Goodreads Italia discussion

103 views
Off-Topic > Analfabetismo matematico scientifico di ritorno?

Comments Showing 1-50 of 59 (59 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
http://www.gravita-zero.org/2016/02/q...

Io spero ancora che qualcuno mi dica che è una bufala...


message 2: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2954 comments Mod
Se poi qualcuno riesce a far venire 14 (risposta che ho visto su facebook) mi spiega COME ci è riuscito, perché proprio non me lo spiego :D

PS: so che non è la risposta giusta, eh


message 3: by Fran (new)

Fran (franjsav) | 398 comments E' veramente inquietante...


message 4: by Moloch (new)

Moloch | 6385 comments Mod
Lo dico subito, fa 9, così scaccio da me il sospetto di analfabetismo matematico :-P
Detto questo, a me ogni tanto viene da pensare che l'analfabetismo (vecchi, giovani, non fa differenza) sia un po' di tutto: matematica, lingua italiana, storia, educazione civica...


message 5: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments No non è una bufala. La domanda è stata posta su un sito di barzellette e quelle su facebook sono risposte selezionate in mezzo alle (spero più numerose) risposte esatte.
È comunque una vergogna perchè tra quelli che hanno risposto male c'è gente laureata in medicina, studenti ecc.

Io negli anni mi sono accorta della crescente ignoranza, come di quelli che su internet scrivono un pessimo italiano e si giustificano dicendo "io l'italiano lo so, ma mica siamo a scuola". Istruzione usa e getta? Bah. Piango all'idea.
Può anche essere che la situazione sia sempre stata questa, ma io, vivendo in una risicata selezione di mondo popolato da persone acculturate, l'ho notata solo grazie a internet. Un po' quando dicono che è aumentata l'insorgenza di una malattia, che magari c'è sempre stata ma non si sapeva come diagnosticarla.


message 6: by Fil (new)

Fil (filodivento_solouno) Rowizyx wrote: "Se poi qualcuno riesce a far venire 14 (risposta che ho visto su facebook) mi spiega COME ci è riuscito, perché proprio non me lo spiego :D

PS: so che non è la risposta giusta, eh"


La risposta 14 e' giusta. Io non vedo grandi problemi: non tutti hanno le stesse basi matematiche. Molti prendono 5 a scuola e poi cambiano.


message 7: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Rowizyx wrote: "Se poi qualcuno riesce a far venire 14 (risposta che ho visto su facebook) mi spiega COME ci è riuscito, perché proprio non me lo spiego :D

PS: so che non è la risposta giusta, eh"


Semplice: basta interpretare il secondo "x0" come un "+0". Forse in questo caso si tratta di presbiobia più che di ignoranza.


message 8: by Laura (new)

Laura (ldibi) | 47 comments Pierre wrote: "http://www.gravita-zero.org/2016/02/q...

Io spero ancora che qualcuno mi dica che è una bufala..."


Non è una bufala. È la triste verità. Ho due figli, 14 e 18 anni, che per fortuna hanno avuto un'ottima maestra alle elementari che ha insegnato bene prima la matematica necessaria e sufficiente per poter lavorare bene alle medie, poi ha fatto anche qualcosa di più 'creativo' ma solo dopo che questo necessario e sufficiente è stato ben consolidato, e per tutti. Altri amici hanno avuto maestre più 'moderne', le loro lezioni a sentir loro erano divertenti e i compiti pochi, alla fine apparentemente hanno fatto parecchio di più, ma hanno tralasciato il costante esercizio di operazioni e ripasso delle tabelline. Alla lunga i miei due figli hanno sviluppato una buona attitudine logico matematica, gli amici si stanno ancora barcamenando con ripetizioni private e fanno ancora errori di calcolo, proprio tipo 8x0=1 o 8+8x0=16x0=0. Alle superiori.


message 9: by Tintinnabula (new)

