Goodreads Italia discussion

47 views
Cinema, Musica & Co. > La Torre Nera: confermata la produzione della saga di Stephen King

Comments Showing 1-4 of 4 (4 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by ⚔️Kelanth⚔️, Quod scripsi, scripsi. (new)

⚔️Kelanth⚔️ (kelanth) | 1004 comments Mod
Finalmente l'odissea del Pistolero sta per cominciare: i protagonisti hanno un volto, la storia ha un inizio ben preciso e una destinazione inevitabile, la Torre Nera

Le sottilità, quei labili confini tra mondi paralleli ma soprattutto tra tutte le storie di Stephen King (compresa la serie Haven), le responsabili del lungo viaggio di Roland Deschanel verso la famigerata Torre Nera.
Un viaggio che il regista/produttore Ron Howard inseguiva da anni, ma che trovava costantemente ostacoli sulla sua strada. Fino a ieri, quando lo stesso King sulla sua pagina ufficiale di Facebook e a seguire Entertainment Weekly hanno confermato la luce verde all'inizio della tanto desiderata produzione, con due protagonisti d'eccezione.


Trovate il resto qui.


message 2: by ⚔️Kelanth⚔️, Quod scripsi, scripsi. (new)

⚔️Kelanth⚔️ (kelanth) | 1004 comments Mod
Qui ci sono altre informazioni in merito:

1 – Le riprese cominceranno presto
Le riprese de La Torre Nera cominceranno fra sette settimane in Sud Africa, e l’uscita del film è prevista per il 13 gennaio 2017.

2 – Il film si aprirà con la prima frase del primo libro
Il primo libro della saga letteraria, L’ultimo cavaliere, si apre con questa frase: “L’uomo in nero fuggì nel deserto, e il pistolero lo seguì”. Stephen King ha insistito perché il film inizi con questa citazione, che potrebbe diventare il corrispettivo di “Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” per l’eventuale serie cinematografica de La Torre Nera (ammesso che vengano realizzati dei sequel).

3 – Il film non è basato sul primo libro
Nikolaj Arcel non adatterà il primo libro della saga, come ha dichiarato King a Entertainment Weekly:

[Il film] comincia in medias res, nel mezzo della storia invece che all’inizio, e questa cosa potrebbe contrariare un po’ i fan, ma la supereranno, perché la storia è questa.
Arcel si è rifiutato di svelare quale sarà il libro di riferimento, ma ha detto che gran parte del film si svolgerà ai giorni nostri, nel mondo moderno. EW ipotizza che il volume in questione sia Terre desolate, dove la mitologia della saga comincia a prendere corpo.

4 – Abbey Lee è davvero in trattative
Come vi abbiamo rivelato un paio di settimane fa, Abbey Lee (Mad Max: Fury Road) è in trattative per interpretare Tirana, che dovrebbe essere un ruolo femminile importante nel film. Per quanto riguarda gli altri personaggi principali, aspettiamoci degli annunci di casting per le prossime settimane.

5 – Intesa totale con Idris Elba
Nikolaj Arcel ha pensato subito che Idris Elba fosse perfetto per Roland Deschain: quando ha discusso con lui del personaggio, hanno scoperto di vederlo esattamente allo stesso modo. Anche Stephen King è entusiasta della scelta, nonostante in origine avesse modellato la sua idea visiva di Roland sulle fattezze iconiche di Clint Eastwood. Ma il pistolero si è evoluto da allora, e per lo scrittore il colore della pelle non conta:

Per me il personaggio è sempre quello. È quasi un personaggio di Sergio Leone, come “l’uomo senza nome”. Può essere bianco o nero, per me non fa differenza. Credo che questo apra ogni genere di possibilità entusiasmanti per il suo passato.
la-torre-nera

6 – La tensione razziale ci sarà ugualmente
Nei libri, il rapporto tra Roland e Susannah è caratterizzato da una certa tensione razziale, poiché la donna non è entusiasta di ritrovarsi in un’altra dimensione per “colpa” di un bianco brizzolato. Eppure, Arcel sostiene che il problema verrà affrontato ugualmente:

Alcuni fan stanno chiedendo, comprensibilmente, “Che ne sarà della tensione razziale?”. Ma con il progredire della storia tale aspetto sarà chiarito, come affronteremo tutte queste cose.

7 – La presenza dell’Uomo in Nero sarà tangibile
Nella saga letteraria – e soprattutto ne L’ultimo cavaliere – l’Uomo in Nero è spesso una minaccia invisibile, per quanto pericolosa; nel film, invece, lo vedremo eccome, e sarà quindi un antagonista ben percepibile, non soltanto «un miraggio che Roland sta inseguendo». Arcel è molto affascinato dal personaggio:

Ha un modo molto interessante di guardare il mondo. Lo guarda con una sorta di meraviglia, anche se ovviamente si trova sulla parte sbagliata dello spettro luce-oscurità. È un personaggio con cui mi sono divertito molto.

8 – McConaughey e Padick possono fare qualunque cosa
Walter Padick alias l’Uomo in Nero è in grado di assumere varie identità (è infatti apparso anche in altri romanzi di Stephen King, L’ombra dello scorpione e Gli occhi del drago), e questa caratteristica ha spinto il regista verso il casting di Matthew McConaughey:

Matthew è un attore incredibile che può fare qualcunque cosa. È questo ciò che penso di Walter Padick. Può fare qualunque cosa.

9 – La serie tv è ancora una possibilità
L’ambizioso progetto iniziale non è stato completamente abbandonato: se La Torre Nera avesse successo, Sony Pictures potrebbe decidere di produrre anche una serie tv che racconti il passato di Roland, fungendo quindi da prequel. Anche per questa ragione, il film non racconterà le origini del pistolero, almeno non nel dettaglio.

10 – Niente Stephen King
A un certo punto della saga letteraria compare anche lo stesso autore, Stephen King, come peronaggio. Nel caso i film riuscissero ad arrivare così lontano, Arcel sarebbe ben contento di avere King nel ruolo di se stesso, ma lo scrittore ha già rifiutato: «Sono troppo vecchio!» ha dichiarato.


Read me two times | 606 comments ma che tristezza.

(sfogo di una constant reader)


message 4: by Piovuta (new)

Piovuta | 46 comments Ma io su Sky ho visto di sfuggita la pubblicità della serie tratta dal libro 22.11.63.........che comincerà intorno al 10/11 aprile se non ho visto male


back to top