Goodreads Italia discussion

88 views
Off-Topic > E la nave (di Teseo) va...

Comments Showing 1-12 of 12 (12 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Pierre (last edited Nov 25, 2015 01:33PM) (new)

Pierre Menard | 2327 comments Mod
Dopo la fusione che ha dato origine al supercolosso Mondazzoli Elisabetta Sgarbi, per molti anni editor di riferimento della Bompiani e sorella del più tristemente noto Vittorio, ha deciso di dimettersi e di dare avvio ad una nuova casa editrice che si chiamerà "La nave di Teseo" (ispirata a un passo di Plutarco che ha fornito il materiale per un divertente paradosso della vaghezza e anche per un libro nato dalla collaborazione fra J J Abrams e Doug Dorst: S. La nave di Teseo di V.M. Straka).

I primi libri editi dalla nuova casa editrice arriveranno a maggio 2016. Nell'attesa potete leggere l'elenco di nomi piuttosto "pesanti" (copyright Sergio di Boris) che hanno deciso di seguire la Sgarbi nella sua avventura editoriale. La distribuzione verrà gestita in collaborazione con Feltrinelli.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...

http://www.lastampa.it/2015/11/24/cul...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...

http://www.illibraio.it/elisabetta-sg...

http://www.huffingtonpost.it/2015/11/...

http://www.ilpost.it/2015/11/23/elisa...

http://www.repubblica.it/cultura/2015...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...


message 2: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Guarda, ne parlavo proprio ieri con il mio fidanzato. Dicevamo che quando un editore diventa egemone si deve poi aspettare che la gente (anche quella che conta, o forse soprattutto quella) reagisca. La perdita di Elisabetta Sgarbi darà un duro colpo a Bompiani, che semplicemente, senza di lei, non potrà più essere la stessa casa editrice, perché lei ne era l'anima. Inoltre hanno perso degli autori di punta e questo non potrà che indebolire la Mondazzoli a livello di prestigio, sebbene a livello di fatturato sicuramente non la indebolirà nessuno.
Sono molto curiosa di sapere cosa pubblicherà la nuova casa editrice, dal nome peraltro molto intrigante.


message 3: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Il Foglio propone una lettera aperta di Marina Berlusconi a Elisabetta Sgarbi: http://www.ilfoglio.it/cultura/2015/1...


message 4: by Sergio (new)

Sergio Frosini (topometallo) | 66 comments "Il nostro lavoro di 25 anni in Mondadori dimostra meglio di tante parole il modo in cui intendiamo, e svolgiamo, il mestiere dell’editore"

...

no, vabbè, è troppo facile


message 5: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Ma infatti non capisco. Ho visto il link sulla pagina FB di un amico che si occupa di editoria a livello professionale, una persona molto stimata nel campo, che in qualche modo giustificava le parole di Marina Berlusconi. Io francamente non capisco, mi pare che l'arroganza sia sua, non di Elisabetta Sgarbi.


message 6: by Bruna (last edited Nov 26, 2015 02:56AM) (new)

Bruna (brunacd) | 3206 comments Sergio wrote: ""Il nostro lavoro di 25 anni in Mondadori dimostra meglio di tante parole il modo in cui intendiamo, e svolgiamo, il mestiere dell’editore"

...

no, vabbè, è troppo facile"


Dichiarazione incontrovertibile, del resto. Quello che non c capisco io, è l'uso della prima persona plurale. Plurale maiestatis? Dev'essere un vizio di famiglia.

EDIT per aggiungere che per quel che ne so io, nella controversia in oggetto Marina Berlusconi potrebbe benissimo avere ragione. Intendo dire sulla storia dell'acquisto della Bompiani.


message 7: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2327 comments Mod
Non ho potuto leggere bene perché ho un firewall mentale contro Il foglio del Platinette barbuto, ma credo rimanga da spiegare perché Calasso ha potuto scorporare Adelphi pagando la quota e acquisendo le azioni, e invece la Bompiani doveva per forza rimanere dentro Mondazzoli.


message 8: by Bruna (new)

Bruna (brunacd) | 3206 comments Pierre wrote: "Non ho potuto leggere bene perché ho un firewall mentale contro Il foglio del Platinette barbuto, ma credo rimanga da spiegare perché Calasso ha potuto scorporare Adelphi pagando la quota e acquise..."

Forse Calasso offriva di più o i conti di Adelphi erano messi peggio? Una semplice questione di affari, insomma.


message 9: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2327 comments Mod
O forse Adelphi si vende a un pubblico politicamente ed elettoralmente irrilevante...


message 10: by Marina (new)

Marina (sonnenbarke) | 1575 comments Oh, Pierre, proprio quello che ho pensato io! Perché Calasso ha potuto ricomprare la Adelphi ed Elisabetta Sgarbi non ha potuto acquistare la Bompiani? A me sembra assurdo. Ma del resto, come dici tu, il pubblico di Adelphi è politicamente e, soprattutto, elettoralmente irrilevante.


message 11: by Sergio (new)

Sergio Frosini (topometallo) | 66 comments forse anche il catalogo Bompiani è maggiormente "assimilabile" (capiamoci) a quello Mondadori rispetto all'adelphiano e quindi più appetibile da tenersi sotto mano


message 12: by Pierre (new)

Pierre Menard | 2327 comments Mod
Dopo la cessione di Marsilio, Mondadori ha venduto per 16,5 milioni di euro Bompiani alla casa editrice fiorentina Giunti, su richiesta dell'Antitrust, a seguito dell'acquisizione della RCS-Libri:

http://www.repubblica.it/economia/fin...

http://www.wired.it/economia/finanza/...

http://www.milanofinanza.it/news/mond...

http://www.ilsole24ore.com/art/finanz...

Intervista all'AD Giunti sulla cessione Bompiani:
http://www.illibraio.it/giunti-bompia...


back to top