Tintinnabula | 1051 comments Secondo me un grande problema italiano è che tendiamo a considerare la matematica (che poi questa è aritmetica di base, mica calcolo differenziale) e in genere tutte le scienze come qualcosa che o ti viene naturale o niente. Siamo poeti, santi e navigatori, mica scienziati.
Il fatto è che ci sono tanti ragazzi e tante ragazze che hanno un vivo interesse per le scienze, ma non trovano quasi mai qualcuno che li incoraggi. E quelli che trovano difficili quelle materie, beh, sono letterati, a cosa gli serve la matematica? (Discorsi sentiti con le mie orecchie)


message 10: by Laura (new)

Laura (ldibi) | 47 comments Tintinnabula wrote: "... a cosa gli serve la matematica ..." Appunto, siamo poeti santi e navigatori e non sappiamo valutare quanto uno 0,1% in più di interesse su un mutuo a vent'anni ci costa davvero. E sì, di interesse per la scienza c'è n'è tanto inizialmente nei bambini, poi vanno a scuola e scompare.....


message 11: by Bruna (last edited Mar 07, 2016 10:00AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Per qualche ragione, la matematica desta terrore in molte persone. In questo paese la si prende troppo sul serio, non troppo poco, come se fosse chissà quale sapere esoterico alla quale solo persone dotate di particolare talento possono avvicinarsi. Naturalmente per affrontare la matematica avanzata ci vuole talento, così come ce ne vuole per tutte le cose, ma quella che si insegna nella scuola dell'obbligo e alle medie superiori è certamente alla portata di chiunque abbia un Q.I. nella norma. Se uno non capisce le equazioni di secondo grado, non è certamente perché è stupido o perché "non è portato per la matematica". E neanche perché è lazzarone, in fondo, perché tra tutte le materie la matematica è quella che richiede meno ore di studio.
In un quartiere della mia città, un insegnante di matematica appassionato della sua materia si era offerto di tenere corsi di matematica per adulti, che si sarebbero dovuti affiancare ai soliti corsi di inglese, ballo e cose varie che si tengono di solito e che non mancano mai di suscitare l'interesse di pensionati e non. Matematica per divertirsi, insomma. Indovinate un po'? Il progetto si è arenato per mancanza di iscritti.

Ecco, Tintinnabula ha detto più o meno quello che volevo dire io.


message 12: by Emma (new)

Emma | 44 comments Non capisco come l'articolo possa parlare di analfabetismo matematico riferendosi esclusivamente agli studenti, quando io, in quanto studentessa, sono abituata a fare calcoli del genere a scuola (e anche molto più complessi, fortunatamente). Se mai l'ignoranza matematica dovrebbe venire dopo la fine degli studi, quando la matematica è già ampiamente dimenticata. Ecco, sarei molto sorpresa se venissi a sapere che gli studenti sono analfabeti più delle fasce d'età più anziane, dato che sono più allenati a scrivere/fare calcoli/leggere, poi ovviamente dipende dalla scuola.


message 13: by Bruna (last edited Mar 07, 2016 10:14AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Scusate, a proposito di ignoranza: NOTO SOLO ORA CHE ALL'INIZIO DELL'ARTICOLO LINKATO INNOCUA E' SCRITTO CON LA Q.

Qualcuno gli dica da parte mia di andare un po' a quel paese e di ripresentarsi quando avranno preso ripetizioni di italiano invece di questionare sugli errori di calcolo altrui.


message 14: by Diabolika (new)

Diabolika | 1759 comments Bruna wrote: "Scusate, a proposito di ignoranza: NOTO SOLO ORA CHE ALL'INIZIO DELL'ARTICOLO LINKATO INNOCUA E' SCRITTO CON LA Q.

Qualcuno gli dica da parte mia di andare un po' a quel paese."


Hai ragione!!! Adesso provo a mettere un commento all'articolo ;-)


message 15: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2954 comments Mod
Veramente la risposta è 9, ma ok. Allora dite che è semplicemente un quarto di giro a una x, neh? XD


message 16: by Esteb (new)

Esteb | 831 comments e 22 da dove arriva invece?


message 17: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Esteb wrote: "e 22 da dove arriva invece?"

