Goodreads Italia discussion

254 views
Gruppi di Lettura > GdL Narrativa Settembre 2012: Il signore delle mosche di William Golding - Commenti e discussione

Comments Showing 1-50 of 53 (53 new)    post a comment »
« previous 1

message 1: by Kua (new)

Kua (kuaele) | 1877 comments Ecco il topic per il GdL di Settembre. Questo mese in lettura c'è Il signore delle mosche by William Golding Il signore delle mosche di William Golding, proposto da Elena.
Buona lettura!


message 2: by Elena (new)

Elena | 187 comments Ovviamente ci sono!


message 3: by lanalang (new)

lanalang | 212 comments Io non ho potuto aspettare questo gdl e l'ho letto due mesi fa. Sono proprio curiosa di leggere i vostri commenti.


message 4: by Valentina (new)

Valentina | 7 comments Questo mese partecipo anch'io, così finalmente lo leggerò!


message 5: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Non so se lo rileggerò, lo conosco quasi a memoria. Ma anche io seguirò i commenti, non vedo l'ora di sentire il vostro parere


message 6: by Kua (last edited Aug 29, 2013 05:30AM) (new)

Kua (kuaele) | 1877 comments Anch'io l'ho già letto, ma secoli fa e penso proprio che me lo rileggerò.


message 7: by Lexa (new)

Lexa (writingcarson) | 73 comments L'ho letto meno di un mese fa e sinceramente mi ha lasciata un po' perplessa. Leggerò con interesse le vostre opinioni!


message 8: by Paola (new)

Paola | 287 comments Anche io seguirò solamente i vostri commenti in quanto l'ho già letto approfonditamente parecchi anni fa ma ce l'ho ancora ben impresso.


message 9: by EleonoraF (new)

EleonoraF (eleonora1679) | 157 comments Io partecipo, anche per me è una rilettura


message 10: by Luisa (new)

Luisa (lysya) | 57 comments Mi aggiungo alla lista dei curiosi:D
L'ho letto tempo fa e non lo rileggere; fondamentalmente non mi è piaciuto, mi ha negativamente colpito.


message 11: by Yukino (new)

Yukino | 944 comments Ci sono anche io!!! sono troppo curiosa di leggerlo :)


message 12: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments Partecipo anch'io. Entro un paio di giorni dovrei finire i libri in lettura.


message 13: by Barbara (new)

Barbara | 3 comments Preso in biblioteca..appena finisco Colazione da Tiffany (grazie della soffiata non sapevo esistesse un libro oltre ad un meraviglioso film) comincerò a leggerlo
Buona lettura a tutti


message 14: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Ho già letto il primo capitolo (non resisto alle tentazioni) e quindi mi trovo ancora con dei ragazzi euforici di iniziare una nuova vita. Già qui ci sono due metafore che ho sempre trovato interessanti: la conchiglia e il maialetto imprigionato tra gli arbusti, come nascita dell'etica della loro società


message 15: by Yukino (new)

Yukino | 944 comments Sono a metà libro. Si legge velocemente e devo dire che mi mette un po' di ansia..e soprattutto mi fa strano che i protagonisti siano dei bambini..leggendo qualche recensione qualcuno ha paragonato questo libro al telefilm Lost..in effetti il regista secondo me si è ispirato a questo libro.
Continuo a leggerlo nella speranza mi prenda un po' di più..mi sembra che manchi qualcosa.


message 16: by EleonoraF (new)

EleonoraF (eleonora1679) | 157 comments Yukino wrote: "Sono a metà libro. Si legge velocemente e devo dire che mi mette un po' di ansia..e soprattutto mi fa strano che i protagonisti siano dei bambini..leggendo qualche recensione qualcuno ha paragonato..."

