Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

note: This topic has been closed to new comments.
66 views
Bianco, Rosso e Blu > BRB - 1^ tappa: romanticismo e quel che ne seguì - libri pubblicati dal 1800 al 1849

Comments Showing 1-50 of 127 (127 new)    post a comment »
« previous 1 3

message 1: by LaCitty, web jumper (last edited Apr 24, 2018 05:26AM) (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Benvenuti alla prima tappa di questa sfida.




Sono molto orgogliosa di avere raggiunto l'obiettivo dei 15 partecipanti e spero che nel prossimi mesi vi divertiate.
Per rendere più "intrigante" la sfida, periodicamente vi proporrò quiz e piccoli giochi che vi aiuteranno a incrementare il vostro punteggio individuale e di squadra.

In questa discussione potrete:
1) fare domande e chiedere delucidazioni sui libri da sceglie;
2) comunicare la lista delle letture di tappa;
3) segnalare i vostri progressi di lettura completando i dati seguenti (li trovate anche nella discussione di ciascuna squadra) e inserendo un breve commento. Vanno bene anche poche righe.

Titolo:
Autore:
Anno di pubblicazione:
Voto:
Numero pagine:
Punti:
Eventuali bonus:

Le letture valide ai fini del punteggio sono quelle di:
- autori britannici, statunitensi e francesi pubblicati dal 1800 al 1849 a prescindere dalla vostra squadra di appartenenza (1 punto ogni 50 pagine arrotondate per difetto, punti tappa)
- tutti i libri di autori della nazionalità della vostra squadra a prescindere dall'anno di pubblicazione (1 punto ogni 100 pagine arrotondate per difetto, punti nazione)

Alcuni autori britannici di riferimento
Walter Scott
Jane Austen
Mary Shelley
Thomas Love Peacock
Emily e Anne Bronte
Charlotte Bronte (parte della produzione)
Charles Dickens (parte della produzione)
William Thackeray (parte della produzione)

Alcuni autori francesi di riferimento
Honorè de Balzac
Stendhal
François-René de Chateaubriand
Alfred de Musset
Théophile Gautier (parte della produzione)
Madame de Stael (parte della produzione)
Gustave Flaubert (parte della produzione)
Victor Hugo (parte della produzione)
George Sand (parte della produzione)
Alexandre Dumas padre e figlio (parte della produzione)

Alcuni autori statunitensi di riferimento
Edgar Allan Poe
Washington Irving
James Fenimore Cooper
Henry David Thoreau
Ralph Waldo Emerson (parte della produzione)
Nathaniel Hawthorne (parte della produzione)

Buon divertimento a tutti!!!


message 2: by Claudia (last edited Apr 25, 2018 06:18AM) (new)

Claudia (clagr) | 778 comments Inizio con la prima domanda: non ci sono limiti di pagine, giusto? E nel caso scegliessi un libro che ha meno di 40 pagine ma leggessi i 3 autori per la tripletta, verrebbe conteggiato? Ultima curiosità: posso leggere un libro che in realtà è una raccolta di racconti che rispettano le direttive (pubblicati nel cinquantennio indicato)?


message 3: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
@Claudia, sì a tutte le tue domande:)))
Ovviamente se un libro ha meno di 50 pagine non darà punti tappa, ma è valido per la tripletta. Curiosa di vedere cos'hai scovato ^^


message 4: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Intanto, Gran Bretagna e Francia hanno nominato le rispettive capitane: Simona e Roberta. Buon lavoro ad entrambe e grazie in anticipo per il supporto che mi darete. Aspettiamo la squadra statunitense.

Quando tutti i membri della squadra avranno espresso la loro prima lettura di tappa, pubblicate qui l'elenco ^^
Buon 25 aprile a tutti


message 5: by Simona (last edited Apr 26, 2018 01:21AM) (new)

Simona Fedele | 3042 comments LaCitty wrote: "Intanto, Gran Bretagna e Francia hanno nominato le rispettive capitane: Simona e Roberta. Buon lavoro ad entrambe e grazie in anticipo per il supporto che mi darete. Aspettiamo la squadra statunite..."