Sostituisci entrambe le x con dei + ovvero, in altre parole, dai un quarto di giro a ciascuna x.


message 18: by Rowizyx (new)

Rowizyx | 2954 comments Mod
8x0=8, probabilmente calcolano così


message 19: by Laura (new)

Laura (ldibi) | 47 comments Emma wrote: "Non capisco come l'articolo possa parlare di analfabetismo matematico riferendosi esclusivamente agli studenti, quando io, in quanto studentessa, sono abituata a fare calcoli del genere a scuola (e..."
Gli studi ocse-pisa cui si riferisce l'articolo prendono in considerazione solo gli studenti, non so se ci siano studi simili per gli adulti che hanno da tempo lasciato la scuola.
L'esempio portato dall'articolo è sicuramente un estremo, ma la situazione non è comunque rosea. Se a qualcuno interessa il documento originale dovrebbe essere questo http://www.oecd-ilibrary.org/docserve...


message 20: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments il 22 viene se ignori la precedenza delle moltiplicazioni e se assumi che un numero moltiplicato per zero rimanga invariato.


message 21: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Rowizyx wrote: "8x0=8, probabilmente calcolano così"

Cioè come se fosse 8+0=8


message 22: by Blackjessamine (new)

Blackjessamine Caspita, io ho sempre fatto tanta, ma proprio tanta fatica in matematica (un po' non ho avuto ottime basi alle elementari, un po' non mi è mai piaciuta e quindi forse non mi ci sono mai applicata nel modo giusto - perché giuro che ci ho provato, almeno - un po' forse sono proprio tontolina io), però non si può non saper fare un conto simile. Non può un adulto che abbia ricevuto un'istruzione di base, figuriamoci degli studenti!
Faccio davvero fatica a capacitarmene, ma del resto ho visto compagni di corso laurearsi con un relatore costretto a correggere ripetutamente i congiuntivi, per cui direi che decisamente c'è qualcosa che non va.


message 23: by Fil (last edited Mar 07, 2016 03:47PM) (new)

Fil (filodivento_solouno) Voglio spiegarvi alcune basi matematiche.

Qualcuno vorrebbe dirmi come mai la risposta 14 potrebbe quasi essere giusta?

Vi aiuto. Contate sulla mano destra ed ogni volta che la "riempite", la "svuotate" ed alzate un dito sulla mano sinistra; poi riprendete a contare sulla destra. Guardandovi le mani, otterrete ...

Vi ho scritto tanti aiutini: mi aspetto la risposta esatta!!!

-------------------------------------

Edit: and the winner is... Manuel :-)

La sua risposta e' perfetta: l'ha persino oscurata con lo spoiler :-)

Riflettete qualche secondo prima d'aprirla: magari apprezzerete un lato della matematica meno numerico e più intuitivo. Certamente potete arrivarci da soli: nel post 6 ho inserito anche 5 stupidi aiutini. La matematica secondo me dovrebbe essere affrontata come un gioco e farebbe molta meno paura.

Ulteriore off topic: Tanti auguri alle lettrici!!!


message 24: by Manuel (new)

Manuel (arado1184) | 176 comments Che burlone
(view spoiler)


message 25: by Pierre (last edited Mar 08, 2016 06:34AM) (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Concordo con Manuel. (view spoiler)


message 26: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments altrimenti, più terra-terra, il 14 viene se, dopo aver fatto bene i 2 calcoli con gli 8 ottenendo un 8, sbagli e fai 5x0=5 e poi aggiungi 1.


message 27: by Fil (last edited Mar 08, 2016 07:03AM) (new)

Fil (filodivento_solouno) Mi sembra giusto fare una precisazione. L'UNICA RISPOSTA GIUSTA È 9 E MI SEMBRAVA TOTALMENTE INUTILE DIRLO.

