Lettori sui generis discussion

9 views
GdV - Gruppo di Visione > 45° Gruppo di Visione: A Beautiful Mind

Comments Showing 1-11 of 11 (11 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Elisabetta (new)

Elisabetta | 1642 comments Questo mese è stata davvero dura scegliere un film...
Allora ho optato su Russell Crowe che è sempre un bel vedere.

Buona visione!!



message 2: by Moloch (new)

Moloch Se c'è Russell, ci sono anch'io.

Salve a tutti.

Io adoro Russell Crowe, e sto piano piano recuperando tutta la sua filmografia, ma stranamente ho dei "problemi" con i suoi due film più celebri: questo e "Il Gladiatore".

Infatti, sarò una delle poche al mondo a non aver MAI visto "Il Gladiatore", la sua interpretazione sarà sicuramente straordinaria e lui all'epoca era nel pieno della forma, ma come film proprio mi attira molto poco (questo da sempre, ben prima che nascesse la mia passione per l'attore).
"A Beautiful Mind" l'ho iniziato qualche tempo fa, ma ho smesso dopo cinque minuti perché, devo dire la verità, non mi stava entusiasmando. Alla fine li vedrò tutti, sia chiaro, ma proprio questi due non mi vanno giù.

Mi sembra questa l'occasione per ri-provarci con questo bio-pic.


message 3: by Tintaglia (new)

Tintaglia | 4351 comments Mod
Il gladiatore io ogni tanto me lo riguardo. 😂
Superato il trauma della prima visione e delle castronerie storiche che lo infarciscono, è un film che mi diverte un sacco.

A beautiful mind l'ho visto anni e anni fa e non lo ricordo per nulla: lo rivedo molto volentieri. 😊


message 4: by Georgiana (last edited Aug 08, 2018 07:35AM) (new)

Georgiana 1792 | 2652 comments Ehm... Neanche io ho mai visto Il gladiatore... potrebbe essere una buona idea per un prossimo GdV. Però, ogni volta che cerco di vederlo mi rendo conto di non avere tutto quel tempo a disposizione. E d'accordo, è una mia grave mancanza.
A Beautiful Mind credo di averlo visto ma... di non ricordarlo affatto, quindi ci sono anch'io!


message 5: by Moloch (last edited Aug 15, 2018 12:47PM) (new)

Moloch Ho visto il film approfittando del pomeriggio di ozio totale. Come ho scritto sopra, ero un po' scettica, e invece si è rivelato più interessante del previsto, pur non sembrandomi un capolavoro immortale.
La classica parabola hollywoodiana di ascesa, caduta e risalita c'è, però trattata in modo meno scontato e "trionfalistico" di quel che si potrebbe pensare.

Ho trovato interessante la parte sulla guerra fredda e, quindi, tanto più (view spoiler): su questo il film mi ha decisamente colto alla sprovvista. Apprezzabile anche il non aver voluto a tutti i costi rendere Nash "simpatico", e invece ne vediamo la presunzione e la spocchia verso i colleghi, la cocciutaggine nel non volersi curare, ecc., e quindi tanto più sono riuscite le scene verso la fine in cui, nel suo percorso di guarigione, finalmente si decide ad aprirsi verso gli altri (anche verso (view spoiler)).

Un elemento importante del film è, come saprete, la storia d'amore fra John e Alicia Nash, e come il sostegno della moglie sia stato fondamentale allo scienziato per superare la sua malattia. Non so quanto sia romanzato questo aspetto per esigenze di spettacolo (e, in generale, non ho idea di quanto il film sia fedele alla biografia del vero John Nash*: diciamo che non mi sono curata molto di questo aspetto e l'ho visto come si vedrebbe un'opera totalmente di fantasia). Ora, nel film non mi ha molto convinto la parte sul perché questi 2 si innamorino (diciamo che la parte dei primi incontri e dell'innamoramento è stata soffocata dalla parte preponderante di spionaggio, che serviva poi in effetti (view spoiler)), ma, se ci si "accontenta" e si dà questo grande amore come un dato di fatto già assodato in qualche modo, la parte dopo, quella di marito e moglie che insieme devono attraversare le crisi, la malattia di lui, la faticosa terapia, mi è piaciuta, ho trovato anche che sia onesta nel dipingere la stanchezza di questa donna, i dubbi, la rabbia, i momenti meno "romantici", in cui non ce la fa più.

Un po' insistito alla lunga, e molto "hollywoodiano", il tema delle allucinazioni "personificate" che lo accompagnano (tra parentesi, conoscendo almeno a grandi linee la trama del film, che (view spoiler) lo si capiva fin dalla scena 2 - (view spoiler) -, mentre invece (view spoiler)), così come hollywoodiano e poco riuscito (perché poi alla fine del film non si capisce mica che cosa abbia fatto per meritare il Nobel, Nash) il tentativo di rendere "visibile" il "genio", con le intuizioni fulminee e i numeri che si illuminano, ma questo era inevitabile, non penso che sia facile mettere in immagini una cosa così.

