Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

19 views
La Sfida dei desideri > GDL: Il mio romanzo viola profumato di I. McEwan

Comments Showing 1-15 of 15 (15 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4124 comments @emanuela grazie per aver scelto questo libro!
Ricopio la mia idea per chiarezza.
Un gran bel libro.
Breve, semplice e soprattutto ingagatore dell’ animo umano. Il protagonista è sincero con noi e non si sente mai colpevole, ma noi lo disprezziamo man mano fino a provare disgusto. Quella di Parker Sparrow non è una giustificazione di un misfatto, ma una confessione senza sensi di colpa. Eccellente davvero!


message 3: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3149 comments Il libro non l’ho scelto io ma Yuko86. 😬
Posto il mio commento:
Un brevissimo racconto che è seguito da un saggio filosofico sull'esaltazione dell'io. Ho apprezzato moltissimo il romanzo, un po' meno il saggio, sicuramente colpa mia perché sono molto lontana da questo tipo di letture.
Il romanzo è il crimine letterario perfetto, una narrazione perfetta, una scrittura elegante e fluida, che si legge in pochi minuti...ho il sospetto che non sia una storia completamene inventata. °_°
Il saggio ci fa riflettere su come l'uomo si esaltati nella propria celebrazione, oggi con l'utilizzo dei selfie da pubblicare nei social, ieri con opere artistiche di tanti scrittori o pittori.


message 4: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3149 comments Alla fine comunque avrei preferito che il libro fosse più lungo, McEwan si legge davvero bene e velocemente


message 5: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4124 comments 😓 @Yuko pardon!
Io ho gradito la brevità invece!


message 6: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3149 comments Quando i libri mi piacciono, mi spiace doverli abbandonare, vorrei continuare a leggerli giorni e giorni. Questo poi che si è letto in mezz’ora non mi ha dato modo di assaporarlo bene.
Il bello del libro probabilmente è tutto lì, nella sua brevità, magari in più pagine sarebbe risultato noioso, però mi è dispiaciuto lasciarlo per passare ad un altro 🤷‍♀️....avrei trascorso volentieri con i due scrittori qualche giorno in più.


message 7: by Kiarup (new)

Kiarup | 932 comments L’ho letto anche io! Ho molto apprezzato il racconto che però mi è sembrato fin troppo breve e anche un po’ irreale, diciamolo. Io non gli avrei mai creduto.
Altra storia il saggio, che oltre a essere lontanissimo dalle mie letture (o forse proprio per questo) era pure discretamente noioso e non vedevo l’ora che finisse. (Però mi ha ricordato quella storia del letto matrimoniale inamovibile di Ulisse che avevo proprio rimosso!)


message 8: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3149 comments Abbiamo avuto le stesse impressioni 😁


message 9: by Yuko86 (new)

Yuko86 | 110 comments Io l'ho appena iniziato, ne ho letto tipo dieci pagine ma sono già rapita dalla scrittura di McEwan!


message 10: by Yuko86 (new)

Yuko86 | 110 comments Finito, il racconto mi è piaciuto davvero molto, è allucinante il modo in cui il protagonista orchestra il tutto, rimane il miglior amico dell'altro e non ha neppure un minimo ripensamento o senso di colpa. Il saggio l'ho letto ma non sono molto concentrata in questi gg e mi è parso noioso ma penso di rileggerlo quando sarò più calma.


message 11: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3149 comments concordo in tutto con te :D


message 12: by Simona (new)

Simona Fedele | 2532 comments Lo incomincio ora


message 13: by Simona (new)

Simona Fedele | 2532 comments Anch'io concordo con quanto detto finora. Il racconto è agghiacciante, quasi irreale ma è troppo breve per le mie corde.
In ogni modo, lo stile di McEwan è davvero stupefacente.
Il saggio mi ha piuttosto annoiato ma essendo anch'esso breve, glielo perdono.


message 14: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 908 comments Finito anche io. IL racconto è carino ed il saggio interessant, detto ciò il volume è troppo piccolo e non merita di essere comprato essendo a mio vedere più una mossa editoriale che altro. Questo non va però a scapito del bel racconto sul classico tema del furto di identità né dell'intrigante intervento sull'Io che rimane, forse, uno dei più grandi misteri dell'uomo sin dal V sec. a.C.


message 15: by Senny (new)

Senny | 449 comments Forse andrò controcorrente, ma a me il racconto non mi ha entusiasmata per niente, decisamente non sono tipo da racconti corti, giusto pochi autori secondo me riescono a eccellere in questo tipo di racconto (al momento mi viene in mente solo Dino Buzzati).
Il saggio poi l'ho trovato abbastanza noioso: in generale, è un libro così breve che non ho avuto modo di apprezzarlo veramente, peccato!


back to top