LaCitty la pubblicazione della prima lettura di tappa va fatta entro il 30 aprile? E per le letture successive (sempre nella prima tappa, ovviamente)?


message 6: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Come capitano, devo pubblicare l'elenco delle prime letture entro il 30 aprile. Le successive saranno aggiunte fa ciascun partecipante al termine della lettura con lo schema di cui sopra più un breve commento.
Ovviamente anche le prime letture devono essere registrate e commentate anche qui :)


message 7: by Simona (new)

Simona Fedele | 3042 comments LaCitty wrote: "Come capitano, devo pubblicare l'elenco delle prime letture entro il 30 aprile. Le successive saranno aggiunte fa ciascun partecipante al termine della lettura con lo schema di cui sopra più un bre..."

Ok. Grazie


message 8: by Claudia (new)

Claudia (clagr) | 778 comments LaCitty wrote: "@Claudia, sì a tutte le tue domande:)))
Ovviamente se un libro ha meno di 50 pagine non darà punti tappa, ma è valido per la tripletta. Curiosa di vedere cos'hai scovato ^^"


Scusami @LaCitty ma ho un problema:non riesco a trovare l’anno di pubblicazione della raccolta di racconti che vorrei leggere per la sfida ma i racconti sono stati tutti pubblicati nel periodo corretto. Posso comunque leggerlo?


message 9: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
@Claudia, se ti riferisci ai racconti di Poe, vanno tutti bene perché sono stati pubblicati in vita e lui morto prima del 1949


message 10: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
@tutti, entro lunedì pubblicate l'elenco dei titoli qui :)


message 11: by robylegge (new)

robylegge | 516 comments La Squadra Francia è pronta!

1) Vabe de BALZAC, Eugénie Grandet - 1833
2) Martina STENDHAL, Dell'amore - 1822
3) Roberta DUMAS, Il Conte di Montecristo - 1846
4) LadyGiodesi NODIER, Il vampiro - 1820
5) Acrasia DUMAS, I tre moschettieri - 1844


message 12: by Simona (new)

Simona Fedele | 3042 comments Anche l'Inghilterra! Ecco qui la nostra lista:
1) aithusa - John William Polidori - Il Vampiro - 1819
2) AlleG - Jane Austen - Emma - 1815 
3) Simona - Jane Austen - Emma - 1815 
4) Chiara - Emily Bronte - Cime tempestose - 1847
5) Anto_s1977 - Jane Austen - Ragione e sentimento - 1811


message 13: by Animus (new)

Animus Noir | 155 comments Statua della libertà, pronti

Animus, Washington Irving, Il mistero del cavaliere senza testa (1820)
Margherita, Edgar Allan Poe, I racconti del mistero (1842)
Claudia, Edgar Allan Poe, Nuovi racconti Straoridnari (1845)
Mickdemaria, Washington Irving, Il mistero di Sleepy Hollow e altri racconti
Caterina, Edgar Allan Poe, Le avventure di Gordon Pym (1838)


message 14: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 1084 comments Finito il primo volume per questa sfida, Il mistero di Sleepy Hollow e altri racconti di Washinngton Irving, 352 pag.

Washington Irving ci consegna in queste pagine il suo "sketchbook", un libro di appunti, di pensieri, di immagini e di trame dal nuovo mondo che sta nascendo. Uno zibaldone che è un insieme di storie, di leggende, appunti di viaggio, divagazioni intellettuali, elaborazioni fantasiose, cronache. Irving narra non con l'occhio del filoso, bensì con quello dell'umile innamorato del pittoresco che passa dalla vetrina di un negozio di stampe all'altra, attirato qualche volta dalle tracce della bellezza, qualche volta dalle deformazioni della caricatura e qualche volta dalla piacevolezza del paesaggio con grande delicatezza e lucidità intellettuale.
La cosa che più colpisce nella raccolta è lo stupore con cui Irving guarda i suoi mondi, il vecchio e il nuovo: L'Inghilterra che visita con l'entusiasmo di un emigrato che torna in patria dopo lungo tempo, e i neonati Stati Uniti, che ama con l'inconsapevolezza del neonato che cerca il seno dell madre. Irving si trova in un'origine, l'origine di una cultura. Sa di non avere una storia, sa di non avere una letteratura di provenienza, scrive molto prima del mito del "grande romanzo americano". Quello che ha è l'arguzia, la sincerità, l'intelligenza, e sono questi gli strumenti che utilizza per guardare fuori dalla finestra e raccontarci quello che vede, ovvero da una parte un' America aspra, rurale, dove gli indiani sono indiani e non nativi americani, governata dalle leggi della natura e dalle superstizioni, popolata da fantasmi senza testa e magie (solo cento anni prima si svolgeva il famigerato processo alle streghe di Salem), dall'altra un' Inghilterra che seppure era politicamente il vecchio padrone è nel sentire comune la terra dei padri alla quale tutti si volgono con un senso quasi sacro di venerazione, nobile luogo di raccolta dei più antichi monumenti, culla e mausoleo dei saggi e degli eroi della storia patria.
Ci sono momenti più o meno interessanti. Personalmente ho apprezzato maggiormente le storie, le leggende, le invenzioni (Sleepy Hollow, Rip van Winkle, Lo sposo fantasma...) e ho faticato di più nei racconti di viaggio corredati di aneddoti e descrizioni non sempre folgoranti. Non considero questa raccolta un'opera di alta letteratura, la considero però molto interessante come testimonianza di una letteratura e di una cultura nascenti e ne apprezzo i passaggi più arcaici, più oscuri e primitivi.
Voto: 7


