Goodreads Italia discussion

L'affaire Moro
This topic is about L'affaire Moro
151 views
Gruppi di Lettura > GdL Saggistica Maggio-Giugno 2018 - L'affaire Moro

Comments Showing 1-33 of 33 (33 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

Pierre Menard | 2348 comments Benvenuti nel XXIII gruppo di lettura saggistica, di durata bimestrale (maggio-giugno 2018), dedicato al tema della storia italiana dall'Unità a oggi.

Qui di seguito le informazioni sul tema:
https://www.goodreads.com/topic/show/...

Il libro scelto è invece L'affaire Moro, suggerito da Paologa e votato da ben 67 utenti.

Uscito per la prima volta nel 1978, nello stesso del rapimento e dell'assassinio di Aldo Moro da parte delle BR, rieditato poi nel 1983, suscitò notevoli polemiche, alimentate anche dal ruolo che Leonardo Sciascia aveva nella commissione parlamentare d'inchiesta (Sciascia era deputato per il Partito Radicale) e che lo portò a firmare una relazione di minoranza (contenuta nell'edizione Adelphi) che contestava le conclusioni dell'inchiesta.

Nel saggio Sciascia analizza le dinamiche politiche e umane, seguite al rapimento e alla sua tragica risoluzione, si sofferma sulle famose lettere scritte da Moro durante la prigionia e attacca la linea della fermezza voluta dalla DC. Oltre alla relazione di minoranza il volume contiene una cronologia degli eventi tra il marzo e il maggio 1978 (esattamente 40 anni fa).

Naturalmente in Sciascia il politico non si divide dallo scrittore e l'affaire diventa opera anche letteraria, con i suoi personaggi e le sue situazioni degne di un giallo.


Vi ricordo infine le semplici "non-regole" dei nostri GdL:

Per partecipare ai Gruppi di Lettura non è necessario "iscriversi" da nessuna parte.
I nostri GdL sono un po' atipici: non ci sono scalette di lettura, né step da rispettare, semplicemente si legge insieme lo stesso libro durante l'arco di 2 mesi, ognuno con il proprio ritmo (e con il tempo che ha a disposizione). Chi vuole commenta in corso di lettura, altri preferiscono farlo a lettura terminata: il pericolo "spoiler" esiste più che altro per la narrativa, per i saggi gli spoiler non dovrebbero costituire un problema. Inoltre i topics rimangono "aperti", in modo che anche altri utenti (che magari si sono aggiunti al Gruppo in seguito) possano lasciare i loro commenti sulla lettura, anche a mesi di distanza dal termine del GdL.

Buona lettura!


Marte | 82 comments Non potrò farvi compagnia perché l'ho letto il mese scorso. Ottima scelta! vi seguirò comunque nei commenti. Buona lettura.


Livietta | 85 comments Avendo due mesi ed essendo il volume abbastanza piccolino, mi aggiungo tra qualche giorno. Ma ci sono, a maggior ragione avendolo votato.


italiandiabolik | 7 comments Terminato ieri mattina.
Interessante lo spirito ironicamente drammatico con cui Sciascia ripercorre la vicenda, utilizzando soprattutto le lettere di Moro.
Dissacrante la dicotomia tra Italia terra delle eccezioni, e politici (o politicanti?) fermi nel non voler trattare coi terroristi.
Rimangono molte zone d’ombra a distanza di quarant’anni... tra i libri da leggere questo mese ho anche quello che Ferrari ha scritto sul caso Moro, intitolato “Il segreto”.


Livietta | 85 comments Io ho molto apprezzato anche la relazione di minoranza a fine libro.
Anche lì una neanche tanto sottile ironia di sottofondo che rende appassionante la lettura di un qualcosa che, apaprentemente, sembrerebbe più tecnico e destinato agli addetti ai lavori.


message 6: by Je (new) - rated it 4 stars

Je | 467 comments L'ho iniziato oggi.


