piperitapitta's Reviews > Salvare le ossa

Salvare le ossa by Jesmyn Ward
Rate this book
Clear rating

by
35550351
's review

really liked it
bookshelves: autori-usa, letteratura-usa, romanzo

Come Argonauti nel bayou



I dodici giorni che precedono la devastazione dell'uragano Katrina, nell'entroterra del Mississippi, alle spalle di New Orleans: a Bois Sauvage, in una depressione chiamata Fossa, fra auto abbandonate, pneumatici e rottami di elettrodomestici, galline che razzolano in libertà, baracche e una fossa d'acqua, vivono Esch, il padre, vedovo da quando è nato Junior, che ha otto anni, e i suoi fratelli più grandi.
Sono nati a un anno di distanza l'uno dall'altro, Esch (che è l'unica femmina e voce narrante del romanzo), Sketaah e Randall - quindici, sedici e diciassette anni - e la vita, senza una madre, e una povertà che si nasconde in maniera quasi simbiotica con la fitta boscaglia che li nasconde e separa dal villaggio dove abitano gli amici e la "città dei bianchi", li hanno già abituati a lottare e a difendersi sin da bambini, a saper contare solo su se stessi e uno sull’altro.
Le loro gesta, che Jesmyn Ward avvicenda con abilità, tensione e potenza narrativa capaci di tenere avvinghiati alla storia dall'inizio alla fine, intrecciano l'epica del mito di Medea e delle gesta degli Argonauti - presente in maniera cruenta, viscerale e carnale - alla luce accecante - così come sono accecanti la luce del Mississippi e le gesta di Skeetah e dei suoi amici - e a quelle di un topos letterario denso di rimandi dichiarati, che trova le sue radici nella prosa e alle opere di Faulkner (il riferimento esplicito è a Mentre morivo).
Sono creature selvagge, in qualche modo, così come selvaggia e furiosa è l’attrazione che lega Esch a Manny, amico di uno dei fratelli, ma sono anche ragazzi che fanno parte del mondo reale - Esch segue in parallelo all’incalzare dell’avvicinamento di Katrina le vicende di Medea in un testo che sta studiando a scuola - sognano il futuro nel college - mentre Randall gioca a basket per guadagnarsi la borsa di studio.
Sono poveri, e sono neri, neri tanto quanto è bianca China, il pitbull di Sketaah, il pitbull che Sketaah ama come una persona e che fa combattere con gli altri cani e che ora gli ha sfornato cinque cuccioli, cinque cuccioli destinati alla vendita, cinque cuccioli che possono garantirgli un importante guadagno futuro.





Ed è proprio la maternità in tutte le sue accezioni, da quella di China, che lotta per e contro i suoi cuccioli, alla figura della madre dei quattro fratelli rimasti orfani, a quella della terra, matrigna, che si appresta a sconvolgere e a distruggere il delta del Mississippi, a quella di Medea, che uccide i suoi figli per punire Giasone di averla tradita e abbandonata (Medea, che continuamente si insinua nella prosa dell’autrice e nella testa di Esch), al corpo di Esch che muta con il cambiare dei giorni e il peggiorare delle condizioni atmosferiche che trasformano drammaticamente una tempesta tropicale in un uragano, la cui attesa scandisce i tempi del romanzo e le loro vite, a essere il filo conduttore che fa da trama al romanzo.
È un libro intenso, catartico, dove alla passione e alla furia degli elementi si unisce con forza la lotta per la sopravvivenza, il sudore del vivere quotidiano che non è solo quello climatico data da un'aria impregnata di acqua, di polvere e di vento, dove talvolta sono i cani a sembrare umani e a ridere e gli uomini bestie che si sbranano, ma dove la Ward riesce a trovare il punto di equilibrio perfetto in cui il mito e l’epica si incarnano nella realtà della vita, del sudore e della fatica di riuscire a salvare le ossa, di consentire ai suoi protagonisti, perdenti sulla terra, di elevarsi al pari degli dèi.





Splendida rappresentazione, questa di Jesmyn Ward, che non pecca mai di artificiosità, ma che riesce a trasmettere la sospensione di un'attesa durante la quale la distrazione del vivere prende il sopravvento, in cui la prosa si innalza e nel contempo scende al fianco dei suoi protagonisti in una perfetta commistione di genere con una scrittura che è, sì, viva e realistica, ma anche alta, ispirata, poetica.
Ora, aspetto con trepidazione la traduzione degli altri due volumi della Trilogia di Bois Sauvage a cui Salvare le ossa (vincitore del National Book Award 2011) appartiene: Where the Line Bleeds (2008) e Sing, Unburied, Sing (2017) con il quale, unica donna a riuscire nell'impresa, ha vinto per la seconda volta il premio.