message 15: by LaCitty, web jumper (last edited May 04, 2018 12:11AM) (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
@Mick, bella la tua recensione del libro di Irving. Ho letto qualche mese fa Sleepy Hollow e mi aveva colpito molto al punto che ho messo in wishlist i suoi racconti di Natale. Quasi quasi li recupero che mi vanno bene anche per un'altra sfida :)
Tra l'altro il film con Jhonny Depp non l'avevo visto, ma la sensazione dai trailer è che fosse più cupo del libro (magari mi sbaglio), tu l'hai visto?

Chiedo a tutti di ricordarsi di compilare il file nelle rispettive discussioni di gruppo con i dati che seguono (se li mettete anche qui, ma soprattutto nelle discussioni del vostro gruppo è cosa buona per aiutare il capitano a tenere traccia delle letture... be', aiutate anche me :)))

Titolo:
Autore:
Anno di pubblicazione:
Voto:
Numero pagine:
Punti:
Eventuali bonus:


message 16: by Animus (new)

Animus Noir | 155 comments Titolo: Il mistero del cavaliere senza testa
Autore: Washington Irving
Anno di pubblicazione: 1820
Voto: 9
Numero pagine: 88
Punti: 1
Eventuali bonus: No

Ironico e irriverente, la storia gira attorno ad un maestro che più che una fanciulla ama la possibilità di riempirsi lo stomaco e alla rivalità che ne deriva. Il cavaliere senza testa? C'è ed è un assoluto lampo di genio.


message 17: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 1084 comments @LaCitty: Non avevo visto il film, magari lo recupero...

Titolo: L'ultimo giorno di un condannato a morte
Autore: Victor Hugo
Anno di pubblicazione: 1829
Voto: 7
Numero pagine: 128
Punti: 2
Eventuali bonus: no

L'ultimo giorno di un condannato a morte di Victor Hugo è un piccolo romanzo che racconta... Indovinate un po'? Gli ultimi giorni di un condannato a morte.
Il romanzo aveva fini dichiaratamente politici, una presa di posizione da parte di un autore prestigioso contro una pratica che riteneva barbara e non più attuale. Nella mia edizione il romanzo è corredato da una lunga introduzione di Hugo che esprime a chiare lettere il suo pensiero sull'argomento nonché di una Commedia a proposito di una tragedia , breve farsa autoreferenziale sull'accoglienza del romanzo da parte di un ipotetico pubblico di cui sinceramente non sentivo la necessità. L'invenzione del Dott. Guillotin, molto in voga in quegli anni perché, dice Hugo, la forca è l'unico edificio che le rivoluzioni non demoliscono. È raro, difatti, che le rivoluzioni siano sobrie di sangue umano... era apprezzata per essere uno strumento di morte "umano", il decesso avveniva infatti in una frazione di secondo risparmiando al condannato sofferenze non necessarie. Il romanzo si concentra su tutte quelle sofferenze non fisiche ma dell'animo e della mente che torturano il condannato a morte finché la lama non giunge a liberarlo e, finalmente, a guarirlo.
Hugo sa scrivere, su questo c'è poco da dire e il tema è importante e interessante. Quello che personalmente mi infastidisce è la spocchia autoreferenziale che spesso infesta le opere di quello che rimane comunque un grande autore. Grande, ma non simpatico. Le riflessioni sul tema non sono troppo diverse da quelle che potrebbe fare vostra zia a riguardo. La prosa ha momenti molto felici ma anche qualche passaggio buttato un po' via, cosa si perdona facilmente ad un tomo da più di mille pagine ma meno ad un romanzetto che si legge in un ora.
Ne consiglierei la lettura? Assolutamente si. Però il mio voto si ferma ad un ragionevole (credo) 7.


