Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

La parte di Guermantes
This topic is about La parte di Guermantes
48 views
Chi non legge in compagnia... > GDL- I Guermantes - Alla ricerca del tempo perduto, di Marcel Proust

Comments Showing 1-50 of 82 (82 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Amaranta (last edited Jun 17, 2019 10:54AM) (new) - added it

Amaranta | 4241 comments

Eccoci al terzo volume del nostro caro e amato Marcel.
Il volume, nella prima pubblicazione diviso in due parti, ci apre i salotti della meravigliosa Parigi in cui Proust si addentrerà con il favore della famiglia di Guermantes. Conosceremo meglio personaggi che prima si sono solo affacciati, come Oriane, e ne incontreremo di nuovi, come il bieco barone di Charlus e scopriremo un accenno al famoso “caso Dreyfus” che divise non poco l’opinione pubblica dell’epoca.
Per le carenze di francese della sottoscritta e a beneficio di tutte coloro che di questa lingua non sono pratiche riporto un link utile per la perfetta pronuncia del cognome. :) https://www.comesipronuncia.it/pronun...
Sta a voi adesso, brave lettrici raccontarci che cosa succederà fra queste pagine e sezionare i pensieri di Proust alla luce delle vostre vite.
Buona lettura a tutte!


I SETTIMANA 22- 28 aprile – Parte Prima, Capitolo I fino al capoverso “ Saint Loup impiegava in ogni circostanza il verbo "fare" ;
II SETTIMANA 29 aprile – 5 maggio – continuiamo il capitolo I fino al capoverso “L’indomani mattina feci tardi, non trovai Saint Loup che era già partito per far colazione in quel vicino castello”;
III SETTIMANA 6-12 maggio – continuiamo il capitolo I fino al capoverso “ La signora di Guermantes si era seduta. Il suo nome, giacchè era accompagnato dal titolo, aggiungeva alla sua persona fisica il suo ducato che si proiettava attorno a lei e faceva regnare la freschezza ombrosa dei boschi di Guermantes in mezzo al salotto intorno al suo pouf.” ;
IV SETTIMANA 13-19 maggio – continuiamo il capitolo I fino al capoverso “ La signora di Villeparisis d’altronde era contenta solo per metà di ricevere la visita del signor di Charlus”;
V SETTIMANA 20-26 maggio – stringiamo i denti un po’ di più e completiamo il capitolo I della Parte prima, iniziamo la Parte Seconda completando il capitolo I;
VI SETTIMANA – 27 maggio -2 giugno - Capitolo II fino al capoverso “ Una sicurezza di gusto nell’ordine non del bello ma delle maniere, e che in presenza di una circostanza nuova faceva cogliere subito all’uomo elegante – come ad un musicista a cui si chiede di suonare un pezzo che non conosce – …. ;
VII SETTIMANA 3 giugno- 9 giugno - continuiamo il capitolo II fino al capoverso “ Di solito quelle belle comparse erano state le sue amanti ma non lo erano più ( come nel caso della signora D’Arpajon) o erano sul punto di cessare di esserlo ;
VIII SETTIMANA 10- 16 giugno – continuiamo il capitolo II fino al capoverso “ Dopo aver accompagnato la principessa di Parma, il signor di Guermantes prendendo il mio soprabito mi disse : - Vi aiuto a entrare nel vostro cappotto” .
IX SETTIMANA – 17- 23 giugno - fino alla fine del libro!

Per comodità ho diviso il libro in 9 parti, per permettere a chi vuole cominciare l’Ulisse di Joyce di riuscire ad incastrarsi per bene visto che l’ultima tappa è più breve delle altre e si aggancerebbe con la prima di Joyce. Dalla settimana n.5 c’è uno sfasamento nella mia versione di circa 10 pagine per arrivare alla chiusura del capitolo, tenetene conto nella divisione del vostro. Ho cercato di inserire capoversi con nomi di persona per cercare di riuscire a farvi orientare meglio questa volta, spero di esserci riuscita.
Se dovesse risultare troppo pesante sulla vostra edizione possiamo sempre rimodulare il tutto, fatemi sapere :)

Lettori III Volume : aconeyisland, Evi, gufo_bufo.
In stand-by : Amaranta, Engi, sofia.


gufo_bufo | 288 comments Grazie del tuo attento e premuroso lavoro. Ho preso diligente nota delle tappe.


