La Stamberga dei Lettori discussion

La donna della domenica
This topic is about La donna della domenica
22 views
Articoli e recensioni del blog > La donna della domenica di Fruttero&Lucentini

Comments Showing 1-3 of 3 (3 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

message 1: by Sakura87 (new)

Sakura87 | 2496 comments Mod
Prima recensione del nostro Speciale Scrittori suicidi. La trovate, insieme alla biografia degli autori, al link http://www.lastambergadeilettori.com/...

La donna della domenica è il romanzo che ha dato meritatamente fama al duo Fruttero e Lucentini. Da questo libro fu tratto nel 1975 un buon film dall'identico titolo: La donna della domenica, diretto da Luigi Comencini con un ottimo cast di attori quali: Marcello Mastroianni (commissario Santamaria), Jacqueline Bisset (Anna Carla Dosio), Jean-Luis Trintignant (Massimo Campi) e Lina Volonghi (Ines Tabusso).
Il romanzo ci dona un bell’affresco di Torino, sotto alcuni aspetti la protagonista di tutta la storia, con il mercatino dell’usato Balon, le grigie vie del centro, la collina con le sue ville che ancora oggi rappresentano il luogo più vip della città. Ci sono splendidi personaggi ognuno dei quali incarna un “tipo”: le signore ricche e ipocrite, i figli di papà, i poliziotti meridionali e gli omosessuali che, specie negli anni ’60, facevano ancora scandalo. E poi l’umorismo mai grossolano di Fruttero e Lucentini, nonché la cultura che traspare dalle pagine del libro -e che in gran parte si deve proprio a Lucentini- che non è nozionismo fine a se stesso, ma arricchisce il racconto senza spezzarlo.
Dire che questo è il capostipite del romanzo giallo italiano non è a mio avviso esatto, ma è vero che possa definirsi un piccolo capolavoro per l’intreccio, la descrizione di mentalità contrapposte e l’ironia nel tratteggiare l’alta borghesia snob. Non è solo un poliziesco, ma un romanzo di costume e questo lo pone un po’ al di sopra dei normali “gialli”.
Volendo trovare un difetto in quest'opera pressoché perfetta, sia per stile, ironia, ambientazione e intreccio, possiamo dire che manca di suspense. Ma non è un libro da leggere d’un fiato, bensì da assaporare con calma. I dialoghi, uno dei punti deboli di molti romanzi per la loro banalità, sono invece il punto di forza di La donna della domenica, pieni come sono di arguzia e umorismo.



Antonella | 4 comments L'ho trovato un libro molto "torinese". Ha tutto il bon ton che la città sabauda aveva, e per molti versi ha ancora, negli anni 70. Il fascino della discrezione e del buon gusto, nulla di sfacciato ma nulla di impossibile, compreso un omicidio per "futili motivi".


message 3: by Sandra (last edited Jan 08, 2015 06:06AM) (new) - rated it 4 stars

Sandra T | 236 comments Sono d'accordo su tutto, anche sulla mancanza di suspense. Probabilmente è un difetto, ma io non l'ho vissuto come tale, ho goduto di quelle pagine con una curiosità più pacata ma sempre vigile e che ha trovato una soddisfazione senza riserve.


back to top