message 18: by aithusa (new)

aithusa | 517 comments Titolo: Il Vampiro
Autore: John William Polidori
Anno di pubblicazione: 1819
Voto: 8
Numero pagine: 73
Punti: 1
Eventuali bonus: /

Nel 1816 durante una riunione organizzata da Lord Byron a Villa Diodati venne proposta una gara: scrivere un racconto di paura. E' durante questa riunione che prendono vita il "Frankenstein" di Mary Shelley e "Il vampiro" di John Polidori, pubblicato poi nel 1819, questo racconto rappresenta l'archetipo della figura del vampiro come un aristocratico, un uomo perfettamente inserito nell'alta società e dal fascino tenebroso e pericoloso.
Da leggere non solo perchè precursore di tutti i romanzi ispirati dalla figura di questa creatura sovrannaturale e sempre misteriosa, ma anche per la prosa, scarsa di dialoghi ma dalle intense descrizioni e dalle espressioni quasi poetiche, con questa atmosfera con un sottofondo cupo che si percepisce durante tutta la lettura e dal finale inaspettato.


message 19: by aithusa (new)

aithusa | 517 comments Titolo: Gli omicidi della Rue Morgue
Autore: Edgar Allan Poe
Anno di pubblicazione: 1841
Voto: 7
Numero pagine: 46
Punti: /
Eventuali bonus: /

Un racconto particolare, forse un po' assurdo e dalla soluzione un po' azzardata ma se pensiamo che questo racconto di nemmeno 50 pagine ha dato il via a un genere letterario, quello del giallo deduttivo, che con il personaggio di Dupin, Poe ha ispirato scrittori come Arthur Conan Doyle per il suo Sherlock Holmes, o come Agatha Christie per Hercule Poirot allora le 4 stelle le merita tutte! Tanto di cappello


message 20: by Martina (new)

Martina (karamazovsister) | 455 comments Titolo: Armance
Autore: Stendhal
Anno di pubblicazione: 1827
Voto: 2/10
Numero pagine: 214
Punti: 4
Eventuali bonus:/

Penso che Stendhal ed io non possiamo proprio intenderci, dato che questo è il terzo suo romanzo che leggo e che non riesco a sopportare. La storia è assolutamente trascinata, gli ostacoli sono incomprensibili e in ogni caso risolti velocemente e proprio io non capisco Octave, il protagonista, e i problemi che ha. Di certo la descrizione della società è ben fatta ma, accidenti, che noia!


message 21: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
A tutti i giocatori: attenzione, in arrivo il primo giochino di BRB.
Tra qualche giorno pubblicherò nella discussione di ciascuna squadra un quiz composto da 5 domande, ciascuna associata ad un partecipante, ogni risposta giusta vale 2 punti. In più, se tutti risponderanno correttamente, avrete un autore bonus per il mese di giugno, ovvero la cui lettura vi darà 1 punto ogni 10 pagine a prescindere dalla data di pubblicazione delle opere!


message 22: by Claudia (new)

Claudia (clagr) | 778 comments LaCitty wrote: "A tutti i giocatori: attenzione, in arrivo il primo giochino di BRB.
Tra qualche giorno pubblicherò nella discussione di ciascuna squadra un quiz composto da 5 domande, ciascuna associata ad un par..."