Patrizia (patrizianiutta) | 966 comments Grazie @Ama😘


message 4: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments @gufo, @Patrizia prego ;)

con calma vedete se la divisione può funzionare anche per voi.


message 5: by Evi * (last edited Apr 08, 2019 05:21AM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments Grazie Amaranta (bravissima) che ti sei occupata ancora di noi superstite aggrappate ancora all'arduo scoglio proustiano che ci regala fatica e bellezza.


Susanna | 20 comments Ah, leggo ora le nuove tappe del terzo libro!
Bene, ho tempo per leggere altro nel frattempo.
Proverò ad essere puntuale all'appuntamento del 22 aprile.
Amaranta sei davvero un'ottima organizzatrice, grazie!


message 7: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments @Evi, @Susanna grazie a voi!


message 8: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Allora fanciulle state scaldando le dita? Fra poco si ricomincia!
Nel frattempo auguro a tutte una serena e Santa Pasqua, con tanto cioccolato!!!!
E se vogliamo accontentare il nostro Marcel, ad ognuna il suo uovo!




message 9: by gufo_bufo (last edited Apr 17, 2019 11:43PM) (new) - rated it 4 stars

gufo_bufo | 288 comments Le tue uova sono una vera meraviglia, e tanto più per me che sono diabetica e non posso quindi permettermi spanciate di cioccolato.

Sto preparando il tradizionale pranzo per tutta la famiglia, ma subito dopo Pasqua io e mio marito rubiamo una settimana da passare al mare da soli - o meglio, sarà un ménage à trois: io, lui e Marcel.

Nel frattempo, tanti auguri a voi!


Evi * | 87 comments Grazie @Amaranta, per avere una di quelle magnifiche uova di Fabergè venderei anche tutti i miei libri...
Devo anche confessare che ho già cominciato I Guermantes, non resisto senza Marcel...
Tantissimi auguri di Buona Pasqua a tutte voi care Proustiane!


message 11: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Eccoci dunque finalmente! Apro ufficialmente la PRIMA SETTIMANA di lettura del nostro amato Marcel. So che qualcuna ha già cominciato, qualche altra sta ancora a smaltire avanzi pasquali ma il momento è giunto! Buona lettura a tutte!!!




message 12: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments come siete silenziose, fanciulle in fiore. Come sta andando la prima settimana di lettura?


gufo_bufo | 288 comments Divoro, divoro. Ma davvero questo volume ha la fama di essere il più pesante della Recherche? Io mi sto perdendo nell'amore per la duchessa di Guermantes: "la pioggia scintillante e azzurra del suo sorriso" mi ha inebriato una sera a teatro, nella liquida semioscurità del palco abitato da dèi marini e tritoni barbuti, seduti su scogli di corallo...


message 14: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments bene...cominciamo ad animare la grotta...


message 15: by [deleted user] (last edited Apr 27, 2019 04:41AM) (new)

La fama di volume più impegnativo è dovuta allo stesso Proust: in una lettera all'editore ammette la snervante lentezza del suo incedere in questo terzo libro e promette che il lettore sarà ripagato da un quarto volume più lieve. Trovi la storia nella prefazione di De Maria.

Mi sono persa in altri libri* e in altri suoni**, cerco di riassestarmi nella routine proustiana nei prossimi giorni.
Grazie per le fabergè di cioccolata .)

* Glenn Gould e la ricerca del pianoforte perfetto  by Katie Hafner
** https://m.youtube.com/watch?v=Az9c8Sk...


gufo_bufo | 288 comments Grazie della tua risposta, aconeyisland: è che non ho l'edizione con la prefazione di De Maria. Continuo però a pensare che quanto a snervante lentezza gli altri volumi hanno assai poco da invidiare a questo...


message 17: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Oggi dovrei aprire la II settimana. Se avete bisogno di più tempo, fatemelo sapere.


message 18: by [deleted user] (new)

Per quanto mi riguarda, alza pure il sipario nei tempi stabiliti, ho recuperato qualcosa. Tra l'altro l'immagine del sipario era azzeccata per la prima settimana, eravamo a teatro (inseguendo duchesse).

