non ce la fa' a reggere la furia del mondo.


message 50: by Héctor (new)

Héctor Genta | 343 comments vero, Domenico. Considerando però che Bambini bonsai e La furia del mondo sono due romanzi che affrontano il tema dell'infanzia da due prospettive diverse e che anche stilisticamente sono agli antipodi (senza contare poi che in quello di De Marchi c'è molto di più della storia di un bambino).


« previous 1
back to top