Goodreads Italia discussion

note: This topic has been closed to new comments.
194 views
Off-Topic > sono triste :)

Comments Showing 1-50 of 130 (130 new)    post a comment »
« previous 1 3

message 1: by [deleted user] (new)

La contraddittoria faccina sorridente serve solo per sdrammatizzare un po', senza togliere niente al fatto che, come ho detto, sono triste.
Mi intristisco ogni volta che mi trovo a pensare all'aspetto "pubblicitario" del mio primo (e per ora unico) libro, che ho pubblicato un annetto fa con la casa editrice Nulla die. Perché da quando ho detto "ci provo" e ho cercato una casa editrice che pubblicasse i miei racconti, ho in qualche modo deciso di affidare alle parole che ho scritto una parte di me, una parte importante di me. Quella parte importante di me è un libricino di appena una settantina di pagine, gettato da una piccola casa editrice in un mare sconfinato, pieno di pesci più grossi e feroci.
Quindi è stato un po' così: tieni, ecco il tuo libro, ora c***i tuoi. Sono sicuro che la mia casa editrice abbia fatto il massimo possibile, non dico il contrario, la situazione non dipende da come mi hanno trattato, dipende da come va il mondo.
Ho cercato allora un modo per far conoscere alla gente il mio libro: blog di recensioni, "booktubers"... quelli gentili mi hanno risposto di no, la maggior parte non mi ha proprio cagato... nemmeno un "no". E questo mica dipendeva dalla qualità del mio libro, se così fosse non sarei triste, ma pieno di propositi: pieno di voglia di mettermi sotto e, cavolo, continuare a scrivere, scavando finché non salta fuori qualcosa di prezioso. No, il rifiuto arriva ancora prima di leggere la prima pagina del primo racconto.
Ora Goodreads: mi sono iscritto e sembrava il paradiso! mille milioni di iscritti... ma allora la gente legge davvero! Legge tanto! forse qui sì che quella mia piccola parte importante di carta e inchiostro potrà raggiungere molte persone, disposte a prestarle attenzione! preso dall'entusiasmo ho chiesto alla mia casa editrice di darmi una mano ad aprire un giveaway del mio libro sul sito... poi ho anche aperto una mini campagna pubblicitaria di tasca mia.
Ma a quanto pare GR non è proprio il paradiso: la discussione che ho pubblicato su questo gruppo per annunciare il giveaway, ad oggi (dopo circa due settimane) ha 19 visualizzazioni... su più di 7000 iscritti.
Sembra che anche qua in pochi siano disposti ad ascoltare... so di non avere grandi doti pubblicitarie. Non sono un affabulatore (e non voglio diventarlo), non so neanche da che parte iniziare per fare una pubblicità efficace. Questo anche perché il solo pensiero di trattare il mio libro come un "prodotto" mi fa stare piuttosto male. I prodotti si vendono per i soldi, e la scrittura non ha questo scopo per me (neanche in parte, non sono un professionista e non penso di volerlo diventare. Sono uno studente di chimica, cosa che amo quanto la scrittura).
Tutto quello che so fare (concedetemelo) è scrivere. La lettura può essere un'esperienza meravigliosa... ma assistere alla nascita di un'idea che, ancora astratta e dai contorni incerti, prende a poco a poco forma tramite le tue parole... beh, questo è molto, molto di più.
Questo mi rende felice... ma ultimamente ogni volta che penso alla scrittura i miei pensieri sono di questo tipo: in pochissimi su goodreads hanno recensito il mio libro, in pochi hanno aderito al giveaway, è così che voglio finire? continuare a scrivere con un pubblico sempre più piccolo? arrivare a 30 anni con cinque libri pubblicati e 10 lettori? Non sono già destinato ad essere un fallimento?
Così quando ogni giorno mi arriva l'email da goodreads che mi conferma che neanche oggi ci sono stati click sulla mia ad o ancora una volta penso che se scrivo qualcosa in pochissimi la leggeranno, quell'indescrivibile emozione che mi guida e mi fa scrivere si tramuta improvvisamente in tristezza, e per un altro giorno non batto nemmeno una lettera sulla tastiera del pc.

Magari invece qualcuno (tra i 7000 e passa iscritti) leggerà questo post, e magari saprà anche darmi qualche consiglio per schiacciare questa tristezza, e far spiccare il volo a quella indefinibile sensazione che ci porta a creare arte.
(Qualcuno lo fa già, a dire la verità, anche se è morto da un bel po' di anni. Ogni volta che apro un suo libro quella sensazione torna a prevalere su ogni altro pensiero... almeno fino alla successiva email di goodreads).


message 2: by dely (new)

dely | 498 comments Sono passate undici ore e non ti ha considerato nessuno. Non vorrei che la tristezza si trasformasse in depressione, quindi intervengo giusto per augurati una buona giornata.

Ho letto di cosa parla il tuo libro e sinceramente non so se partecipare al giveaway perché è un genere che non mi piace. Non vorrei rischiare di vincerlo per poi lasciare una recensione negativa, mentre ci sono lettori a cui magari piace quel genere e apprezzerebbero il tuo libro.

Non so se hai visto la discussione su qual è il modo migliore per promuovere il proprio libro. Ti aggiungo il link perché è una discussione che potrebbe interessarti: https://www.goodreads.com/topic/show/...

C'era anche un'altra discussione interessante, più o meno sullo stessa tema, ma non riesco più a trovarla. O magari ricordo male.

