Goodreads Italia discussion

172 views
Giochi & Sfide > La parola del mese: settembre 2018

Comments Showing 1-50 of 68 (68 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Ogni mese verrà scelta una parola: chi partecipa a questa "sfida" dovrà leggere almeno un libro che la contenga nel titolo.

Es.: CANE
Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte
Cane mangia cane
Cuore di cane
ecc.

Ovviamente vanno bene anche le stesse parole ma tradotte in lingue diverse o al singolare/plurale, maschile/femminile, ecc.

Verso l'inizio del mese fra i partecipanti verrà estratto a sorte il nome di chi sceglierà la parola successiva. Per far scegliere un po' tutti, partecipano all'estrazione solo gli utenti che ancora non hanno mai scelto.

Chiaramente, cerchiamo di non scegliere parole troppo astruse, per non rendere "impossibile" la ricerca e il reperimento del libro, o parole già scelte (la lista delle parole già usate è in fondo al post).

La parola di settembre (scelta da Filippo) è: RICORDO

Anche stavolta ci sono possibilità davvero per tutti i gusti. Alcuni esempi?

Parla, ricordo by Vladimir Nabokov Intenso come un ricordo by Jodi Picoult Ricordi di un vicolo cieco by Banana Yoshimoto La ragazza senza ricordi by C.L. Taylor Ricordi dal sottosuolo by Fyodor Dostoyevsky Ricordi by Francesco Guicciardini

Parole già usate (in ord. alfabetico): ACQUA (Barbara V., feb. 2015), ALTROVE (Mar, lug. 2017), AMICO (☆Roberta☆, gen. 2014), AMORE (Ingrid, mar. 2016), ARIA (Klara, dic. 2015), BAMBINO (Anna [Floanne], mag. 2014), BARCA (Andrew, nov. 2014), BIANCO (Claudia, giu. 2018), BOSCO (Roberta, feb. 2013), BUGIARDO (Elena, mar. 2014), BUIO (Gaetano, nov. 2015), CAFFÈ (Bi, ago. 2017), CASA (Elisa, mar. 2013), CASO (Talia, mag. 2018), CASTELLO (Stefano, apr. 2017), CITTÀ (Yukino, mag. 2016), CUORE (Veronica, giu. 2016), DANNATI (Nunzia, gen. 2017), DELITTO (Diabolika, ago. 2015), DESERTO (Andrew, ago. 2014), DESTINO (Je, mar. 2017), DIARIO (Sara, feb. 2016), DIVERSO (Leady, apr. 2014), DONNA (Roberta - ロバータ, apr. 2013), DUE (Mss Streetlamps, dic. 2017), FIGLIO (Lu, gen. 2016), FINE (Erika, dic. 2014), FUOCO (Rowizyx, set. 2016), GIORNO (nov. 2012), GRANDE (Serena, mar. 2018), ISOLA (Moloch, sett. 2012), LETTERA (Eleonora, mag. 2015), LIBRO (Silviia, lug. 2014), LUCE (Alessandro, dic. 2016), LUNA (Andrew, ott. 2013), LUPO (Rowizyx, ott. 2014), MAESTRO (Bruna, ott. 2015), MARE (Rosanna, apr. 2015), MASCHERA (Klara, set. 2014), MISTER (Anastasia, ott. 2012), MONDO (Caraliotiscrivo, giu. 2013), MUSICA (Abc, gen. 2018), NEVE (Antonella, apr. 2018), NOTTE (Ylyth, ott. 2016), NUMERO (Mirrordance, giu. 2014), OCCHIO (*Giulia*, gen. 2013), OCEANO (Simona, giu. 2017), PAURA (Emma, nov. 2016), PERDUTO (Lilirose, feb. 2017), PICCOLO (Giorgia, mar. 2015), PIOGGIA (Feseven, giu. 2016), PRIGIONIERO (Emanuela, nov. 2017), RAGAZZ* (Nazzarena, ago. 2016), ROSSO (Stefania, set. 2013), SABBIA (Antonio, ago. 2013), SCARLATTO (Je, dic. 2013), SEGRETO (Teresa, apr. 2016), SIGNORE (vedi sopra, "Mister"), SOGNO (Fran, giu. 2015), SOLITUDINE (Simona, lug. 2018), SPIAGGIA (Stefania, ago. 2018), STELLA (Micol, lug. 2013), STREGA (Rolly, lug. 2015), TEMPO (Mirrordance, mag. 2017), TERRA (Giordk, gen. 2015), TUTTO (Tatiana, ott. 2017), ULTIMO (Phuong, nov. 2013), VACANZA (Diabolika, set. 2017), VENTO (Cristina, feb. 2018), VERITÀ (Corinna, set. 2015), VIAGGIO (Kua, feb. 2014), VITA (dic. 2012), VOCE (Paola, mag. 2013)


