pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti discussion

Alberto Arbasino
This topic is about Alberto Arbasino
102 views
Autori del Vecchio Continente > Alberto Arbasino

Comments Showing 1-46 of 46 (46 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments Ho in lettura da alcuni mesi Fratelli d'Italia e devo riconoscere che non immaginavo che Arbasino fosse un autore di tale levatura.
Questa opera immensa e oceanica non sfigurerebbe tra le maggiori opere post-moderne del secolo e mi sorprende un pò che questo autore non sia citato come scrittore di massimo livello: nella mia ignoranza immaginavo fosse un grande intellettuale italiano, un protagonista della cultura nazionale, d'accordo, ma non mi aspettavo di trovare una scrittura così fuori dagli schemi, così sperimentale e innovativa.

La lettura non è sempre agevole e la mole si fa sentire, ma credo che AA sia troppo sottovalutato come scrittore tout-court.

Voi che ne pensate?


message 2: by Emmapeel (new)

Emmapeel | 337 comments Sono d'accordo con te @Hab, e rilancio: per me Fratelli d'Italia è Il Grande Romanzo Italiano del Novecento a tutte maiuscole, lo scrissi già su acoso ai tempi di Wimbledon o altra sfida tennistico/letteraria.
Purtroppo la mole, le molte citazioni e la scrittura ricercata spaventano i più, e così si finisce per liquidarlo come scrittore snob per pochi intimi. Ed è un peccato, Arbasino ha scritto un romanzo-mondo che dell'Italia spiega moltissimo, se non tutto.


message 3: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Io l'ho votato al fantamorto.


message 4: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Detto questo, ho provato a leggere La bella di Lodi ma mi sono bloccato quasi subito. C'è bisogno di grande concentrazione, e in quel periodo non ne avevo granché.
Possiedo anche America amore, ma la mole mi spaventa.


message 5: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments qualcuno ha letto l'ultimo suo libro Ritratti italiani ?

qui c'è un articolo interessante con anche una intervista su Pasolini - risposte non scontate e assolutamente fuori dalla melassa informe che spesso emerge non appena si parla di PPP..



http://www.doppiozero.com/materiali/i...


message 6: by Emmapeel (new)

Emmapeel | 337 comments Sì, io l'ho letto un po' di tempo fa e l'ho trovato molto interessante.
Grazie per il link!


message 7: by la veglia dell'aceto (last edited Mar 17, 2018 03:50AM) (new)

la veglia dell'aceto | 150 comments intellettuale davvero atipico: vista la fama che lo circondò negli anni in cui fu romanziere ('58-'78) avrebbe potuto vivere di rendita fino a oggi e oltre, scrivendo qualche saggio qua e là e apparendo sovente in pubblico. poteva essere un pasolini per gli anni post-pasolini, ma ha deciso, credo di sua volontà, di rimanere all'oscuro, e anche quando escono suoi nuovi libri non si mostra quasi per nulla: che ne parlino gli altri, sembra voler dire, ma in realtà non se ne parla più molto. eppure rimane uno degli intellettuali (giustamente) più rispettati e stimati oggi in italia. o forse, dopo la morte di eco (e di fo?), il più rispettato e stimato.

fratelli d'Italia sì, ritratti italiani sì, la bella di lodi sì, america amore sì: avete citato libri notevolissimi e monumentali, ma che non esauriscono il suo lascito: almeno super eliogabalo e le piccole vacanze tra i suoi romanzi e un paese senza, parigi o cara e paesaggi italiani con zombi tra i suoi saggi andrebbero letti.

vorrei anche far notare che, nei suoi vasti interessi, si è pure diretto verso l'arte popolare suburbana, cosa certo non da tutti i giorni, soprattutto per un tipo umano che è stato spesso accusato di essere rinchiuso in quella torre d'avorio che contiene talmente tanta gente da potersi, credo, vedere dallo spazio, come la muraglia cinese.
riuscite voi a trovarmi un altro intellettuale nato nella prima metà del '900 che si sia interessato al rap? se rispondete "sì, sanguineti" avete ragione (infatti altro intellettuale atipico e troppo colto per rinchiudere i generi in steccati): ma oltre ad arbasino e sanguineti?

le noti dolenti riguardano invece le sue affermazioni sull'omosessualità, queste sì troppo rigidamente attaccate alla sua generazione: preferisco su di esse stendere un velo pietoso e pensare che tutto il resto che ci ha donato (e che forse ancora ci donerà) sia più che sufficiente per farcele dimenticare.


la veglia dell'aceto | 150 comments Catoblepa wrote: "Io l'ho votato al fantamorto."

ossia a dire?


message 9: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
la veglia dell'aceto wrote: "ossia a dire?"

