Orsodimondo's Reviews > Niente per lei

Niente per lei by Laura Mancini
Rate this book
Clear rating

by
10490224
's review

really liked it
bookshelves: italiana

PNEUMA



Laura Mancini ha voce matura, ben più di quanto questo esordio potesse far prevedere: trova subito la sua lingua e uno stile personale che lasciano il segno.

Suddivide il suo romanzo in brevi capitoli che saltano di anno in anno, talvolta con un intervallo poco più lungo: e sono ambientati in diverse zone di Roma, sia centrali che periferiche, sia borghesi che proletarie (quando non sottoproletarie).
Questo, se da un lato complicherebbe alquanto un’eventuale adattamento sullo schermo, si traduce in movimento e arricchimento per la lettura.


Scena da “La terra trema” di Luchino Visconti (1948) che fa pensare agli assembramenti nei rifugi durante i bombardamenti.

E così, di capitolo in capitolo, si srotola la storia di Tullia, di Roma, d’Italia. Senza che la seconda o la terza limitino la prima, al contrario, se ci sono è per dar vigore.

L’ultimo terzo del libro illumina i primi due durante i quali il racconto si muove molto su tono colore e temperatura da neorealismo, movimento che non ho mai particolarmente amato, tutt’altro (salvo magnifiche eccezioni, vedi Rossellini).



Tullia ha fratelli e sorelle, più grandi e più piccoli. Ma è quella più indipendente, più tosta: va via di casa che è ancora adolescente. E non torna più indietro. Colpa della madre, mentalmente squinternata (non per niente entra ed esce dal Santa Maria della Pieta, storico enorme manicomio della capitale, ora riconvertito principalmente ad altro [=uffici amministrativi di circoscrizione], ma che ospita una perla, il piccolo magnifico Museo Laboratorio della Mente opera del geniale Studi Azzurro milanese) con la quale sia da ragazza che da adulta non riesce proprio a conciliarsi.

Rimane incinta, sceglie di non abortire, di portare avanti la gravidanza in solitudine, ragazza madre, felice già solo di poter affittare un “quartierino” di due stanze in periferia, e smettere così di essere “appoggiata” di qua e di là.



Più che la storia, già sentita, e forse soprattutto già vista (ogni pagina mi ho riportato agli occhi Anna Magnani o Sophia Loren in qualcuno dei ruoli che le hanno rese celebri, popolane toste che non mollano, che addentano la vita e s’aggrappano, rudi aspre ma col cuore grande e pieno…), è proprio come Laura Mancini la racconta e la imbastisce che mi ha colpito. E credo che questo sia il miglior complimento che si può fare a uno scrittore. E anche a una scrittrice.

Tra i nostri sguardi di donna passò qualcosa di schietto e dolcissimo, molto più di una parola, poco meno di un abbraccio.

59 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Niente per lei.
Sign In »

Reading Progress

Started Reading
March 10, 2020 – Finished Reading
March 11, 2020 – Shelved
March 11, 2020 – Shelved as: italiana

Comments Showing 1-5 of 5 (5 new)

dateDown arrow    newest »

Orsodimondo Tadzio wrote: "Dalla sinossi, mi era sembrato un tentativo di inserirsi sulla scia della Ferrante... somiglianze con "L'amica geniale"?"

No, non direi proprio. A parte che si tratta della stessa casa editrice. 😄


Come Musica @Orsodimondo l’ho quasi finito: nelle ultime quaranta pagine il ritmo cala notevolmente. Comunque bellissimo esordio! Concordo con quello che hai scritto.


Orsodimondo Come wrote: "@Orsodimondo l’ho quasi finito: nelle ultime quaranta pagine il ritmo cala notevolmente. Comunque bellissimo esordio! Concordo con quello che hai scritto."

Sono contento che ti sia piaciuto.
Ieri ne ho letto una bella recensione sul Manifesto. È un peccato esordire con un buon romanzo proprio all'inizio del lockdown, s'è persa il momento migliore per le presentazioni e il lancio.


Come Musica Sai che l’ho letto proprio per la recensione che stava su Il Manifesto di ieri? E sai che ho pensato la stessa cosa: che ha avuto la sfiga di essere pubblicato all’inizio del lockdown?


Orsodimondo Come wrote: "Sai che l’ho letto proprio per la recensione che stava su Il Manifesto di ieri? E sai che ho pensato la stessa cosa: che ha avuto la sfiga di essere pubblicato all’inizio del lockdown?"

🤗


back to top