Mi sono divertito con uno stupido giochino (vedasi post 6 con alcuni doppisensi) ed ho cercato d'invogliare quelli meno matematici ad appassionarsi ad una materia stupenda.

Manuel l'ha intuito subito, purtroppo pierre mi ha rovinato questa piccola sfida.
Mi piacerebbe poter scrivere "saltate quel post e sforzatevi" ma sarebbe complicato concentrarsi senza guardare.

Comunque su internet sono tantissimi i giochini matematici, se volete provarci... Magari vi divertite maggiormente senza lo stress delle verifiche. Ciao!

-------
Edit

Quando vorrò spiegare qualche concetto matematico rispettero' le regole ed inventero' esempi appositi
(view spoiler)
Quando voglio far appassionare qualcuno cerco di catturarlo sfruttando le rare occasioni ed usando stupidi giochi di parole. Mi sembra impossibile far appassionare qualcuno alla matematica facendo troppo i formali. Mentre l'ho scritto ieri sera, stavo proprio pensando se aggiungere "bisogna prima risolvere l'espressione e poi reinterpretare la soluzione", ma avrebbe perso molto "appeal" e la matematica ne ha putroppo poco. L'obiettivo era solo avvicinare qualcuno alla matematica. Gli esempi del post 28 sono perfetti matematicamente, ma sono esempi molto scolastici. Quelli che la odiavano, dubito cambieranno opinione. Con quello stupidissimo giochino mezzo matematico mezzo enigmistico del post 6 magari...

Mi sto certamente illudendo ma pazienza: riproverò appena avrò una nuova occasione, anche se dovessi nuovamente dribblare le regole :-) :-) :-)


message 28: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Caro Fil,
il gioco che proponi non è affatto stupido, ma deve essere giocato rispettando le regole. (view spoiler)

Per non rovinarti la sfida (e gli occhi), metto lo spoiler.


message 29: by Sergio (new)

Sergio Frosini (topometallo) | 66 comments Ho visto cose che voi umani...
Per chi come me si pasce di matematica -vedo che non mancano- capirà se dico fra le lacrime che ho visto ingegneri al lavoro confondere i suffissi "milli" e "micro" e andare a controllare su google qual era quello che vuol dire un millesimo perché non si fidavano... oppure (questa è molto più per MateNerd) informatici anche vagamente altezzosi usare seni e coseni senza preoccuparsi dei valori in gradi, radianti o chissà che, e rimanendo stupiti dei risultati inattesi...

Tutti figli evoluti di quell'analfabetismo aritmetico dal quale siam partiti e che impedisce di interpretare correttamente un'espressione banale come quella del quesito -il cui valore è (ovviamente) 42 :D


message 30: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments 42:D, Sergio? Secondo me invece è H+A.


message 31: by ⚔️Kelanth⚔️, Quod scripsi, scripsi. (last edited Mar 08, 2016 12:18PM) (new)

⚔️Kelanth⚔️ (kelanth) | 1004 comments Mod
Secondo me avete tutti bisogno di passare più tempo all'aria aperta. :D


message 32: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Kelanth wrote: "Secondo me avete tutti bisogno di passare più all'aria aperta. :D"

Finché piove... ;)


message 33: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Kelanth wrote: "Secondo me avete tutti bisogno di passare più all'aria aperta. :D"

E che ti dice che siamo al chiuso?


message 34: by Teresa (new)

Teresa | 423 comments Dato che piove… sono d'accordo con Manuel e Pierre. (view spoiler) Il che mi fa pensare che la matematica non solo è divertente e ci aiuta a sviluppare doti logiche e coerenza, ma ci impone anche di rispettare delle convenzioni. (view spoiler) Comunque ringrazio Fil per la "sfida", che mi ha stimolata a rispolverare in qualche cassetto mentale (c'era un sacco di polvere!).
Tralasciando solo per un secondo i discorsi da "nerd", vorrei lanciare un messaggio di speranza a Pierre in riferimento al suo primo post.

