Lettori sui generis discussion

Liar
This topic is about Liar
13 views
Gruppo di lettura > Liar, I settimana (8-14 settembre): Prima parte: La verità

Comments (showing 1-15 of 15) (15 new)    post a comment »
dateDown arrow    newest »

Tintaglia | 3343 comments Mod
Giuro di dire la verità, tutta la verità e nient'altro che la verità.

Ma quando a dichiararlo è una bugiarda compulsiva, che lo ammette serenamente, torna in mente l'antico paradosso: "Quando un bugiardo dice di mentire mente, o dice la verità?"

E Micah è una bugiarda cronica da almeno tre generazioni, come suo padre e sua nonna; mente per il gusto di mentire, per passare inosservata o per farsi notare, o forse per nascondere sotto una montagna di falsi segreti il segreto più grande, la malattia di famiglia che la perseguita fin dalla nascita.

Finchè la sua vita - già non normalissima, diciamocelo - non viene sconvolta dalla morte di Zach, l'unico ragazzo con cui a scuola avesse stretto i rapporti, il suo ragazzo (e il ragazzo di un'altra insieme), popolarissimo, gentile, intelligente.
E la scuola inizia a sospettare di Micah, per le sue bugie e perchè la paranoia inizia a diffondersi, mentre lei, stranamente, si avvicina alla ragazza ufficiale di Zach e al suo migliore amico.

Premesso che ho pressochè la certezza su quale sia la malattia di famiglia (e che la cosa non mi induce a folli salti di gioia...) sono diverse le domande che si pongono, e la prima è: chi ha ucciso Zach? perchè, diciamocelo, non è che Micah sia il testimone più affidabile del mondo, e sulla sua innocenza la mano sul fuoco non la metterei proprio.

Mi incuriosisce inoltre la... "materialità" del romanzo; tutto viene scomposto in materia (carne, odori, sapori, sensazioni, funzioni fisiologiche) dando una dimensione strana e particolare alla narrazione che mi piace molto.
Come mi piace molto la struttura, apparentemente confusionaria: la suddivisione in mini-capitoli che ci offrono scorci brevissimi del prima, del dopo, della storia familiare di Micah contribuisce all'impressione di una narrazione in prima persona, frammentata come potrebbe davvero essere una confessione.

Trovo invece trascurate le dinamiche scolastiche, e poco approfonditi i rapporti tra i vari personaggi, con l'esclusione di quello con Sarah; ma forse è un riflesso di come la protagonista vede e interpreta il mondo intorno a lei.

Voi che ne dite? :)


Georgiana 1792 | 1852 comments Tintaglia wrote: "Premesso che ho pressochè la certezza su quale sia la malattia di famiglia (e che la cosa non mi induce a folli salti di gioia...) sono diverse le domande che si pongono, e la prima è: chi ha ucciso Zach? perchè, diciamocelo, non è che Micah sia il testimone più affidabile del mondo, e sulla sua innocenza la mano sul fuoco non la metterei proprio."

Purtroppo la Salani aveva scelto un altro titolo, moooolto spoilerante. Spero che non lo conosceste già. Io che ho letto tutto dopo (anche la quarta di copertina del libro italiano, per fortuna!) non ho avuto il minimo sospetto e mi sono trovata davanti alla seconda parte ignara di ciò che mi attendeva.

Ma parliamo della prima parte: anch'io ho gradito molto la suddivisione in piccoli capitoli che vanno avanti e indietro sulla linea cronologica: Micah ci vorrebbe dire, ci vorrebbe spiegare, ma si mantiene abbottonata. E' guardinga perché cerca di mantenersi fedele alle bugie che ci sta raccontando e, nel frattempo, non vuole rivelarci troppo: non ha ancora deciso se svelarci il suo più grande segreto (ma chissà quanti grandi segreti ci nasconde).
La sua percezione del mondo attraverso i cinque sensi, la materialità", come la chiama Tintaglia, forse ci rivela di lei qualcosa di più delle parole vere e proprie.

Comunque è una narratrice abilissima, riesce a farci pendere dalle sue labbra, non trovate?


Amarilli | 85 comments Tintaglia wrote: "Premesso che ho pressochè la certezza su quale sia la malattia di famiglia (e che la cosa non mi induce a folli salti di gioia......"

Ehm io ho cominciato a fare delle ipotesi ma non saprei, non mi sento così sicura. Non riesco a capire se salterà fuori qualcosa di banale o qualcosa di incredibile. ^^;

Anche a me è piaciuto il tipo di narrazione a salti. Non so se Micah stia mentendo o no, ma di certo l'impressione che ho è che si senta davvero sola. Mi chiedo se sia reale la poca affinità che sente anche con i membri della sua famiglia.

Nota a margine: a leggere di quanto si senta libera correndo, mi è venuta voglia di andare a correre! :p


Tanabrus Anche io mi sono fatto una mezza idea su cosa sia la malattia di Micah e della sua famiglia, che li spinge a starsene reclusi in una fattoria, gli fa amare gli spazi aperti e la natura, li rende appassionati di corse lunghissime. Micah che vive di olfatto, di vista, di sensazioni materiali.

Insomma, la mia idea è che questo libro darà tante, tante paghe a Sisters Red. :D


Per il resto, ho adorato anche io la struttura narrativa del libro. Grazie sopratutto alla scrittura dell'autrice, penso fosse facilissimo rendere supido e illeggibile il tutto, con una struttura così atipica.

