Michele Mari discussion

4 views
Testi su Michele Mari > "Scrivere significa tornare a giocare ai pirati": Michele Mari si racconta -- di Matilde Quarti

Comments Showing 1-2 of 2 (2 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Schnier (last edited Nov 30, 2018 07:05AM) (new)

Schnier | 184 comments Mod
“C’erano una volta otto scrittori che erano lo stesso scrittore”, scrive Michele Mari all’inizio di uno dei racconti contenuti in 'Tu, sanguinosa infanzia'. Si intitola, appunto, 'Otto scrittori', ed è un piccolo omaggio in forma narrativa alla letteratura d’avventura. Non solo; leggendo del disperato tentativo del protagonista di eleggere il miglior autore tra i suoi preferiti, ritroviamo quella che è la particolarità dell’opera di Mari, che, seppur riconoscibilissima per stile e tematiche, attinge da un vasto patrimonio letterario, lo cita, lo parodia, recuperandolo e trasformandolo.

Abbiamo incontrato Michele Mari, per intervistarlo sulla letteratura d’avventura, in occasione del Premio Bottari Lattes Grinzane, a cui ha partecipato con 'Leggenda privata', un’onirica caccia ai fantasmi del passato con cui Mari torna alla sua tematica d’elezione: l’infanzia. E l’infanzia, come ci racconta in questa lunga intervista, gioca un ruolo fondamentale anche nella letteratura d’avventura e fantastica, di cui Mari è grande appassionato ed esperto studioso, come dimostrano romanzi come 'Di bestia in bestia', 'La stiva e l’abisso', o 'Roderick Duddle' (tutti pubblicati da Einaudi), e i testi che compongono la poderosa raccolta saggistica 'I demoni e la pasta sfoglia' (il Saggiatore).


[...] PROSEGUIRE LA LETTURA QUI

(Pubblicato su ilLibraio.it il 12 novembre 2018)


message 2: by Schnier (last edited Dec 02, 2018 06:39AM) (new)

Schnier | 184 comments Mod
Mai banale, sempre eloquentissimo, il caro MM. Ho dovuto saltare a piè pari le parti riguardanti "Roderick Duddle", essendomi ancora volutamente sconosciuto. Sulle storie avventurose lette nell'infanzia o poco oltre, concordo pienamente, benché non possa vantare decine di titoli nei miei ricordi, forse un paio di manciate. E come non riconoscere l'assoluta verità circa la sanguinaria attitudine al discernimento che si acquista crescendo? Terribile. Più dei pirati, però, mi piacciono i mostri...


back to top