Che dirti, in bocca al lupo con il tuo libro ma non fartene una malattia se non viene letto da molte persone. Non sei l'unico in questa situazione, gli scrittori emergenti a quanto pare non hanno vita facile.


message 3: by Gabriele (new)

Gabriele Valenza | 336 comments Io posso consigliarti di non mollare, se hai scritto un libro è perché avevi qualcosa da dire. Adesso quel libro esiste ed è lì pronto per essere letto, questo è già un traguardo. Devi armarti di pazienza, anche se il mondo va sempre più veloce, in questo campo i tempi sono molto più lunghi. Capisco perfettamente la sensazione di essere una goccia nell'oceano, ma non penso ci siano squali. Siamo semplicemente in tanti :)


message 4: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2911 comments Mod
Avevo letto il tuo post ieri notte, ma il telefono non è il mezzo migliore per una risposta più lunga di qualche riga.

I 7000 utenti di questo gruppo sono nominali. Avrai notato che i post principali degli ultimi mesi (penso alle newsletter o ai gruppi di lettura) non sono stati visualizzati da più di 3-400 utenti, che immagino siano quelli più attivi.
Il tuo giveaway, purtroppo, si perde tra le centinaia di giveaway anglofoni a cui si può partecipare da tutte le nazioni. Personalmente non leggo racconti e non sono un'amante del fantastico, ecco spiegato il motivo per cui non partecipo al tuo rischiando di soffiare il libro a chi magari è interessato e, credo, come me e dely altri utenti avranno fatto questo tipo di ragionamento. Non sono una bookblogger e quindi non so che tipo di ragionamento avranno fatto quelli che non ti hanno manco risposto; non escludo che anche loro si stiano ingolfando, come le case editrici.

Perché hai poco riscontro, ti chiedi. Potrei risponderti che il motivo è che siete una miriade. Per emergere dal mare dell'anonimato c'è una ricetta, molto probabilmente, ma forse non la conosce nessuno. Chissà, magari qualche guru del marketing. Leggi il thread linkato e scoprirai che il tuo sconforto è sentimento comune. Usa l'entusiasmo con cui sei approdato qui per continuare a scrivere, così se i risultati tardano ad arrivare hai altro da proporci ;)


message 5: by Ds (new)

Ds | 394 comments Davide, non ti scoraggiare. I post si perdono tra migliaia di cose e la gente molto semplicemente a volte non ha tempo di stare dietro a tutto. Immagino che per uno scrittore esordiente sia estremamente complicato farsi notare. Tu scrivi perché ti piace e alla fine è questo che conta. Intanto hai fatto pubblicare il libro ed è già un passo avanti!
Non so perché i "booktubers" non abbiano risposto, non so come funzionino le cose lì.
Posso dirti però che il tuo libro mi intriga sinceramente e mi sono iscritta al giveaway. Fra l'altro visto che tra le tue influenze citi David Lynch non potevo non farlo :)
Poi è questione di genere...se il post fosse stato fatto su un altro genere, forse non mi sarei iscritta. Tieni incrociate le dita, non mollare e soprattutto continua a scrivere.


message 6: by Laù (new)

Laù (mammabooks) Ciao! Non leggo spesso le discussioni, arrivano sempre tante notifiche e le guardo ogni tanto, ma mi sono presa cinque minuti per leggere il tuo post poco fa, attratta dal "sono triste", perché lo sono anche io, ma per motivi diversi.
Io purtroppo non ho nessun tipo di potere "editoriale", non sono una bookblogger ma sono solo una lettrice. Ho una piccola pagina facebook, so che non è molto, ma se mi dai il link del tuo libro posso pubblicarti (sono pochini i mi piace, però chissà!).
Ti auguro solo che questa tristezza sia momentanea e che non ti fermi dallo scrivere altre storie. Non scrivere solo perché il pubblico le legga, ma scrivi anche per te stesso ;)

In bocca al lupo per tutto!


message 7: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3407 comments Davide, posso dirti una cosa? Non è affatto vero che tu non sia dotato di doti pubblicitarie: evidentemente hai azzeccato il titolo del tuo post. infatti, diversamente da altri autori esordienti, hai raccolto subito risposte lunghe e articolate. Hai incuriosito e hai suscitato simpatia, il che non è da tutti, tutt'altro.
Un ottimo inizio di autopromozione, a mio modesto parere!


message 8: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
Allora, io sono la risposta che non volevi, te lo dico subito, mi spoilero, ma parliamo chiaro.

Io non so seriamente perché cavolo vi ostiniate a pubblicare con editori generalisti che sì, bello, sono gratuiti, viva gli editori seri, se non si impegnano con la promozione o con la rifinitura dell'opera. Perché sinceramente, un editore serio a una raccolta di racconti che in apparenza leggendo la scheda non ha elementi particolari da mettere in luce dovrebbe rispondere o "no, grazie", oppure trovare il modo di "ricostruire" la raccolta in modo da renderla più accattivante. E una volta finita la riprogettazione e la stampa, è compito dell'editore promuoverlo. Se un editore non fa una selezione all'ingresso e non ha un'identità coerente in quello che pubblica, se non promuove i libri, se non ha strategie di marketing, quello è un tipografo, non è un editore. Pensaci anche un attimo, che immagine dà di te e del tuo editore? Se non ci perde tempo l'editore a mettere in luce un libro, è un segno pessimo.

Altra scomoda verità. I racconti NON vendono. È un genere di nicchia, che affascina poco e a cui non siamo più abituati.

Brutalmente, cerchiamo la Munro (premio nobel per i suoi racconti!) su Amazon: il primo libro che esce nello store italiano è Amica della mia giovinezza: 24900 e qualcosa nella classifica dei cartacei, qualche centinaio di posizioni più giù come ebook. È un libro che è in circolazione da 26 anni, ma su GR non supera i 3.000 rating. Il suo libro più recensito su questo sito, su Amazon Italia è 98.000 e rotto come cartaceo, 28.000 e qualcosa come ebook. Ed è un'autrice Premio Nobel.