Io quando vidi la prima puntata di Lost pensai subito a questo libro, ma poi il telefilm ha preso una piega ben diversa!


message 17: by Shardangood (new)

Shardangood | 2137 comments Quando lo ho letto io, mi pare l'anno scorso, mi aveva annoiato abbastanza.
Molti gli attribuiscono significati nascosti, metaforici e così vià, ma come storia mi aspettavo qualcosa di più esaltante.


message 18: by Valentina (new)

Valentina | 7 comments Lo sto leggendo anch'io. La storia non mi sta prendendo tanto, ma aspetto di andare un po' più avanti per dire se mi piace o meno


message 19: by Yukino (new)

Yukino | 944 comments Eleonora wrote: "Yukino wrote: "Sono a metà libro. Si legge velocemente e devo dire che mi mette un po' di ansia..e soprattutto mi fa strano che i protagonisti siano dei bambini..leggendo qualche recensione qualcun..."

eh si direi che poi si evolvono diversamente :)


message 20: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Shardangood wrote: "Quando lo ho letto io, mi pare l'anno scorso, mi aveva annoiato abbastanza.
Molti gli attribuiscono significati nascosti, metaforici e così vià, ma come storia mi aspettavo qualcosa di più esaltante."


Idem


message 21: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments L'ho iniziato da un paio di giorni e devo dire che non è male come storia. Anch'io faccio fatica a vedere tutti i significati nascosti e le metafore dietro ad ogni singolo episodio che si verifica. Forse è troppo profondo per me, ma dovrei comunque arrivare alla fine.


message 22: by Yukino (new)

Yukino | 944 comments Libro finito.
L'ho trovato scorrevole, in alcuni punti punti mi ha appassionato ma in alcuni punti l'ho trovato noioso.
Questi bambini che per un disastro aereo si ritrovano a dover gestire da soli mi ha fatto storcere il naso, e più sono andata avanti e più ho fatto fatica a vederli come dei bambini. Si sono comportati esattamente come gli adulti.
E mi ha disturbato per tutto il libro..per questo ho dato poco. non è stato piacevole leggerlo e forse è proprio ciò che l'autore ha voluto trasmetterci: adulti o bambini che siano messi in una situazione in cui la sopravvivenza sia l'obiettivo primario di ciascuno, la ragione, la nostra anima civile lascia il posto al primitivo che c'è dentro di noi.


message 23: by Manu (new)

Manu | 365 comments L'ho letto alcuni anni fa; ricordo bene l'orrore nella scoperta progressiva che il male siamo noi, bambini o adulti non c'è differenza. Il gruppo agisce sempre al di là di istanze etiche; il primo istinto è la sopraffazione del più forte sul più debole. E' un libro senza speranza.


message 24: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Avete presente la puntata di South Park in cui i ragazzi divorano Il giovane Holden perché gli adulti avevano raccontato loro di quanto fosse scabroso, e di quanto fosse stato censurato? Con il Signore delle Mosche ho la stessa sensazione. Capisco che, quando uscì, potesse essere scandaloso, violento e/o metaforico, ma ritengo che con la violenza a cui siamo abituati ad assistere oggi noi ci siamo anche un po' anestetizzati.


message 25: by EleonoraF (new)

EleonoraF (eleonora1679) | 157 comments Roberta wrote: "Avete presente la puntata di South Park in cui i ragazzi divorano Il giovane Holden perché gli adulti avevano raccontato loro di quanto fosse scabroso, e di quanto fosse stato censurato? Con il Sig..."
In generale io personalmente non riesco ad abituarmi alla violenza a cui si assiste, anche quella cinematografica mi impressiona molto. Però credo che (view spoiler)
Sono d'accordo con Manu e a proposito delle dinamiche che sorgono all'interno dei gruppi in cui, anche a causa delle difficoltà esterne, si perde il senso di sé come individuo, anni fa ho ripensato a questo libro quando ho visto il film "The experiment", che si basa su uno studio psicologico realmente condotto nei primi anni '70.


message 26: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Eleonora wrote: "Roberta wrote: "Avete presente la puntata di South Park in cui i ragazzi divorano Il giovane Holden perché gli adulti avevano raccontato loro di quanto fosse scabroso, e di quanto fosse stato censu..."
Io invece credo sia molto facile avere bambini cattivi: non hanno ancora sviluppato tutti quei filtri e tabù che possono frenare un adulto, niente di più facile che il gioco finisca in tragedia, probabilmente senza che loro si rendano nemmeno conto che stanno facendo qualcosa di male.