Che top!


message 23: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Giusto per movimentare un po' le cose ;-)))


message 24: by Animus (new)

Animus Noir | 155 comments Avremo un tempo entro cui rispondere?


message 25: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Non ci avevo pensato. Il gioco in sé non è a tempo. Ognuno di voi dovrà rispondere ad una semplice domanda, ma non è previsto in questo caso un premio per la squadra più veloce.
Diciamo che per correttezza e non tirarla troppo in lungo, venerdì pubblicherò le domande a cui ognuno dovrà rispondere entro domenica compresa. Se si va oltre, anche in caso di risposta corretta, non assegnerò i punti


message 26: by Ladygiodesi (new)

Ladygiodesi (goodreadscomladygiodesi) | 517 comments Secondo me un weekend di tempo è troppo poco, c'è chi (non io...) magari nei fine settimana parte e va in posti dove non si collega ad internet, adesso arriva la bella stagione e molti magari vanno al mare...


message 27: by robylegge (new)

robylegge | 516 comments E adesso c'è ansia per venerdi :D
Quindi l'autore bonus per giugno si ha solo se tutti i membri della squadra rispondono correttamente?


message 28: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Se ritenete, anticipo l'apertura del questionario a domani (giovedì). Avevo pensato che fosse meglio il weekend proprio perché uno è più libero, ma in effetti non ho tenuto conto di chi non si collega proprio ad internet o, beato lui/lei, va via :)))
Ditemi voi ^^


message 29: by Acrasia (last edited May 09, 2018 07:33AM) (new)

Acrasia | 4341 comments Proprio questo weekend che sono presa con matrimonio sabato e cresima della nipote domenica :(
Preferivo andare via sinceramente :)
@LaCitty se puoi anticipare a domani mi faresti un piacere :)


message 30: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Sarà fatto, compito di domani mattina pubblicare il quiz letterario :)


message 31: by Mickdemaria (new)

Mickdemaria | 1084 comments Io sarò via tutta la settimana. Ma va bene così, se non è una cosa che richiede ore magari ce la faccio....


message 32: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Direi di no, ognuno deve rispondere ad una sola domanda. Mi sembrava brutto partire con una cosa super incasinata :)))


message 33: by Acrasia (new)

Acrasia | 4341 comments Brava @LaCitty, super comprensiva :*


message 34: by Claudia (new)

Claudia (clagr) | 778 comments Titolo: Nuovi racconti straordinari
Autore: E. A. Poe
Anno di pubblicazione: 1845
Voto: 5
Numero pagine: 102
Punti: 2
Eventuali bonus: 0

Devo dir che per quanto corto è stato un libricino impegnativo. La traduzione e la prosa non hanno di certo aiutato una scrittura che, in alcuni casi, ho trovato esageratamente “pomposa” e prolissa. Di questi 8 racconti me ne sono piaciuti solo 3: “la lettera rubata” che parla di un episodio che ha come protagonista il detective Dupin, “Hop-frog” che parla di due nani di corte e della loro vendetta e “il pozzo e il pendolo” che parla di un personaggio arrestato durante l’inquisizione spagnola che viene arrestato perché considerato eretico e delle punizioni che subisce.


message 35: by AlleG (last edited May 10, 2018 01:33AM) (new)

AlleG | 4460 comments Titolo: La donna dal collier di velluto
Autore: Alexandre Dumas (padre)
Anno di pubblicazione: 1849
Voto: 10
Numero pagine: 181
Punti: 3
Eventuali bonus: no

Libro bellissimo, scritto ovviamente in modo eccellente.
L'atmosfera gotica emerge nella seconda parte del libro e lo rende sorprendente ed avvincente.
Ho apprezzato moltissimo il contrasto che emerge tra l'ambiente tedesco del 1793, permeato di cultura, amore per il bello, l'arte e lo studio, e l'ambiente francese, contraddistinto da una sorta di follia rivoluzionaria e sovversiva che indugia nei bagni di sangue della ghigliottina.
Un uomo che si perde per amore, o meglio per attrazione sessuale, dimentico di tutto e tutti, accecato dalla passione è un tema sempre attuale e Dumas lo rappresenta egregiamente.
Voto 10


message 36: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Finito il mio libro

Titolo: Ragione e sentimento
Autore: Jane Austen
Anno di pubblicazione: 1811
Voto: 8
Numero pagine: 340
Punti: 6
Eventuali bonus: /