Altro dato: la classifica della sezione Racconti su Amazon -> se togliamo le nuove uscite della Rowling (stile Animali fantastici, per capirci) e i nomi più noti della Sellerio, Camilleri Malvaldi e compagnia, i libri nelle prime posizioni sono ebook a 0,99 e disponibili su Kindle Unlimited.

O trovi il modo di emergere in qualche modo dalla massa di gente che scrive racconti, o la vedo dura. A quel prezzo in particolare, abbi pazienza, ma è un prezzo da Adelphi.


message 9: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi.


message 10: by Shardangood (new)

Shardangood | 2137 comments Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ehhe, dici che si notano queste cose?


message 11: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2911 comments Mod
Shardangood wrote: "Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ehhe, dici che si notano que..."


Dipende dal grado di suspension of disbelief
XD


message 12: by Shardangood (last edited Oct 18, 2016 03:33AM) (new)

Shardangood | 2137 comments Rowizyx, ha comunque ragione, anche io le raccolte di racconti, anche quando scritte da autori da me adorati, non le leggo. Non mi attirano, mi sanno di opere non complete, sebbene ci siano perle in giro molto brevi, ma preferisco sempre sorbirmi un romanzo lungo.
Sicuramente Davide, leggendo il post che ti è stato consigliato, ti sentirai meno triste a vedere quanti autori indipendenti hanno i tuoi stessi problemi di visibilità (mal comune mezzo gaudio); o più triste sempre per lo stesso motivo (se non ce la fanno gli altri, perchè dovrei farcela io?).
Il mio consiglio è di crearlo in Ebook (per distribuirlo più facilmente), se già non esiste, e farlo leggere gratuitamente, in quel caso 1) soddisfi il tuo desiderio di essere letto 2) avrai recensioni e sulla base di quelle potrai decidere se continuare a scrivere o meno, e se farlo per soddisfazione personale o per la vile pecunia.
Detto questo, io sono abbastanza felice, il Cagliari ha vinto a San Siro, come potrei non esserlo?


message 13: by Paolo (new)

Paolo | 76 comments Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ecco, soprattutto.


message 14: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
Io sono cinica, scettica, nera, e insider (sono in casa editrice e mi sto annoiando a morte con una ricerca di fonti fotografiche per una guida improponibile). Piacere :D


message 15: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2911 comments Mod
Shardangood wrote: "Detto questo, io sono abbastanza felice, il Cagliari ha vinto a San Siro, come potrei non esserlo?"

Un popolo in festa, siamo.
Ghettandèdda!


message 16: by Shardangood (new)

Shardangood | 2137 comments Nazzarena wrote: "Shardangood wrote: "Detto questo, io sono abbastanza felice, il Cagliari ha vinto a San Siro, come potrei non esserlo?"

Un popolo in festa, siamo.
Ghettandèdda!"


Ecco trasformato un post triste in allegro.


message 17: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1614 comments Ciao, sono più o meno una bookblogger e più o meno una insider: ho un blog di libri ormai poco seguito, e lavoro (anche) come editor ma di saggistica, ecco perché i "più o meno".

Io se mi avessi scritto ti avrei risposto, ma ti avrei detto di non mandarmi il tuo libro. Ci sono vari motivi per cui non leggo più libri di autori esordienti: perché come ha detto Nazzarena mi sto ingolfando, perché voglio leggere i libri che voglio leggere, perché quando faccio una recensione o mando all'autore un commento in privato, gli autori spessissimo neanche rispondono, e se lo fanno di solito è solo per dire che non capisco niente perché non ho apprezzato il loro libro tanto da dargli 5 stelle. Sarò libera di essermi stufata? Sì, penso di sì. Ormai, leggo libri di autori esordienti solo se mi interessano moltissimo.

Detto questo, sono triste anch'io perché sto lavorando troppo in questi due o tre giorni (quantità di ore impressionanti), ho una consegna giovedì mattina alle 8 e sono in alto mare, domani il mio ragazzo ha il giorno libero e non so neanche se riesco a vederlo appunto perché devo lavorare. Ah, ma non era questo l'argomento del discorso, ok.

[PS. Se c'è qualche utente/autore di Goodreads che scrive saggistica di vario tipo e vuole un'editor o correttrice di bozze anziché un semplice lettore, io mi pubblicizzo, ci sono, ciao, facciamo conoscenza, ma mi faccio pagare. Ah, non era nemmeno questo l'argomento di cui si andava discorrendo, ok, ciao, mi eclisso.]


message 18: by [deleted user] (new)

Rowizyx wrote: "Allora, io sono la risposta che non volevi, te lo dico subito, mi spoilero, ma parliamo chiaro.

Io non so seriamente perché cavolo vi ostiniate a pubblicare con editori generalisti che sì, bello, ..."


