Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

19 views
La Sfida dei desideri > LIBRO MASTER dicembre (5 punti): Nel caffè della gioventù perduta di P. MODIANO

Comments Showing 1-6 of 6 (6 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by miledi (new)

miledi | 2535 comments Già da qualche giorno ho finito questo libro, che mi è piaciuto molto (****), ma non mi riesce facile dire il perché.
In questo romanzo abbiamo una città (Parigi, il Quartiere Latino), un luogo (un bar, il Caffè Le Condé ), i suoi frequentatori abituali, e poi c’è lei, Louki, una donna sfuggente, misteriosa, che siede sempre da sola, in disparte, e che attira l'attenzione di tutti. Quattro voci narranti, quattro uomini, quattro punti di vista diversi rappresentano il tentativo di svelarne il mistero. Senza riuscirci.
Lo stile è molto particolare: non è importante la trama, e nemmeno lo scavo psicologico dei personaggi; l'ambientazione lo è un po' di più, ma non basterebbe da sola a spiegare il piacere che questa lettura mi ha dato. Modiano – tra passato e presente – ricrea atmosfere, evoca ricordi, sensazioni, così che Louki finisce per identificarsi con una breve stagione della vita, la giovinezza, e con una città che ormai non c’è più.
Malinconico, struggente.


message 3: by Acrasia (new)

Acrasia | 3594 comments L'ho iniziato anch'io, effettivamente come ha già detto miledi si capisce che di trama c'è ben poco, ma è molto evocativo e trasmette un senso di fugacità, di qualcosa di effimero.


message 4: by Acrasia (new)

Acrasia | 3594 comments Finito.
Un libro dall'ambientazione bohémienne in cui manca però quella spensieratezza che la rappresenta.
Non c'è speranza, non c'è futuro, i personaggi vivono un disadattamento sociale che li porta a non avere radici né legami, le persone che incontrano sono parte dell'ambiente in cui si muovono, sono parte dello sfondo come pezzi d'arredamento anonimi di cui si potrebbe notare l'assenza solo perchè il posto che occupavano ora è vuoto.
Il tutto gira intorno a Louki, una ragazza che ha colpito i diversi narratori per il suo essere inafferrabile, lei stessa narratrice ci fa partecipi del disagio in cui è vissuta.
Un libro che lascia tanta amarezza ma che racconta il mal de vivre in modo perfetto.


message 5: by Mickdemaria (last edited Dec 30, 2018 01:15PM) (new)

Mickdemaria | 882 comments Finito anche io.
In una parigi fumosa perché fumosi sono i personaggi che la popolano seguiamo le tracce di Louki, la ragazza misteriosa seduta al tavolino del caffè, la bohemienne spensierata, la moglie insoddisfatta, la figlia ferita... Quattro narratori si danno il cambio per cercare di decodificare il mistero di Louki, mistero che rimmarrà tale perché ...quando si ama veramente qualcuno bisogna accettare la sua parte di mistero.
Il mistero di Louki risiede nel suo essere elusiva, inafferrabile, sfuggente. E tale (forse) vorrebbe essere anche la prosa di Modiano che scivola sui personaggi, accenna ad episodi, si riversa liquida tra un narratore e l'altro senza mai incagliarsi, senza veri incidenti, fumosa come il Condè da cui tutto parte. Come il suo personaggio "Il Capitano" Modiano cerca dei punti fermi ai quali aggrapparsi, dei punti fermi che siano oggettivi, che si possano raccontare, che lo/ci aiutino ...a ricordare almeno un volto, di tanto in tanto, in quel flusso continuo di donne, uomini, bambini, cani che passano per poi perdersi nelle strade...
Per il mio gusto però non ci è riuscito. Nessuna empatia per i personaggi possibile, nessun vero interesse per la trama, uno stile che non mi ha affatto conquistato e che ho trovato, superfciale, vago e per niente coinvolgente. Non è il mio primo Modiano. Temo però che sarà il mio ultimo.
Voto: 5,5


message 6: by Acrasia (new)

Acrasia | 3594 comments @Mick io ho trovato la mancanza di empatia la vera forza del romanzo, Modiano a mio parere è riuscito nell'intento.


back to top