Cristina | 203 comments L'ho iniziato anch'io e per il momento (ma sono appena alle prime pagine) sto facendo un po' fatica. Spero di riuscire ad entrare un po' meglio nel linguaggio andando avanti, anche perché è un tema molto interessante e Sciascia mi è sempre piaciuto molto


Renzo | 13 comments Invito a superare le primissime pagine un po' ostiche, proseguendo nella lettura, la scrittura diventa più fluida e semplice da seguire.
Un'analisi attenta di parte della documentazione e delle lettere intercorse tra Aldo Moro, la famiglia e i dirigenti della Democrazia Cristiana, in un momento in cui a quella corrispondenza molti non davano credito più per opportunismo politico che per convinzione. Ne emerge il ritratto di un uomo intelligente, preparato e lucido nonostante la prigionia, un uomo solo, abbandonato dai colleghi di partito e dagli amici di un tempo che arriveranno a denigrarlo pur di difendere la DC e la carriera politica.


Cristina | 203 comments Sì, concordo Renzo, dopo le primissime pagine è un po' meno ostico, comunque continuando la lettura mi sento veramente ignorante, sento che alla fine avrò assimilato solo qualche briciola di tutto il significato del libro. Mi rendo conto che mi mancano tantissimi riferimenti sia storici che culturali che Sciascia da per scontati 😕


message 10: by Pierre (last edited May 17, 2018 02:14PM) (new) - rated it 4 stars

Pierre Menard | 2348 comments Alcuni siti nei quali è possibile leggere le lettere scritte da Aldo Moro, durante la prigionia:

http://www.fisicamente.net/MEMORIA/in...

http://151.12.58.123/dgagaeta/dga/upl...

https://www.ilpost.it/2010/07/19/mort...


Cristina | 203 comments Grazie Pierre, andrò sicuramente ad informarmi di più. Ho appena finito la lettura di questo libro che, nonostante i miei timori iniziali, è risultato essere potente e trascinante.
Un pugno nello stomaco la Relazione di minoranza presentata da Sciascia alla Commissione Parlamentare, purtroppo non sorprende più di tanto, ma la concatenazione dei fatti esposta in maniera così chiara e lucida toglie qualsiasi possibile velo pietoso si desideri applicare alla vicenda. Grazie per aver proposto questo titolo


message 12: by Je (new) - rated it 4 stars

Je | 467 comments Anche io sono molto contenta di aver affrontato questa lettura, non avevo mai letto Sciascia e del caso Moro conoscevo solo la vicenda ammantata di retorica che passa sempre per tv. Sono rimasta davvero stupita da come si è in realtà svolta la vicenda, dalla schiettezza e dall'ironia di Sciascia che non lascia spazio a nessun pietismo, semmai a una giusta ma tardiva indignazione.


Livietta | 85 comments Je wrote: "Anche io sono molto contenta di aver affrontato questa lettura, non avevo mai letto Sciascia e del caso Moro conoscevo solo la vicenda ammantata di retorica che passa sempre per tv. Sono rimasta da..."

L'indignazione non è neanche poi così tardiva. Il testo risale all'autunno del '78. La relazione di minoranza è invece successiva (dell'82) ed è, appunto, una relazione di minoranza.

La cosa che mi ha molto colpito è la differenza di taglio tra i due testi: il primo ,molto più caldo e in qualche modo passionale, il secondo più "freddo" e forse più ironico.

Per chi non avesse il volume, ma volesse leggere comunque la relazione, dagli archivi di radio radicale: http://www.radioradicale.it/exagora/m...


Roberta (driope) | 6502 comments Mod
Io lo inizierò a breve, ma intanto lancio una proposta per il futuro:

e se ci leggessimo la Costituzione?


Livietta | 85 comments Roberta wrote: "Io lo inizierò a breve, ma intanto lancio una proposta per il futuro:

e se ci leggessimo la Costituzione?"