Questo romanzo della Austen ci narra le vicende dei Dashwood, dalla morte del capofamiglia, che per questioni ereditarie lascia in condizioni disagiate le tre giovani figlie, all'happy end.
Elinor e Marianne, le due protagoniste, sono costrette, insieme alla madre, a lasciare la casa in cui hanno vissuto per anni e che è stata ereditata dal primogenito John, per trasferirsi in un villino di piccole dimensioni in un'altra zona dell'Inghilterra.
John è sposato con la superba Fanny Ferrars, la quale considera le cognate e la suocera, persone di livello inferiore e, pertanto, da non frequentare nemmeno per salvare le apparenze sociali. John è semplicemente un avido burattino nelle mani della moglie che, senza troppi sensi di colpa, si sottrae all'ultima promessa fatta al padre morente.
Con il trasferimento nella nuova dimora, le signorine Dashwood fanno nuove conoscenze e cominciano a partecipare alla vita sociale del posto. Ed anche noi lettori possiamo, in tal modo, essere catapultati in un piccolo mondo dove il pettegolezzo regna sovrano e, dove impicciarsi dei fatti altrui è il passatempo preferito di tutti, donne e uomini.
Nonostante ciò, i rapporti di amicizia che si creano diventano sinceri e duraturi.
Purtroppo la vita sentimentale di Marianne ed Elinor diventa particolarmente complessa e le coppie iniziali si sfaldano per ricompattarsi in modo diverso, creando così nuovi pettegolezzi e non pochi colpi di scena!
Decisamente il più divertente tra i romanzi di Jane Austen!
Con ironia l'autrice ci trasmette un ritratto dell'ipocrita società dell'epoca in cui le cose importanti sono i rapporti sociali, le apparenze, gli intrattenimenti, i giudizi, le rendite e i troppo rigidi valori morali.


message 37: by Acrasia (new)

Acrasia | 4341 comments Titolo: I tre Moschettieri
Autore: Alexandre Dumas
Anno di pubblicazione: 1844
Voto: 10
Numero pagine: 714
Punti: 14
Eventuali bonus:

L'ho divorato! E' stata una lettura intensa e appassionante!
Certo conoscevo la storia, anche se nelle varie trasposizioni televisive è stata un po' distorta... quindi leggere il libro è stata una bella scoperta, anche perché la scrittura di Dumas è scorrevole e vivace tra intrighi, vendette, complotti e cospirazioni, duelli e segreti.


message 38: by Martina (new)

Martina (karamazovsister) | 455 comments Titolo: Madame Sylvandire
Autore: Alexandre Dumas
Anno di pubblicazione: 1842
Voto: 6 ½
Numero pagine: 354
Punti: 7
Eventuali bonus:

Non sono una patita di Dumas padre ma questa lettura è stata molto carina. Roger è il fratello minore di D'Artagnan e del conte di Montecristo, tanto che molte peripezie che subisce riprendono molti elementi che si rivedono nelle opere maggiori. Opera carina, mi ha intrattenuto piacevolmente, anche se avrei preferito sapere di più della Madame in questione, cuginetta di secondo grado della grande de Winter.


message 39: by Simona (new)

Simona Fedele | 3042 comments Titolo: Emma
Autore: Jane Austen
Anno di pubblicazione: 1815
Voto: 8
Numero pagine: 577
Punti: 11
Eventuali bonus: /

Bella, intelligente e ricca. Emma ci viene presentata così ma occorre aggiungere anche un'altra importante caratteristica: giovane. Molto giovane. Ha solo 21 anni e una quasi assoluta mancanza di esperienza. Il suo mondo è il microcosmo di Highbury e al suo interno, la tenuta di famiglia. La sua vita è dedicata ad occuparsi del padre anziano e ipocondriaco. Stando così le cose, non succederebbe nulla nella vita di Emma. Invece l'autrice la mette alla prova portando ad Highbury almeno 4 personaggi che stravolgeranno il suo modo di rapportarsi al suo piccolo mondo.
Perfetta la descrizione dell'evoluzione dei pensieri e dei principi della giovane Emma. Mi è sembrato di entrare nella sua testa e di percepire nettamente il lavorio del suo cervello. Come una madre amorevole e benevola, Jane Austen conduce Emma fra equivoci e situazioni limite dal punto di vista dei rapporti sociali dell'epoca e se il finale non mi ha affatto sorpresa devo ammettere che la narrazione è stata comunque estremamente piacevole.


message 40: by Anto_s1977 (new)

Anto_s1977 | 6524 comments Titolo: Ragazze di campagna
Autore: Edna O'Brien
Anno di pubblicazione: 1960
Voto: 7
Numero pagine: 256
Punti: 2
Eventuali bonus: /