Secondo me, Pierre, è una bufala. Tutta una montatura, un complotto per distrarci da qualche tema più importante. Non è vero che esistono persone che sanno usare Facebook e possono scrivere "l’unico risultato possibile è 9 perché lo dice la calcolatrice scientifica", o addirittura "il risultato è 1 e ho più cervello della calcolatrice che mi dà 9"… stavano scherzando, dai, come Sergio :D


message 35: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Lo spero tanto, Teresa, lo spero tanto...


message 36: by Fil (new)

Fil (filodivento_solouno) Manuel ha certamente ragione, infatti mi ha definito "burlone" :-) :-)
Temo sia l'unico che ha preso quello stupidissimo giochino come doveva essere preso: una cavolata.

Ripeto quel giochino.

La risposta 14 e' giusta. Io non vedo grandi problemi: non tutti hanno le stesse basi matematiche. Molti prendono 5 a scuola e poi cambiano.

Ho inserito apposta "poi" nella speranza d'evitarmi critiche :-) Quel povero piccolo "poi' ha miseramente fallito. Uhm... ha decisamente ragione Kelanth :-)

Comunque la colpevole e' Rowizyx :-) :-) :-)
Questo giochino senza matematica dovrebbe evitarmi problemi. Meglio ignorare Rowizyx e seguire i consigli del buon Kelanth :-) :-) :-)

Tornando seri, anche secondo me era tutto uno scherzo ed ho voluto divertirmi un po' :-)


message 37: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Comunque nemmeno le materie umanistiche se la passano bene. Ieri sera stavo seguendo la striscia dedicata alle selezioni del "nuovo" programma di Faziofabio, Rischiatutto. L'esaminatore propone a un concorrente una domanda di cultura generale:

E - "A quale invenzione moderna corrisponde la vite aerea di Leonardo da Vinci?"
C - "Ehm, uhm, mumble..."
[Faziofabio mulinella l'indice intorno a un asse orizzontale]
C - "Ah, sì, l'elicottero!"
E - "E in quale codice di Leonardo viene riportata questa invenzione?"
C [serio] - "Nel Codice da Vinci?"


message 38: by Moloch (new)

Moloch | 6385 comments Mod
Pierre wrote: "Comunque nemmeno le materie umanistiche se la passano bene. Ieri sera stavo seguendo la striscia dedicata alle selezioni del "nuovo" programma di Faziofabio, Rischiatutto. L'esaminatore propone a u..."

Secondo me a forza di dirsi che i "secchioni" sono degli sgobboni imbranati che non hanno di meglio da fare, che "la scuola non ti insegna la vita", che "ah io andavo male a scuola ma poi ho avuto successo lo stesso", che Einstein era una frana in matematica, ecc, ecco i risultati. Lo dico da secchiona che (ovviamente) si vergognava di riuscire bene


message 39: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments Rischiatutto lo guardo tutte le sere che sto a casa. La mia domanda preferita è "quante zampe ha un ragno?" e sono allibita dalla bassa percentuale di risposte esatte. Un altro effetto nocivo degli insetticidi.


message 40: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Kikyosan wrote: "Rischiatutto lo guardo tutte le sere che sto a casa. La mia domanda preferita è "quante zampe ha un ragno?" e sono allibita dalla bassa percentuale di risposte esatte. Un altro effetto nocivo degli..."

Forse più che di ignoranza si tratta di fobia. Io non ho niente contro i ragni, ma ho notato che l'aracnofobia è molto diffusa. Probabilmente ci sono persone che ai ragni - e quindi al numero delle loro zampe - preferiscono non pensarci proprio. Se hai preso spesso i ragni per le zampette quand'eri bambino, te lo ricordi quante sono, queste zampette.