Una rinfrescatina potremmo anche darcela in effetti :-)


Pierre Menard | 2348 comments Testo sorpassato, ormai... non è più di moda... oggi vanno per la maggiore i contratti, stipulati presso la terza camera della Repubblica o sul web.


message 17: by Ily (last edited May 29, 2018 12:33AM) (new) - rated it 4 stars

Ily | 424 comments Ciao! Mi accodo a voi, ho iniziato anche io da pochi giorni questa lettura :)

edit: l'ho terminato, all'inizio ho faticato un po' a leggerlo, mi è risultato ostico di primo acchito, invece poi mi è scorso meglio. Sono contenta di aver affrontato la lettura di questo volumetto, di cui non conoscevo l'esistenza, col GdL, ero informata per sommi capi in merito alla vicenda, studiata frettolosamente nei libri di scuola per finire il programma... Ho apprezzato molto l'inserimento delle fonti, cioè le lettere che Moro inviò durante la sua prigionia.


message 18: by Diabolika (last edited Jun 01, 2018 10:54AM) (new) - rated it 4 stars

Diabolika | 1845 comments Mi sono aggregata.

Ho appena finito la vera e proprio parte dell'Affaire (mi mancano la Cronologia e la Relazione di minoranza), che mi è piaciuta molto. Mi ha ricordato l'atmosfera di quegli anni [io ero piccolina, ovviamente :-) ] che ho vissuto attraverso le discussioni dei miei genitori. Ah... lo Stato Imperialista delle Multinazionali... Anche se ho trovato le considerazioni di Sciascia sugli italiani - Sulla bandiera dell'italiano c'è scritto io ho famiglia - molto attuali.

Mi è piaciuto, soprattutto, il modo con cui Sciascia analizza "letteralmente" i testi - dalle lettere di Moro ai comunicati delle BR - mostrando cosa ci sia dietro la scelta di una parola o di un aggettivo anziché di un altro. Intrigante vedere come uno scrittore usa la usa arte per sviscerare un testo.

PS: scusa Pierre, ma quel Pierre Menard di cui si parla - personaggio di un racconto di Borges - sei tu? ;-)


message 19: by Gaetano (last edited Jun 01, 2018 01:59PM) (new) - rated it 4 stars

Gaetano (gaetanolau) | 1270 comments L’ho finito ieri.

Anche a me ha portato alla memoria quegli anni (ero ancora un liceale sedicenne) ed in particolar modo mi sono rimasti indelebili in mente il giorno del rapimento, con l’eccidio della scorta, e lo spettacolo dello spiegamento di forze (inutile, anzi dannoso perché sottraeva risorse alle vere indagini, come sottolinea Sciascia) durante la gita scolastica pasquale che, dopo circa una settimana dal rapimento, dalla Sicilia ci portava verso Umbria e Toscana: postazioni militari con sacchetti di sabbia ai caselli autostradali, posti di blocco dappertutto ed addirittura la perquisizione del mio pullman con noi studenti stupefatti davanti a quella manifestazione di forza di uno Stato impotente, purtroppo solo apparenza per l’opinione pubblica.

Ricordo di aver letto all’epoca qualcuna delle lettere di Moro sui quotidiani, ma non credo di aver colto quelle sfumature linguistiche sapientemente analizzate da Sciascia nel saggio.

Tanti sono gli spunti di riflessione, scritti a caldo (la prima edizione del libro è dello stesso 1978 senza la lucida analisi della relazione di minoranza che è del 1982) ed ancora validi per analizzare quello che fu uno degli episodi più terribili e misteriosi (e dalle coincidenze incredibili) di quei famigerati “anni di piombo”.

