SCARABOOKS's Reviews > I leoni di Sicilia

I leoni di Sicilia by Stefania Auci
Rate this book
Clear rating

by
19291574
's review

did not like it
bookshelves: abbandonato

Da scappare a metà lettura; per rabbia.
Un bel soggetto, una delle saghe famigliari più straordinarie della storia italiana, bruciato in una specie di telenovela, una roba dichiaratamente pre-televisiva. Dietro la copertina pastello da romanzo rosa, una scorpacciata di frasi ad effetto, banalità da stanza delle lavandaie di un secolo fa e sciatterie stilistiche.
La letteratura che prepara materiali per la peggiore televisione è quella che fa più rabbia.
E vende tanto!
Il problema più grosso in Italia non è che si vede troppa cattiva tivvù e si legge poco; è che quel poco che si legge, dai libri di cucina, ai giallacci, a questa roba qui, scimmiotta e alimenta la peggiore tivvù.
117 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read I leoni di Sicilia.
Sign In »

Reading Progress

Started Reading
July 31, 2019 – Shelved
July 31, 2019 – Shelved as: abbandonato
July 31, 2019 – Finished Reading

Comments Showing 1-22 of 22 (22 new)

dateDown arrow    newest »

message 1: by Karenina (new)

Karenina E la dice lunga pure su questo posto...recensioni a 5 stelle a profusione, io però mi fido di te.


SCARABOOKS Grazie della fiducia @Karenina. Ma, tranquilla, è proprio un feuilleton di serie B. D’altronde la Auci, ho visto proprio adesso, aveva già scritto una cosa del genere. Che poi piaccia, ci sta.


message 3: by Emilio (new)

Emilio Berra Lo sospettavo. E l'ho lasciato. La tua è una conferma.


message 4: by cristina (new)

cristina c Pensa che ho rischiato di comprarlo... Un po' affascinata dalla loro storia ( alla vecchia tonnara di Favignana c'è una ampia sezione dedicata a loro molto interessante ) e un po' su sollecitazione del libraio. Va bene, quando trasmetteranno la serie sui Florio tratta dal libro della Auci ce ne andremo al cinema


SCARABOOKS Cristina@ abbiamo fatto un sacco di vacanze negli stessi posti :-))) E quello mi piacque proprio tanto


message 6: by Grazia (new)

Grazia [Sono appena tornata da Favignana... Ho le lacrime di nostalgia!]


message 7: by Emmapeel (new)

Emmapeel Anch’io sono stata lì lì per acquistarlo, complice il ritratto di donna Florio di Boldini che avevo visto a Forlí un paio di anni fa. Per fortuna la copertina mi ha messo in allarme, sono contenta di non esserci cascata, grazie della conferma.


message 8: by Splendini (new)

Splendini Più chiaro di così... Io però nutro la - vana temo - speranza che anche questi libri qui avvicinino alla lettura, che da una porcheria del genere magari qualche sparuto lettore (non tutti ovviamente) passi per gradi a cose migliori. Quando vedo un caso editoriale come questo, in cima a mille classifiche, da un lato mi accascio, dall'altro spero. Ma leggerlo mai! Grazie :-)


SCARABOOKS Sei ottimista @Splendini. Speriamo tu abbia ragione. Comunque complimenti a tutti per il (ri)fiuto


piperitapitta Mannaggia, l’hai preso un po’ troppo per traverso questo libro, per me la sua funzione l’ha soddisfatta in pieno: non letteratura, ma intrattenimento, una storia molto bella, romanzata, che ha avuto la capacità di rivolgersi a un grande pubblico.
È chiaro che un lettore con un palato più raffinato possa restare insoddisfatto, ma a volte anche pane e panelle ha un suo perché :-)


SCARABOOKS Posso solo essere contento che tu l’abbia preso meglio di me :-) @Piperitapitta.
E capisco la distinzione che fai. Pure a me piace ogni tanto pane e panelle e non mi aspettavo I Buddembrook. Poi che la storia dei Florio sia più che bella come soggetto è fuor di dubbio. Solo che per me queste sono state in corso di lettura delle aggravanti della noia e dell’irritazione. Che la Auci puntasse al grande pubblico, questo è sicuro.


piperitapitta SCARABOOKS wrote: "Che la Auci puntasse al grande pubblico, questo è sicuro. "