ciao, fammi iniziare togliendomi un sassolino nella scarpa. Giorgio, il mio amico che ha fatto un profilo per scrivere una recensione sul mio libro, è il presidente dell'Associazione Culturale Ettore Marcoli che, quando ero giovane =), ha indetto nel mio liceo un premio letterario che ho vinto con un racconto. Questo riconoscimento è uno dei fattori che mi ha spinto a prendere seriamente la scrittura e a pubblicare un libro. Quando il libro l'ho pubblicato, Giorgio mi ha aiutato di sua iniziativa a promuoverlo il meglio possibile. Grazie a lui siamo riusciti perfino a organizzare una presentazione in una delle più grandi librerie di Novara! da solo non avrei saputo nemmeno da che parte iniziare. Quando poi recentemente mi sono iscritto su GR e l'ho annunciato sulla pagina Facebook che avevo creato dopo la pubblicazione, Giorgio ha deciso di aiutarmi ancora una volta, facendo un profilo solo per dare un primo voto positivo al libro. Quindi no, non credo che cancellerò la recensione. Non viene da un mio "amico di merende" che l'ha fatto per farmi un favore, ma da chi ha creduto in me dopo aver letto il mio primo racconto.
Non è vero che la tua risposta è quella che non volevo, ogni opinione sincera e informata è ben accetta, per me. E tu sembri molto più informata di me. Detto questo credo sia scorretto parlare male della mia casa editrice... il processo di selezione mi ha tenuto in forse per due/tre mesi, le bozze che ci siamo scambiati io e l'editore sono state almeno una trentina, la grafica è stata curata nei dettagli. E le 10 copie del mio giveaway non le pago mica io, sai? è bastato chiedere e mi hanno risposto di sì. Se vuoi dire che l'iniziativa deve venire anche da me, sì. Sono d'accordo. Ma sono stati disponibili anche in questo ambito.
Per il resto sono d'accordo... i racconti vendono poco e sai una cosa? Ora che sto leggendo molti più libri mi sono accorto che pure io preferisco leggere romanzi XD ahahah
Rimane però, per me, un fascino nei racconti brevi che non è eguagliabile da un romanzo. Quando e se ne scriverò uno, non rinuncerò a inserire brevi racconti che in qualche modo si innestino nella trama principale... l'idea forte di un racconto viene "diluita" in un romanzo... guadagnando magari un po' di profondità ma perdendo di potenza. Io la vedo così.


message 19: by [deleted user] (new)

Ds wrote: "Davide, non ti scoraggiare. I post si perdono tra migliaia di cose e la gente molto semplicemente a volte non ha tempo di stare dietro a tutto. Immagino che per uno scrittore esordiente sia estrema..."

grazie per le parole gentili. Altri seguaci di Lynch sul gruppo? che bello :)
Anche se non è uno scrittore, rappresenta una delle mie più grandi ispirazioni. Alla fine l'arte è arte. Mi sembra che sia stato Kubrick a dire: "Se puoi scriverlo, suonarlo o immaginarlo, allora puoi anche filmarlo". Noi scrittori dobbiamo pensare che sia vero anche il contrario =)
Ti auguro di essere estratta per il giveaway... ho la speranza e la convinzione che almeno un po' della stessa magia che permea i film di David Lynch sia rimasta impressa anche sulle pagine del mio libro.


message 20: by [deleted user] (new)

Nazzarena wrote: "Shardangood wrote: "Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ehhe, di..."


Paolo wrote: "Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ecco, soprattutto."


Shardangood wrote: "Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Ehhe, dici che si notano que..."


Rowizyx wrote: "PS... Chiedi al tuo amico di rimuovere la recensione ad hoc, dai, che palesemente si è fatto un profilo solo per promuovere te. È una zappa sui piedi."

Chiedo a tutti gentilmente di leggere la risposta che ho fornito a
Rowizyx al riguardo.


message 21: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
Beh scusami, se mi devo basare sul sito, non c'è una recensione o un articolo sul sito. Neanche di stampa locale! Che voglio dire, di solito se si manda una copia e un comunicato stampa almeno un articoletto si ottiene... Non c'è un vero e proprio uno spazio rassegna stampa né sul blog né sul sito, sul blog non c'è un post su una presentazione successivo al 2012... Di fatto non c'è promozione, e questo per un editore è gravissimo. Magari c'è altro sui social, chissà, ma non ho voglia di fare una caccia al tesoro.

Io lavoro per una casa editrice che si occupa di saggistica (arte, food e turismo per lo più), e ora mi bullo un po'... ma ieri sera avevamo una presentazione dall'Eataly locale con dimostrazione e cena a tema per l'ultima uscita nella collana delle eccellenze enogastronomiche. L'evento ha portato a una buona copertura stampa, che è stata riportata sugli strumenti social. Ma quasi ogni novità ha la presentazione da Feltrinelli locale ed eventualmente nel luogo in cui vive l'autore, se non è di zona. Perché se non parli tu (tu editore) e non fai conoscere i tuoi libri, non lo farà nessun altro.

La recensione. Io non contesto le buone intenzioni di questo signore, ma di fatto rischia più di danneggiarti che altro. È palesemente un commento "di aiuto", e nessuno indagherà se chi l'ha fatto è tuo cugino o una persona di tutto rispetto con delle motivazioni serie alle spalle. Vedrà la recensione "favore" e passerà oltre.


message 22: by Shardangood (new)

Shardangood | 2137 comments E vedrà che è l'unica che ha fatto; l'unico segno di attività su gr.


message 23: by [deleted user] (last edited Oct 18, 2016 08:35AM) (new)

Rowizyx wrote: "Beh scusami, se mi devo basare sul sito, non c'è una recensione o un articolo sul sito. Neanche di stampa locale! Che voglio dire, di solito se si manda una copia e un comunicato stampa almeno un a..."

Magari non le contesti ora, ma da come hai scritto all'inizio sembrava proprio che le contestassi ;) detto questo capisco il tuo punto di vista, magari la gente è incline a pensar male. Non credo comunque che lo contatterò per dirgli: "ti ricordi quell'aiuto che hai voluto darmi? ecco, rimangiatelo che fa solo danni" :D immagino tu possa capire.
Per quanto riguarda le presunte (o reali) inadeguatezze della mia casa editrice non so che dirti: io sono un nuovo arrivato che ha inviato il proprio manoscritto a n case editrici... tra quelle che mi hanno risposto positivamente ho scelto quella che mi sembrava la migliore.
Quello che stai facendo mi sembra simile ad avvicinarsi a uno in mezzo al mare che fa fatica a stare a galla e urlargli: "Pirla! perché non nuoti??"

capisci che intendo? :D


message 24: by Gabriele (new)

Gabriele Valenza | 336 comments Se trovi la terraferma fai un fischio. Comunque potresti provare a partecipare a qualche concorso di scrittura, perlopiù chiedono racconti brevi. In questo modo potresti avere uno stimolo ulteriore per continuare a scrivere e allo stesso tempo avere un giudizio esterno. Poi se vinci non può che giovarti!


message 25: by Ds (new)

Ds | 394 comments Davide wrote: "Ds wrote: "Davide, non ti scoraggiare. I post si perdono tra migliaia di cose e la gente molto semplicemente a volte non ha tempo di stare dietro a tutto. Immagino che per uno scrittore esordiente ..."