Qualche anno dopo Gaber cantava “io se fossi Dio” dicendo che

io se fossi Dio quel Dio di cui ho bisogno come di un miraggio
c'avrei ancora il coraggio di continuare a dire 
che Aldo Moro insieme a tutta la Democrazia Cristiana 
è il responsabile maggiore di trent'anni di cancrena italiana 


Ma questa è un’altra storia….


message 20: by Claudio (new)

Claudio (idramoro) Difficile per chi non li ha vissuti, come li hanno vissuti quelli della mia età , capire gli "anni di piombo". Un libro o una inchiesta tv, documentate e obiettive non ci sono ancora. Forse perché alcuni dei protagonisti di quelle lotte sono stati fino ad oggi a capo dei media. Era una guerra civile fomentata da odi ideologici, sospetti, denunce di complotti. Sciascia con Pasolini si inserisce in questo ultimo genere di letteratura in cui la tesi è espressa ma le prove mancano . Famoso l'articolo di Pasolini sul Corriere della Sera : "Io so, ma non ho le prove". Facile scrivere simili articoli e pamphlet, ci si può campare per anni.


message 21: by Diabolika (last edited Jun 08, 2018 10:42AM) (new) - rated it 4 stars

Diabolika | 1845 comments L'ho finito qualche giorno fa e devo dire che la Relazione di minoranza di Sciascia è stato un vero e proprio tuffo nel passato. Lo consiglio a chi vuole capire cosa fosse la DC, ma anche il PCI, di allora.

Alla fine, proprio un bel libro che descrive bene il clima politico del periodo. Certo che la DC non ne esce bene...


message 22: by Paologa (last edited Jun 08, 2018 03:20PM) (new) - rated it 2 stars

Paologa | 193 comments Devo iniziare la Relazione di minoranza.
Finora non mi ha soddisfatto, per diversi motivi:
l'analisi quasi esegetica delle lettere di Moro è eccessivamente forzata. Trovo difficile sostenere che vivendo la tragedia personale della prigionia, molto probabilmente consapevole delle fine, Moro soppesasse le parole per dare indicazioni occulte su come giungere a liberarlo. Io ho trovato nelle lettere, che non avevo mai letto, la disperazione di un uomo di fronte ad un destino terribile.
Anche senza mettere in dubbio la condanna di Sciascia verso le BR, mi sembra che a volte sia troppo indulgente verso i terroristi: nella gestione delle lettere, dei comunicati, delle notizie filtrate a Moro, i terroristi danno l'impressione di giocare crudelmente come il gatto con il topo. Probabilmente è vero che al loro interno ci siano stati dei dissidi sulla sorte di Moro, ma questo non mi toglie la sensazione di un gioco sadico a prescindere dall'esito del "processo".
Mi sarei aspettato un'analisi sulla cosiddetta strategia della fermezza, sulla figura di Moro, almeno che mi facesse respirare l'aria che gli italiani respiravano in quei giorni... Invece ho la sensazione che lasci questi punti in sospeso, che il lettore tragga le conclusioni, senza però avergli dato le basi per capire. O forse non sono riuscito io a capire la prosa circonvoluta la prosa e le ipotesi cervellotiche. Difetti che non avevo riscontrati negli altri libri letti di Sciascia.
Probabilmente, almeno per le mie aspettative, paga l'essere stato scritto a caldo pochi mesi dopo gli eventi senza conoscere quello che oggi noi conosciamo (o pensiamo di conoscere).
Vediamo se con la Relazione di minoranza, scritto più tardi, riesce a tirare le fila dei ragionamenti dell'Affaire (che ho fatto molta fatica a seguire) e a proporre una conclusione coerente.


Gaetano (gaetanolau) | 1270 comments Paologa wrote: "Devo iniziare la Relazione di minoranza.
Finora non mi ha soddisfatto, per diversi motivi:
l'analisi quasi esegetica delle lettere di Moro è eccessivamente forzata. Trovo difficile sostenere che vi..."


Non ho colto disperazione nelle lettere di Moro, semmai la (poco) sottile esortazione ai membri della DC affinché non perseguissero quella strategia della fermezza tanto sbandierata, almeno non in questo caso.

Tipico di molti uomini di potere: quello che vale per gli altri non vale per me.