message 2: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
La "parola del mese" è un gioco, più che una sfida. Le regole sono poche e semplici: un utente estratto a caso sceglie una parola (non scelta in precedenza e possibilmente comune) e chi vuole partecipare legge un libro che la contiene nel titolo. Fra i partecipanti del mese precedente (che hanno finito il libro entro il mese) viene scelto il prossimo che proporrà la parola per il mese successivo: se c'è qualcuno che non è ancora mai stato estratto, ha la "precedenza" (abbiamo optato per questo sistema perché tocchi un po' a tutti).

La scelta del libro è libera: c'è chi usa questo gioco per smaltire la lista dei to-read pescando fra i tanti i libri che casualmente contengono la parola, e chi invece si butta su libri sconosciuti e interessanti scoperti proprio grazie alla parola del mese. Entrambe le interpretazioni, ovviamente, vanno bene: l'importante è leggere e divertirsi.

Non ci sono squadre e non ci sono punti. Non è necessario "iscriversi" e non bisogna partecipare tutti i mesi (se si salta un mese non si è eliminati). Finendo il libro entro il mese in corso si può partecipare alla successiva estrazione, ma se non si riesce non si è eliminati dal gioco (non è una gara).
È utile (per me) se segnalate con un post nella discussione quando avete letto e finito il libro. Non è obbligatorio mettere anche un commento, ma è gradito. Naturalmente se li conoscete potete segnalare qui agli altri libri che vi sentite di consigliare con la parola del mese nel titolo.

L'estrazione dell'utente che sceglierà la parola viene fatta in genere nella prima metà del mese precedente (ad es. a metà giugno si estrae, fra chi ha partecipato a maggio, il nome di chi sceglie la parola di luglio): questo perché ci sia un po' di tempo per pensare la parola, che può essere comunicata direttamente qui dall'utente "vincitore" in genere nella seconda metà del mese, non proprio agli ultimi giorni così tutti hanno il tempo di scegliere e trovare i libri.

Buon divertimento!


Antonella Imperiali | 1418 comments Leggerò Il rumore dei ricordi di Maria Venturi, libro edito nel 1997, storia di destini al femminile.


message 4: by Ily (new)

Ily | 424 comments Buongiorno e buon weekend!! Per questo mese leggerò "Ricordi di un vicolo cieco" della Yoshimoto, che consiste in una raccolta di racconti.


message 5: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 315 comments Leggerò anche io il libro della Yoshimoto 😁


message 6: by Arybo ✨ (new)

Arybo ✨ | 173 comments Ciao!
Io leggerò Una ragazza senza ricordi, libro di Frances Hardinge, di cui avevo letto L’albero delle bugie. Di lei mi aveva impressionato lo stile di scrittura ricco e inquietante al tempo stesso.