@gufo: ho dato per scontato che avessi la mondadori. Ti lascio l'inizio della prefazione. Per ora sono d'accordo con te, in pesantezza è in linea con gli altri due. Vediamo di quanto sprofonda andando avanti.
----------------------------------------------------------
Dei sette libri che compongono la Ricerca, La parte di Guermantes è il più lungo e, per certi aspetti, alla lettura, il più impegnativo. La famosa e famigerata lentezza del narrare proustiano (peraltro, e per nostra fortuna, mai totalmente egemonica o esclusiva), la sua presunta mancanza di azione, la sua «morosità»*, sembrano accrescersi in questo libro, mettendo alla prova il lettore più agguerrito e più appassionato.
Di questo Proust era pienamente consapevole, come appare da una lettera che egli scrisse nel gennaio del 1921 al suo editore, Gaston Gallimard: «Dopo questo volume [Guermantes II e Sodoma I], la cui fine, del resto, annuncerà il seguito, saremo definitivamente sbarazzati dalle mondanità, dalle lentezze, ecc. (l’utilità delle quali, d’altra parte, verrà compresa più tardi) [...]» Con queste parole Proust intendeva affermare la necessità, l’obbligatorietà delle sue scelte narrative; ma al tempo stesso sembrava riconoscere il sovrappiù di sforzo al quale sottoponeva il lettore.

*Il termine «morosità» è ripreso da un celebre saggio di Ortega y Gasset: «Il fatto è che la musa di Proust potrebbe chiamarsi “morosità” e il suo stile consiste nello sfruttamento letterario di quella delectatio morosa che i Concili hanno così severamente punita» (Ortega y Gasset, Le temps, la distance et la forme chez Proust, in AA.VV., Hommage à Marcel Proust, Gallimard, Parigi 1927, p. 297).


gufo_bufo | 288 comments Sono in pari anch'io con la tabella di marcia, grazie, Amaranta!

E grazie anche a aconeyisland per la cortese citazione.


message 20: by Evi * (last edited Apr 29, 2019 12:32PM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments Ho trovato molto amabile la prima parte della tappa, l’adattamento alla nuova dimora nell’appartamento situato in una dependance di palazzo Guermantes, che regala una erotizzante contiguità con la razza (ornitologica) della nobile famiglia

Questa razza rimasta così isolata in mezzo a tutti gli altri esseri umani

L’immersione nel jet set teatrale dell’Opera de Paris, la mirabile descrizione della fauna umana che affolla il teatro: la platea con le sue file di poltrone dimora dei mortali, e invece i regali palchi che accolgono tritoni barbuti, semidei acquatici con il cranio levigato come un ciottolo su una spiaggia o nereidi che sbocciano, quel reciproco spiarsi digli spettatori attualissimo, dove ognuno guata l’altro, che sia dietro un occhiolino di vetro un monocolo o dietro una veletta che scende a proteggere gli sguardi femminili che penetrano come laser le toilettes delle vicine di poltrona.

La descrizione del teatro mi ha ricordato gli ospiti del Gran Hotel di Balbec che venivano osservati dal di fuori attraverso le ampie finestre come fossero specie ittiche in un acquario.
Le metafore marine, come le meravigliose metafore botaniche ( e come non citare uno dei più bei titoli di tutta la letteratura All’ombra delle fanciulle in fiore?), abbondano e deliziano.

Gli appostamenti da stalker che il giovane Marcel tende alla duchessa di Guermantes sono quasi comici, buffo nella sua affannosa ricerca di incrociarne lo sguardo per le vie cittadine

È vero che la mia mente era alle prese con qualche difficoltà, e la presenza del corpo di Cristo nell’ostia non mi sembrava mistero più oscuro di quel primo salotto del Faubourg situato sulla rive droite e di cui, dalla mia camera, potevo ogni mattino sentir battere i divani

E come al solito l’impatto con la realtà toglierà quell’aura di mistero che la distanza genera che sia la Chiesa di Balbec o la Berma che recita o,, tra qualche pagina l’ingresso nella regale dimora dei Guermantes

Invece l’ampia digressione dedicata al silenzio, ecco quella è stata un po’ defatigante.

