Libri dal mondo discussion

36 views
Libri per ambientazione > Libri ambientati in Mongolia

Comments Showing 1-5 of 5 (5 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by Patryx (new)

Patryx | 176 comments Un'altra lista interessante a cui attingere! Grazie :)

Ho letto Yeruldelgger. Morte nella steppa ma non mi è piaciuto perché troppo superficiale nella descrizione della cultura mongola; ho trovato invece bellissimo Il totem del lupo (però è ambientato nella Mongolia cinese).


message 3: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 3051 comments Mod
Patryx wrote: "Un'altra lista interessante a cui attingere! Grazie :)

Ho letto Yeruldelgger. Morte nella steppa ma non mi è piaciuto perché troppo superficiale nella descrizione della cultura mon..."


Interessante, aggiunto in wishlist! Scrivendo questi post, sia grazie alle mie ricerche che alle vostre segnalazioni, la mia wishlist sta aumentando a dismisura :D

La Mongolia è una nazione che mi attrae moltissimo, mi piacerebbe tanto visitarla, però vorrei vedere la parte "rurale". Un mio amico poco tempo fa è andato a Ulan Bator e ha messo delle foto su Facebook, ma mi è sembrata una città decisamente troppo moderna per i miei gusti...


message 4: by Patryx (new)

Patryx | 176 comments Marina (Sonnenbarke) wrote: "Patryx wrote: "Un'altra lista interessante a cui attingere! Grazie :)

Ho letto Yeruldelgger. Morte nella steppa ma non mi è piaciuto perché troppo superficiale nella descrizione de..."


leggendo il libro di Yan Manook sembrerebbe che le due anime convivano: al centro una città occidentale, in periferia interi quartieri formati da yurte. Chissà se è effettivamente così, data la scarsa precisione del suo libro...


message 5: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 3051 comments Mod
Non mi stupirebbe che le due anime convivessero, penso che sia inevitabilmente così in molti paesi che hanno subito un'occidentalizzazione negli ultimi anni. Per esempio quando sono andata in Armenia, Yerevan è in tutto e per tutto una capitale occidentale, mentre appena esci dalla città sembra di stare in un mondo diverso; certo non a livello delle yurte, ovviamente, ma è un mondo montuoso, spirituale, naturale, che in città si avverte poco. Anni fa in viaggio conobbi una ragazza cinese che mi invitò a vedere "la vera Cina", ma non accolsi il suo invito perché è stata una conoscenza veramente fugace... ma capisco cosa volesse dire.


back to top