Colosseum. Sfide all'ultima pagina discussion

32 views
La sfida dell'Alfabeto > L'abbiccì di Teresa

Comments Showing 1-22 of 22 (22 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Teresa (last edited Sep 30, 2018 11:15AM) (new)

Teresa | 461 comments La mia lista

A. Agnello Hornby Simonetta - La Mennulara
B. Beaton M.C. - Agatha Raisin e la quiche letale
C. Calvino Italo - Se una notte d'inverno un viaggiatore Letto, maggio 2018, [1LL + 2NC]= 3 pt.
D. Doyle Arthur Conan - Tutto Sherlock Holmes
E. Essbaum Jill Alexander - Una donna pericolosa
F. Flaubert Gustave - L'educazione sentimentale
G. Golden Arthur - Memorie di una Geisha
H. Hammett Dashiel - Il falco maltese
I. Izzo Jean-Claude - Casino totale
J. James Henry - Ritratto di signora Letto, giugno 2018, [1LL + 1P + 1E + 2NC]= 5 pt.
K. Kawakami Hiromi - La cartella del professore
L. Laforet Carmen - Nada Letto, maggio 2018, [1LL + 1LS + 2NC]= 4 pt.
M. McCarthy Cormac - La strada Letto, maggio 2018, [1LL + 2NC]= 3 pt.
N. Neuman Andrés - Le cose che non facciamo Letto, luglio 2018, [1LL + 2NC]= 3 pt.
O. Olafsdóttir Auður Ava - L'eccezione Letto, luglio 2018, [1LL + 2NC]= 3 pt.
P. Pavel Ota - La morte dei caprioli belli
Q. Queneau Raymond - Zazie nel metró
R. Rostand Edmond - Cirano di Bergerac Letto, maggio 2018, [1LL + 1E + 2NC]= 4 pt.
S. Steinbeck John - La valle dell'Eden Letto, giugno 2018, [1LL + 3P + 2NC]= 6 pt.
T. Tezza Cristovão - La caduta delle consonanti intervocaliche
U. Unamuno Miguel de - Niebla
V. Vargas Fred - Parti in fretta e non tornare
W. Winslow Don - Il potere del cane Letto, maggio 2018, [1LL + 3P + 2NC]= 6 pt.
X. Xingjian Gao - Una canna di pesca per mio nonno Letto, settembre 2018, [1LL + 2NC]= 3 pt.
Y. Yehoshua A.B. - L'amante
Z. Zweig Stefan - Lettera di una sconosciuta


Come si contanto i PUNTI

-1 punto per ogni libro letto (LL)

al quale vanno aggiunti:

-1 pt. per i libri di almeno 500 pag e 1 pt. ogni 100 pagine eccedenti le 500 (ad es. se un libro ha 612 pag. darà 2 pt., uno di 780 ne darà 3) (P)

-1 pt. per i libri pubblicati prima del 1900 (E)

-1 pt. per i libri abbandonati in precedenza (A)

-1 pt. per i saggi (S)

-1 pt. per i libri letti in lingua straniera (LS)

-2 pt. se il libro letto corrisponde alla scelta iniziale fatta con la lista preliminare obbligatoria (NC)

Terminato l'alfabeto saranno inoltre conteggiati ulteriori:

-100 pt.

ai quali si sommano:

-50 pt. se si segue nella lettura, dall'inizio alla fine, l'ordine alfabetico A-Z
-15 pt. se si è scelta la modalità alfabeto completo (26 libri)


Caraliotiscrivo | 1500 comments Mod
Ciao!
Allora, ho controllato sull'opac e José Calles Vales risulta catalogato sotto la lettera C.
Per il resto mi sembra andare bene. :)
Lista interessante! Buone letture.


message 3: by Teresa (last edited Mar 28, 2018 12:56AM) (new)