E grazie per il contributo sulll'ammissione da parte dello stesso Proust della presunta maggior difficoltà di questo volume pubblicata da @Aconey e, come sempre, per l'ospitalità di @Amaranta.
👋👋


message 21: by Amaranta (last edited Apr 29, 2019 12:46PM) (new) - added it

Amaranta | 4241 comments allora apro ufficialmente la II settimana di lettura dei nostri Guermantes. Buona lettura ragazze!

ringraziatemi continuando a leggere ;) felice di vedervi ingranare!


gufo_bufo | 288 comments La seconda tappa copre quasi perfettamente la visita a Doncières che il giovane stalker fa nella speranza di ottenere da Saint-Loup qualche vantaggio nei confronti della duchessa di Guermantes.
Ho trovato estremamente confortevoli le pagine sul silenzio, sulle stanze dell'albergo di Doncières, sul sonno e sui sogni: è il Proust che abbiamo imparato a conoscere dal primo volume, quello che analizza in fino ogni trasalimento della percezione e che porta a confrontare con le sue le nostre esperienze.
Ci sono delle vette di stile che suscitano in me un'invidia verdognola, come ad esempio "l'acquasantiera rugosa dell'ostrica" o la descrizione della nonna vecchia e malata: "appesantita, involgarita, distratta mentre faceva vagare sul libro sguardi un po' folli, una vecchia abbattuta che non conoscevo".
Compare anche il grande tema dell'affare Dreyfus; e confesso che alla terza lettura devo andare, per la terza volta, a documentarmi sui personaggi. Perché so a grandi linee di che cosa si tratta, perché ricordo l'importanza di dichiararsi militaristi o nazionalisti - ma ricordare il ruolo interpretato dai vari Boisdeffre, Esterhazy e Picquart è più forte di me. Dovrò farmi un riassuntino da tenere in mezzo al libro.


message 23: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Come Proust faccio le ore grandi e apro la III SETTIMANA . Niente è come sembra, ma tutto è sempre uguale. Si prosegue nella lettura addentrandoci come fra le colonne della celebre finta prospettiva Borromini. Forza ragazze!!!



message 24: by Evi * (last edited May 07, 2019 07:42AM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments Seconda tappa.
Donciers sede della caserma dove è di stanza l’amico Saint Loup cui Marcel va a fare visita: lunghe discussioni fra amici commilitoni sull’arte della guerra, le strategie militari, rievocazioni di famosi comandanti, di battaglie che hanno fatto la storia, pagine che personalmente ho trovato un po’ faticose e a lungo protratte.

Nel frattempo Marcel diventa anche bugiardo per i suoi tentativi amorosi e chiede a Saint Loup ripetutamente e sfacciatamente e con varie scuse di essere presentato alla duchessa di Guermantes.
Pare che in questo terzo volume Proust dissemini il testo di anticipazioni sul tema dell’omossessualità che sarà portato alle estreme conseguenze solo nei prossimi, l'atmosfera nella caserma di Donciers ambiente unicamente maschile mi sembra una ottima introduzione, tra l’altro Saint Loup si mostra quasi geloso o irritato del successo dialettico che Marcel riscuote presso i compagni.

Compare l’affair Dreyfus, Saint Loup ne è a favore al contrario dei suoi commilitoni, sicuramente l’ambiente militare fu particolarmente scosso in Francia da un’accusa di alto tradimento.
Prosut nella Recherche, contrariamente alla realtà dove parteciperà alla petizione in favore della revisone del processo, non prenderà mai una posizione netta come anche nei confronti dell'antisemitismo, e sarà in tutti volumi piuttosto equivoco, forse per
ristabilire l’assioma che La Recherche, secondo le intenzioni programmatiche del suo autore, non vuole essere un romanzo autobiografico.


gufo_bufo | 288 comments E' vero, sembra che giochi a nascondino con se stesso.


message 26: by [deleted user] (new)

Sul giocare a nascondino con se stesso: avevo poi letto il saggio Proust l'anti-ebreo di cui vi parlavo dall'altra parte. Vi si racconta che se si vuole una testimonianza del dreyfusismo giovanile del Narratore bisogna rivolgersi al Jean Santeuil, nella Recherche non ne resta traccia in quanto Proust matura la consapevolezza che le sue posizioni garantiste non erano frutto di una reale convinzione ma di una semplice contingenza: maman era ebrea. Non fosse stato per la madre, sa che non avrebbe esitato a parteggiare per quell'ambiente culturale di cui voleva così tanto far parte e che allora era profondamente wagneriano. La sua fede giovanile gli appare quindi come una menzogna raccontata a se stesso, come un'ingenuità anche piuttosto volgare. Nella Ricerca lascia la posizione assolutoria per lo più a Saint-Loup o (più avanti) a Swann o ancora nelle mani di personaggi minori (ad es. Madame Sazerat) che non manca di punire ridicolizzandoli sottilmente. In tutto questo, rimane però la madre e l'amore e il rispetto nei suoi confronti fanno sì che Proust non possa nemmeno sbilanciarsi dalla parte opposta. Preso tra Arte e Madre, deve rimanere immobile. Come dite bene anche voi, gioca a sparire.

