Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

25 views
La Sfida dei desideri > LIBRO MASTER DI GIUGNO: La storia di un matrimonio di A. Sean Greer

Comments Showing 1-42 of 42 (42 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 2: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments L'ho iniziato. Le premesse sembrano ottime


message 3: by Gaglioz (new)

Gaglioz | 1594 comments L'ho in casa; da tempo desideravo leggerlo. Lo metto in coda per la fine del mese.


message 4: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments Bene, sono contenta, io comincio settimana prossima credo.


message 5: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments ok, o sono tonta io per non aver capito, o l'autore mi ha volutamente portata fuori strada :-D


message 6: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments Sono al secondo capitolo, Due bei colpi di scena...libro curioso.


message 7: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments terminato, l'ho trovato una lettura interessante, con molti punti di riflessione. Domani scrivo qualcosa in più.


message 8: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Io sono circa a metà


message 9: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Ho iniziato il terzo capitolo, ma francamente non capisco cosa c'entrino Anabel e William in tutto ciò.


message 10: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments hanno un loro senso alla fine del libro. Non anticipo nulla però.


message 11: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Un libro sicuramente curioso ed enigmatico, che invita alla lettura


message 12: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments Beh, i colpi di scena fanno la differenza credo, altrimenti la lettura sarebbe un po' piatta.


message 13: by Amaranta (last edited Jun 08, 2018 12:50PM) (new)

Amaranta | 4293 comments “Non sarei stata sola unicamente nel presente, sarei stata sola anche nel passato, nei ricordi"
Questo libro è la storia di un amore, di una strana amicizia che lega un uomo arrivato dal nulla ad una donna lontanissima da lui, di una guerra che dilania le famiglie, il paese, e di come tutto questo si ingarbugli in una matassa informe per poi pian piano sciogliersi alla fine.
Confesso di aver provato un moto di stizza in alcune pagine, quando sarebbe bastata una sola parola a fermare un meccanismo di autodistruzione curioso e assurdo. Ma è la logica del romanzo e a quella bisogna sottostare.
Una donna e la sua forza, tale da rinunciare alla cosa più importante della sua vita, l’amore, per amore. Potremmo davvero tutti fare un sacrificio così in silenzio, senza una lacrima, senza dire una parola e svegliarsi una mattina con la consapevolezza che ci sarà solo il silenzio, il vuoto e che la propria vita finora è stata solo una farsa, con la certezza di non aver capito nulla del cuore che ci è stato accanto fino a quel momento? Potremmo?
“Crediamo tutti di conoscere la persona che amiamo, e anche se non dovremmo stupirci quando scopriamo che non è vero, ci si spezza il cuore lo stesso. E' la scoperta più difficile, non tanto sull'altro, quanto su noi stessi. Vedere che la nostra vita è una nostra invenzione; l'abbiamo scritta noi, e ci abbiamo creduto.” .
Un libro ben scritto, con colpi di scena che destabilizzano il lettore in una narrazione piana e serena, che lo disorientano e poi lo riportano nelle acque tranquille di un tran tran quotidiano fatto di baci del buongiorno, di saluti della buonanotte, di un bicchiere col ghiaccio che tintinna, di un uomo e di una donna a passeggio mentre il marito è a lavoro.
Una sola parola. E una nuvola di fumo che potrebbe dissolversi.
“Che vuoto non avere più segreti. Ti scuoti e non fai nessun rumore. Sei senza scheletro, come un anemone di mare”


message 14: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Finito anch'io

Direi che il titolo è particolarmente azzeccato...
E' la storia di Pearlie ed Holland Cook, una coppia di colore che si "muove" negli Stati Uniti degli anni '50, quando la questione razziale non è ancora del tutto risolta.
I due protagonisti si sono incontrati per ben due volte, come ci tiene a sottolineare la stessa Pearlie in questo lungo resoconto della sua vita di coppia, che un po' vuole (forse) imitare il flusso di coscienza, tipico del primo Novecento. Il secondo incontro avviene dopo la Grande Guerra e sfocia nel matrimonio, nel quale Pearlie mette tutta sé stessa per prendersi cura del marito. Poi, la vita familiare scorre tranquilla, finchè non compare sulla scena Buzz, un vecchio ed enigmatico amico di Holland. L'uomo si insinua, in modo quasi subdolo, nella vita della coppia per svelare a Pearlie un grosso segreto, "una bomba" che mette tutto in discussione e fa traballare tutte le certezze.
Tra Pearlie e Buzz si instaura un legame difficile da comprendere, mentre Holland rimane un po' sullo sfondo ad attendere l'evolversi degli eventi, finchè non sarà proprio quest'ultimo a decidere per tutti...
Una bella storia; nonostante la reazione più che compassata di Pearlie, è una storia che mi ha coinvolta e mi ha trascinata dentro questo matrimonio in cui il silenzio ed i segreti hanno un ruolo chiave, fino ad indurmi ad accelerarne la lettura per capire come questa matassa ingarbugliata di sentimenti si sarebbe dipanata.
Chi ha vinto? Chi ha perso? Probabilmente tutti hanno perso qualcosa: fiducia, sicurezza, amore...


