Studi Tolkieniani discussion

7 views
opere su Tolkien > Testi su Tolkien - 2

Comments Showing 1-2 of 2 (2 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Norbert (last edited Oct 10, 2016 10:55PM) (new)

Norbert (norbertbook) | 819 comments Mod
(autore: C. A. Testi)
Proseguo a postare visto l’interesse. Non mi piace mettere voti, ma penso sia necessario per dare un’idea più precisa. Ecco la scaletta che userò:
5 = testo fondamentale per capire tutta l’opera di Tolkien
4 = testo fondamentale per capire un determinato tema nell’opera di Tolkien
3 = testo dalle tesi di fondo chiare, con discreto apparato testuale (testi di Tolkien) e critico (bibliografia secondaria)
2 = testo dalle tesi poco convincenti, ma con discreto apparato testuale e critico
1 = testo dalle tesi poco convincenti, ma con insufficiente apparato testuale e critico

Chance, J., TOLKIEN’S ART: A MYTHOLOGY FOR ENGLAND, Kentucky U.P., 2001. Edizione rivista del testo del 1971. La tesi di fondo è, come dice il titolo, che Tolkien scrive una mitologia per l’inghilterra. Numerosi studi critici anteriori e posteriori hanno ormai dimostrato l’imprecisione di una simile lettura. Chance è studiosi seria me che riesce meglio cme curatrice di collettanee. Voto = 2.

Chance, J. (Ed), TOLKIEN THE MEDIEVALIST, Routledge, 2005. Volume colletteneo molto importante sul tema. Spiccano i saggi della Flieger cirla la contriverisa sul folklore e quello di Eden sulla musica delle sfere e l’Ainulindale. Voto =3.

Clark, G. – Timmons D. (eds.) J.R.R. TOLKIEN AND HIS LITERARY RESONANCES, Grennwood Press, London, 2000. Raccolta importantissima sull’aspetto letterario dell’opera tolkieniana. A oggi il tema risulta ancora insufficientemente esplorato, e questo volume è ancora un riferimento imprescondibile. Non vi è un solo saggio che no sia meritevole. Voto = 5.

Croft, J.B. – Donovan L. (eds.), PERILOUS AND FAIR: WOMAN IN THE WORKS AND LIFE OF J.R.R.TOLKIEN, Mythopoietic Press, Altadena, 2015. Primo testo esplicitamente dedicato al tema delle donne in Tolkien e per questa è a oggi un riferimento importante. I saggi meglio riusciti sono quelli di Lakowtin (su Galdriel), di Afgan (su Luthien) di Smith (sulla “war bride”). Voto = 3.

Curry, P., DEFENDING MIDDLE EARTH, HarperCollins, London 1998. Celebre testo di Curry che ha storicamente aperto il dibattito sulla tematica ecologica in Tolkien e per questo è importante a livello storico-critico. Purtroppo vi sono alcune tesi centrali errate (Curry fonda molte sue considerazioni sul tema dell’incantesimo, ma lo confonde spesso con la magia). Voto = 2.

De Turris, , G, (ed.) « ALBERO » DI TOLKIEN, Bompiani, Milano, 2007. Raccolta di saggi importante per capire il livello inadeguato degli studi tolkieniani italiani. A parte alcuni autori, le tesi qui sostenute sono largamente prive di fondamenti testuali e di bibliografia critica (nel 2007 non è possibile scrivere ignorando la gran aprte degli studi esteri). Voto = 1.

Dickerson M., - Evans J., ENTS, ELVES AND ERIADOR. THE ENVIRONMENTAL VISION OF J.R.R.TOLKIEN, Kentucky U.P., 2006. Testo dedicato al tema ecologico in Tolkien, che si basa sul concetto di “stewardship” e che critica la visione pagana di Curry proponendo un certo ecologismo cristiano. Le tesi sono sostenute con dovizia di riferimenti testuali e critici. Volto = 4.

Eaglesone, R, (ed.), READING “THE LORD OF THE RINGS”, Continuum, London-New York, 2005. Collettanea scritta per auspicare letture del Lord quanto più basate sui testi e sempre meno su archetipi o allegorie. Diviso in quattro parti (Contesto, Spazio e tempo, Gender e sessualità, il futuro di Tolkien), raccoglie saggi interessanti tra cui spicca quello di Drout “Toward a better Tolkien’s Criticism”. Voto = 3.


message 2: by Norbert (new)

Norbert (norbertbook) | 819 comments Mod
Beh, questo gruppo si chiama "Studi Tolkieniani" - la lista mi sembra adatta.
E anche un utente alle prime armi dovrebbe sospettare di saggi senza/con scarsa bibliografia e pochi riferimenti ai testi di Tolkien

Aggiungo solo che l'elenco completo, una volta pronto, sarà anche pubblicato sul sito AIST


back to top