Per il resto: sto affrontando questo terzo volume in un modo che mi sembra appropriato all'autore e al contesto ovvero con mancanza di coinvolgimento e noia da salotto. Osservo Proust che osserva e guardo con distacco alla sua evoluzione adulta: stalker, molestatore, manipolatore, presunto genio, isterica prima donna, lingua tagliente e impietosa. Parimenti glaciale, salto senza riguardo dove il mio caro m'annoia (pagine e pagine di estetica strategia militare) e mi attardo là dove mi conviene (i giardini in fiore di Pigalle). Insomma, mi conformo allo spirito dell'opera.

Tutto il mondo è mauve e vi lascio una palette.



message 27: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments bello questo colore. Ho scoperto da poco che qui lo chiamano malvasia, da quando mia sorella l'ha scelto come colore base del matrimonio!!! ;DD


message 28: by [deleted user] (new)

Amaranta wrote: "bello questo colore. Ho scoperto da poco che qui lo chiamano malvasia, da quando mia sorella l'ha scelto come colore base del matrimonio!!! ;DD"

Marcel si è autoinvitato. Avverti tua sorella che ora ha un matrimonio proustiano :)


message 29: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments ne sarebbe estasiata, spero finisca al mio tavolo almeno!


message 30: by [deleted user] (new)

Averlo al tavolo è impegnativo. Se trascrivi la conversazione, i libri diventano otto. Sarà una giornata mauve e lunga.


gufo_bufo | 288 comments Averlo al tavolo dev'essere molto impegnativo: porta la conversazione solo sulle sue idee fisse, fa domande stupide, si dimostra privo di tatto, è snob e criticone. Chissà perché lo amo tanto.


message 32: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments oui...


gufo_bufo | 288 comments Terza tappa: nello stesso giorno, l'incontro con Saint-Loup e Rachel e la matinée Villeparisis. Certo che il tempo è incredibilmente elastico, nella Recherche: Marcel parte per Doncières alla fine dell'autunno, più o meno a novembre, e ne ritorna che è quasi primavera (non so se amo di più l'identificazione tra Firenze e Pasqua, o l'innamorata descrizione degli alberi di pero fioriti): ci ha passato tutto l'inverno, senza che io avessi percezione dello scorrere di tutto questo tempo. E in questa giornata, ci sta il viaggio fino al sobborgo dove abita Rachel, il ritorno a Parigi, il pranzo al ristorante, le prove al teatro, e poi ancora tutto il ricevimento da Mme Villeparisis: un programma da stroncare un alpino e il suo mulo, altro che un giovane cagionevole...


message 34: by [deleted user] (new)

Ho percepito anch'io un'alterazione nel Tempo, mi ha sorpreso soprattutto l'accelerazione nel segmento dedicato a Saint-Loup: dallo schiaffo al giornalista nelle quinte del teatro alla scarica di pugni all'omosessuale che lo abborda per strada Proust ingrana una discreta quarta. Non mi sembra sia mai andato così veloce, se lo ha fatto non l'ho rilevato. Stavo sonnecchiando sul sedile del passeggero, ho sobbalzato. Ritorno alla consueta andatura, il ricevimento nel salotto color lampone. Per ora sono qui.

Lascio stare Firenze, voto i peri fioriti (esplosi, disorientanti) di Pigalle, al momento la mia scena preferita.


message 35: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Stasera apro la IV settimana.


gufo_bufo | 288 comments aconeyisland: però, Firenze che ha qualcosa di pasquale e Pasqua che ha qualcosa di fiorentino...
La scena della reazione di Saint-Loup alle avances omosessuali è un accordo di introduzione a un tema che verrà indagato a fondo - sembra che in questo libro non succeda mai niente, e invece assistiamo a tragedie che neanche nella Bibbia.