Grazie! Lo spero anch'io, sarebbe bello ritrovare un po' di Lynch in un libro.


message 26: by [deleted user] (new)

Gabriele wrote: "Se trovi la terraferma fai un fischio. Comunque potresti provare a partecipare a qualche concorso di scrittura, perlopiù chiedono racconti brevi. In questo modo potresti avere uno stimolo ulteriore..."

è l'idea che mi sono fatto anche io. Mi è già capitato di partecipare ad alcuni concorsi (e anche di vincerne!)
bisogna solo avere la pazienza di scorrere tra le miriadi di quelli che richiedono 50 euro come tassa di iscrizione quando il premio per il primo classificato è un sorriso e una pacca sulla spalla :D
ahahah


message 27: by Gabriele (new)

Gabriele Valenza | 336 comments Non ricordo se l'ho scritto qui su goodreads o altrove, ho notato che il 90% dei concorsi sono di poesia e non capisco perché, dato che non si vende molto... Boh, chi lo capisce è bravo! (non so usare bene quel maledettissimo reply, mi riporta sempre la parte superflua!!)


message 28: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3407 comments Sono un'amante dei racconti, li ho sempre letti e mi sono sempre piaciuti. Ho molte raccolte di racconti gialli e di SF e tra le cose lette tanto tempo fa mi ricordo più facilmente un racconto di un romanzo. Credo però di essere un'eccezione, il rimasuglio di un tempo ormai passato, quando si leggevano le riviste - che erano diverse da quelle di oggi - e spesso in una rivista c'erano uno o più racconti. In teoria ogni sito internet potrebbe ospitare un racconto, che potrebbe restare in evidenza per un po' di tempo prima di cedere il passo a un altro autore: sarebbe un modo per gli scrittori esordienti per farsi le ossa e anche per farsi conoscere. Non so perché non si faccia, o si faccia così poco, evidentemente è un genere che non ha attrattiva presso il pubblico.


message 29: by Leady (new)

Leady | 496 comments A me i racconti piacciono molto e ritengo che scrivere un racconto convincente sia molto più difficile di un romanzo convincente.
Per altro apprezzo il genere fantastico quindi mi sono iscritta al tuo giveaway, ma non lo avrei nemmeno calcolato se non avessi scritto questo post. Tu non hai messo nemmeno due righe di presentazione del tuo libro nel giveaway. Perché uno avrebbe dovuto iscriversi? Ci sono una marea di lettori emergenti, devi dire cosa rende interessante il tuo libro.

Il tuo libro poi ha un problema notevole, cioè il prezzo. Quella cifra per 72 pagine non è giustificabile, per dire, L'aleph costa molto meno e sono racconti di Borges! Forse considerando che è il tuo primo libro, che non hai nessuna caratteristica come scrittore che ti possa rendere interessante, né un'idea così innovativa da catturare, sarebbe meglio fare un'edizione ebook a poco di modo che qualcuno, incuriosito, l'acquisti. Anche se leggessi una splendida recensione al tuo libro e una trama originalissima, non lo comprerei mai a quella cifra.

Tu non vuoi trattare il tuo libro come un prodotto, ma di fatto lo è, altrimenti il modo più facile per avere lettori è darlo in giro gratis XD
Ci sono tanti lettori qui, ma ci sono anche tantissimi libri da leggere e dovresti sinceramente chiederti perché qualcuno dovrebbe leggere quello che scrivi tu, a me il tuo post è sembrato un po' supponente (infatti mi sono iscritta principalmente per curiosità, vorrei capire se almeno un po' di presunzione è giustificata ;) ).
In generale, è il tuo primo libro, sei un signor Nessuno, è già un traguardo averlo pubblicato, non vedo la ragione di questo piangersi addosso, pensavi che saresti diventato il nuovo Dante dall'oggi al domani? Rimboccati le mani e continua a scrivere e provare a diffondere il tuo libro, e cerca di capire cosa non funziona della tua comunicazione (per me, il fatto che dai per scontato che la gente lo voglia leggere perché glielo dici tu, senza dare una motivazione né porti in modo corretto).


Read me two times | 614 comments Leady, grazie per aver detto (in modo educato) quello che ho pensato io (in modo meno educato) oggi pomeriggio quando ho letto il post.


message 31: by Leady (new)

Leady | 496 comments Anarchic Rain wrote: "Leady, grazie per aver detto (in modo educato) quello che ho pensato io (in modo meno educato) oggi pomeriggio quando ho letto il post."

Ma io riesco perfettamente a capire Davide, a me appartiene più l'ambito artistico che quello letterario ma la cosa è la stessa, uno ci mette l'anima in quello che fa e nessuno lo coglie, ci si rimane male e si finisce a pensare che nessuno ci capisce. Per altro, la situazione del mercato non aiuta.

