pianobi: Lettere da Vecchi e Nuovi Continenti discussion

Zadie Smith
This topic is about Zadie Smith
71 views

Comments Showing 1-25 of 25 (25 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Paolo del ventoso Est (last edited Oct 16, 2017 06:42AM) (new)

Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
Che ne pensate della londinese Zadie Smith? So che a ferrigno è piaciuto molto Denti bianchi, che ho appena inserito tra i miei currently reading; ho inteso belle cose anche da Swing Time.
Any opinion?


message 2: by Marozzi (new)

Marozzi | 147 comments Io non sono una sua fan. Trovo che la sua scrittura sia troppo prevedibile ,le sua storie siano troppo prolisse e che il tono del racconto sia un pò monocorde.


message 3: by Catoblepa (last edited Oct 16, 2017 07:09AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3523 comments Mod
Ho letto solo Denti bianchi: indubbiamente è un buon romanzo, ma non mi sembra il capolavoro che molti vogliono far credere. L’esperienza di lettura è stata un po’ come andare al circo: le capovolte si susseguono una dietro l’altra e sono tutte eseguite alla perfezione, ma alla fine ti lasciano un senso di già visto, e rivisto, e stravisto.
Scrive bene, per carità, e pure la trama è abbastanza interessante (in diversi momenti prevedibile però), ma il postmodernismo nel 2000 aveva già abbastanza rotto e le palle, e Zadie Smith sembra far di tutto per discostarsene senza riuscirci davvero. Boh, alla fine la sensazione che più mi ha lasciato è di occasione sprecata o qualcosa del genere.


message 4: by Patryx (new)

Patryx | 178 comments Io ho letto Della bellezza che non mi è piaciuto: intreccio prevedibile, personaggi che incarnano una tipologia senza avere una propria personalità.


message 5: by Ubik (new)

Ubik 2.0 | 1229 comments Anch'io ho letto "Della bellezza" e sono d'accordo con Patryx: un romanzo talmente povero di personalità, così come i suoi personaggi, che l'ho pressoché dimenticato!
Meglio indubbiamente "Denti Bianchi", fresco e divertente, anche se non mi parve rilevante come la sua fama sembrava suggerire, motivata, a mio parere, soprattutto dalla giovanissima età dell'autrice.
Insomma: io sono un assoluto ammiratore della narrativa inglese contemporanea, ma non mi pare che la Smith sia fra i suoi esponenti migliori.


message 6: by ferrigno (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Ho letto prima Denti Bianchi e poi Della Bellezza. Ricordi bene Paolo, il primo mi è piaciuto molto, tuttavia leggendo il secondo ho avuto una marcata sensazione di déjà vu che mi ha fatto rivalutare in negativo anche il primo.
C'è una marcata ripetitività di temi e di approccio, vengono rappresentate sempre le stesse situazioni e ho la sensazione che Zadie non abbia molto da aggiungere. D'altro canto la scrittura è molto levigata, efficacissima, in inglese si legge proprio bene. A tratti molto divertente.


message 7: by ferrigno (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Mi sa che l'avevo spiegato meglio sul mio commento a On Beauty:

https://www.goodreads.com/review/show...


message 8: by minty (new)

minty (minty_2017) | 670 comments Boh, io avevo iniziato "Denti bianchi" anni fa, ma arrivata neanche a fine del primo capitolo (mi pare. Comunque dopo poche decine di pagine, ecco) sono stata colta da subitanea antipatia (per i personaggi, per la voce narrante, per la qualsiasi...).
Ho piantato tutto lì, ripromettendomi di riprovare in un momento successivo.
Il momento non è più giunto, poi. Il libro è ancora sullo scaffale (e non mi guarda, visto che è murato dietro una fila di tascabili della serie "iMiti" XD )


message 9: by Marica (new)

Marica (wmarica) | 283 comments Io ho letto solo Denti bianchi e mi è piaciuto molto: scrittura effervescente, divertente e rappresentazione di una società multiculturale e multietnica, come si sta avviando a essere l'Italia. Dico che si sta avviando perché gli emigrati in Italia sono una realtà relativamente recente rispetto a UK, per via del Commonwealth che favoriva gli scambi.
In Italia quello che lei racconta è ancora grande attualità.


Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
Mmm siete tiepidini, vedo. Per il momento mi piace.

OT E mi piace molto tornare a leggere su Kindle! Evviva mi è arrivato il nuovo Kindle (quello vecchio s'era rotto :-D).


message 11: by Paolo del ventoso Est (last edited Oct 27, 2017 01:25AM) (new)

Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
Aggiornamento sul 60% di lettura di Denti bianchi, libro ormai "maturo" per un commento.

Beh wow, lo trovo strepitoso. Divertente e very smart, senza cali o parti più noiosette. Zadie Smith mi sembra abbia qualcosa di un John Irving bagnato nel Tamigi, ha verve e un talento stupendo nel dipingere i personaggi. Il suo sguardo su una società inglese che fa i conti con il clash di culture conviventi mi sembra lucido, attento e onesto. Forse in diciassette anni le cose sono pure cambiate, qua non si fa più in tempo a dire qualcosa di sensato che tutto è già cambiato repentinamente, tuttavia la fotografia del melting pot londinese d'inizio millennio mi sembra perfetta.


message 12: by Catoblepa (last edited Oct 27, 2017 02:06AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3523 comments Mod
Occhio con gli anglicismi, che poi ti fanno rischedulare il post ;-)


Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
touché
ma very smart secondo me non renderà mai altrettanto bene in italiano :-)


message 14: by Karenina (new)

Karenina | 398 comments è il clash di culture che mi lascia perplessa, certo il melting pot e la verve fanno very smart, per non parlare di touché...;-)
povera me, si scherza, eh
Venendo al libro invece, io l'ho trovato ridondante, troppo pieno di cose e personaggi senza nulla lasciato alla scoperta da parte del lettore; la trama è scorrevole ma, non so, tutto troppo semplice e incastrato, un po' la differenza che passa tra un buon film europeo e una serie americana.


message 15: by Paolo del ventoso Est (last edited Oct 27, 2017 02:24AM) (new)

Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
Karenina wrote: "è il clash di culture che mi lascia perplessa, certo il melting pot e la verve fanno very smart, per non parlare di touché...;-)
povera me, si scherza, eh
Venendo al libro invece, io l'ho trovato r..."


Ma coome tutto semplice e incastrato!? Secondo me invece coglie aspetti originali della vita di questa bizzarra amicizia multirazziale tra la famiglia di Archie (ehm. Arcibaldo) e quella di Samad.
E d'accordo, d'ora in avanti starò attento a non abusar d'anglicherie, prometto!


message 16: by ferrigno (last edited Oct 27, 2017 02:48AM) (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Paolo, c'è una scena divertente, la protagonista afro va da una parrucchiera afro per fare una cosa molto afro: lisciarsi i capelli. Insomma, la ragazza entra nella bottega e la parrucchiera le fa:
"You wan' some ting, pickney?"
Che mi sono tradotto tipo "che ti serve, piccina?"
Come diavolo l'hanno tradotto nell'edizione italiana?!?

E ingenerale, come rendono il gergo?
Mi sono sempre chiesto come i traduttori rendano gli accenti e in almeno un'occasione, mi sono accorto che non li rendono affatto. In Cime Tempestose, il domestico Josef parla un dialetto astrusissimo che, in una traduzione, diventa italiano perfetto.


message 17: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3523 comments Mod
È sempre molto difficile: rendere un dialetto astrusissimo italiano perfetto è sicuramente una scelta sbagliata, ma una scelta va comunque compiuta e in generale è una bella gatta da pelare.
Purtroppo, riguardo a Zadie Smith, non ho il libro sottomano quindi non posso dirti come è stato reso.