message 27: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments Ho finito il libro oggi e devo dire che l'ho trovato interessante. Mi aspettavo qualcosa alla Robinson Crusoe, ma invece l'attenzione dell'autore è concentrata più che altro sulla corruzione della natura umana, il male che vi si annida e il fatto che possa attecchire anche nei giovani protagonisti. E' vero che oggi la violenza ci viene propinata da cinema e tv come se fosse la cosa più naturale del mondo, però quello che mi ha fatto impressione in questo libro è l'imbarbarimento progressivo dei ragazzi, anche quelli più mansueti, trascinati nell'euforia del branco fino a perdere la loro identità.


message 28: by Elena (new)

Elena | 187 comments L'ho finito oggi e onestamente non ho un parere preciso. Da un lato anche io non sono rimasta piu' di tanto sconvolta perche' ormai noi siamo abituati a cose peggiori; pero' ci sono scene che ho trovato agghiaccianti, soprattutto il dialogo di Simon col "Signore delle Mosche". Pero' ho trovato il libro un po' semplicistico in certi punti, ho trovato il cambiamento dei ragazzi un po' repentino. Poi probabilmente avrei apprezzato la storia di piu' se avessi capito tutte le metafore, ma io in questo senso non sono acutissima, lol!


message 29: by Je (new)

Je | 441 comments Iniziato ieri, sinceramente mi immaginavo qualcosa di molto diverso. Arrivata al capitolo IV ho maturato una sincera antipatia per tutti i personaggi escluso Ralph. La rappresentazione della natura dei bambini non mi ha sconvolta più di tanto(anche perché sono d'accordo con la visione di Roberta)ma comunque non mi ha lasciata indifferente suscitandomi molto fastidio.


message 30: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments Je wrote: "Iniziato ieri, sinceramente mi immaginavo qualcosa di molto diverso. Arrivata al capitolo IV ho maturato una sincera antipatia per tutti i personaggi escluso Ralph. La rappresentazione della natura..."

Credo che la cosa più sconvolgente sia la facilità con cui i ragazzi si lasciano trascinare dalla violenza, come se fosse solo un gioco, senza nessun adulto che possa interferire. I 'cacciatori' non sembrano per nulla preoccupati del futuro sull'isola, per loro conta solo il presente.


message 31: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Ok, non l'ho riletto questa volta ma giuro che in passato l'avrò fatto una decina di volte, sia in italiano sia in inglese. Siamo tutti qua a citare presunte metafore che non abbiamo capito, quindi perdonatemi il dubbio: siamo sicuri ci siano? Siamo sicuri che possano funzionare con un pubblico del 2013? E se col tempo fosse semplicemente diventato il racconto di un gruppo di ragazzini lasciati se stessi? Possibile che sia così esoterico? Per me è un po' sopravvalutato.


message 32: by lanalang (last edited Sep 12, 2013 12:03PM) (new)

lanalang | 212 comments Assolutamente sopravvalutato anche per me. Io sono ancora qui a chiedermi come abbia potuto Golding ottenere il Nobel. Un grande mah!
La mia delusione è data soprattutto dalla scrittura che ho trovato mediocre. Per curiosità ho provato a leggerlo anche in inglese, ma pure in questo caso non mi è sembrato un granché. Tra le altre cose ricordo di essere stata infastidita sin dall'inizio dal ripetuto uso del verbo trotterellare, manco fossero stati bambini di un anno...


message 33: by Cristina (new)

Cristina (cassandracris) Sono a metà libro, la storia ancora non ha portato a nessuna svolta clamorosa (ma so che ci sarà, infondo non è possibile rimanere liberi dagli spoilers per un libro uscito 60 anni fa!), ma per il momento lo trovo abbastanza noioso.
Mi trovo d'accordo con quello scritto poco fa da lanalang riguardo alla scrittura mediocre. È vero che l'autore vuole cercare di riprodurre un certo tipo di linguaggio che possa andare bene per dei bambini sotto i 12 anni, ma se suddetti bambini sono i protagonisti del libro, e il libro non è propriamente un libro di favole indirizzato a quella fascia di età, beh, allora secondo me non si è raggiunto lo scopo.
Trovo particolarmente fastidioso come si passi da un pensiero all'altro nell'arco di mezza frase (un momento discutono sulla caccia, il momento dopo si azzuffano per prendere la conchiglia, il momento dopo senza un nesso logico, si torna a parlare del fuoco e del fumo).