Bisogna però rendersi conto che tutti hanno qualcosa da dire, ed è compito nostro farci ascoltare dagli altri, perché non valiamo più degli altri milioni di persone che hanno qualcosa da dire. O meglio, magari lo valiamo anche, ma dobbiamo dimostrarlo, non aspettarci che gli altri ce lo riconoscano al buio. Poi può anche capitare come quando troviamo un libro che troviamo fantastico, lo facciamo leggere ad un amico e non gli piace. Non è che l'amico non capisce un tubo, ma semplicemente avendo vissuti diversi quello che per me è potentissimo ad un altro potrebbe non parlare affatto.


message 32: by Dondiegodelabega (new)

Dondiegodelabega | 216 comments Scusa, Davide, però stai vendendo 70 pagine "lorde" di racconti a più di 10€.
Che poi a me i racconti piacciono anche, ma in Italia vendono poco e non è che la produzione locale aiuti in tal senso (l'ultima antologia degna di nota credo sia stata la Gioventù cannibale e son passati vent'anni).
Ciò detto, sicuramente non sei stato tu a decidere il prezzo e, per quanto vale l'opinione di uno che nella vita si occupa di tutt'altro rispetto a editoria e comunicazione, credo che il tuo editore abbia diviso le spese di stampa per la somma dei tuoi parenti stretti e dei tuoi amici più cari, ottenendo così un ragionevole intorno di 10€. Verosimilmente, se gli avessi chiesto il triplo delle copie per il giveaway, credo te le avrebbe concesse volentieri.
Mi dispiace. Spero che questa mia analisi cinica e superficiale non corrisponda a realtà.


message 33: by [deleted user] (last edited Oct 19, 2016 02:23PM) (new)

Leady wrote: "A me i racconti piacciono molto e ritengo che scrivere un racconto convincente sia molto più difficile di un romanzo convincente.
Per altro apprezzo il genere fantastico quindi mi sono iscritta al ..."


Ciao, grazie per il tuo commento articolato, credo tu abbia toccato molti punti interessanti (ti rispondo solo ora perché la notifica dell'aggiornamento della discussione non mi era arrivata).
Probabilmente (anzi, sicuramente) hai ragione riguardo al fatto che devo pensare attivamente a trovare un modo per migliorare me e le mie capacità comunicative, se voglio che più persone leggano quello che scrivo. Paradossalmente, per come sono fatto io, credo sarebbe supponente mettermi a buttare giù 5000 parole di presentazione, dove tesso le lodi del mio libro e lo analizzo come un critico d'arte per cercare di invogliare il lettore a comprarlo. Credo invece sia più modesto dire "ehi, ci sono anche io. Datemi una possibilità, compratemi a scatola semi-chiusa". Tu invece credi che la supponenza sia questa. Probabilmente a seconda del carattere della persona le stesse azioni vengono interpretate in modo diverso.
Non mi aspettavo con una breve raccolta di racconti di diventare il nuovo Dante, mi aspettavo solo che aldilà degli amici, e degli amici degli amici, il mio libro potesse avere un pubblico (un po') più ampio di come è stato (o credo sia stato, chissà magari qualcuno effettivamente l'ha comprato). E il post che ho fatto non lo definirei "piangersi addosso", dai... è propositivo. Chiede un confronto che infatti stiamo avendo, e credo che sia per me anche molto positivo.
Riguardo al prezzo, come diceva giustamente Dondiegodelabega, io non ci posso fare proprio niente.
Ho insistito perché venisse pubblicato anche un ebook... che alla fine è uscito / sta uscendo, in lingua inglese (e messo in vendita ad un prezzo che già qualcuno ha definito eccessivo XD checcipossofà)
So di essere inesperto e di avere tanto da imparare (sia nello scrivere in sé, ma anche e soprattutto in quello che viene dopo) ma spero di poter rimanere in circolazione abbastanza a lungo per farmela, sta esperienza che mi manca.
Non punto a essere osannato dalle folle o cose di questo tipo, come sembri suggerire, ma mi piacerebbe moltissimo che una piccola cerchia di lettori sulla mia lunghezza d'onda possa effettivamente leggere il mio libro e apprezzarlo... perché questo mi darebbe la motivazione per finire anche la prossima raccolta che sto scrivendo e, chissà, addirittura tentare l'impresa del romanzo ciccione che si aggira nei bassifondi del mio cervello da qualche anno.
spero di essermi spiegato :) se hai altre considerazioni da fare sarei molto felice di sentirle.
ps: in bocca al lupo per il giveaway!


message 34: by Leady (new)

Leady | 496 comments Davide, ma scusa, vuoi che la gente legga il tuo libro perché gli interessa o per carità?
Se tu mi dici "Ciao, ho scritto questo libro, mi sembra che sia interessante per... I miei punti di riferimento sono... Se ti è piaciuto questo libro forse potrebbe piacerti anche il mio" io potrei dire "Ah, sembra interessante, diamo un'occhiata". Ma se tu dici "Ciao ho scritto un libro, dammi una possibilità a scatola semi-chiusa" praticamente stai chiedendo che lo leggiamo per pietà. Se non ti conosciamo perché dovremmo? Non ho mai parlato di 5000 righe di lodi, ma quanto meno dire perché dovrebbe interessarci! "Hey, l'ho scritto io" potrebbe funzionare solo se si tratta di un mio amico, altrimenti cosa me ne dovrebbe importare? Se devo mettermi a leggere tutti i libri di scrittori esordienti in circolazione non avrei più tempo per leggere un libro decente. Non ti puoi aspettare che interessi a tutti, dovresti capire a chi potrebbe piacere (chi è il tuo target) e rivolgerti a quello, far capire a questo gruppo di persone che potrebbero essere interessate. "I lettori" non è un target, nemmeno i mostri sacri della letteratura interessano a tutti.