Niente, un gioco stupido.


message 10: by Davide (new)

Davide | 117 comments Sono d'accordo con chi apprezza Fratelli d'Italia!

Non posso aggiungere niente a quanto ho scritto qui

comprensibilmente, la mia recensione più lunga! :)


message 11: by Asclepiade (new)

Asclepiade | 96 comments Mi accodo: semplicemente considero Arbasino il più grande scrittore italiano del dopoguerra, e forse anche di tutto il Novecento, per levatura culturale, capacità di scrittura, curiosità intellettuale; lo leggo, lo rileggo, ci trovo sempre qualcosa di nuovo, di significativo e di bello, spesso è anche avanti di anni o di lustri, e non me ne stanco mai. Quanto alla sua concezione dell'omosessualità, è uguale o affine a quella di molti gay della sua generazione; non mi sento di condannarla, benché non la condivida e non possa più essere la nostra: ma quando leggo ciò che scrivono e dicono tanti gay nostrani più o meno "impegnati", capaci solo di piagnucolare, d'invocare political correctness ogni cinque minuti, di ripetere luoghi comuni, e privi di finezza, di leggerezza e di buon gusto, mando di tutto cuore a quel paese codesti miei colleghi di orientamento sessuale, e dico tra me "Arridatece Arbasino!".


message 12: by minty (new)

minty (minty_2017) | 590 comments la veglia dell'aceto wrote: "Catoblepa wrote: "Io l'ho votato al fantamorto."

ossia a dire?"


https://www.fantamorto.org/

Credo questo. Forse di cattivo gusto, sicuramente di nero humor, certamente apotropaico. Ottimo per tenersi aggiornati anche sui morti eccellenti trascurati dagli italici media.


message 13: by Andrea (new)

Andrea | 27 comments Lo scrivo pure qua, tanto per avere una voce fuori dal coro:

"Non avevo mai letto Alberto Arbasino, e per incominciare ho scelto La bella di Lodi. E devo dire che da tempo che non mi capitava di odiare un romanzo così tanto. C’è tutto quello che non sopporto, per brevità riconducibile alla figura del giovane borghese viziato milanese (milanese in senso lato, come categoria dello spirito). Ancora meno sopporto lo stile compiaciuto e il sarcasmo blasé di Arbasino, sempre preoccupato di informarci che lui ha già fatto e visto tutto, che ogni cosa gli è indifferente e un po’ noiosa, ma comunque stai sicuro che lui la conosceva prima di te. Uno da prendere a pizze in faccia insomma. Io poi sono romano, e tutto questo dinamismo meneghino mi snerva e mi fa anche un po’ tenerezza. Per me guadagnarsi da vivere è aspettare che il Papa getti i denari dal balcone oppure riuscire a imboscarsi in un ministero; e la parola “impresa” non mi fa pensare ad “azienda” ma a “rischio”, e quindi fatica. Non so davvero come ho fatto a leggere un intero libro con gente che mozza le parole perché non ha tempo da perdere e parla sempre col fiatone, come se stesse correndo da qualche parte. Con la loro macchina sportiva, per giunta."