Non so, per ora non mi ha colpita in maniera positiva... vedremo appena lo finirò se avrò cambiato idea!


message 34: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Un collegamento personale: questo libro mi fa sempre pensare all'omicidio di James Bulger: avevo 15 quando successe, è una storia che mi ha colpito molto.


message 35: by Valentina (new)

Valentina | 7 comments L'ho terminato anch'io e devo dire che non mi è piaciuto molto. Anche a me non ha entusiasmato il modo di scrivere di Golding e non ho sinceramente individuato tutte queste metafore, a parte la conchiglia che simboleggiava il potere.
La tematica di per sé è interessante, ma è appunto sorprendente la rapidità con cui i bambini perdono il controllo. Certo, l'uomo cerca sempre di dominare l'altro e in condizioni estreme prevale lo spirito di sopravvivenza che fa dimenticare ogni buon proposito...ma penso anche che siccome erano dei bambini, in virtù di questo la loro trasformazione sia stata più repentina. Gli adulti sono in genere più legati alle regole e forse ci avrebbero messo un po' più di tempo prima di perdere completamente il controllo.
Di tutti i personaggi quello che mi è piaciuto di più è Piggy che sembra già il tipo riflessivo che guida il comandante verso la giusta decisione.
Ecco, forse, di tutto il libro quello che potrei salvare sono anche le ultime pagine finali, quando finalmente vengono ritrovati e tutti i bambini diventano consci di quello che hanno fatto, ritornando così ad essere dei bambini, costretti però a fare i conti con le loro azioni nefaste.
Non so comunque se vorrò leggere altri libri di Golding: la violenza non mi ha scioccato più di tanto, anche perché come detto sopra siamo ormai purtroppo abituati a scene di questo tipo, ma il suo modo di scrivere non è riuscito a conquistarmi.


message 36: by Cristina (new)

Cristina (cassandracris) Finito ieri sera... che dire. Probabilmente per l'epoca in cui venne pubblicato fu un libro che provocò scalpore, perché il "cattivo" è chi dovrebbe essere il "buono" per antonomasia.
Io invece, da lettrice del 2013 non lo trovo sconvolgente. O meglio, credo che di fondo il concetto di Golding, sulla corruzione umana a qualunque età, poteva rendere questo libro un capolavoro, ma io personalmente sento che manca qualcosa.
È come se alla brutalità si sia arrivati di punto in bianco... anche se nel libro la descrizione di questa "decadenza" viene affrontata abbondantemente, a lettura completa io trovo comunque delle grosse lacune.
Per chi non ha finito scrivo in spoiler:
(view spoiler)

Ad ogni modo, non mi è piaciuto, ma non solo per queste piccole domande irrisolte, ma anche e soprattutto perché non mi ha appassionata, non sono riuscita a leggere con trasporto.


message 37: by Read me two times (last edited Sep 13, 2013 04:09AM) (new)

Read me two times | 614 comments di solito non commento a post del genere, perchè penso che ognuno ha la sua opinione e ne ha tutto il diritto...penso che basti il numero di stelle per capire quello che uno pensa del libro in questione. ma leggendo qua e là i commenti di questo tread non riesco a star zitta (forse dovrei). non voglio assolutamente far prevalere la mia opinione, il libro può piacere e non può piacere, ma sono state scritte cose allucinanti da un punto di vista "morale". che il libro non vi ha colpito niente di che, capita, ma che non si abbia nemmmeno una reazione se non di noia, lo trovo davvero superficiale. è la storia di un gruppo di ragazzini che da soli cercano di costruire una società basata su quella che ricordano (quindi una società adulta) e che alla fine non rimangono altro che bambini spaventati. magari non c'è tutto questo significato nascosto (a parte in alcuni simboli sparsi qua e là nei vari capitoli), ma dovete ammettere che l'orrore nudo e crudo narrato non è proprio una cosa di tutti i giorni. siamo abituati alla violenza? è la cosa più devastante che ho mai sentito. anch'io non mi faccio stupire da niente ormai, visto che basta accendere la tv per averne a manciate gratuite. però stavolta la violenza è diversa, è fine a se stessa, è un divertimento puro, senza movente e soprattutto è commessa da ragazzini che non hanno ancora un'idea ben chiara di cosa sia in realtà. c'è una scena stupenda, nel libro, molto significativa, secondo me. quando ralph si rifugia nella macchia nella foresta e "dorme" sotto il "signore delle mosche"...l'avete letta bene? dai vostri commenti non mi pare...o forse è davvero solo questione di gusti, bo.
personalmente, se non si fosse capito, lo metto sicuramente tra i libri che mi hanno deviato un po' (leggi "i libri che amo di più") ^__^