message 41: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments In realtà gli aracnofobici che conosco sanno meglio di me come sono fatti i ragni, e una volta chiesi anche come mai: uno ipotizzò che avendo paura, tutto quello che leggeva per caso o per studio (le 8 zampette si imparano a scuola) restava indelebile nella memoria per meglio evitare il "nemico" (biologicamente è molto sensato). Poi non so se conosco aracnofobici particolarmente secchioni :D Comunque spero sia fobia come dici tu e non ignoranza. Non so nemmeno se sia un buon indice di "ignoranza", ma su di me fa impressione, è come non sapere che i gatti hanno i baffi o che il formaggio si fa con il latte.


message 42: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Forse anche non si gioca più così tanto nei cortili e nei giardini come quando ero bambina io... quando ripenso alla mia infanzia, la vedo piena di ragni: quelli con le zampette sottili e lunghe e il corpo piccolino, che stavano negli angoli tra i muri del cortile e potevi afferrare delicatamente per una zampetta e spostare da qui a lì, quelli grossi e panciuti con le zampe pelose che allignavano nell'orto tra i pomodori (non mi piacevano affatto, quelli lì) e quelli piccolini che scappavano via tra la ghiaia da sotto i sassi. Noterai l'assoluta ignoranza nella classificazione zoologica da parte mia.


message 43: by Sandra (last edited Mar 11, 2016 01:16AM) (new)

Sandra T | 663 comments Bruna wrote: "Forse anche non si gioca più così tanto nei cortili e nei giardini come quando ero bambina io..."

Bruna e Kikyosan, io penso che questo abbia un grande impatto sulla cultura generale delle persone in fatto di bestiacce. Sono tra quelli cresciuti giocando in casa e appendici: appartamenti, giardini che definirei "per niente spontanei", vialetti messi ad hoc per far fare qualche giro di pedale ai bambini del quartiere. Le bestiacce non hanno mai fatto parte della mia vita ordinaria e ricordo il panico per sciocchezze quando andavo a trovare mio padre nei posti esotici dove ha lavorato(*), facendo ridere i locali e gli occidentali insediati.
A scuola ho studiato la classificazione di piante e animali ma mi è scivolato tutto (mi ricordo le otto zampette, però). Sarà anche una mia predisposizione, non ho mai dato il massimo in biologia. Molto meglio in chimica: per fortuna che andava tutto sotto il nome di "scienze" e riuscivo a tenere una media altina :) Ho degli amici che sono e sono stati molto più secchioni di me e che ricordano pallidamente molte nozioni di questo campo o non le ricordano proprio. Altri amici che non si sono mai applicati allo studio con particolare ardore, ma sono cresciuti in un ambiente dove le bestioline sono qualcosa di scontato e trovo sempre incredibile la quantità di cose che sanno.

(*) Una volta che ho visto dal balcone un emorme cosa pelosa e ho pensato "Come al solito, ignorala e basta, qui è normale" sono accorsi i vigili del fuoco(**) (ci avevano detto di chiuderci nei nostri appartamenti, nel frattempo).

EDIT: (**) O l'equivalente locale. Nella mia suggestionata memoria si confondono con dei militari nello stile dei film postapocalittici.


message 44: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2329 comments Mod
Concordo con Moloch, l'ostracismo verso la cultura è uno dei lasciti più pesanti dell'Italia degli ultimi 25 anni...


message 45: by Esteb (last edited Mar 11, 2016 02:04AM) (new)

Esteb | 831 comments Kikyosan wrote: "In realtà gli aracnofobici che conosco sanno meglio di me come sono fatti i ragni, e una volta chiesi anche come mai: uno ipotizzò che avendo paura, tutto quello che leggeva per caso o per studio (..."

Io sono aracnofobica e so perfettamente come è fatto un ragno!! non lo scambierei mai con un insetto simile ma con sole sei zampe!! e credo anche di stare nella categoria dei secchioni, ahimè!


message 46: by Esteb (new)

Esteb | 831 comments Bruna wrote: "Forse anche non si gioca più così tanto nei cortili e nei giardini come quando ero bambina io... quando ripenso alla mia infanzia, la vedo piena di ragni: quelli con le zampette sottili e lunghe e ..."