Buon weekend. 😊


message 7: by Anastasia (new)

Anastasia (universe_beats) | 282 comments Per la parola di Agosto ho avuto qualche intoppo con la biblioteca e ritarderò un po', ma per Settembre tutto regolare: leggerò I ricordi di Marco Aurelio.


message 8: by Filippo (new)

Filippo (filippo_90) | 84 comments Io sto leggendo PARLA, RICORDO di Nabokov: è abbastanza pesante, ma per ora reggo bene e mi sta piacendo.


message 9: by Talia (new)

Talia | 299 comments @Arybo ti copio spudoratamente (spero non ti dispiaccia) e scelgo anch'io Una ragazza senza ricordi.
Non conosco l'autrice ma leggendo la trama mi sono sentita subito catturata e mi è venuta voglia di saperne di più di queste due sorelle...sembra proprio il genere di libro che mi piace!


message 10: by Ilaria (last edited Sep 02, 2018 01:51PM) (new)

Ilaria (gold_rathian92) | 78 comments Mi "accollo" anche io con Una ragazza senza ricordi!


message 11: by Francesco (new)

Francesco Colucci | 71 comments Ricordi dal sottosuolo traduzione Landolfi


Antonella Imperiali | 1418 comments Finito Il nero e l'argento di Paolo Giordano.
Bello. Straziante, doloroso quanto un pugno nello stomaco, ma bello!
Ora ho cuore piccolo piccolo... 💔


message 13: by Ginevra (last edited Sep 04, 2018 04:50AM) (new)

Ginevra Scarcia | 13 comments Io leggerò Ricordi di apprendistato, l'autobiografia di uno dei più grandi matematici del Novecento: André Weil


Antonella Imperiali | 1418 comments Scusate... Ho sbagliato topic... 😅


message 15: by Francesco (new)

Francesco Colucci | 71 comments Ginevra wrote: "Io leggerò Ricordi di apprendistato, l'autobiografia di uno dei più grandi matematici del Novecento: André Weil"

Titolo davvero molto interessante


message 16: by Ginevra (new)

Ginevra Scarcia | 13 comments Francesco wrote: "Ginevra wrote: "Io leggerò Ricordi di apprendistato, l'autobiografia di uno dei più grandi matematici del Novecento: André Weil"

Titolo davvero molto interessante"


Mi aspetto grandi cose :)


message 17: by Georgiana (new)

Georgiana 1792 | 1335 comments Ho cominciato La musica segreta dei ricordi, una di quelle historical fiction con più trame che si intrecciano e che poi sicuramente si incontreranno alla fine. Per ora parla di una donna cilena che è fuggita in Svezia dalla dittatura di Pinochet, una famiglia di ebrei francesi fuggiti in Perù durante la seconda guerra mondiale di cui il figlio maggiore ha studiato psichiatria e attualmente si trova in Svezia e una bambina finlandese data in adozione durante la seconda guerra mondiale (quando aveva due anni), sempre in Svezia.


message 18: by Je (new)

Je | 467 comments Io parteciperò con Istanbul: I ricordi e la città.


message 19: by Shardangood (new)

Shardangood | 2145 comments Je wrote: "Io parteciperò con Istanbul: I ricordi e la città."

Sono stato a Istanbul due settimane fa, avrei voluto leggere qualcosa del genere durante la mia permanenza.


message 20: by Je (new)

Je | 467 comments Shardangood wrote: "Je wrote: "Io parteciperò con Istanbul: I ricordi e la città."

Sono stato a Istanbul due settimane fa, avrei voluto leggere qualcosa del genere durante la mia permanenza."


Non è mai troppo tardi per recuperare un buon libro.


message 21: by Georgiana (new)