message 38: by Shardangood (new)

Shardangood | 2137 comments Anarchic wrote: "di solito non commento a post del genere, perchè penso che ognuno ha la sua opinione e ne ha tutto il diritto...penso che basti il numero di stelle per capire quello che uno pensa del libro in ques..."

Si, è solo questione di gusti. Se una cosa ti annoia, ti annoia e basta a prescindere dalle scene che uno può trovare significative o meno. Dipende dal tuo approccio ai libri. Io li leggo per puro intrattenimento. I bambini, violenti o meno, (ho letto cose più violente, ma si tratta di finzione e non mi fa nessun effetto) non mi hanno suscitato nessun interesse. Sarà che mi aspettavo altro, sarà che non è il tipo di narrazione che prediligo; sarà che nessuno dei personaggi mi piaceva, fatto sta che il libro mi ha annoiato. Io non vado alla ricerca di significati nascosti (che ci siano o meno), o di insegnamenti o illuminazioni varie, ma solo di intrattenimento. Il signore delle mosche non mi ha intrattenuto :) de gustibus...


message 39: by Valentina (last edited Sep 13, 2013 04:24AM) (new)

Valentina | 7 comments Hai ragione Anarchic sulla questione della violenza. Mi sono espressa male: capisco che all'epoca possa aver fatto scalpore, ma credo che oggigiorno vengano descritte anche cose peggiori che quindi ridimensionano in un certo modo quanto scritto da Golding. È vero la violenza descritta è a fini gratuiti e non la giustifico affatto, penso solo che essendo noi già più smaliziati (e ciò non significa che sia una cosa positiva), le scene in sé per sé non mi hanno colpito più di tanto, nel senso che comunque non mi sono soffermata su quelle, ma ho cercato di vedere il racconto in generale. Certo, vederle rappresentate visivamente farebbe sicuramente un'altra impressione...
E' vero comunque, è una questione di gusti. La descrizione delle azioni predominava e a me piacciono di più le considerazioni psicologiche, diciamo. Quando gli autori cominciano a descrivere cosa fa l'uno e cosa fa l'altro, non li seguo più...


message 40: by Moloch (new)

Moloch | 7085 comments Mod
Come "approfondimento" vi consiglio di guardare anche la puntata dei Simpson ispirata a questo libro :-)

http://en.wikipedia.org/wiki/Das_Bus

Sicuramente si trova in streaming su Internet


message 41: by Cristina (new)

Cristina (cassandracris) Anarchic, anche io sono d'accordo con te sulla questione della violenza che in questo caso è una violenza gratuita che come hai scritto te (non faccio quote per velocizzare) è commessa da ragazzini che non hanno ben chiaro quello che stanno facendo (che poi anche qui, non è esattamente vero, visto che Ralph e Piggy lo sanno già dall'inizio -e con loro anche gli altri- quando il ragazzo con la macchia sul viso "scompare" nel nulla).