(Ora cinque*****, ora quattro****)
38 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Salvare le ossa.
Sign In »

Reading Progress

June 5, 2018 – Started Reading
June 5, 2018 – Shelved
June 5, 2018 – Shelved as: autori-usa
June 5, 2018 – Shelved as: letteratura-usa
June 5, 2018 – Shelved as: romanzo
June 5, 2018 –
8.0%
June 6, 2018 –
32.0%
June 9, 2018 – Finished Reading

Comments Showing 1-14 of 14 (14 new)

dateDown arrow    newest »

message 1: by Roberto (new)

Roberto Ci sono stato spesso, in quei luoghi. E tutte le volte mi sono domandato come fosse possibile viverci. Interessante, prendo nota ;-)


message 2: by Orsodimondo (new)

Orsodimondo Spengono le luci, tacciono le voci, e nel buio senti sussurrar...:

https://it.wikipedia.org/wiki/Re_dell...


piperitapitta Roberto wrote: "Ci sono stato spesso, in quei luoghi. E tutte le volte mi sono domandato come fosse possibile viverci. Interessante, prendo nota ;-)"

Io leggo, guardo le foto, e tremo all'idea di vivere con questa spada di Damocle sospesa sulla testa: direi che non potrei, ma quando ci si nasce tutto assume un altro aspetto, convivere con certe situazioni diventa quasi automatico (non con quello che ha provocato Katrina, quello mai).
Buona lettura, vale davvero la pena :-)


piperitapitta Orsodimondo wrote: "Spengono le luci, tacciono le voci, e nel buio senti sussurrar...:

https://it.wikipedia.org/wiki/Re_dell..."



Prego, grazie (grazie, grazie, lo sto cercando!), scusi, tornerò. :-)


message 5: by Gabril (new) - added it

Gabril Vorrei leggerlo ma temo di soffrire troppo...(Immagini splendide e terrificanti)


piperitapitta Gabril wrote: "Vorrei leggerlo ma temo di soffrire troppo...(Immagini splendide e terrificanti)"

Hai ragione, sono splendide e terrificanti, anche quelle così quiete da sembrare naturali (la prima sembra la foto di un parco acquatico, le villette sembrano quasi bungalow sull'acqua nella loro tranquilla assenza di normalità), ma quella del romanzo non è una lettura deprimente, io mi sento di consigliarlo.


message 7: by cristina (new) - added it

cristina c Ce l'ho in lista d'attesa da un po', terzo commento invogliante da vicini di cui mi fido molto, dovrò procedere alla lettura


piperitapitta cristina wrote: "Ce l'ho in lista d'attesa da un po', terzo commento invogliante da vicini di cui mi fido molto, dovrò procedere alla lettura"

Non puoi più resistere, e nemmeno io, ormai, alle trilogie di NNE (che però si diverte a farle uscire in ordine sparso) :-)


message 9: by ferrigno (new)

ferrigno Sing, unburied, sing mi era piaciuto moltissimo!
Questo lo metto in lista, lo leggerò.


piperitapitta ferrigno wrote: "Sing, unburied, sing mi era piaciuto moltissimo!
Questo lo metto in lista, lo leggerò."


Che bello, non vedo l'ora che esca!


Marozzi lo ho adorato anche io! Cè chi leggendolo dice che è triste, che ci sono troppe tragedie, che non ci sono speranze ma io ci ho visto una forza tremenda in questa storia, che è la forza della vita che vince sulla morte, la forza di quel bambino che cresce nella pancia di Esch, Quella dei cagnolini, boh mi è sembrato tutto tremendamente forte, altro che tristezza!


piperitapitta Marozzi wrote: "lo ho adorato anche io! Cè chi leggendolo dice che è triste, che ci sono troppe tragedie, che non ci sono speranze ma io ci ho visto una forza tremenda in questa storia, che è la forza della vita c..."

Sono d'accordo con te: non è triste, non è deprimente, ma ha una potenza incredibile, la storia così come il romanzo, e c'è una rappresentazione dell'istinto di sopravvivenza che prende il sopravvento su tutto, anche sulla furia degli elementi.


message 13: by Come (new) - rated it 5 stars

Come Musica Bellissima recensione!


piperitapitta Come wrote: "Bellissima recensione!"

Grazie!
Sono contenta ti sia piaciuto, è un romanzo travolgente!


back to top