Amaranta: grazie, come sempre.


message 37: by Amaranta (last edited May 14, 2019 02:12PM) (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Il tempo con Proust si dilata, si espande, si attorciglia su se stesso e si cristallizza. Andiamo avanti nella lettura, via alla IV SETTIMANA!



message 38: by Evi * (last edited May 18, 2019 09:59AM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments La matinée da madame di Villeparisis mi ha ammazzato (di noia), la verbosità di Norpois, Bloch con le sue gaffes, probabilmente è tutto funzionale a descrivere la vacuità snob della noblesse, da parte di Proust proprio lui che snob lo fu veramente.

La definizione di snobismo che dà il critico Adorno è perfetta lo snobismo, secondo il concetto che domina la Ricerca proustiana, è la presa di possesso erotica di dati di fatto sociali, lo snob è colui che erotizza la società così come il collezionista erotizza gli oggetti che colleziona, un po’ come accade oggi con i Vip o gli influencer dei social che vengono erotizzati, si aggiunge loro una valenza sessuale in-giustificata dal successo e dalla notorietà mediatica che hanno raggiunto.
Qualche elemento comico Norpois che prende un cilindro a caso (che poi è proprio il cilindro di Marcel) per far credere di essere appena arrivato mentre invece è uno “di casa” intimo (amante?) di Madamede Villeparisis. Poi ecco ricompare Madame Swann.
Voglio sperare che l'imminente ricevimento in casa Guermantes sarà un po' più brillante e vivace


gufo_bufo | 288 comments In tutta la Recherche, non mi ricordo nessuno più noioso di Norpois, grazie a Dio. Probabilmente la prosopopea di Norpois è un vero pezzo di bravura del talento di imitatore di Proust, ma mi riesce difficile apprezzarlo.

Perfetta davvero la definizione di Adorno.


message 40: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Come sta andando la lettura? Siete un po' silenziose. Se avete bisogno di più tempo per le tappe posso diluirle un po'.
Intanto apro la tappa della V SETTIMANA , ormai stiamo per superare la metà della nostra lettura.
Io vi aggiorno. Il matrimonio proustiano ha avuto luogo sabato, Marcel non si è presentato, ma ha mandato un caloroso messaggio di auguri nel suo stile perfetto. Peccato però avrebbe sciolto questo fiocco, fatto con le mie manine. Buona settima ragazze!!!




Evi * | 87 comments Grazie Amaranta, bravissima e che coperto raffinato degno di una serata a palazzo Guermantes :-)


gufo_bufo | 288 comments La tua solita eleganza!

Grazie dell'apertura della tappa. Io sono in pari con la tabella di marcia.


message 43: by Amaranta (new) - added it

Amaranta | 4241 comments Perfetto ragazze :) buona lettura allora :)


Evi * | 87 comments Anche io abbastanza allineata, sta morendo la nonna....


Patrizia (patrizianiutta) | 966 comments Ciao ragazze!
Mi dispiace tanto, ma ho avuto un blocco che mi ha tenuta lontana da libri e da internet.
Adesso è passato, ma per Proust è tardi. Vi seguirò da fuori 😊


gufo_bufo | 288 comments Che peccato!


message 47: by Evi * (last edited May 25, 2019 08:59AM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments Buongiorno ragazze dunque io sto procedendo a questo punto senza soluzione di continuità anche saltando le tappe perché la magnifica prosa di Proust mi ha riavvinto a sé dopo la matinée Villeparisis, quindi mi scuso se faccio delle anticipazioni ma a questo punto vedo che siamo rimaste veramente solo tre o quattro fanciulle in fiore a procedere nella lettura.

La parte dedicate alla malattia e poi alla morte della nonna sono di ineffabile bellezza e anche preciso realismo.
Constatato sempre di più come Proust abbia una conoscenza della natura umana nelle sue mille sfaccettature sorprendente, dà continuamente la sensazione di avere vissuto molteplici condizioni, relazioni, occasioni mondane e umane per poterle raccontare con una psicologia perfetta.

Del pranzo a Palazzo Guermantes mi ha sorpreso come sia così poco annunciato ci troviamo a casa dei Guermantes senza nemmeno accorgercene.

Un altro aspetto sempre sorprendente per un autore che fa pensare a pesantezza e seriosità è il suo lato comico, un aspetto che non è ovviamente la sua cifra stilistica, La recherche non sarà mai ricordata per fragorose risate leggendo, ma alcuni passaggi sono delle gag che mi rendono Marcel protagonista (non l'autore) molto più simpatico.

