Goodreads Italia discussion

32 views
Spazio Autori > Prepararsi alla promozione del romanzo di debutto. Consigli?

Comments Showing 1-3 of 3 (3 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Matt (last edited Jul 24, 2018 01:56AM) (new)

Matt Armon (mattarmon) | 8 comments Non sono qui per spammare il mio libro.

E buongiorno a tutti. Scusate l'incipit brutale, ma mi sembrava opportuno il chiarimento per non perdersi nel mare di spamming fine a sé stesso.

Detto questo ho terminato il mio primo romanzo, prima parte di una saga dark-cyberpunk, circa un anno fa, e da allora lo sto editando fino allo svenimento grazie a dei preziosi beta-reader.

Recentemente ho inviato il manoscritto a qualche editore e vedremo se otterrò risposta. Tuttavia stavo valutando anche l'ipotesi dell'autopubblicazione.

Credo però che sia opportuno creare una presenza online di qualche tipo, prima di procedere in tal senso.

Ed ecco che sono a chiedervi umilmente consiglio in merito.

Attualmente ho aperto canali social piuttosto "easy" da gestire parallelamente alla scrittura, come Twitter e Pinterest.
(Con "easy", intendo per me meno time-consuming di altri)

In molti suggerite di aprire un blog per farsi conoscere, ma onestamente credo di non avere il tempo materiale di ideare/scrivere/promuovere in modo efficace i contenuti per il blog. Ritenete sia davvero indispensabile?

Non sto chiedendo la ricetta facile e veloce per la notorietà. Mi piacerebbe soltanto capire se sto facendo "la cosa" giusta, o se sto sbagliando totalmente approccio.

Grazie a chiunque condividerà il suo prezioso tempo per darmi una mano in questa perigliosa avventura.

Matt Armon


message 2: by Daniele (new)

Daniele (ludus) | 17 comments Un blog per me resta l'idea migliore. Ti permette di avere un luogo virtuale ufficiale per te come scrittore. Puoi creare pagine di presentazione (Chi sono, le tue opere, ecc.) e una serie di articoli per farti conoscere.

Il blog succhia tempo, è vero, ma non devi scriverci ogni giorno. L'ideale sarebbe un articolo a settimana, secondo me.

Ho visto che hai un sito, anche se scarno. "Cosa scrivo" e "A cosa sto lavorando", ampliate, possono diventare altrettante pagine.

"A cosa sto lavorando", anzi, è quella che viene chiamata "now page", che ho scoperto da poco (da ieri...), inventata da Derek Sivers, un geniaccio, che ha persino fondato il movimento delle now pages: https://nownownow.com/


message 3: by Matt (new)

Matt Armon (mattarmon) | 8 comments Daniele wrote: "Un blog per me resta l'idea migliore. Ti permette di avere un luogo virtuale ufficiale per te come scrittore. Puoi creare pagine di presentazione (Chi sono, le tue opere, ecc.) e una serie di artic..."

Intanto grazie per la tua risposta. Ti ho riconosciuto subito dall'avatar, nei mesi trascorsi avevo letto numerosi articoli del tuo blog. Molto preziosi.

Sì, il sito è piuttosto scarno perché appena nato. Tra nuovi profili social e l'editing sfrenato del mio romanzo, il tempo è quel che è. Ma tu lo sai meglio di me.

Alla fine, ho deciso di tentare la via del blog, e mi sono orientato verso Tumblr che mi è parso quello più semplice e immediato per me, oltre a offrire la possibilità di legarlo a un dominio personalizzato. Proverò a cominciare con l'obiettivo di fare un post ogni 2 settimane, vedremo se ci riuscirò.

Interessanti le now pages. Approfondirò, grazie!

Tra l'altro ho appena scoperto di essermi perso un tuo post proprio sulla questione blog e contenuti. Rimedio subito.


back to top