message 15: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments io trovo che (view spoiler)


message 16: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments L'ho iniziato anch'io 😊


message 17: by Lelena (new)

Lelena | 3508 comments Terminato. L'ho trovato molto bello nella sua pacatezza, intriso di dolore, di mancata comunicazione, di incomprensione. Holland resta per tutti un mistero, anche per il lettore, ma ci sta visto che la narrazione di questa strana storia è fatta dalla moglie.


message 18: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3448 comments ...chi guarda una nave dalla costa non può giudicare la sua capacità di tenere il mare, perché la parte importante è sempre immersa sott’acqua: non si vede”.
Siamo negli anni cinquanta in un’America ancora razzista verso neri e gay, il razzismo però non è il tema centrale del libro, in questo romanzo si parla soprattutto di amore. Interessante leggere della chiamata alle armi per la guerra dal punto di vista americano.
Uno stile elegante e fluido ma che però non mi convince, (view spoiler)Ma in fondo “un uomo si giudica per quel che fa, non per quel che dice”.


message 19: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments L'incapacità di comunicare è la tematica centrale di questo libro


message 20: by Emanuela (new)

Emanuela (emanuelalt) | 3448 comments Anto_s1977 wrote: "L'incapacità di comunicare è la tematica centrale di questo libro"
lo so ma fa diventare tutto irreale


message 21: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Forse nel XXI secolo, ma all'epoca molti argomenti erano intrattabili anche all'interno della famiglia


message 22: by Lelena (last edited Jun 18, 2018 02:38AM) (new)

Lelena | 3508 comments Io non lo trovo affatto irreale. L'incomunicabilità inizia sempre da qualcosa di piccolo sottaciuto; l'abitudine e la convinzione di conoscere l'altro fa poi sì che noi stessi "aggiungiamo" pezzi al puzzle.
De Crescenzo ha detto una frase bellissima "amo il tuo posto vuoto accanto al mio" e questa frase ha tantissimi significati, uno di questi, a mio parere è quello racchiuso in questo libro, ossia che spesso si ama l'immagine che si ha dell'altro, che si è costruita da sè. Questo pezzetto di riflessione mi sorge proprio adesso che sto leggendo Maria Stuarda di Zweig, personaggio che pontifica tutti i propri amori sull'immagine che si è costruita dell'altro


message 23: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Secondo me c'è anche la paura alla base dell'incomunicabilità: Pearlie ha paura di scoprire e Holland ha paura di scoprirsi


message 24: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Iniziato io pure, ma per ora ne ho lette solo una cinquantina di pagine e sono arrivata alla confessione di Charles (? non ho sotto mano il libro, spero di non sbagliare nome) sul passato di Holland. E chi se lo aspettava!!!
Ero completamente fuori strada.


message 25: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4778 comments Ho iniziato pure io senza leggere i vostri commenti!


message 26: by LaCitty, web jumper (last edited Jun 21, 2018 12:12AM) (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Mmm, sono un po' sconcertata... Holland è (view spoiler) e tutto questo negli anni '50 (non che oggi sarebbe meglio per lui, ma magari un pochino sì...)
Non so, mi chiedo se non sia un po' troppo come carico su personaggio che finora (sono attorno alle 100 pagine) è piuttosto diafano. Cmq, il libro si legge bene. Vediamo dove l'autore ci vuole portare.


message 27: by Amaranta (new)

Amaranta | 4293 comments altri colpi di scena ti aspettano...


message 28: by MonicaEmme (last edited Jun 21, 2018 12:31AM) (new)

MonicaEmme | 4778 comments Sta piacendo anche a me! Ti aspetti un fatto e ne succede un altro! Sono a pagina 60 o giù di lì.
Parliamo di questa donna? Capitano tutte a lei! Sposa un militare con tutte le manie del mondo, poi scopre che (view spoiler)E che caspita!!!! Nonostante ciò non vedo l’ ora di proseguire!


message 29: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Aiutoooo, già così mi sembra che ce ne siano un po' troppi. Vabbe', vado a lavorare, vah!


message 30: by MonicaEmme (last edited Jun 21, 2018 08:11AM) (new)

MonicaEmme | 4778 comments Nooooooooooo!!!!! Era proprio necessario regalare la (view spoiler) 🤭 Che clamorosa caduta di stile!!!!
😂😂😂


message 31: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments 😂


message 32: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Sono anche io allo stesso punto... sto un po' perdendo la pazienza, ma sembra che si stia virando sull'assurdo... (view spoiler)
Vabbè, vado a leggere il III capitolo


message 33: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments E che dobbiamo dire!? (view spoiler) 😂


message 34: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4778 comments Speriamo bene che volete che vi dica!