Su questo ho qualche dubbio (che ci sperasse penso fosse legittimo, magari puntava a un pubblico siciliano), nel senso: ma chi è Nord edizioni? Non certo una casa editrice con la quale aspettarsi di poter fare il botto, o che abbia il potere di fare marketing pubblicitario di alto livello: diciamo che hanno fatto "bingo" entrambi, e che poi ha funzionato il passaparola :-)


Massimo Struglia Già mi sentivo in colpa per voler abbandonare un libro per cui sono fioccate solo recensioni positive. Mi interessava scoprire la storia dei Florio, famiglia a me sconosciuta, ma non sono riuscito a reggere più di 100 pagine dello stile desperate housewife dell'ottocento :(


SCARABOOKS Ottima definizione @Massimo


Alice Farina Se volevate leggere un libro storico (e non una telenovela, come erroneamente l'avete descritta), bastava semplicemente cercare più attentamente dei libri che riportano solo fatti, senza romanzare niente. Ad esempio, Orazio Cancila ha scritto una biografia molto dettagliata sui Florio.
Non capisco questa critica all'Italia e ai gusti degli italiani, manco fosse un libro scritto da Giulia de Lellis... Questo libro ha avuto successo anche all'estero. Quindi o siamo tutti cretini e leggiamo cazzate (io, onestamente, non penso di appartenere a questa categoria), oppure voi avete un po' esagerato (cosa molto più plausibile, secondo il mio modestissimo parere).
E poi si, i libri che hanno successo possono essere selezionati per serie tv. Questo non vuol dire che l'autrice puntasse necessariamente a questo sin dall'inizio, né che voler trarne una serie tv e puntare ad un pubblico ampio siano sinonimi.
Io, da palermitana, sono contenta che per una volta si parli della Sicilia non in relazione alla mafia!


SCARABOOKS @Alice, il saggio che suggerisci tu lo conosco ed è un ottimo lavoro, molto dettagliato. Come quello di Prestigiacomo d’altronde. Mi piacerebbe leggere, dicevo nel commentino, un altrettanto ottimo romanzo su quella storia. Questo, per quanto mi riguarda, non lo è. Poi ovviamente sono contento che ti sia piaciuto e mi guardo bene di esprimere giudizi sui lettori che come te, la pensano diversamente. Non lo é, né per il taglio, né, soprattutto, per la qualità della scrittura.
Il fatto che sia piaciuto a tanti poi, in Italia e all’estero, come spesso capita ai non pochi che a me sembrano cattivi romanzi, non mi fa ovviamente cambiare idea. E neppure mi consola. Al contrario.
Invece concordo con te che dia una bella immagine della Sicilia (che ne ha tantissime di ragioni per rivendicarla). Ma quello è un merito dei Florio, non dell’autrice del libro.


message 17: by Tintaglia (new)

Tintaglia Un attimo: non commento il contenuto (mi puzzava di fuffata e ne sono stata lontana), ma la copertina è di Vittorio Corcos. 🤩


Aomame* Bello o no, questo romanzo non sarà mai pesante come lo snobismo dei lettori.


SCARABOOKS Grazie @Aomame, potrei prenderlo come un complimento (anche se so che non lo era, non temere:-)), ma so di non meritarlo. La mia libreria se si fa la fatica (sprecata, per carità) di guardarla è piena di smentite: libri “leggerissimi” classificati da molti veri snob di serie B o C che ho commentato pubblicamente da lettore entusiasta. Non è questione di pesantezza. Questo, qui, per i miei gusti ovviamente, davvero è solo un brutto romanzo.


Aomame* Scarabooks, paradossalmente non mi riferivo a te che il libro l'hai letto e dunque hai espresso un giudizio con cognizione di causa, ma a chi si esprime solo perchè allertato dalla copertina (aiuto!). Ora che l'ho quasi portato a termine, posso dire che la copertina - per altro d'autore e non una qualsiasi immagine di repertorio rosa - è, in effetti, l'unica cosa bella di questo libro. Per il resto, 18 euro buttati nello scarico, ahimè!


Librielibracci Sono molto d'accordo con te, mi sembra una telenovela di canale 5 😅 e sono a metà libro. La storia sarebbe pure interessante ma lo stile... Ora mi spiego perché è stato il libro più venduto dell'anno. Ma tutte quelle 5 stelle, no, non me le spiego.


SCARABOOKS @Francesca, la storia, quella dei Florio, é bellissima: materiale, ancora inutilizzato, per grande letteratura. Per questo mi fa rabbia vederla sprecare così. Sull’epidemia di cinquestelle (nella letteratura da negozi di parrucchiera come in politica) il discorso é complicato ;-)


back to top