Fonte della mia fobia sono proprio quelli dei pomodori, il mio terrrore è nato quando ne ho quasi mangiato uno per sbaglio!!


message 47: by Kikyosan (new)

Kikyosan | 392 comments Personalmente sono sempre andata fiera del mio essere "secchiona". Non sono una che va in giro a sbandierare i risultati o la conoscenza, ma nel mio intimo non mi sono mai vergognata di essere così, anzi. Se mi dicono "secchiona" a me sta bene, rido.

Però il discorso di Moloch è vero. Ultimamente però mi son sentita dire che non serve a niente lavorare tanto e bene, perchè niente e nessuno ti ricompensa, nè tantomeno ti pagano di più, anzi diventi malvista perchè fai troppo e gli altri si indispettiscono. Evviva la mediocrità, insomma.


message 48: by Nazzarena (new)

Nazzarena | 2886 comments Mod
Anche a me qualcuno, sulle prime, dava della secchiona... poi chi mi ha conosciuta bene ha capito che non sgobbavo punto sui libri, ma ero semplicemente una mente attenta (quando ero gggiovane) che si ricorda ancora, dagli anni '80
- che gli insetti hanno sei zampe e i ragni otto
- che le moltiplicazioni e le divisioni si fanno prima delle addizioni e delle sottrazioni
- che nella retina ci sono coni e bastoncelli
- che il bolo alimentare si trasforma in chimo e chilo a seconda dello stadio del processo digestivo
e altre cosettine come queste, ma che poi ha dimenticato
- come si calcola il valore attuale di una rendita a capitalizzazione composta ("t-con-zero" aveva un significato in quinta, lo giuro)
- la formula dell'iperbole
- tutte le disequazioni
- cos'è un parsec
- l'elenco dei paesi OPEC
e altre amenità :D

Comunque, ci sono nozioni basilari dalle quali non si può prescindere, che non per niente vanno insegnate durante l'obbligo scolastico, e che in un paese "civile" dovrebbero essere scontate, ma, ahinoi, forse non è così... e più frequento facebook e più ho paura del futuro.


message 49: by ⚔️Kelanth⚔️, Quod scripsi, scripsi. (last edited Mar 11, 2016 05:40AM) (new)

⚔️Kelanth⚔️ (kelanth) | 1004 comments Mod
Come se l'intelligenza o la cultura personale si misurasse con queste amenità.

Ad un allevatore non gliene importa nulla cos'è un parsec, ma sa far nascere un vitello e sa mungere una mucca. Forse lui è meno intelligente di chi sa l'elenco dei paesi OPEC?

Ora qua dentro quante persone saprebbero far nascere un vitello?

Bisogna stare attenti a fare distinzioni simili, perchè si rischia di finire di giudicare il prossimo in base a parametri completamente sbagliati.
Devo forse citare l'esempio di come sarebbe intelligente la scimmia che sa salire su un albero rispetto ad un pesce?

Scusate eh, ma questi discorsi mi fanno sempre salire la carogna. ;)


message 50: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3274 comments Kelanth, ho conosciuto allevatori che sapevano far nascere un vitello E calcolare il valore attuale di una rendita a capitalizzazione composta. Una cosa non esclude l'altra, fortunatamente.
L'opposizione tra "sapere pratico" e "istruzione", tipica italiana - e nemmeno, storicamente, tipica di tutta l'Italia - è del tutto sconosciuta in altri paesi, più o meno avanzati.
Le competenze tipicamente scolastiche, comunque, sono ormai alla portata di tutti da qualche decennio - e se qualcuno di relativamente giovane al giorno d'oggi non sa cos'è la presa della Bastiglia o non sa risolvere un'equazione di secondo grado o non ha idea di chi sia l'autore dell'Infinito, nella stragrande maggioranza dei casi non è perché da ragazzino fosse troppo impegnato a far nascere vitelli. Più probabile, invece, che fossero il pub, il campo di calcetto, la discoteca o il centro commerciale a tenerlo lontano dai libri.


« previous 1
back to top