Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

21 views
La Sfida dei desideri > GDL: La luna è tramontata di J. Steinbeck

Comments Showing 1-27 of 27 (27 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments Oggi pomeriggio inizio 👍🏻👍🏻


message 3: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4784 comments Beh io sono proprio all’inizio! Mi ci vorrà un mese per leggerlo! Posso chiederti perché l’ hai scelto?


message 4: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments Oddio, è così brutto???
Io mi sono ripromessa di leggere tutti i libri di Steinbeck, quindi ho approfittato dell’incastro con la dei buoni propositi 🙄


message 5: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments Ho visto che aveva poche pagine e quindi pensavo fosse facile facile....


message 6: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4784 comments @emanuela!!! Ho sbagliato Gdl!!! 😂 pensavo fosse quello de La pietra di luna 😂😂😂😂


message 7: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments ti avrei dato comunque la stessa risposta 😬


message 8: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Ah-ah-ah, MonicaEmme!!! Però La pietra di luna io me lo ricordo bello!!!

Tornando a Steinbeck, io lo inizio più tardi. Non vedo l'ora!


message 9: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Attenti alle lune, questo mese ce ne sono a bizzeffe e la colpa è tutta mia 😁


message 10: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments 😂😂


message 11: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments LaCitty come va la lettura? All’inizio non capivo nulla, ora va molto meglio
Forti però sti norvegesi 😬


message 12: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Io ho letto il primo capitolo e un pezzo del 2°. Per me è una rilettura (ma lo ricordavo pochissimo, quindi...).
Più tardi scrivo qualcosa di più :)


message 13: by Acrasia (new)

Acrasia | 4328 comments A giorni vi raggiungo :)


message 14: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments Ho finito il libro, complice una giornata passata in ospedale per un piccolo intervento in day hospital di mio marito.
Questo il mio commento.

Breve, intenso, ricco di bellissimi dialoghi e soprattutto scritto con un linguaggio semplice, nonostante il tema della guerra potrebbe richiederne uno decisamente crudo e violento, ci parla di guerra senza mai parlare di sangue; un finale aperto, del resto la guerra non era ancora finita.
Una condanna alla guerra ed esaltazione di un popolo che non accetta la perdita della propria libertà e lotta incessantemente, nonostante l’evidente disparità delle forze in campo.
Il vero tema del romanzo non è la guerra, bensì i sentimenti che ne derivano: la libertà, la paura della morte, la nostalgia di casa, la necessità di compagnia.
Ci sono delle situazioni buffe che rendono i personaggi ingenui e un po’ bizzarri e che strappano un sorriso: il sindaco che si veste elegante per ricevere gli invasori e non sa se offrire vino o caffè; la cuoca che rovescia acqua bollente sui soldati perché entrano in cucina; il minatore che non vuol prendere ordini e si ribella a colpi di piccone.
Vedete, signore, nulla può mutare la situazione. Voi sarete disfatti e scacciati... I popoli non amano essere conquistati e per questo non lo saranno.
Un libro piccolo ma di grande contenuto.


message 15: by Ale (new)

Ale | 2872 comments Mi intrometto perché l'ho letto un po' di tempo di fa e mi era piaciuto molto; oltre a quello che dice giustamente Emanuela, ero rimasta molto colpita perché (view spoiler)


message 16: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Finito ora il cap. 4. Aspetto a leggere i vostri commenti perché così non mi rovino sorprese varie che si sono cancellate dalla memoria.
1^ considerazione: Steinbeck scrive meravigliosamente, lo sapevo già, ma è sempre un piacere ritrovarlo
2^ considerazione: il discorso del sindaco ad Alex è commovente, ma anche profondamente vero.
Chiudo e torno a leggere :)


message 17: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Finitoooooo. Me lo ricordavo bello, ma invece è proprio bellissimo.
Concordo con te, Emanuela, l'aspetto che colpisce di più del romanzo è quello umano e coma la guerra sia raccontata attraverso le azioni e le reazioni di soldati e cittadini.
L'episodio che mi aveva colpito già a suo tempo, è quello di Molly e di come Tolder speri che lei possa dimenticare quello che hanno fatto i soldati... a volte i maschi e in particolare i militari sono veramente inqualificabili...
Il discorso conclusivo del sindaco che riprende Socrate è commovente, un grande inno alla libertà. Bello bello!


message 18: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3462 comments Io, da grande ignorante di classici, mi son dovuta documentare per comprendere il senso della frase, non capivo infatti cosa c'entrava il gallo in tutto il discorso. :))


message 19: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
:))))


message 20: by Amaranta (last edited Sep 16, 2018 08:10AM) (new)