Caithleen e Baba sono due ragazze di campagna irlandesi. Sono amiche dall'infanzia, vivono nello stesso posto, frequentano la stessa scuola e, a causa degli eventi della vita, si ritrovano a vivere nella stessa casa e nello stesso collegio per anni.
Baba appartiene ad una famiglia più agiata economicamente, rispetto a Caithleen, e forse è stata questa condizione a renderla un po' superba e, spesso, anche abbastanza cattiva.
Nonostante le differenze, le due ragazze sembrano non poter fare a meno l'una dell'altra e, insieme, decidono di farsi espellere dal collegio cattolico in cui vivono e studiano e nel quale si sentono oppresse per poi trasferirsi a Dublino e intraprendere una nuova vita, più libera e piena di esperienze che la campagna avrebbe reso impossibili.
Solo alla fine le due ragazze sono costrette a separarsi, ma stanno già crescendo e preparandosi a vivere destini diversi...
Il finale è aperto e si capisce che è il primo volume di una saga e che serve per farci conoscere il background della protagonista, ma che i fatti che le sconvolgeranno la vita, arriveranno nei volumi seguenti. Almeno è questa la mia impressione!


message 41: by Margherita (new)

Margherita (modernmonkey) | 448 comments Titolo: Il Vampiro
Autore: John William Polidori
Anno di pubblicazione: 1819
Voto: 7
Numero pagine: 73
Punti: 1
Eventuali bonus: No.
La storia che c'è dietro alla nascita di questo romanzo è sufficiente per renderlo interessante (o almeno è sufficiente per me), perché se fosse stato solo per la storia in sé o per il modo in cui è narrata, con tante descrizioni e pochi dialoghi, non mi sarebbe piaciuto poi così tanto. Nonostante apprezzi l'atmosfera cupa e tenebrosa delle descrizioni, almeno per i libri su vampiri e compagnia bella preferisco narrazioni più cruente, macabre ed avvincenti.
Ruthven è un personaggio interessante, con il suo essere freddo, egoista, amorale ed anche parecchio sadico nel modo in cui trae piacere dalle disgrazie altrui al punto di provocarle. E in lui si possono vedere tutti quei tratti che sono stati successivamente incorporati nel mito dei vampiri (letterari o meno): il pallore del volto, gli occhi spenti, i modi raffinati ed aristocratici, quel sottile velo di indifferenza o superiorità per gli esseri umani e per le loro vicende.


message 42: by Margherita (new)

Margherita (modernmonkey) | 448 comments Titolo: L'ultimo giorno di un condannato a morte
Autore: Victor Hugo
Anno di pubblicazione: 1829
Voto: 7
Numero pagine: 128
Punti: 2
Eventuali bonus: no

E' un piccolo romanzo duro, grazie all'abilità dello scrittore di trasmettere al lettore il panico, la rassegnazione, l'angoscia e l'abbandono che prova il protagonista. La rassegnazione che ogni tanto cede il passo alla speranza, una speranza che si accende e si spegne ad intermittenza, e che ogni volta è più dura da digerire sia per il condannato anonimo che per il lettore.


message 43: by AlleG (last edited May 18, 2018 01:10AM) (new)

AlleG | 4460 comments Titolo: Emma
Autore: Jane Austen
Anno di pubblicazione: 1815
Voto: 7
Numero pagine: 577
Punti: 11
Eventuali bonus: /

La protagonista è una giovane ragazza bella, istruita, di famiglia importate, ricca e soprattutto viziata.
Resto sempre molto colpita dalla vita quotidiana che conducevano queste giovani, il cui unico pensiero era essere amabili e desiderabili per gli uomini di pari rango o superiore. Giornate, mesi, anni passati a spettegolare, cambiarsi d'abito e cercar marito.
Anche queste grandi dimore, con il loro retaggio di rispettabilità, nobiltà e antichi natali, erano delle gabbie. Certo, gabbie dorate ma pur sempre gabbie.
Emma però, degna figlia del suo tempo, si trova assolutamente a suo agio in questo dolce torpore e non immagina neppure per un secondo che ci possa essere un modo diverso di vivere e con orrore e pregiudizio compatisce chi si guadagni da vivere lavorando.
Per fortuna ne abbiamo fatta di strada, ma tanta ne abbiamo ancora davanti a noi.


message 44: by Claudia (last edited May 18, 2018 03:51AM) (new)