Per quanto mi riguarda ho cercato di fare un'analisi un pochino diversa del libro. Quello che a me non ha appassionato non è stata infatti la storia, che anzi secondo me può essere considerata diciamo così, innovativa, ma il "modo" in cui questa storia è stata raccontata. Per me, nonostante Golding ci abbia provato, non è riuscito a dare un filo logico a ciò che succede e perché succede.
Perché dei ragazzini che dovrebbero avere paura del buio e dell'ignoto (e ce l'hanno, perché di notte urlano, fanno brutti sogni e immaginano mostri) passano dalla paura alla violenza? Perché dovrebbero finire tutti nella violenza, senza esclusione?
Perché alla prima uccisione (il primo maiale) non hanno provato mai un attimo di disgusto? Per me questa discesa nel male è stata troppo repentina e troppo totale.
Ci sta che tutti prima o poi fossero finiti nel buio e nella follia. Ma perché nessuno viene descritto come orripilato?
Io critico il passaggio dal bene al male come un passaggio poco convincente. Mi è sembrato come se l'autore avesse voluto in un certo senso sbrigarsi ad arrivare all'orrore fine a se stesso. Che anche nel caso di bambini è secondo me comunque troppo repentino...


message 42: by Elena (new)

Elena | 187 comments Sono d'accordo con Cristina. La storia in sé funziona e ci sono dei gran bei passaggi, ma anche io sono rimasta un po' perplessa da questa improvvisa discesa nel male e nella violenza. Avrei preferito che la psicologia dei bambini venisse esplorata un po' di più.
Grazie Moloch, mi guarderò assolutamente quell'episodio! :D


Read me two times | 614 comments anch'io mi guarderò l'episodio XD
per quanto riguarda la discesa nel male io penso che invece è proprio così che succederebbe a dei ragazzini...sono inconsapevoli, sanno che quello che fanno è sbagliato (perchè è ovvio che lo sanno, hanno 12-13 anni in fondo), ma non possono fare altrimenti perchè non c'è nessuno più che glielo dice. non mi riesco a spiegare forse, ma un bambino, se lasciato a se stesso ha molta più probabilità di diventare violento irrazionalmente rispetto a un adulto (che è più "strutturato" in un certo senso)...poi io credo sia questione di indole ed è per questo che esistono persone come Ralph che non ammettono la violenza e persone come Piggy che invece la subiscono e basta ;)


message 44: by lanalang (new)

lanalang | 212 comments Anarchic wrote: "di solito non commento a post del genere, perchè penso che ognuno ha la sua opinione e ne ha tutto il diritto...penso che basti il numero di stelle per capire quello che uno pensa del libro in ques..."

mah...sarà che avevo letto da poco Il Sapore della Gloria di Mishima, ma questo di Golding in quanto a orrore mi è sembrato niente. E, ripeto, la cosa che più mi ha infastidito è stata, invece, la scrittura mediocre e le scarse capacità narrative dell'autore. Da un premio nobel non me lo aspettavo.


message 45: by Je (new)

Je | 441 comments Questo libro sta diventando un'agonia, non riesco a finirlo.


message 46: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments Je wrote: "Questo libro sta diventando un'agonia, non riesco a finirlo."

Coraggio non ti abbattere. Ammetto che non sia un libro così coinvolgente e avventuroso, ma se c'è un'occasione buona per finirlo è proprio grazie ad un Gdl.


message 47: by Cristina (new)

Cristina (cassandracris) Je wrote: "Questo libro sta diventando un'agonia, non riesco a finirlo."

Ti capisco! Ho avuto attimi di sconforto misti a noia anche io! Però tutto sommato non è così malvagio col senno di poi!


message 48: by Paola (new)

Paola | 287 comments Provate a immaginare cosa voglia dire leggerlo obbligatoriamente a 16 anni in lingua originale e discuterne almeno un capitolo a settimana... il solo sopravvivere ai primi due capitoli (decisamente troppo prolissi: basti pensare che con i primi due capitoli si può disegnare una mappa dettagliata dell'isola) era stata una vera e propria impresa per me!


message 49: by Roberta (new)

Roberta (driope) | 6230 comments Mod
Io ho dovuto fare i primi capitoli di The hobbit in terza media, ti capisco!


message 50: by Andrew (new)

Andrew (andrew619) | 216 comments Paola wrote: "Provate a immaginare cosa voglia dire leggerlo obbligatoriamente a 16 anni in lingua originale e discuterne almeno un capitolo a settimana... il solo sopravvivere ai primi due capitoli (decisamente..."

Si, ricordo ancora le letture assegnate a scuola, con successiva relazione. Ma per fortuna almeno erano in italiano.


« previous 1
back to top