message 35: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1614 comments Sono d'accordo con Leady. Ti racconto una strategia che con me ha funzionato, nel senso che mi ha convinto a leggere la raccolta di racconti di un esordiente. L'autore in questione era un mio collega, quindi ero maggiormente spinta verso la lettura del suo libro perché ci conoscevamo, ma non avrei mai comprato un libro solo per questo motivo (perché l'ho comprato, non me l'ha regalato). L'autore aveva una strategia secondo me molto interessante: aveva un blog dove raccontava le sue esperienze di expat (vivevamo entrambi all'estero all'epoca), sotto forma di micro-racconti. La persona in questione scriveva veramente bene, il suo stile mi piaceva molto. Questo è stato il motivo principale per cui ho deciso di comprare il suo libro. Perché non provi a fare una cosa del genere? Non devi necessariamente pubblicare racconti dal tuo libro, puoi anche semplicemente scrivere di quello che ti interessa (lui questo faceva, non erano racconti veri e propri ma esperienze di vita): se il tuo stile/modo di raccontare è buono incuriosirai diverse persone secondo me.


message 36: by [deleted user] (last edited Oct 20, 2016 09:14AM) (new)

Leady wrote: "Davide, ma scusa, vuoi che la gente legga il tuo libro perché gli interessa o per carità?
Se tu mi dici "Ciao, ho scritto questo libro, mi sembra che sia interessante per... I miei punti di riferi..."


Ma non è proprio a questo che serve Goodreads? io ho un profilo in cui sono presenti le mie ultime letture, con voti e tutto, le influenze, e i libri che ho scritto con breve sinossi (io penso la brevità sia una virtù)... ok sono nuovo ed è decisamente un work in progress ma tutte le informazioni sono lì...
gli autori che mi piacciono, i libri che sto leggendo.. non è proprio quello che dici tu?

edit: anche le 3 o 4 pagine che il sito permette di caricare (il prologo della raccolta, nel mio caso) dovrebbero proprio servire a quello, dare un'idea al lettore di che genere di libro si tratta. in modo concreto: leggi l'inizio del libro... non parole buttate lì a mo' di pubblicità dall'autore stesso. io penso che la miglior "pubblicità" (positiva o negativa) venga direttamente dai lettori. io decido così se comprare un libro o no... ma prima, qualche lettore pioniere e avventuriero che da il via alle cose ci deve essere :D


message 37: by [deleted user] (new)

Marina wrote: "Sono d'accordo con Leady. Ti racconto una strategia che con me ha funzionato, nel senso che mi ha convinto a leggere la raccolta di racconti di un esordiente. L'autore in questione era un mio colle..."

ti ringrazio per il consiglio ma decisamente non fa per me =)


message 38: by Rowizyx (last edited Oct 20, 2016 09:02AM) (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
E le persone dovrebbero arrivare sul tuo profilo tra i milioni di utenti che ci sono... come?

E Goodreads è prima di tutto un sito di condivisione, non una vetrina.


message 39: by [deleted user] (new)

Rowizyx wrote: "E le persone dovrebbero arrivare sul tuo profilo tra i milioni di utenti che ci sono... come?"

ma quando si apre un giveaway, GR non ha nessun modo per renderlo visibile (più degli altri, per un breve periodo di tempo) e permettere ai potenziali interessati (che io autore seleziono per nazionalità, generi e autori preferiti ecc.) di sapere che esiste?
Stessa cosa per le ad a pagamento sul sito?
forse ho sovrastimato il potere di GR :D gli amici di tutti quelli che hanno aggiunto il mio libro dovrebbero vederlo sul loro profilo e potenzialmente andare anche loro a vedere di cosa si tratta...
ripeto, forse ho sovrastimato questo meccanismo


message 40: by [deleted user] (new)

Rowizyx wrote: "E le persone dovrebbero arrivare sul tuo profilo tra i milioni di utenti che ci sono... come?

E Goodreads è prima di tutto un sito di condivisione, non una vetrina."


mi editi il post a tradimento e finisce che non vedo la seconda parte XD
GR è quello che gli utenti decidono che sia, è chiaro che chi ha creato il sito l'ha inteso anche come una vetrina per gli autori.
Lettori--> scoperta e condivisione
Autori--> vetrina
poi ovviamente ogni autore è anche (si spera) un lettore, quindi la scoperta e la condivisione valgono anche per lui. Mark Z. Danielewski io l'ho proprio scoperto grazie a Goodreads, ed è anche per questo il sito mi è piaciuto fin da subito. Mi iscrivo e trovo per prima cosa un'ottima lettura.


message 41: by dely (last edited Oct 20, 2016 11:29AM) (new)

dely | 498 comments Davide wrote: "forse ho sovrastimato il potere di GR :D gli amici di tutti quelli che hanno aggiunto il mio libro dovrebbero vederlo sul loro profilo e potenzialmente andare anche loro a vedere di cosa si tratta...
ripeto, forse ho sovrastimato questo meccanismo "


Forse sì, oppure sono io che non lo uso in questo modo. Cioè, di certo non apro la pagina di ogni libro letto o in lettura di un mio amico, ci starei tutto il giorno su GR. Mettici anche che non tutti usano la homepage "updates" e vengono su GR tramite le notifiche delle discussioni (la homepage io la visualizzo sì e no una volta al giorno o anche meno). Inoltre, si può filtrare cosa vedere e cosa non vedere nella homepage. Io, per esempio, visualizzo solo top friends e persone che seguo, e almeno metà dei miei pochissimi amici non sono tra i top friends quindi non visualizzo cosa stanno leggendo. Di quei pochi che seguo, per aprire la scheda libro, è perché il libro deve già avere un titolo che mi attira e poi conta molto la valutazione e la recensione dell'amico. Leggo molte più recensioni quando l'amico ne parla nelle discussioni perché magari aggiunge dettagli che mi ispirano a leggere la sua recensione e cercare informazioni sull'autore.
Poi sicuramente ci sono molti altri utenti che visualizzano di tutto nella homepage, ma non sperare che vadano a vedere ogni libro che sta leggendo ogni amico.