Claudia (clagr) | 778 comments Titolo: Il grillo del focolare
Autore: Charles Dickens
Anno di pubblicazione: 1845
Numero pagine:100
Punti:2
Punti bonus:/
Voto:7

Il racconto parla di uno spaccato di vita che tocca in tutto 6 personaggi:Dot e suo marito, il procaccia John; Caleb e sua figlia Berta; il signor Tackelton e May. Il tutto è diviso in 3 atti che vedono risolversi nel migliore delle maniere tutta la storia sotto lo sguardo attento del Grillo del focolare, figura mistica che protegge le case. Una sera John ritorna dal suo solito giro di consegne. A casa lo aspetta come al solito la sua adorata moglie. John porta a casa un vecchietto, incontrato durante la sua ultima tappa:ha bisogno di ospitalità per qualche notte e, non avendo trovato migliore soluzione, John e Dot decidono di ospitarlo. Ma in quella stessa serata accadono altri 2 eventi strani: il signor Tackelton arriva a casa di John e Dot per annunciare le sue prossime e inaspettate nozze e il signor Caleb passa a ritirare un pacco molto importante. Devo dire che il racconto di per se è carino, ogni tanto ho trovato Dickens un po’ troppo prolisso, ma per il resto devo dire che l’ho apprezzato di più dell’autore americano. Vedremo se quello francese batterà tutti!😜


message 45: by aithusa (new)

aithusa | 517 comments Ho finito anche il terzo libro valido per il bonus tripletta:

Titolo: L'ultimo giorno di un condannato
Autore: Victor Hugo
Anno di pubblicazione: 1829
Numero pagine: 128
Punti: 2
Punti bonus: 10
Voto: 8

Racconto-documento molto attuale, importante sia per il messaggio sia per l'intensità con cui viene trattato l'argomento. Si percepisce tutta l'angoscia, il dolore, l'impotenza e la pena del condannato di cui praticamente non sappiamo nulla, ma anche la speranza. Sono tutti sentimenti che colpiscono, si attaccano addosso e che viviamo con il condannato.
La prosa di Hugo è sublime.


message 46: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Complimenti @aithusa!

A proposito di bonus tripletta, rispondo qui ad una domanda che mi ha fatto Animus sulla discussione Statua della libertà perchè interessa tutti.
Animus wrote: "@LaCitty, domanda: il bonus tripletta vale solo una volta nel corso del bimestre o, se uno di noi realizza più triplette, prende il bonus ogni volta?"

Il bonus tripletta è ripetibile anche all'interno della stessa tappa sempre con la stessa modalità ovvero un libro per letteratura.


message 47: by Claudia (new)

Claudia (clagr) | 778 comments Titolo: Serrasine e Facino cane
Autore: Honoré de Balzac
Anno di pubblicazione: 1836
Voto: 6
Numero pagine: 56
Punti: 1
Eventuali bonus: 10

Con questo racconto, faccio la mia prima tripletta 😁. Comunque,parliamo del libro. Sono 2 racconti che fanno parte dei piu di 100 di Balzac proposti nella sua "commedia umana", opera con cui l'autore tenta di dare un'identita' alla societa' che lo circonda. Il primo racconto (che e' quello che mi e' piacuto meno, soprattutto per la scelta stilistica) parla di Serrasine, giovane scultore che, durante un viaggio in Italia, conosce e si innamora della cantante Zambinella; il secondo parla di Facino Cane, un uomo benestante veneziano che decide di innamorarsi della donna sbagliata.


message 48: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Complimenti @Claudia ^^


message 49: by Animus (new)

Animus Noir | 155 comments Titolo: I due mandriani
Autore: Walter Scott
Anno di pubblicazione: 1827
Voto: 8
Numero pagine: 67
Punti: 1
Eventuali bonus: no

Bel racconto breve che vede opposti due mandriani uno inglese e uno scozzese con le rispettive mentalità. Quando i due amici, entrano in conflitto, la tragedia è inevitabile. Tragico, epico.

Ho calcolato solo 67 pagine, anche se il libro è più lungo perché la seconda parte è dedicata ad un racconto gemello di Capuana. Va bene @LaCitty?


message 50: by LaCitty, web jumper (new)

LaCitty | 11601 comments Mod
Sì, certo @Animus


« previous 1 3
back to top
This topic has been frozen by the moderator. No new comments can be posted.