Teresa | 461 comments Caralio, prima di tutto grazie per aver studiato con attenzione la mia lista :)
Per José, in realtà l'OPAC italiano nazionale riporta entrambe le forme (sia sotto la V sia sotto la C) e nel dubbio avevo verificato sull'OPAC spagnolo (nazionalità dell'autore) che lo riporta invece decisamente sotto la V (anche perché è strano avere un cognome puntato, forse è una scelta dell'autore tipo pseudonimo?)
Comunque lo cambio, evidentemente non è il suo momento :)
Se va bene lo sostituisco con
Vargas Fred - Parti in fretta e non tornare


message 4: by Laura V. (new)

Laura V. لاورا | 329 comments Ciao, Teresa!
Quanti autori e titoli interessanti! Vedo, in particolare, il bellissimo e indimenticabile Cyrano! Buona sfida! :)


message 5: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Ciao, Laura! Grazie della visita :)
Cyrano l'ho visto tanti anni fa a teatro, ma non l'ho mai letto, sono abbastanza curiosa.


message 6: by Caterina (new)

Caterina | 802 comments Ciao Teresa, quanti bei libri, mi attirano Calvino, James, Dashiel e Queuneu. Mentre ho finito da pochissimo La valle dell'Eden, un libro meraviglioso!


message 7: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 4353 comments Vedo libri che mi son piaciuti molto, come "Casino totale" e "La strada" ed altri interessanti...
Buon alfabeto :-)


message 8: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Caterina, avevo visto che avevi iniziato a leggere La valle dell'Eden, mi sembra che tu lo abbia letto abbastanza in fretta! Grazie per il tuo parere, il numero di pagine può intimidire :) Io mi ero ripromessa di leggerlo appena finito Furore, ed è già passato più di in anno! :p


message 9: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Grazie Ajeje!


message 10: by Caterina (new)

Caterina | 802 comments Non ho ancora letto Furore ma La valle dell'Eden non mi è pesato assolutamente.


message 11: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Finalmente il mio primo libro letto!
Nada di Carmen Laforet

Il romanzo si apre con l’entusiasmo e le aspettative di una diciottenne di campagna che arriva per studiare nella grande città. Per un contrattempo Andrea arriva a Barcellona fuori orario, ma questo non la preoccupa, anzi, poter attraversare la città di notte, da sola, non fa che accrescere il suo entusiasmo, la fa sentire libera.
Eppure bastano poche pagine perché le impressioni della protagonista e del lettore cambino.
La casa della nonna, dove Andrea vivrà per il tempo della narrazione, è ben diversa da come la ricordava dalla sua infanzia, molto più cupa ed opprimente.
E così la giovane narratrice/osservatrice si trova immersa in due mondi opposti e convergenti.
Da un lato c’è la casa di Calle de Aribau, dove si cerca di conservare la patina del precedente benessere mentre avanzano la miseria, la violenza, la follia. Ogni abitante della casa è stato segnato profondamente dalla guerra civile finita da poco.
Dall’altro lato c’è l’Università, ci sono gli amici ricchi di Andrea, per lo più figli di industriali, che giocano a fare i bohémiens.
Primo romanzo a vincere il premio Nadal, tra i primi romanzi del dopo guerra, Nada è romanzo di formazione e romanzo esistenziale.
Accadono tante cose in Nada, ma sempre al margine del racconto, filtrate dallo sguardo di Andrea, è come se non accadesse niente.


message 12: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto Il potere del cane di Don Winslow. Racconta più di vent'anni di guerra al narcotraffico, tra l'ormai classica storia di mafia e un crime più moderno, veloce, che tiene incollati alla pagina. Un romanzo spesso brutale, crudo, e in grado di tenere insieme tante sottotrame che si ricollegano in modo sensato. Alcuni personaggi sono un po' macchiettistici e forse le oltre settecento pagine sono eccessive, in alcuni punti è inutilmente prolisso, ma il difetto più grande, a mio parere, è il finale in cui la trama scricchiola un po' rispetto al resto.


