Piccole letture tra amici discussion

8 views
Commenti > Pasticcini per il the

Comments Showing 1-3 of 3 (3 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Alex (new)

Alex Borghi | 15 comments Rifacendomi alle regole del gruppo questo vuole essere un "topic of discussion" dove le persone suggeriscono libri da prendere con il the delle 5, quindi non molto impegnativi, ma con un contenuto di riflessione. Proprio come fossero dei piccoli pasticcini da prendere con il the. Scrivendo frasi tratte dai libri, e spiegando in modo approfondito il contenuto del libro e perchè lo suggeriscono.


message 2: by Alex (new)

Alex Borghi | 15 comments Inizio io con il suggerire "Oceano Mare" di A. Baricco. Il libro non è per niente lineare, racconta la storia di un naufragio, però prima racconta la vita alla "Locanda Almayer", un luogo senza tempo dove i naufraghi sono approdati, e qui i problemi vengono dimenticati e il mondo "normale" sembra lontano. La seconda parte "Il Ventre del Mare" racconta il naufragio vero e proprio, dove per la propria sopravvivenza, l'essere umano, è disposto a fare di tutto. La terza parte del libro intitolata "I Canti del Ritorno" racconta il ritorno a casa di tutti i naufraghi dove c'è chi ha imparato qualcosa, chi incasina tutto, e chi invece ritorna alla sua vita normale.
Io la considero una metafora della vita. dove tutti siamo un po' naufraghi, un po' in balia delle onde. Ognuno di noi cerca un luogo fisico o spirituale dove si sente in pace con se stesso e dove i problemi del mondo sono distanti e portati dalla corrente. "Questo, davvero, sarebbe meraviglioso. Sarebbe dolce, la vita, qualunque vita. E le cose non farebbero male, ma si avvicinerebbero portate dalla corrente, si potrebbe prima sfiorarle e poi toccarle e solo alla fine farsi toccare" Ma non si può stare chiusi in questo luogo per sempre, bisogna tornare a casa, "nel mondo", ai problemi reali, e come vengono affrontati, dipende da noi, se abbiamo o no imparato qualcosa in questo luogo in cui ci siamo nascosti. Ann Devirà ad esempio, personaggio del libro, ha capito che il suo amore non può più far parte della sua vita e le scrive una lettera di commiato bellissima di cui ne riporto qui una frase, ( "Non ti ho amato per noia, o per solitudine, o per capriccio. Ti ho amato perché il desiderio di te era più forte di qualsiasi felicità. E lo sapevo che poi la vita non é abbastanza grande per tenere insieme tutto quello che riesce a immaginarsi il desiderio" ) altri come il professore Bartleboom incasinano tutto. ma questo fa parte della vita.
Vi lascio con un ultima frase sperando di avere suscitato in voi un po' di interesse per questo libro. "Sai cos'é bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia, e loro restano lì, precise, ordinate. Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia e non ci sarà più nulla, un'orma, un segno qualsiasi, niente. Il mare cancella, di notte. La marea nasconde. é come se non fosse mai passato nessuno. é come se noi non fossimo mai esistiti. Se c'é un luogo, al mondo, in cui puoi pensare di essere nulla, quel luogo é qui. Non é più terra, non é ancora mare. Non é vita falsa, non é vita vera. E' tempo. Tempo che passa. E basta."


message 3: by Orma (new)

Orma | 3352 comments Ciao Alex, ti è stato dato il benvenuto qui https://www.goodreads.com/topic/show/...


back to top