Tra l'altro, per converso, questo rende i romanzi italiani tra i più difficili da tradurre, quantomeno tra le lingue europee, perché almeno negli ultimi 60-70 anni i rimandi al dialetto, soprattutto nell'orale, hanno preso ad abbondare (già prima con Verga, in realtà, ma l'esplosione è stata con Gadda, Pasolini e via via tutti gli altri). Non vorrei mai essere nei panni di un traduttore straniero che deve rendere Camilleri.


message 18: by Paolo del ventoso Est (last edited Oct 27, 2017 03:12AM) (new)

Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
ferrigno wrote: "Paolo, c'è una scena divertente, la protagonista afro va da una parrucchiera afro per fare una cosa molto afro: lisciarsi i capelli. Insomma, la ragazza entra nella bottega e la parrucchiera le fa:..."

Traducono con un semplice: "Vuoi qualcosa, piccola?"
Secondo me con questo libro la Mondadori ha fatto il lavoro di "adattamento" più consono; fortunatamente non hanno affollato il libro di parole astruse e neologismi come spesso accade nei più funambolici tentativi di rendere un gergo straniero, tuttavia in generale ti arriva la sensazione che i personaggi stiano adoperando un linguaggio "da strada".

p.s io mi son sempre chiesto come fanno a tradurre La Divina Commedia ad esempio :o


message 19: by Catoblepa (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3523 comments Mod
Paolo del ventoso Est wrote: "ferrigno wrote: "p.s io mi son sempre chiesto come fanno a tradurre La Divina Commedia ad esempio"

Uuuuh, ti addentri in un dibattito accesissimo, almeno in inglese. Si sono scannati in tanti, tra traduttori accademici e critici, sull'argomento.


Paolo del ventoso Est (paolodelventosoest) | 363 comments Mod
Lo immagino, Cato. E' un po' come la vecchia storia del tradurre poesie, in fondo. Annosa questione.


message 21: by Elalma (new)

Elalma | 188 comments Per me Denti Bianchi è arguto e divertente.
Tra l'altro quest'estate avevo scaricato da MLOL Swing Time, per darci un'occhiata, ma il tempo di lettura è scaduto prima che potessi finirlo. Così ho deciso di riprenderlo, perché secondo me ne vale la pena, l'ho trovato più maturo, almeno leggendo le prime 100 pagine.
In fondo, Denti Bianchi era un esordio.


message 22: by ferrigno (last edited Oct 28, 2017 05:36AM) (new)

ferrigno | 1545 comments Mod
Anche a me era piaciuto, mi sono un po' rovinato l'impressione con On Beauty, che mi è sembrato ripercorrere fiaccamente le stesse idee. Swing Time non lo conosco.


message 23: by floricanto (last edited Oct 28, 2017 11:07AM) (new)

floricanto | 469 comments Paolo del ventoso Est wrote: "mi sembra abbia qualcosa di un John Irving bagnato nel Tamigi"

un invito a nozze per me :) "Denti bianchi" era in attesa da un po'. Scalerà un bel po' di posizioni.


message 24: by Pollapollina (new)

Pollapollina Books (pollina_books) | 7 comments Lessi "Denti bianchi" mille anni fa e - confesso - ricordo proprio poco, se non che non mi aveva entusiasmato.
Però ho da poco rivalutato l'autrice con la lettura dei suoi saggi raccolti nel volume "Cambiare idea", che affronta tanti argomenti, dai viaggi, alla storia della famiglia, alla critica letteraria. L'ho trovata simpatica e ho condiviso molte sue idee, quindi penso che proverò a leggere qualche altro romanzo.


message 25: by Catoblepa (last edited Feb 28, 2018 01:17AM) (new)

Catoblepa (Protomoderno) | 3523 comments Mod
Sto leggendo Cambiare idea, ma non condivido nulla di quanto ha detto Pollapollina nel post qui sopra. Saggi e articoli piuttosto banali e superficiali, che peraltro più di una volta sfociano nello stereotipo (proprio lei, che ha meritoriamente combattuto contro altri stereotipi nella sua narrativa). L'unico testo che ho trovato interessante sin qui (sono circa a 3/4 del libro) è il reportage dalla Liberia, il resto mi sta annoiando senza farmi riflettere granché.

Non so, forse non dovrei, ma questo pressappochismo teorico mi fa ricredere anche sulla sua narrativa, che certo non avevo adorato ma avevo comunque considerato più che discreta.


back to top