Nonostante questo pessimo incontro mi incuriosiscono i suoi saggi, in particolare Certi romanzi e Un paese senza. Fratelli d’Italia invece non lo leggerò mai; non penso potrei sopportare 1200 pagine di Arbasino che mi parla con la erre moscia di formaggi blu, di oscuri poeti della scapigliatura o di dove è stato in vacanza con i suoi amici vitelloni.


message 14: by ferrigno (new)

ferrigno | 1544 comments Mod
Andrea, m'hai fatto venir voglia di leggere il libro :'-D


message 15: by ferrigno (new)

ferrigno | 1544 comments Mod
Potrei leggere milioni di pagine tutte focalizzate sui formaggi blu, non sapevo Arbasino avesse tale predilezione. Da rivalutare.


message 16: by cristina (new)

cristina c | 239 comments Andrea wrote: "Lo scrivo pure qua, tanto per avere una voce fuori dal coro:

"Non avevo mai letto Alberto Arbasino, e per incominciare ho scelto La bella di Lodi. E devo dire che da tempo che non mi capitava di o..."

Andrea, la tua recensione mi ha divertito molto; purtroppo non mi diverte altrettanto Arbasino anche se so che dire che è snob e posatore è peggio che dire che non esistono più le mezze stagioni: un luogo comune vuoto di tutto. Però il fatto è che non riesco a trovarci quello che tanti lettori che stimo ci trovano.
Mi riprometto di avvicinare Fratelli d'Italia con le migliori intenzioni...


message 17: by Mario_Bambea (last edited Apr 10, 2018 07:34AM) (new)

Mario_Bambea | 1569 comments cristina wrote: "Arbasino anche se so che dire che è snob e posatore è peggio che dire che non esistono più le mezze stagioni: un luogo comune vuoto di tutto. ."

è peggio di un luogo comune, è una cosa proprio non vera perchè Arbasino è tutt'altro che snob e posatore. Le Millemila pagine di Fratelli d'Italia sono una immensa, infinita, raffinata e divertentissima presa in giro degli snob e di chi si dà arie per presunte superiorità intellettuali o economiche.
Se per voi Arbasino è snob, lo era anche Eco, lo era Moravia, lo era Pasolini, lo era Calvino....


message 18: by cristina (new)

cristina c | 239 comments Habemus_apicellam wrote: "cristina wrote: "Arbasino anche se so che dire che è snob e posatore è peggio che dire che non esistono più le mezze stagioni: un luogo comune vuoto di tutto. ."

è peggio di un luogo comune, è una..."

ahimè lo so, me lo hanno già detto in tanti: Se credi che Arbasino sia snob non hai capito niente. Razionalmente lo so, ma la sensazione che provo è pur sempre quella che descrive Andrea. Per questo mi sono prescritta di riprovare a leggerlo


message 19: by Asclepiade (new)

Asclepiade | 96 comments Arbasino non è affatto snob, è soltanto più colto e civile della media: solo che non finge di scendere al livello di noi lettori di media cultura e di media civiltà, e ciò a molti di noi appare snob. E difatti certi qualificano come snob, per lo stesso motivo, anche Umberto Eco, il quale invece, al pari di Arbasino, era uno degli uomini più acuti e uno degli osservatori della realtà più penetranti e lungimiranti che avessimo in Italia. Sto leggendo una raccolta di suoi (di Eco, non di Arbasino) articoli giornalistici pubblicati tra la fine degli anni Settanta e l'inizio degli Ottanta, ed è stupefacente quanto chiare vedesse tante cose che noi abbiamo visto e capito soltanto negli ultimi anni. Come ho scritto altrove, per fare scelte politiche meno dementi di molte fatte negli ultimi lustri sarebbe bastato che i nostri politici avessero fatto ricorso ad Eco e ad Arbasino; manco sarebbe stato necessario pagarne le consulenze: bastava leggere gli articoli che pubblicavano, era roba alla portata di tutti.


message 20: by ferrigno (new)

ferrigno | 1544 comments Mod
Asclepiade: hai ragione. Ricordo un articolo del 98' circa. Facebook non c'era, il web era nato da poco e Eco scrisse che i padroni del futuro sarebbero stati coloro i quali sarebbero stati in grado di mettere le mani sulle informazioni nelle reti. Roba che neanche Asimov.


message 21: by ferrigno (new)

ferrigno | 1544 comments Mod
In quegli anni nessuno sapeva ancora cosa farsene di internet.


message 22: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments Asclepiade wrote: "Arbasino non è affatto snob, è soltanto più colto e civile della media: solo che non finge di scendere al livello di noi lettori di media cultura e di media civiltà, e ciò a molti di noi appare sno..."