Georgiana 1792 | 1335 comments Finito La musica segreta dei ricordi. Credevo fosse uno di quei romanzoni d'amore e superficiali e con il lieto fine, ispirato a La casa degli spiriti di Isabel Allende, in cui la questione dei desaparecidos sotto Pinochet veniva trattata molto superficialmente, invece mi sono ricreduta, perché, per quanto si percepisca comunque che l'autrice è estranea alla situazione, che non l'ha vissuta in prima persona, comunque il dramma di una famiglia che ha patito il rapimento di uno dei suoi membri e che decide - dopo aver avuto l'enorme fortuna di vederselo restituito - di ricominciare chiedendo asilo politico in un'altra nazione viene affrontato con grande pathos.
E la sofferenza di Octavio, Salomè e i loro figli non è l'unica di questo romanzo. Ci sono storie di diverse sofferenze che si intrecciano con le loro, storie che lasciano un macigno sul cuore. Quindi, malgrado ci sia un lieto fine, questo arriva dopo enorme patimenti, facendoci intuire che la strada da percorrere sarà ancora durissima.
Il titolo e la cover italiana sono dunque molto fuorvianti (non che quello inglese - Swedish Tango - sia particolarmente più indicata, secondo me), perché sembra quasi voler evocare qualcosa di dolce, mentre per Salomè la musica è, letteralmente, una tortura che le evoca ricordi orribili.


message 22: by Mirrordance (new)

Mirrordance | 182 comments Quasi finito La figlia dei ricordi. Per ora, a meno di stupefacenti colpi di scena, non mi ha preso. Una storia tra due epoche e tra due mondi distanti, a cavallo tra la Seconda Guerra Mondiale e l'olocausto ed una America che combatte l'immigrazione clandestina. Non amo storie romanzate di quell'epoca e sono prevenuta. Questo libro non scioglie le mie prevenzioni e stride se penso ad un brano musicale "Different Treins" di Steve Reich che in modo differente confrontava gli stati uniti e la Germania nella stessa epoca... ma era una storia diversa. errore mio di scelta ma anche qualche pensiero se considero le recensioni e l'accoglienza del pubblico tanto entusiasta.


Antonella Imperiali | 1418 comments Finito Il rumore dei ricordi di Maria Venturi. Una storia un po' scontata, ma ben raccontata, soprattutto per quel che riguarda le difficoltà della convivenza contro le difficoltà della solitudine.


message 24: by Arybo ✨ (new)

Arybo ✨ | 173 comments Iniziato Una ragazza senza ricordi di Frances Hardinge
(https://www.goodreads.com/book/show/3...). Si avvicina il periodo di Halloween, a quanto pare. 😏


message 25: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Iniziato The Private Memoirs and Confessions of a Justified Sinner: lettura interessante, dal sapore veramente un po' "antiquato", ma vediamo. Non lo inserisco nel mio Goodreads perché l'ho preso in prestito. Dovrebbe essere un romanzo gotico, eppure ci sono anche pezzi un po' buffi (non ho ancora capito se volutamente o meno). È soprattutto un testo polemico contro la dottrina della predestinazione calvinista, tema che forse oggi come oggi è meno scottante di quanto fosse all'epoca della prima pubblicazione, però è interessante la figura di questo protagonista che (view spoiler).


message 26: by Stefania (new)

Stefania | 214 comments Finito Io muoio, ma il ricordo vive. Un'altra battaglia contro l'Aids, di Henning Mankell, straziante testimonianza sull'Aids, tutt'ora piaga dell'Africa. Mankell ci parla dei Memory Books, libricini che i malati di aids scrivono per i figli perchè abbiano in futuro qualche ricordo dei genitori morti spesso troppo presto e ci allega quello che Christine ha scritto per la figlia decenne Everlyn. Straziante ma scorrevole.


message 27: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Ecco qui i partecipanti di agosto:

Antonella
Talia
Georgiana *
Roberta
Imma72 *
Serena
Ilaria *
Diabolika
Paola *
Gaetano
Ily *
Abby *
Mirrordance
Francesco *
Emanuela
Stefania
Anastasia

I nomi con * sono quelli che non hanno mai scelto la parola finora: tra loro farò l'estrazione.


message 28: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Ecco il nome estratto per ottobre:

ABBY

Quando avrai pensato alla parola, scrivila pure qui. Grazie!


message 29: by Moloch (last edited Sep 16, 2018 02:38AM) (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Nel frattempo, io ho finito il mio libro per settembre: The Private Memoirs and Confessions of a Justified Sinner.

