Reading Challenges discussion

22 views
Il Gioco della Catena > 2018 Luglio - Commenti

Comments Showing 1-9 of 9 (9 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Anna [Floanne] (last edited Jul 24, 2018 02:34PM) (new)

Anna [Floanne] (floanne) | 4446 comments Topic per i commenti della catena di Luglio.
Fine letture 26/07
Sorteggio 27/07

1. Genny Thérèse Raquin di Émile Zola
2. MonicaEmme Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman (nome nel titolo)
3. Rowi L'assassinio di Florence Nightingale Shore di Jessica Fellowes (2017)
4. Floanne Il ritratto di Elsa Greer di Agatha Christie (genere giallo)
5. Annalisa I primi casi di Poirot di Agatha Christie (stessa autrice)
6. Paola A Traveller in Time di Alison Uttley (stesso anno di morte autori)
7. Roberta Barbagrigia di Brian W. Aldiss (nazionalità autori U.K.)
8. Ippino La Primavera di Helliconia di Brian W. Aldiss (stesso autore)


NOMI:
Paola
MonicaEmme
Roberta
Genny
Annalisa
Floanne


message 2: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 1644 comments Finalmente questo mese sono riuscita a portare a termine la lettura di Eleanor Oliphant sta benissimo.
Lascio un commento senza tante pretese, ma occhio agli spoiler se pur vaghi.

Partiamo col titolo, che è decisamente ironico perché ‘sta tizia proprio benissimo non sta!
Vive in un mondo ponderatissimo, dove tutto ha una spiegazione ed è calcolato ogni minimo dettaglio. Si è costruita mille manie che le creano sicurezza alzando muri giganti per non essere scalfita dal mondo esterno. A un’età anagrafica di trent’anni corrisponde un’età mentale di dodici e passa un’esistenza cristallizzata dal momento in cui ha subìto un trauma in età adolescenziale.
La storia è banale e prevedibile, ma ha il pregio di essere raccontata in modo leggero senza mai farti pesare il fardello di Eleanor.
Voglio dare una chance all’autrice confidando nell’idea che l’abbia scritto in modo volutamente semplice. A conferma di questa tesi c’è qualche frase interessante e qualche freddura divertente che lasciano sperare in qualcosa di più.

“Se fosse possibile acquistare un flacone in cui si combinassero il profumo di matite nuove appena temperate e la puzza di petrolio di una gomma da cancellare appena strofinata, sarei felice di spruzzarmelo addosso ogni giorno.”

Due stelle sulla fiducia.


message 3: by Paola (new)

Paola (yliharma) | 3005 comments Ho finito A Traveller in Time e mi è piaciuto molto! Un inglese molto ricco di vocaboli nuovi per me e per questo un po' difficile ma l'atmosfera della vecchia casa di campagna è resa benissimo, odori, colori, suoni, sapori sono estremamente vividi. Storia dolce-amara, mi ha lasciato nostalgia dell'infanzia e un po' di tristezza. Consigliato!


message 4: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 799 comments Ho finito Barbagrigia, riporto qui la recensione

Il Doomsday Clock, l'Orologio dell'Apocalisse, è stato inventato nel 1947 dagli scienziati della rivista Bulletin of the Atomic Scientists dell'Università di Chicago e consiste in un orologio metaforico che misura il pericolo di una ipotetica fine del mondo. La mezzanotte segna la fine del mondo.
Al momento della sua creazione, durante la guerra fredda, l'orologio fu impostato a sette minuti dalla mezzanotte; da allora, le lancette sono state spostate 21 volte. La massima vicinanza alla mezzanotte è stata di due minuti ed è stata raggiunta due volte, una tra il 1953 e il 1960 e una nel 2018; la massima lontananza è stata di 17 minuti, tra il 1991 (trattati START) e il 1995.

Barbagrigia è del 1964 e verte sulla paura della boomba atomica. In questo caso le esplosioni sono avvenute nello spazio e l'umanità non è stata obliterata da una versione gigante della Little Boy di Hiroshima, ma l'estinzione avviene in modo più subdolo: siamo diventati sterili. Non nascono quasi più bambini e quei pochi che nascono sono deformi, destinati a non sopravvivere. Barbagrigia e la moglie Martha, i protagonisti, coi loro cinquant'anni sono tra le persone più giovani che camminano sul nostro pianeta.