Mi è davvero dispiaciuto interrompere la lettura, l'altro giorno :(


Tanabrus p.s. Tintaglia, però avvisa sul post "generale" della discussione, altrimenti non arrivano le notifiche :P


Tintaglia | 3343 comments Mod
Oh. Scusate. ^^

@Tan: infatti io non l'ho interrotta. alla fine ho deciso di andare avanti, più lentamente, ma di non lasciare: mi sta piacendo davvero molto.


Tanabrus Cheater :P


Tintaglia | 3343 comments Mod
*fischietta indifferente*


Georgiana 1792 | 1852 comments Tintaglia wrote: "*fischietta indifferente*"

*firulì, firulà*


Tanabrus :'(


Tintaglia | 3343 comments Mod
Tanabrus wrote: ":'("
...no, davvero, ma cosa ti aspettavi da gente come noi? XD


message 12: by Livia (new) - added it

Livia (rienafaire) | 999 comments Mod
Due cose veloci ora che sono riuscita a recuperare.

La struttura funziona non tanto in sé quanto nell'esecuzione: i Before e History of non suonano mai come "ecco che ci propina un po' di informazioni per risolvere il mistero", ma sono veramente parte integrante della storia.

E' il primo romanzo della Larbalestier (da sola) che leggo e mi stupisco come possa aver firmato una cosa sciatta sciatta e derivativa come Team Human, visto che sia da lei che da Sarah Rees Brennan vengono voci molto ben definite. Si vede che è uno di quei casi in cui la collaborazione impoverisce anziché arricchire.

Domande a cui sono rimasta appesa (a parte il whodunit ovviamente): Micah è andata veramente a casa di Zach sabato mattina?
Il ragazzo bianco con cui si "scontra" due volte che ruolo ha nella storia?

@Georgiana: anche io purtroppo sono incappata nel titolo in lavorazione dell'edizione italiana Salani :| Per questo dicevo attenti agli spoiler. Non è che adesso sappia tutto e pensi di essermi rovinata il romanzo, però che cavolo. La Larbalestier ha passato i 5 mesi precedenti all'uscita del romanzo a chiedere ai recensori di evitare gli spoiler. E all'editore di evitare di farlo nella quarta, eccetera eccetera. Poi c'è stato tutto il caso del whitewashing e va be'. Comunque Salani non ha più rispetto per i lettori, da parecchio tempo (leggasi: da quando ha scoperto che il colpo di fortuna avuto con Harry Potter gli ha fatto guadagnare più che anni e anni di serio lavoro editoriale).

Io trovo molto interessante la scelta dell'ambientazione: New York, scuola progressista, studenti di colore entrati quasi tutti con le borse di studio. Risulta molto vivida e tangibile. (E che il libro riveli elementi soprannaturali oppure no, rimane comunque una rarità per la YA che è zeppa di ambientazioni generica-provincia-americana.)

Per il resto, uhm, va be', vediamo come continua. ^^


Georgiana 1792 | 1852 comments @Livia: pensa che io ho scritto la recensione per Diario (stiamo aspettando ancora un po', ma presto la pubblicheremo) e mi sono rifiutata di inserire la Trama nella scheda libro: ho solo messo il link alla pagina Salani: chi vuole va a leggere... ;)


message 14: by Yuko86 (new) - added it

Yuko86 | 365 comments Finita la prima parte. Purtroppo anch'io ero incappata nel mega spoiler, spero non infici troppo il resto della lettura. Mi piace molto l'idea del narratore inaffidabile ma devo ammettere che per ora lo stile di scrittura mi appare... strano. Non so bene come spiegarlo, ma per ora non mi sono molto immedesimata nel romanzo.
Anch'io mi chiedo chi sia questo fantomatico ragazzo bianco.
Ah, sinceramente non ho molto capito il significato della scena finale della prima parte (per capirci, lo scambio di baci).


Tintaglia | 3343 comments Mod
Yuko86 wrote: " Mi piace molto l'idea del narratore inaffidabile ma devo ammettere che per ora lo stile di scrittura mi appare... strano. Non so bene come spiegarlo, ma per ora non mi sono molto immedesimata nel romanzo."

Neanch'io, e ho un po' riflettuto sul perchè.
Secondo me è il risultato del buon lavoro che fa la scrittrice: non ci si immedesima 1) perchè Micah NON è un personaggio piacevole, che sia vero o meno quello che racconta: è egocentrica, aggressiva, indifferente a tutto e tutti. E' ferina, neanche tanto in fondo; 2) perchè, qualsiasi cosa dica, sospetti sempre che menta. E secondo me non puoi immedesimarti con un personaggio che pensi stia prendendoti sempre per i fondelli, e che (peggio) non sai esattamente com'è, perchè non puoi separare verità e finzione.
Almeno per me è questo. :)

@Amarilli: per la scena della pomiciata a tre (ammesso che sia davvero successo, eh!) io l'ho interpretata come il desiderio di avvicinamento di tre persone che si sentono sole nel loro dolore, e sopratutto circondate da gente che finge di capirle.


back to top

unread topics | mark unread


Books mentioned in this topic

Team Human (other topics)

Authors mentioned in this topic

Sarah Rees Brennan (other topics)