Uscito nel 1824, è un libro veramente strano: parte romanzo gotico con tutto l'armamentario tradizionale, parte "thriller" (uso un termine decisamente anacronistico) psicologico, parte pamphlet anticalvinista, e tanto per abbondare presenta anche bizzarri momenti "comici" (che in genere vedono protagonisti popolani scozzesi rudi ma buoni, che parlano un dialetto quasi incomprensibile) e satirici, che uno non si aspetterebbe di trovare nel bel mezzo del dramma.

La storia, ambientata nella Scozia dell'inizio del '700, ha come protagonista un giovane nobile scozzese che la madre e il consigliere spirituale di lei (che forse è anche il vero padre del ragazzo) crescono dandogli un'educazione rigidamente e fanaticamente calvinista; il giovane si convince quindi che gli eletti predestinati da Dio alla salvezza tramite la sua grazia non possono peccare, o meglio sono al di sopra della morale, e qualsiasi azione da essi compiuta non cambierà comunque l'immutabile verdetto divino. Consigliato da un misterioso amico (il diavolo? O un parto della sua immaginazione?) che inizia ad accompagnarsi costantemente con lui a partire dal suo diciottesimo anno di età, quindi, compie una serie di delitti, a cominciare dall'odiato fratellastro, convinto di stare compiendo l'opera divina eliminando peccatori destinati alla dannazione eterna, e che comunque qualunque sua azione è intrisecamente giusta perché lui è uno degli eletti.
Colpisce la struttura del libro, per certi versi assai moderna e "sperimentale": gli eventi sono narrati 2 volte, la prima volta da un narratore che riferisce alcuni fatti che la tradizione vuole avvenuti cento anni prima, e infine dal protagonista stesso, grazie ai "ricordi" del titolo il cui testo viene scoperto nella sua tomba (e che il narratore di prima sta pubblicando... che poi questo narratore non è Hogg, perché H. compare come personaggio a un certo punto... insomma una serie di incastri molto strani). Chiaramente è questa narrata dall'assassino in prima persona la parte più interessante, in cui si assiste alla fascinazione e i dibattimenti del protagonista con questo "amico tentatore", ai suoi tentativi falliti di liberarsene, alla sua disperazione finale. In termini attuali la chiameremmo una storia narrata dal "serial killer" coi suoi demoni interiori.
Mentre la concezione e la struttura sono assai originali, l'esecuzione ogni tanto mi è sembrata un po' impacciata, Hogg non mi sembra un grandissimo scrittore (questa è l'unica sua opera che ha superato la prova del tempo) e soprattutto è un po' contraddittorio il modo di presentare questo "doppio", sembra che l'autore non sia stato capace di decidere se è reale, e quindi è il diavolo (altre persone lo vedono), o se è la mente malata di Robert ad averlo creato. La seconda possibilità sarebbe stata di gran lunga più interessante per noi moderni, la prima invece offre qualche brivido autenticamente "gotico", ma per certi versi mina un po' l'assunto del libro perché, in un'opera che vuole criticare la dottrina calvinista della predestinazione, paradossalmente sembra che Robert sia "predestinato al male". Questa ambiguità di fondo, insomma, invece che aggiungere mistero alla storia, mi è sembrata un difetto.


message 30: by Ilaria (new)

Ilaria (gold_rathian92) | 78 comments Ho finito Una ragazza senza ricordi. La storia, riguardante i changeling e il popolo delle "fate", mi è piaciuta, così come mi è piaciuto il modo in cui l'autrice abbia inserito le informazioni senza ricorrere agli spiegoni. I personaggi sono stati ben approfonditi e la lettura è stata piacevole, anche se le descrizioni molto lunghe hanno spezzato il ritmo in modo abbastanza fastidioso.
In generale mi ha soddisfatta, 3 stelle e mezzo meritate!


message 31: by Je (new)