* edit: secondo Wikipedia, non tantissimo


message 6: by Georgiana (new)

Georgiana 1792 | 2652 comments L'ho visto anche io. Mi è piaciuto molto, anche se (view spoiler)

Moloch wrote: "perché poi alla fine del film non si capisce mica che cosa abbia fatto per meritare il Nobel, Nash.."

Il Nobel lo ha vinto per l'economia, non per la matematica o la fisica. La sua teoria, dell'Equilibrio di Nash, a quanto pare è stata rivoluzionaria (non saprei quanto, non ho mai studiato economia), ma mi sembra che, quando ha presentato la sua tesi al professor Helinger, sia stato chiaro che fosse parecchio innovativa "uno schiaffo a centocinquant'anni di teorie economiche", tanto che gli è valsa la borsa di studio per l'ambitissimo Laboratorio Wheeler (inventato) del MIT.


message 7: by Moloch (last edited Aug 16, 2018 12:51PM) (new)

Moloch Ripensandoci bene, la storia dello (view spoiler)

Mi è sembrato che il film abbia fatto un po' il "minimo sindacale" nel presentare le teorie di Nash, lui ha l'intuizione al bar, il professore legge e commenta "straordinario", ma poi per un po' finisce lì, e 40 anni dopo gli danno il Nobel; per questo dico che, dal film, non è che vengano fuori benissimo la novità e l'importanza delle sue teorie. Ma devo dire che a me alla fin fine va anche bene così, l'ho vista e apprezzata come una storia di caduta e risalita più che quella, specifica, di John Nash.
edit: Quel che voglio dire è che mi va benissimo che il film non sia diventato un accurato "documentario" sulle teorie di Nash, non gliene faccio una colpa "imperdonabile": non penso fosse quella la parte che più premeva raccontare al regista e che interessa di più agli spettatori.


message 8: by Elisabetta (new)

Elisabetta | 1642 comments Ho un po' un debole per gli studiosi di matematica/fisica, perché sono sempre un po' incompresi, probabilmente perché la materia in se non tutti la amano.
Perquanto riguarda l'accuratezza del film, sono d'accordo con voi, però credo che abbia reso molto bene sia il rapporto tra marito e moglie, sia la malattia.
Quando guardo un film, ho l'abitudine di "spegnere il cervello", perciò non faccio considerazioni o supposizioni e la prima volta che ho guardato il film, mi sono meravigliata della sua evoluzione.

Tempo fa avevamo visto The imitation game, che racconta la vita di Alan Turing. Questo aveva sicuramente il pregio di essere più accurato e, a mio avviso, più completo nel raccontare la sua vita.
Moloch, se non l'hai visto, te lo consiglio. Non c'è Russell Crowe, ma anche Benedict Cumberbatch é un bel vedere!


message 9: by Tintaglia (new)

Tintaglia | 4351 comments Mod
Anche a me è piaciuto, un po' sorprendendomi: certo, sono d'accordo con Moloch - non è un capolavoro, e soffre di tutti i difetti dei biopic americani, ma tratta comunque in maniera interessante il tema della malattia mentale (che a me disturba tantissimo, come a Georgiana), anche se ho letto che le allucinazioni di Nash erano di tipo differente.
Certo che oggi cme oggi sarebbe probabilmente stata possibile una diagnosi precoce, con un trattamento più efficace, ma è stato comunque coraggioso (e la moglie ancora di più) ad affrontare tutto quello che hanno affrontato, e a trovare un modo di continuare a vivere.
Bello anche il fatto che sia stato proprio il rivale a porgergli la mano quando ha deciso di rientrare a Princeton, a dimostrazione che l'aiuto e l'amicizia vera si trovano dove meno te l'aspetti.
E poi... non so, io mi chiedo sempre come "vedano" il mondo queste persone speciali, con un cervello e una prospettiva così lontana dalla nostra.
Nash cosa vedrebbe in una conchiglia, o in una spiaggia?
Credo che il film renda bene questa differenza di prospettiva.


message 10: by Moloch (new)

Moloch Dunque ragazze, forse avrete visto che nei mesi scorsi Russell sfoggiava un'enorme barba per esigenze di copione (in un prossimo film interpreterà il fuorilegge australiano Harry Power).

Era fico anche con la barba, ma, finite le riprese, è tornato Russell, come mostra in un video su Twitter --> https://twitter.com/russellcrowe/stat...

Niente, era solo una notizia molto importante che volevo condividere...


message 11: by Tintaglia (new)

Tintaglia | 4351 comments Mod
😂


back to top