ecco, non avrei saputo dirlo meglio - sottoscrivo parola per parola, Asclepiade....

aggiungo che Arbasino è stato anche protagonista della televisione: tra le altre cose ha condotto Match un programma in 10 puntate dove si confrontavano i protagonisti della cultura italiana -
tipo Moravia e Sanguineti che parlano del gruppo '63 o Monicelli e Moretti sul cinema italiano.

https://www.raiplay.it/programmi/matc...

sembra una televisione da un altro secolo, vero? è proprio così....


message 23: by ferrigno (last edited Apr 11, 2018 02:35AM) (new)

ferrigno | 1544 comments Mod
Ne ho visto una puntata (Monicelli vs. Moretti): prefigura i programmi di Maria Defilippi e della Bignardi, piuttosto moderno. La cosa che non appartiene più ai nostri giorni è l'attitudine allo scontro. Oggi è impossibile vedere un giovane regista indipendente andare contro Sorrentino come Moretti fa con Monicelli.


message 24: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Monicelli vs. Moretti è celebre, probabilmente anche per quel motivo: presumo fosse un unicum anche all'epoca, e forse non era tanto quella televisione ad avere un'attitudine oggi scomparsa, ma l'ego di Moretti.
Degli altri non ho mai visto nulla, ma Moravia + Sanguineti è ghiottissimo. Quando ho tempo guardo.


message 25: by cristina (new)

cristina c | 239 comments Habemus_apicellam wrote: "Asclepiade wrote: "Arbasino non è affatto snob, è soltanto più colto e civile della media: solo che non finge di scendere al livello di noi lettori di media cultura e di media civiltà, e ciò a molt..."
Grazie , link molto interessante. Sto iniziando a familiarizzare con Arbasino da qui; secondo me fa delle introduzioni troppo lunghe ( quella Monicelli-Moretti non finisce più...) però poi nella conduzione è davvero acuto .
Ho visto anche il match Agnelli-Ravera e devo confessare che facevo il tifo per Agnelli; le sue posizioni a distanza di anni mantengono il gusto di un elegante buon senso mentre quelle della Ravera sono invecchiate male. Erano gli anni in cui si poteva dire Nella misura in cui... preistoria;-)


message 26: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments Un ricordo per i 90 anni di questo grande italiano...
Segnalo questo interessante articolo su Ritratti Italiani

https://www.doppiozero.com/materiali/...


message 27: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Mario_Bambea wrote: "Un ricordo per i 90 anni di questo grande italiano...
Segnalo questo interessante articolo su Ritratti Italiani

https://www.doppiozero.com/materiali/..."


Wow, non pensavo fosse ancora vivo!


message 28: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments piperitapitta wrote: "Wow, non pensavo fosse ancora vivo!."

e speriamo che continui a rimanerlo a lungo, perchè non sarebbe sostituibile da nessun altro in questo paese in catastrofico declino culturale...


message 29: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Mario_Bambea wrote: "piperitapitta wrote: "Wow, non pensavo fosse ancora vivo!."

e speriamo che continui a rimanerlo a lungo, perchè non sarebbe sostituibile da nessun altro in questo paese in catastrofico declino cul..."


Non ho ancora letto nulla di Arbasino, ma è una lacuna che vorrei colmare.


message 30: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Beh, in realtà è ormai assente dalla scena pubblica da tempo immemore, la sua dipartita (che comunque si spera avvenga il più tardi possibile) dubito che potrebbe influenzare in qualsivoglia maniera la cultura del nostro paese.


message 31: by Mario_Bambea (last edited Jan 23, 2020 03:16AM) (new)

Mario_Bambea | 1569 comments Catoblepa wrote: "Beh, in realtà è ormai assente dalla scena pubblica da tempo immemore, la sua dipartita (che comunque si spera avvenga il più tardi possibile) dubito che potrebbe influenzare in qualsivoglia manier..."

beh, almeno manteniamo viva la memoria che una altra cultura italiana è possibile, quella dove in RAI avvenivano cose di questo tipo...

https://www.raiplay.it/programmi/matc...