Mi riferisco per esempio a quando Marcel a Parigi va al ristorante con Saint Loup, obbligato ad entrare nel locale in anticipo e senza l'amico, oltretutto in evidente difficoltà a districarsi con la porta girevole, viene snobbato scortesemente dai camerieri che non riconoscono in lui un cliente abituale o un appartenente all'aristocrazia e lo relegano in un angoletto vicino alla porta di entrata che inoltre continua a chiudersi ed aprirsi riservandogli correnti fredde, per lui così cagionevole ai polmoni, per poi essere ricoperto di imbarazzanti attenzione appena capiscono di chi è ospite; oppure quando giunto a palazzo Guermantes invitato a pranzo si isola ad ammirare i quadri di Elisir appesi alla pareti per una buona ora e non si accorge che tutti stanno aspettando solo lui per poter sedersi a tavola, pare spesso sempre che viva in un mondo a sé ma nel contempo nulla gli sfugge.
Io proseguo con molta passione.


message 48: by gufo_bufo (last edited May 25, 2019 09:30AM) (new) - rated it 4 stars

gufo_bufo | 288 comments Io sto centellinando le pagine ed inframmezzando altre letture per seguire il calendario che ci eravamo dato. Ho finito con un certo sollievo la matinée Villeparisis, che per altro ha parecchi motivi rilevanti, e come sempre intimamente connessi col resto della narrazione:
- la scoperta dell'aristocrazia, che ovviamente appena Marcel le si accosta, subito si ridimensiona e perde il suo fascino. Così Madame de Villeparisis viene ridotta a Mme Thirion, e Oriane de Guermantes perde l'amaranto dell'ultima sillaba del suo nome.
- resta la passione per i nomi e la loro suggestione nella godibilissima pagina del principe Faffenheim-Munsterburg-Weiningen ("serbava nell'efficacia dell'attacco delle prime due sillabe, e nella balbettante ripetizione che le scandiva, lo slancio, l'ingenuità manierata, le pesanti "delicatezze" germaniche, proiettate come ramificazioni verdastre su quell'"Heim" di smalto azzurro cupo..."), eternamente e vanamente a caccia di un seggio all'Accademia.
- lo spirito Guermantes, ugualmente e diversamente incarnato nella duchessa ("Conoscete Les sept princesses? Io ne conosco soltanto una, ma questa mi ha tolto ogni curiosità di far la conoscenza delle altre sei") e nel barone di Charlus ("Gli risposi che Bloch era francese: 'Ah!' disse M. de Charlus 'credevo fosse ebreo.'")
- l'affare Dreyfus
- il caleidoscopio sociale
- i momenti comici già sottolineati da Evi: il gioco dei cappelli fra Marcel e Norpois prima, fra Marcel e Charlus poi, con l'orrenda gaffe sociale di Marcel che non ha capito come Charlus e il duca di Guermantes siano fratelli
- le avances di Charlus a Marcel.

Comunque, arrivare al racconto della malattia e della morte della nonna è stato davvero un sollievo. Me lo sto gustando goccia a goccia, dalla impietosa descrizione dei tre medici, all'episodio del nuovo attacco ai gabinetti degli Champs Elysés, ai cambiamenti della nonna visti da dentro e visti da fuori, alla devota crudeltà di Françoise, fino alla meravigliosa frase dell'epilogo: "La morte, come uno scultore del Medio Evo, l'aveva adagiata sul suo letto con l'aspetto di una ragazza".

Ma adesso il commento di Evi, che è già un po' più avanti, mi fa rinascere la voglia di ritrovare la fine di un altro amore, e casa Guermantes, e la meravigliosa descrizione dei quadri di Elstir, che conosco come se fossero veri...
E' vero, questo volume è pesantuccio: ma ce ne fossero, di libri pesanti così.


message 49: by Evi * (last edited May 25, 2019 09:39AM) (new) - rated it 4 stars

Evi * | 87 comments @Gufo la frase sulla morte della nonna l'avevo sottolineata anche io è bellissima,
ma d'altraparte come si fa con Proust...sul Kobo a tutt'oggi ho 70 annotazioni sottolineate, a furia di sottolineare mi sta venendo il tunnel carpale...


message 50: by gufo_bufo (last edited May 28, 2019 12:37PM) (new) - rated it 4 stars

gufo_bufo | 288 comments Sapessi la faccia che fanno mio marito e le mie figlie, ogni volta che gli rifilo una perla di saggezza proustiana, che neanche la nonna con Madame de Sévigné...


« previous 1
back to top