Je | 467 comments Ho finito Istanbul: I ricordi e la città, un libro di una profonda tristezza e malinconia quella che, secondo Pamuk, è la cifra stilistica di Istanbul che non è propietà di un singolo individuo ma caratterizza milioni di persone. Mi ha fatto venire voglia di fare un bel viaggio a Istanbul e di innamorarmi del giovane Orhan che marina la scuola per vagabondare nei vicoli della città davanti al Bosforo.


message 32: by Abby (new)

Abby (porporastorm594) | 81 comments Eccomi, dopo lunghe e attente riflessioni io ho deciso che la parola del mese per ottobre sarà CUCINA


message 33: by Mirrordance (new)

Mirrordance | 182 comments mmmmmm
qualche suggerimento che non sia un libro di cucina? Io sto trovando pochissimo..... (e di nessun interesse)


message 34: by Mirrordance (new)

Mirrordance | 182 comments @ lalalah Il primo lo avevo trovato (e scartato) e Julian barnes... non è il mio genere ;) soprattutto se scrive di pignolerie in cucina...
Vediamo se trovo qualcosa altrimenti questo giro passo!


message 35: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 315 comments Mirrordance wrote: "mmmmmm
qualche suggerimento che non sia un libro di cucina? Io sto trovando pochissimo..... (e di nessun interesse)"


Non so se può interessarti il genere, io ho trovato Alta cucina, il quinto della serie di Nero Wolfe


message 36: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Kitchen?


message 37: by Roberta (last edited Sep 21, 2018 06:56AM) (new)

Roberta (driope) | 6496 comments Mod
L'arte della cucina sovietica: Una storia di cibo e nostalgia, che è poi la mia scelta.

Kitchen Confidential. Avventure gastronomiche a New York non era stato male e in questo momento cavalca ancora la cronaca.
In punta di forchetta. Storie di invenzione in cucina interessante excursus su stoviglie, attrezzi e comportamenti a tavola
Il pollo di Newton: La scienza in cucina è un elenco di grandi personaggi (scienziati, artisti ecc) che si cimentano con la gastronomia, nei campi e coi fini più disparati.
I piatti più piccanti della cucina tatara: romanzo generazionale con l'adulta che crede di sapere cosa sia bene per tutti i suoi cari.
I biscotti di Baudelaire: Il libro di cucina di Alice B. Toklas Alice Toklas e Gertrude Stein che offrono il loro contributo nella seonda guerra mondiale.
Kitchen Chinese, moderno romanzo cinese.
La cucina color zafferano è una storia di donne e avversità che ho trovato vagamente gradevole, ma che non avrei cercato se non mi fosse capitato in mano per caso.
Amore, cucina e curry non conosco, ma mi ispira.


message 38: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 315 comments Tornando a settembre, ho letto Ricordi di un vicolo cieco di Banana Yoshimoto.
Sono tutte storie d’amore tristi e dolorose (cit. Banana Yoshimoto), cinque racconti in prima persona, dove i narratori/protagonisti acquisiscono la consapevolezza di dover riemergere dal dolore e tornare alla vita. Storie commoventi, scritte con uno stile semplice, chiaro ed a tratti poetico, ti arrivano dritte al cuore.
Un altro elemento comune si cinque racconti è il cibo, con tanto di descrizioni a fine libro dei piatti menzionati...mangiare è un rito importante che avvicina le persone e le rende felici.


message 39: by Georgiana (new)

Georgiana 1792 | 1335 comments Parola meravigliosa, grazie Abby!
Nella mia TBR ci sono:
La piccola cucina dei sapori segreti
La cucina dei desideri segreti
La cucina degli ingredienti magici,
oltre ad Amore, cucina e curry.

