Goodreads Italia discussion

66 views
Off-Topic > La minaccia fantasma?

Comments Showing 1-6 of 6 (6 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018...

Davvero una minaccia per Amazon?


message 2: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2956 comments Mod
Mi assicurerò che il flame parta _SUBITO_

Al di là dell'articolo che sembra più uno spot promozionale dell'azienda che un articolo... Mi sembra che si tirino tante somme un po' troppo rapidamente: il mercato di pubblicazione ebook per dire non si divide tra soli due agenti sul mercato. In più la qualità di stampa dei libri di youcanprin.it, con quella carta bianca chimica da fotocopie, lascia molto da discutere per me.


message 3: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Rowizyx wrote: "Mi assicurerò che il flame parta _SUBITO"

Smithers, release the hounds...

Che sia una narrazione in stile Davide e Golia?


message 4: by Nazzarena (last edited Dec 18, 2018 10:47AM) (new)

Nazzarena | 2886 comments Mod
Pierre wrote: "Che sia una narrazione in stile Davide e Golia?"

Può darsi. La crociata tutticontroamazonbruttaecattiva non è cosa nuova. E oddio, non hanno tutti i torti, perché si sa che la posizione egemone sul mercato ammazza la concorrenza e livella verso il basso le condizioni dei lavoratori*. Però l'articolo odora anche un po' di marchetta. Non me ne voglia la signora Zetti, eh, ma più che dare l'impressione di imparzialità sembra il lancio per le novità previste per il 2019. Sicuramente sbaglio io.

Dette queste fregnacce, che non aggiungono nulla al dibattito, mi chiedo ancora una volta quanto serva davvero l'autopubblicazione nel panorama editoriale, perché è forte la sensazione che la percentuale di autori che vi ricorrono in quanto duri e puri che vogliono essere editori di sé stessi sia così minima, ma così minima da risultare trascurabile. E che venga sovrastata dalla marea di libri che non meriterebbero pubblicazione.

* è pur vero che
a) un operatore economico può provare a reinventarsi per sfuggire alla palla da demolizione della multinazionale, prima di piangere e
b) siamo in uno stato di diritto, mi pare, e volendo si potrebbe mettere fine allo sfruttamento con strumenti normativi e accordi sindacali


message 5: by Luca (new)

Luca Cresta | 158 comments l'articolo sembra veramente scritto da un pubblicista per Youcanprint. Comunque ben venga un nuovo editore, siamo in un regime di concorrenza. Posso testimoniare come i testi cartacei di Amazon siano veramente notevoli, come qualità dell'oggetto libro e come servizi logistici forniti all'autore. L'autopubblicazione è parimenti una strada di tutto rispetto, se fatta in modo professionale. Ci sono in Italia diversi esempi di autori "Indie" che si autopubblicano e che danno ai propri lettori testi che non hanno nulla da invidiare, anzi spesso sono decisamente migliori, sia nella forma che nel contenuto, rispetto a pubblicazioni gestite dalle CE tradizionali. Un esempio per tutti è il ricorso massiccio da parte delle CE più importanti a immagini di copertina comprate in rete (Shattershock su tutti) e di qualità veramente "abominevole". Certo, gli autori "indie" di qualità in Italia rappresentano una nicchia, ma lo stesso discorso vale per gli autori italiani di CE tradizionali in generale se li confrontiamo con quelli anglosassoni, francesi o spagnoli. Il problema è il mercato-stagno italiano dei lettori, di dimensioni insufficenti a sostenere e sviluppare gli autori veramente meritevoli. PS. Sono un lettore puro, no critico, no recensore, no blogger no niente, solo e semplicemente lettore.


message 6: by Elisabetta (new)

Elisabetta | 740 comments Amazon o Youcanprint, il problema non è quello, il problema è di cosa si pubblica, a mio avviso.

C'è un sito per l'autopubblicazione che fa stampare il libro solamente se raggiunge un certo numero di copie ebook vendute (se non ricordo male), poi ci sono diversi step, come l'editoria e la stampa cartacea.
in questo modo si eviterebbero maggiormente le schifezze in giro e il libro diventa auto-sostenibile.
se mi ricordassi quel benedetto sito, ve lo direi. appena vado a casa vado a vedere il libro che ho comprato pubblicato in quel modo.


back to top