L'inizio del libro è buono, la fine anche, con la parte centrale ho fatto un po' di fatica. Arrivando però alle ultime pagine, grazie al flashback sull'infanzia di Barbagrigia e sul deterioramento della società come la conosciamo, le cose si sono fatte più chiare: è un buon libro, un racconto solido che merita la lettura, purchè lo si affronti con un minimo di contesto. Le paure del 1964 non sono le paure del 2018, o almeno si concretizzano in forme diverse. La lentezza del romanzo comunica l'invecchiamento globale. Il viaggio di Barbagrigia lo porta da un villaggio imbarbarito a una oligarchia di avidi sapienti, fino alla foce di un Tamigi bucolico imbruttita da deliri religiosi.
Interessante sottolineare come l'isolamento delle poche comunità rimaste abbia influito anche sul linguaggio, creando dialetti locali non sempre comprensibili.
Concludo dicendo che Aldiss non si è lasciato andare al darwinismo sfrenato, non è pronto a far abdicare il genere umano, ma è una speranza che ci lascia intravedere e non mi rovina la storia col solito "felici e contenti".


message 5: by Genny (new)

Genny | 286 comments Ho terminato Thérèse Raquin di Émile Zola.
Romanzo affascinante caratterizzato da un'analisi psicologica capillare e "scientifica" dei personaggi. Zola si avventura nei meandri della psiche dei protagonisti e guida il lettore magistralmente nella trama e nel perchè delle azioni commesse.


message 6: by Annalisa (new)

Annalisa | 542 comments Finito anch'io I primi casi di Poirot di Agatha Christie
3 stelline e mezzo
Diciotto mini-casi con protagonista Poirot, alcuni più interessanti di altri, ma tutti portano la firma inconfondibile della Christie.
IL BALLO DELLA VITTORIA: un caso semplicissimo per il nostro caro Poirot! Ho azzeccato subito l'assassino: non so perché, ma ero convintissima, fin da subito, che fosse stato (view spoiler); per quanto riguarda movente e dinamiche dell'omicidio, beh... vuoto totale XD
L'AVVENTURA DELLA CUOCA DI CLAPHAM: purtroppo questo caso lo conoscevo già visto che compare in uno dei primi episodi della serie tv su Poirot, perciò non mi ha sorpresa granché... ma comunque un caso davvero originale.
ACCADDE IN CORNOVAGLIA: caso interessante: è stato abbastanza facile intuire che (view spoiler); per il movente come al solito ho navigato in alto mare XD
A MEZZANOTTE IN PUNTO: come per quello della cuoca anche questo caso è stato riadattato ed è comparso nei primi episodi del telefilm; (view spoiler).
DOPPIO INDIZIO: davvero carino questo caso! Mi è piaciuta soprattutto la contessa Rossakoff, (view spoiler)
IL RE DI FIORI: questo caso l'ho trovato più interessante dei precedenti, più complesso: un omicidio, una famiglia segreta...
L'EREDITA' DEI LEMESURIES: affascinante sequenza di omicidi, secondo me, su questa breve storia ci poteva venire fuori un libro più lungo.
LA MINIERA PERDUTA: non mi ha particolarmente entusiasmato. In pratica, questo capitolo, si limita a Poirot che racconta ad Hastings di come ha ottenuto le azioni di una miniera.
L'ESPRESSO PER PLYMOUNTH: finora il mio preferito, mi ha presa tantissimo: assolutamente non scontato! (view spoiler)
LA SCATOLA DI CIOCCOLATINI: il racconto dell'"insuccesso" di Poirot... Il grande investigatore che si sbaglia su chi ha commesso l'omicidio e si fa beffare da una scatola di cioccolatini. Ma se lo può consolare anch'io ho cannato (come al solito XD): (view spoiler)
I PIANI DEL SOTTOMARINO: interessante ma niente di che; tutto si svolge in una notte: (view spoiler)
L'APPARTAMENTO DEL TERZO PIANO: sono rimasta decisamente sorpresa da questo breve capitolo! Un omicidio passionale che Poirot ha risolto con maestria!
PECCATO IN DOPPIA COPIA: questa volta Poirot si ritrova ingaggiato per un furto che (view spoiler)
IL MISTERO DI MARKET BASING: neanche in vacanza Poirot può stare tranquillo, come dice lui: le crime il est partuot! (view spoiler)
NIDO DI VESPE: in questo capitolo Poirot (view spoiler)
LA DAMA VELATA: questo è stato divertente XD (view spoiler)
UN PROBLEMA IN ALTO MARE: anche un semplice viaggio in barca, con Poirot in giro, si trasforma nella scena di un delitto; (view spoiler)
COME VA IL VOSTRO GIARDINO: e per finire Poirot (view spoiler)


message 7: by Anna [Floanne] (new)

Anna [Floanne] (floanne) | 4446 comments Anch'io questa volta ho finito per tempo il mio libro della Christie, Il ritratto di Elsa Greer.
Un cold-case per Poirot che si ritrova ingaggiato per far luce sul delitto del pittore Amyas Crale, avvenuto sedici anni prima e per il quale fu condannata la moglie Carolina. Ricostruendo i fatti attraverso le testimonianze scritte di chi fu presente all'omicidio, Poirot indaga su questa morte misteriosa per scagionare la colpevole - morta poco dopo la condanna - e riabilitarne la memoria. Un bel giallo in puro stile Agatha Christie: intrigante, psicologicamente arguto, convincente e piacevole. Voto: 4 stelle.


message 8: by Anna [Floanne] (new)

Anna [Floanne] (floanne) | 4446 comments Ho sorteggiato Roberta.
A breve il link con la nuova discussione


back to top