P.S. ma continui a giocarlo al Fantamorto? guarda che questo fa come Manoel de Oliveira...

piperitapitta wrote: "Non ho ancora letto nulla di Arbasino, ma è una lacuna che vorrei colmare."

sappi che non è una lettura facile: ridondante, postmoderna (anzi, post-gaddiana), intellettuale (ma non snob), e molto molto lunga. Se uno non ha la disposizione d'animo di seguire decine e decine di pagine di meravigliosi arabeschi mentali colmi di discussioni dotte e chiacchiericci provinciali, meglio che lasci perdere...

qui una buona presentazione:

https://www.illibraio.it/arbasino-113...


message 32: by Catoblepa (last edited Jan 23, 2020 03:58AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Mario_Bambea wrote: "ma continui a giocarlo al Fantamorto?"

Sì :-)

Comunque se il lavoro fa da cartina di tornasole, Arbasino non pubblica più niente da un po' (a parte raccolte di vecchi articoli e saggi), De Oliveira ha fatto l'ultimo film a 106 anni. Non sono paragonabili.

Boris Pahor, piuttosto, è su quella strada lì, ma purtroppo essendo di lingua slovena (pur italiano) è poco considerato.


message 33: by Tittirossa (new)

Tittirossa | 1630 comments minty wrote: "la veglia dell'aceto wrote: "Catoblepa wrote: "Io l'ho votato al fantamorto."

ossia a dire?"

https://www.fantamorto.org/

Credo questo. Forse di cattivo gusto, sicuramente di nero humor, certamen..."


me lo ero perso, ma è stupendo!


message 34: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Mario_Bambea wrote: "Catoblepa wrote: "Beh, in realtà è ormai assente dalla scena pubblica da tempo immemore, la sua dipartita (che comunque si spera avvenga il più tardi possibile) dubito che potrebbe influenzare in q..."

Grazie, in effetti continuo a rimandare l'incontro, ma trattandosi di saggistica potrei alternarlo ad altro e riservare la lettura ai momenti di tranquillità: è compatibile con questo o richiede dedizione assoluta?


message 35: by Mario_Bambea (last edited Jan 23, 2020 06:55AM) (new)

Mario_Bambea | 1569 comments piperitapitta wrote: "....trattandosi di saggistica ...."

Arbasino tratta di saggistica come Gadda tratta di gialli del mistero, Proust tratta di autobiografie o Joyce di quotidanità dublinese - secondo me è il massimo scrittore italiano vivente (e dalli, qui fa a finire che gliela tiriamo) e sfugge ad ogni catalogazione.

Facciamo così: leggiti l'incipit di "Fratelli d'Italia" che io trovato immenso e divertentissimo:


Siamo qui da un’ora all’aeroporto senza colazione aspettando due amici di Antonio che arrivano adesso in ritardo da Parigi; si mangerà un pesce se si farà in tempo sul molo, in un bel posto degli anni scorsi che forse però quest’anno già non va più tanto bene; e non abbiamo ancora avuto un momento per parlare della nostra estate, che ormai è qui.

"Appena arrivato a casa sua a Roma (ha questo appartamento nuovo in via Giulia foderato di finto legno «come una scatola di sigari!», e starò lì in una stanza dell’Elefante con tappezzeria tropicale tutta-uccelli), ho appena fatto in tempo a lasciar giù le mie robe. Una doccia svelta. A dormire: erano le quattro della mattina, lungo l’Aurelia m’ero fermato a far delle piogge nei pineti neri tra Viareggio e Pisa. Fratte, ginepri, mirti, giochi molto sportivi. E già quasi estivi, tutti; e così vanesii, così narcisi... «Tante coccole? molto aulenti? certe magari aulentissime?»... Macché, botte da urbi et orbi, e un gran buon odore di gocciole e sventole sulla pelle: un after-shave di caprifoglio appena fiorito, splendido."



più di 1000 pagine così! geniale!


message 36: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
Comunque ha scritto anche romanzi puri eh, anche se ha praticamente smesso da una quarantina d'anni.


message 37: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Catoblepa wrote: "Comunque ha scritto anche romanzi puri eh, anche se ha praticamente smesso da una quarantina d'anni."