message 35: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4778 comments Eh no! Che fai? (view spoiler), e che è? Una soap opera?


message 36: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 1060 comments Finito anche io, direi che non mi è piaciuto.
Una storia che avrebbe potuto suscitare qualche interesse annegata in una prosa intimista ma scipita, Andrew Sean Greer si scrive addosso dispensando colpi di scena come un settenne che lancia petardi, più irritante che sorprendente, un monologo interiore lungo decenni che porta alla sorprendente epifania che la vita è piena di sfumature e noi dobbiamo solo convivere con le gioie e i dolori che ci capitano, sorridere in modo profondo e guardare verso il tramonto...
Bene Andrew Sean Greer, messaggio ricevuto. Grazie e a mai più rileggerci.
Voto: 4,5


message 37: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Finito anche io... mah!!!
Mi ritiro a deliberare. Domani con calma, scrivo qualcosa di più sensato


message 38: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4778 comments Si alza il sipario.
Luci soffuse.
Un cerchio luminoso illumina una famiglia dai toni impolverati. Lui, lei, il figlio poliomielitico, il cane muto. Gente di colore che non fa rumore: persone discrete e nella norma. O almeno così sembra... oh come sembra! A ben guardare se ci avviciniamo vediamo che c’è un altro che sta con lui, ma anche un’ altra e anche lei sta con lui, ma è promessa ad un giovane! E poi? Lei lo sa? Lei che fa?
Una cosa certa è che tra queste pagine niente è scontato, però, se potessi paragonare la lettura ad una corsa in auto direi che s’ ingrana da subito la quarta, poi si prova ad accelerare e a fare un sorpasso. Si pigia sull’ acceleratore, ma non si decolla! Peccato, perché lo scrittore sa creare le giuste aspettative e cattura l’ attenzione.
Tutto accade in un sottofondo politico-storico a cui non sono riuscita dare il giusto peso: mi sembra sia stato aggiunto in un secondo momento tanto per dare un tono al romanzo, però intralcia la lettura. Quindi io la vedo così: o si toglie del tutto o si calcano i toni, la mezza misura, in questo caso, rende meno scorrevole la trama.
Parliamo di Pearlie, la protagonista. Non la capisco proprio! Sforza un uomo a sposarla e si sacrifica alla morigeratezza. Gli fa da infermiera come se niente fosse e quando scopre che lui è (view spoiler) non sembra scalfirsi. In una situazione del genere il primo sentimento che dovrebbe emergere è la rabbia invece lei accetta tutto, e con rassegnazione si fa manovrare da Buzz come una burattina. Finge la grigia vita di sempre, mentre macchina alle spalle del marito con una ponderatezza da santone! Dov’è l’ emancipazione? L’ amore per sè stessi?
E ancora. Invece di fare tutte queste macchinazioni non poteva semplicemente parlare? Così. Tanto per chiarire!!! Un sano dialogo tra coniugi non sarebbe stata una cattiva idea, no?
Speravo almeno in un finale (view spoiler).
Se fossi a scuola gli darei un 5.


message 39: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11550 comments Mod
Se è alla vostra portata scegliete l'estasi; se appena non potete, scegliete l'amore
Questa è una frase bellissima, ma, almeno per me, non applicabile a questo libro. Carino, all'inizio, tira il freno (e tira in lungo) nella parte centrale. Dove vuole andare a parare l'autore???
Booo. Volendo potrebbe parlare di razzismo a vari livelli, di accettazione di sé, di diversità e come questa viene percepita e gestita dalla società. Potrebbe, ma non lo fa se non in modo molto superficiale. Peccato.


message 40: by MonicaEmme (new)

MonicaEmme | 4778 comments Concordo @Lacitty!


message 41: by Klela (new)

Klela | 1628 comments Crediamo tutti di conoscere la persona che amiamo. Credo che sia questa la frase che mi è rimasta più impressa del libro ed è quella che userei per descrivere quello di cui parla. Non è solo questione di segreti e misteri tenuti nascosti volontariamente, ma anche di dare per scontato, pensare di aver colto l'altro nella sua interezza e avere la presunzione di sapere cosa l'altro penserà, farà, amerà. Fortunatamente (o no) non è così e l'altro ha sempre la possibilità di spiazzarci, nel bene o nel male.


message 42: by kris1980 (new)

kris1980 | 485 comments Anche io l'ho letto e non sono soddisfatta!
Non mi è piaciuto nessun personaggio principale e nemmeno la storia in sè. Avrebbe potuto, anche secondo me, approfondire qualche aspetto.
I segreti celati, mai rivelati gli uni agli altri, e pur sapendoli si fa finta di niente continuando la routine quotidiana come se nulla fosse... questo proprio non lo comprendo.


back to top