Il caso del rapimento del sostituto procuratore Mario Sossi, liberato a seguito di una trattativa (poi non andata comunque a buon fine per le BR) ed i successi di Dalla Chiesa con la sua unità antiterrorismo, certamente erano ben presenti nella mente di Moro che auspicava una liberazione conseguente alle opportune e minuziose indagini.

Indagini che, invece, fecero acqua da tutte le parti... stranamente.

Comunque confermo, leggendo questo saggio, di aver riportato alla mente quei giorni; almeno per quanto possibile... dopo quarant'anni.


Nazzarena | 2955 comments Mod
Eccomi, come al solito abbastanza in ritardo. Inizio in questi giorni e leggerò i vostri commenti quando mi sentirò un po' dentro il libro. Io sono una figlia degli anni di piombo, nel senso che sono nata in quel periodo e non li ho vissuti, quindi sono curiosa di assaggiare una testimonianza contemporanea.


Pierre Menard | 2348 comments Aperto il topic per le nuove proposte per il prossimo bimestre!

https://www.goodreads.com/topic/show/...


message 26: by Paologa (last edited Jul 19, 2018 03:38PM) (new) - rated it 2 stars

Paologa | 193 comments Ho fatto passare qualche tempo, ma confermo che questo libro non ha lasciato il segno. Anche la parte della relazione di minoranza, che per alcuni ne aveva rialzato le sorti, ha mantenuto il basso profilo della prima parte. Sarà che non sopporto le tesi cospiratorie, meno se non supportate da prove solide, ma mi è sembrata più una sdegnosa e a tratti semplicistica invettiva contro che aveva gestito la crisi in maniera (ed è forse difficile dare torto a Sciascia) maldestra.
La parte che riscatto è l'analisi del comportamento delle principali figure politiche dell'epoca.
Prima di iniziarlo mi aspettavo che leggendolo avrei respirato un po' dell'aria degii anni '70-'80 (quelli della mia infanzia), ma per trovarla davvero ho dovuto, parallelamente, ritornare sul mio amato commissario Ambrosio.


Nazzarena | 2955 comments Mod
Finito ieri. L'ho apprezzato parecchio, pur nella sua inevitabile incompletezza. In fin dei conti si tratta di un instant book, delle poche cose che Sciascia ha potuto sapere immediatamente dopo i fatti e durante la commissione di inchiesta. Concordo con Paologa, il ritratto della DC che ne esce è molto interessante, ma mi è piaciuto anche il modo in cui svilisce il lavoro di parata delle forze dell'ordine. Mi ha lasciato con la voglia di approfondire la vicenda, ma anche gli anni di piombo in generale (penso che farò un tentativo con Patria di Deaglio).


Pierre Menard | 2348 comments Aperto il topic per le nuove proposte per il bimestre settembre-ottobre 2018:

https://www.goodreads.com/topic/show/...

Tema: la bufala o hoax!


Pierre Menard | 2348 comments Aperto il sondaggio per il titolo di saggistica da leggere nel bimestre settembre-ottobre 2018:

https://www.goodreads.com/poll/show/1...


Pierre Menard | 2348 comments Online il topic con le proposte per il prossimo bimestre:

https://www.goodreads.com/topic/show/...


Pierre Menard | 2348 comments Pronto il sondaggio per il prossimo (questo, in realtà) bimestre:

https://www.goodreads.com/poll/show/1...


Pierre Menard | 2348 comments Per gli interessati: inizia la selezione del nuovo saggio da leggere nel primo bimestre 2019.

https://www.goodreads.com/topic/show/...


Pierre Menard | 2348 comments Pronto il sondaggio saggistica per il primo bimestre del 2019:

https://www.goodreads.com/poll/show/1...


back to top

unread topics | mark unread


Books mentioned in this topic

L'affaire Moro (other topics)

Authors mentioned in this topic

Leonardo Sciascia (other topics)