Mario_Bambea wrote: "piperitapitta wrote: "....trattandosi di saggistica ...."

Arbasino tratta di saggistica come Gadda tratta di gialli del mistero, Proust tratta di autobiografie o Joyce di quotidanità dublinese - s..."


Credevo che la sua opera fosse composta prevalentemente da critica letteraria e analisi della società e del costume: evidentemente ne avevo un'idea sbagliata, motivo in più per colmare la lacuna.
Grazie, l'incipit è invogliante, vediamo :-)


message 38: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
È morto stamani.


message 39: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments Eh... Speriamo che venga ricordato con l'attenzione speciale che merita, in questo periodo in cui la nostra mente è troppo occupata.


message 40: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Ecco, l'ho appena letto... su FB, fra i miei contatti, il primo a ricordarlo è Roberto Cotroneo.


message 41: by minty (new)

minty (minty_2017) | 590 comments Catoblepa wrote: "Mario_Bambea wrote: "ma continui a giocarlo al Fantamorto?"

Sì :-)"


Stavolta ha fatto punteggio... °_°

(R.I.P. per Arbasino. Mai letto nulla di suo. Anche se alcuni suoi saggi mi paiono interessanti)


message 42: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3236 comments Mod
minty wrote: "Stavolta ha fatto punteggio"

Confermo. Mi rifaccio dei punti persi con Limonov (l'avevo votato ma a poche ore dalla chiusura delle votazioni cambiai idea e lo sostituii con Botero).

Comunque oltre ai saggi anche alcuni suoi romanzi sono molto molto belli.


message 43: by Asclepiade (last edited Mar 23, 2020 02:06PM) (new)

Asclepiade | 96 comments Fino a ieri Arbasino era semplicemente il più grande scrittore italiano vivente. Per me è stato anche l'intellettuale e il lettore della nostra società e della nostra cultura più acuto e penetrante della seconda metà del Novecento, insieme con Umberto Eco, pur tanto diverso da lui per carriera, interessi e stile. La perdita di Arbasino, che non ho mai avuto l'onore, purtroppo, di conoscere mi ha colpito quasi come quella d'una persona cara.


message 44: by Emmapeel (new)

Emmapeel | 337 comments Anche per me è un vero dispiacere, in questi giorni assurdi ho pensato spesso a come ne avrebbe scritto bene lui, prendendo in giro le nostre paure e i nostri tic, i runner, le code davanti ai super, la caccia alle mascherine...


message 45: by Mario_Bambea (new)

Mario_Bambea | 1569 comments qualche lettura per ricordarlo


Francesco Pacifico
"Leggere Arbasino vuol dire leggere sempre per il gusto di mandare tutto al diavolo, e vuol dire quindi poi prendere così anche ogni altro libro: voler sentire come suona e cosa racconta, ma non cosa insegna".

https://www.iltascabile.com/letteratu...


Marco Belpoliti
"Alberto è stato l’unico irriverente anticonformista in un paese senza: senza vergogna, senza pudore, senza idealità, senza senza. Lui aveva troppo di tutto, sempre. Il più grande frivolo in una nazione di falsi seri. Non è tanto? "

https://www.doppiozero.com/materiali/...


Raffaele Manica
"per Arbasino, l’incontro con Gadda non è stato solo letteratura, ma anche un tratto autobiografico di gran portata: nel momento in cui avviene, permette di rileggere una parte del passato secondo quella chiave. Se Contini aveva parlato di una linea (o funzione) Gadda nella letteratura italiana, ora possiamo vedere una linea (o funzione) Gadda dentro Arbasino."

https://www.doppiozero.com/materiali/...


message 46: by piperitapitta (new)

piperitapitta (lapitta) | 2757 comments Mod
Anche quel vecchio trombone di Eugenio Scalfari (lo dico con un certo affetto) lo ricorda, ma non metto il link perché è su Rep, nei contenuti a pagamento: sesiete abbonati, però, dategli un'occhiata.

Anzi lo metto, così non dovete cercarlo.

https://rep.repubblica.it/pwa/intervi...


back to top