Tra gli altri libri papabili ci sono anche Alta cucina di Rex Stout, se volete un giallo, oppure La cucina del buon gusto. Ho anche qualche titolo in inglese, ma non so se il mese prossimo avrò modo di leggerlo.


message 40: by Ily (new)

Ily | 424 comments Ciao! Di "Amore, cucina e curry" avevo visto il film, ricordo che mi era piaciuto molto! Io invece pensavo di leggere "La cucina dell'antica Roma" di Apicio. (Non riesco a lasciare il link perché sono da App)


message 41: by Diabolika (new)

Diabolika | 1845 comments Sono circa a metà di Nero è l'albero dei ricordi, azzurra l'aria e mi sta piacendo veramente molto.

E' scritto molto bene e, soprattutto, mi piace come la memoria individuale dei protagonisti si mescoli ed intrecci con la memoria storica. Veramente una grande scoperta - non avevo letto nulla di suo - grazie alla parola del mese!


message 42: by Lilirose (new)

Lilirose | 262 comments Ilaria wrote: "Ho finito Una ragazza senza ricordi. La storia, riguardante i changeling e il popolo delle "fate", mi è piaciuta, così come mi è piaciuto il modo in cui l'autrice abbia inserito le ..."

3 stelline e mezzo anche io!
Finalmente usciamo dai soliti schemi degli young adult con questo libro, è stata una boccata d'aria fresca.
A me però più che le descrizioni ha un po' annoiato l'ultima parte molto "action".

Comunque ne parlo meglio qui:
https://www.goodreads.com/review/show...

p.s: finalmente sono tornata a partecipare!
Ogni mese seguo sempre e mi metto pure un libro adatto in TBR, poi puntualmente non faccio mai in tempo a leggerlo xD


message 43: by Gaetano (new)

Gaetano (gaetanolau) | 1269 comments Ho appena iniziato Io non ricordo, spero di fare in tempo a finirlo...


message 44: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Gaetano wrote: "Ho appena iniziato Io non ricordo, spero di fare in tempo a finirlo..."

Per la precisione, avevamo deciso che "ricordo" come voce del verbo ricordare non era valido (va bene solo il sostantivo); nel tuo caso comunque è ininfluente, visto che hai già scelto la parola in precedenza e non parteciperesti comunque all'estrazione per novembre. Buona lettura!


message 45: by Gaetano (new)

Gaetano (gaetanolau) | 1269 comments Moloch wrote: Per la precisione, avevamo deciso che "ricordo" come voce del verbo ricordare non era valido ..."

Ah, non ricordavo.... ;-)

P.S.: troppi ricordi?


message 46: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Ah ah :-D


Antonella Imperiali | 1418 comments @Diabolika... Con quel tuo titolo avresti potuto partecipare anche al tema del mese: la parola colore o i colori nel titolo del libro. Perfetto! 😊


message 48: by Moloch (new)

Moloch | 7728 comments Mod
Stavo pensando, comunque, che finora, forse anche per la forza della consuetudine, le parole sono quasi sempre state o sostantivi o aggettivi, ma se lo vogliamo nulla ci vieta di introdurre anche i verbi.

Così come per nomi e aggettivi valgono singolare/plurale e maschile/femminile, se l'utente scegliesse un verbo (es. "ricordare") potrebbe valere tutta la coniugazione.

Cosa pensate?


Antonella Imperiali | 1418 comments Favorevole! 👍


message 50: by Bruna (last edited Sep 24, 2018 05:42AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3500 comments Per me niente in contrario, Moloch. Intravedo due possibili difficoltà: 1) i verbi ausiliari (nel senso che io li escluderei se nella funzione di ausiliari - Ero Jack Mortimer va bene per il verbo "essere", Hevalen: Perché sono andato a combattere l'Isis in Siria va bene per i verbi "andare" e "combattere" ma non per "essere". Precisazione probabilmente ovvia ma io la richiamerei
2) i titoli contenenti forme verbali non sono tantissimi, ad esclusione di alcuni verbi particolarmente gettonati. Non vorrei che i partecipanti si trovassero con poca scelta. Anche qui, forse ovvio, poiché dovrebbe valere la solita utilissima avvertenza del "non troppo difficile"


« previous 1
back to top