message 42: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2911 comments Mod
OT: non avete l'impressione che queste discussioni tra autori e lettori si trasformino, a poco a poco, in una consulenza sulla promozione editoriale, sul comportamento dei lettori, sul ruolo e le potenzialità di GR e dei social network nella promozione, ecc.?
:D
Davide, sarai anche triste, ed è comprensibile, ma hai ricevuto un po' di dritte e quindi direi che ha ragione Bruna, hai fatto centro. Un'altra dritta te la do io, se non mi fraintendi: potresti cambiare la foto profilo e metterne una con l'espressione meno triste. :)


message 43: by [deleted user] (new)

Nazzarena wrote: "OT: non avete l'impressione che queste discussioni tra autori e lettori si trasformino, a poco a poco, in una consulenza sulla promozione editoriale, sul comportamento dei lettori, sul ruolo e le p..."

espressione meno triste? adesso le ho sentite tutte XD
buona serata


message 44: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2988 comments Mod
Io continuo a trovare un po' fastidioso che tu abbia delegato il lavoro di promozione a un sito automatizzato e che anzi a ogni suggerimento per promuoverti attivamente rispondi che "non fa per te". Mi verrebbe da rispondere in maniera molto volgare.

Il meccanismo di Goodreads si basa sui numeri: i libri in evidenza sono i libri più letti. I libri consigliati sono scelti in base ai tag inseriti dagli utenti e a un algoritmo simile a quello di Amazon che mostra cos'altro è stato letto e apprezzato da chi ha letto uno specifico libro X. Quindi no, da solo non è sufficiente se hai solo due rating (di cui una recensione che come già detto ti fa più danno che altro).

Quindi rimane il punto: come si arriva a te specifico, in una giungla di autori esordienti senza strategia di marketing (o quasi disgustati all'idea di averne una, perché la pubblicità è volgare)? Semplice, o ti metti in luce non solo con questo post (che onestamente, continua a sembrarmi in cerca di compassione) o non ci si arriva.


message 45: by [deleted user] (new)

Rowizyx wrote: "Io continuo a trovare un po' fastidioso che tu abbia delegato il lavoro di promozione a un sito automatizzato e che anzi a ogni suggerimento per promuoverti attivamente rispondi che "non fa per te"..."

Il motivo per cui è nato questo post è esprimere uno stato d'animo che da un po' di giorni mi opprimeva e mi toglieva ogni voglia di scrivere... si sa che per una cosa del genere basta parlarne con qualcuno, anche con sconosciuti su un social online, per rendere la sensazione meno opprimente, e così è stato. Ho cercato poi di farlo in modo propositivo, così che gli altri utenti potessero darmi dei consigli potenzialmente utili, e così è stato (non è vero che a ogni suggerimento ho risposto che non fa per me, le cose dette da alcuni utenti mi hanno fatto riflettere molto e sono state utili). Non è il tuo caso: i consigli che mi hai dato tu sono stati perfettamente inutili, in quanto rivolti principalmente a cose che non sono sotto il mio controllo, ma altri utenti, invece, mi hanno detto cose interessanti che proverò ad applicare.

Ultimo punto: niente nel mondo ti da il diritto di dire che io abbia "delegato" la promozione del mio libro a GR, come se non passassi ogni giorno spremendomi le meningi per trovare nuovi modi di far raggiungere il mio libro a chi è potenzialmente interessato. Molte cose ho fatto e farò: GR è una parte di ciò, in quanto sulla carta prometterebbe agli autori di trovare lettori interessati in tutto il mondo, si vedrà.
Soprattutto niente ti da il diritto di "rispondere in maniera molto volgare". Sai, anche solo dicendo così, non fai una grande figura. Perché qui nessuno è stato volgare fino ad ora.


message 46: by Dondiegodelabega (new)

Dondiegodelabega | 216 comments Oh, finalmente un po' di sangue bollente: portatemi due sciabole!


message 47: by [deleted user] (new)

Dondiegodelabega wrote: "Oh, finalmente un po' di sangue bollente: portatemi due sciabole!"

eh lo so che su internet la gente va per litigare. lo scopo di questo post però non è quello, se i toni cominciano a diventare "volgari" ringrazio tutti gli utenti che mi hanno dedicato un paio di minuti per dire qualcosa di intelligente e poi cancello il thread.


message 48: by Dondiegodelabega (new)

Dondiegodelabega | 216 comments Le recensioni non sono mutate, nel giveaway la domanda ha superato l'offerta: se vuoi un consiglio, chiudilo, ché più di così non ottieni, in questa sede.
Comunque la foto non ti rende giustizia e "dà" vuole l'accento.
In bocca al lupo ;)


message 49: by [deleted user] (last edited Oct 21, 2016 12:28PM) (new)

Dondiegodelabega wrote: "Le recensioni non sono mutate, nel giveaway la domanda ha superato l'offerta: se vuoi un consiglio, chiudilo, ché più di così non ottieni, in questa sede.
Comunque la foto non ti rende giustizia e..."


grazie... ma che grammar nazi ;D
questo thread non era per pubblicizzare il giveaway, era per esternare un po' quello che provavo quando l'ho scritto. quindi cancellarlo addirittura mi sembra eccessivo, se non ci sono altre ragioni. immagino che quando la gente smetterà di avere cose da dire, il thread morirà di morte naturale, non c'è bisogno di sopprimerlo :D

edit: ma cosa c ha sta foto di strano? davvero sembro triste?? XD non è vero

edit edit: con il primo edit ti ho dato un altra cosa da correggermi


Read me two times | 614 comments con il secondo poi non ne parliamo.


« previous 1 3
back to top
This topic has been frozen by the moderator. No new comments can be posted.