Amaranta | 4293 comments “Alle dieci e quarantacinque tutto era finito.” .
E’ così che Steinbeck comincia a raccontare di un’invasione che più che fisica è psicologica, di una guerra che non si vede ma si percepisce nelle coscienze, attraverso la paura, gli sguardi, i bagliori nella notte. Quest’idea di una guerra senza la guerra mi ha ricordato molto “ Il silenzio del mare” di Vercors, un piccolo testo di rara bellezza. Lì era solo silenzio. Qui i dialoghi solo veloci, di poche parole, frasi brevi e incisive che ci raccontano di un mondo che davanti alla morte si ribella. “Siamo tutti destinati alla morte e allora se morte deve essere meglio farlo da uomini liberi, con coraggio e a testa alta. Non c’è altro scampo”. E’ questo il pensiero degli abitanti del villaggio occupato. Un atto chiaro, come una dichiarazione d’intenti dà l’avvio a quella che è una resistenza silenziosa che avvelena lentamente l’invasore.
“Tu farai del popolo un uomo solo” .
E quel veleno diventa paura, odio, voglia di tornare ad essere un uomo e non più un soldato e li sfianca. Il popolo si piega ma non si abbatte.
“I popoli non amano essere conquistati e per questo non lo saranno. Gli uomini liberi non possono scatenare una guerra, ma una volta che questa sia cominciata possono continuare a combattere nella sconfitta”.
Il sole sta tramontando quando Socrate dice: “ Critone debbo un gallo ad Asclepio, ti ricorderai di pagare il debito?” Asclepio è il dio guaritore. Socrate sta andando incontro alla morte a testa alta, fiero del suo pensiero. E’ in debito con il dio, perché neanche la morte vince sul suo spirito che rimane saldo, guarito.
La luna è tramontata quando Socrate muore.
Una lettura densa, intensa. Uno Steinbeck di livello che porta il lettore ad interrogarsi sulla coscienza comune, sullo spirito, sulla libertà. Una lezione dal conquistato al conquistatore. Dal debole al forte.


message 21: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Bellissimo commento. Condivido tutto... tranne il fatto che gli ha dato "solo" 4* :))


message 22: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments io e John abbiamo un rapporto di amore e odio. Lui lo sa e stiamo tranquilli così. ;)


message 23: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11571 comments Mod
Povero John... per quanto un paio di suoi libri li ho cordialmente odiati anche io.
La maggior parte però, l'ho adorata ^^


message 24: by Acrasia (new)

Acrasia | 4328 comments Finalmente l'ho iniziato e ritrovare Steinbeck è molto piacevole.
La sua scrittura mi fa stare bene, uno stile pulito ed incisivo che tiene attaccati alle pagine.


message 25: by Acrasia (new)

Acrasia | 4328 comments Finito, e ora da che parte comincio? Io mi sono commossa praticamente su tutte le pagine!
All'inizio, oltre ad avere una gran voglia di prendere a calci Corell ho sorriso mentre la cuoca gettava acqua bollente sui soldati.
Poi di fronte a personaggi così spessi e profondi quali il sindaco e il colonnello Lanser mi sono arresa, e chi ce l'ha più fatta a leggere come se fosse un libro qualunque?
Due figure così integre e così consapevoli del proprio dovere poste una contro l'altra ma così vicine.
La parte che più mi ha colpito è stata quella relativa al lento crollo della sicurezza dei soldati che desiderano soltanto essere considerati almeno un pochino e invece sono circondati da tanta freddezza.
Mi hanno fatto proprio pena anche se erano i cattivi, gli invasori, ma la guerra è questo: disumanizzare l'uomo e farlo diventare soldato e obbedire agli ordini anche se non si è d'accordo.

Unico difetto dell'edizione che ho letto, una Mondadori vecchissima, è l'italianizzazione dei nomi: passino Annetta la cuoca e Sandro il fucilato ma Mariuccia per la vedova no!! Mariuccia...


message 26: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments anche io avevo Mariuccia.... :DD


message 27: by Acrasia (new)

Acrasia | 4328 comments A proposito dei personaggi secondo me la parte del dottor Winter non è da sottovalutare, all'apparenza una figura secondaria ma in realtà una buona spalla per il sindaco.

E poi condivido l'apprezzamento di Emanuela per la delicatezza di Steinbeck nel raccontare la guerra senza descrivere per forza scene cruente.

L'ho scoperto tardi ma adoro quest'uomo! :D


back to top