message 13: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto Cirano di Bergerac di Edmond Rostand. I dialoghi in rima senz’altro rendono meglio a teatro e non sulla carta, separati dalle istruzioni di scena.
Nonostante questo la lettura mi è piaciuta molto. Mi è piaciuta la crescita di Rossana, che impara a riconoscere la bellezza nel cuore e naturalmente ho amato Cirano. Eroico e fragile, divertente e commovente.


message 14: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino.
Ho apprezzato la genialità dell’idea alla base del romanzo ed il modo in cui ogni tassello si incastra con gli altri. Senz’altro si tratta di un grande lavoro al quale però non sono riuscita a dare più di tre stelle.
Da un lato non mi piace molto la scrittura in seconda persona, dall’altro mi è pesata la frammentarietà.


message 15: by Ajeje (new)

Ajeje Brazov | 4353 comments Lettura interessanti Teresa, quel Calvino ce l'ho da leggere!


message 16: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Ajeje wrote: "Lettura interessanti Teresa, quel Calvino ce l'ho da leggere!"

Ecco, di questo Calvino sapevo com'era impostato il romanzo e proprio per questo mi aspettavo molto, invece un po' di delusione c'è stata... ma forse è più facile che questo succeda quando le aspettative sono alte


message 17: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto La strada di Cormac McCarthy
Premetto che conoscevo a grandi linee la trama, che poi è molto essenziale, e nonostante ciò ieri sera non sono andata a dormire finché non l'ho finito. Ho provato a scrivere un commento, ma non sono riuscita a farlo senza inserire spoiler, per cui lascio il link agli interessati, ma consiglio di leggerlo solo se conoscete già la storia. Senza spoiler posso dire che ho trovato lo stile di McCarthy particolarmente adeguato alla narrazione. Questo è il mio primo incontro con quest'autore e voglio senz'altro leggere altro.
Il mio commento più esteso:
https://www.goodreads.com/review/show...


message 18: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto La valle dell'Eden di John Steinbeck
Partendo dalla rilettura dell’episodio biblico di Caino e Abele, Steinbeck costruisce un romanzo maestoso. Lo fa con una saga familiare in cui esplora gli aspetti universali dell’animo umano. I personaggi sono tanti e non tutti costruiti con lo stesso spessore (il mio preferito è senza dubbio Lee); da questo punto di vista il libro mi è sembrato a volte poco equilibrato, ma questo nulla toglie alla sua grandezza.


message 19: by Teresa (new)


message 20: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto Le cose che non facciamo di Andrés Neuman
Questa raccolta è composta da racconti brevissimi raggruppati in sei sezioni. Ho apprezzato molto la scrittura di Neuman, il ritmo serrato, i tanti temi trattati. Naturalmente alcuni racconti mi sono piaciuti più di altri. Questo lavoro mi lascia il desiderio di leggere ancora quest’autore, considerando che ha vinto vari premi letterari con un romanzo piuttosto corposo, sono molto curiosa di vedere come scrive “in lungo”.


message 21: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Letto L'eccezione di Auður Ava Ólafsdóttir
Il mio commento:
https://www.goodreads.com/review/show...


message 22: by Teresa (new)

Teresa | 461 comments Pian pianino proseguo con il mio alfabeto.
Ho letto per la lettera X Una canna di pesca per mio nonno di Gao Xingjian.
Una raccolta di racconti che si può dividere in due parti.
I primi quattro racconti sono brevi, delle istantanee. Scritti tra il 1983 e 1984, sono lineari, freschi, con descrizioni precise. Lasciano la voglia di sapere di più, ma sono in fondo perfetti nella loro parzialità.
Gli ultimi due racconti, Una canna da pesca per mio nonno, datato 1986 e Attimi, datato 1990, sono più lunghi e scritti in modo più ricercato ed onirico. Se il primo mi è comunque piaciuto, non posso dire lo stesso dell’ultimo.


back to top