Rowizyx's Reviews > Gridare amore dal centro del mondo

Gridare amore dal centro del mondo by Kyōichi Katayama
Rate this book
Clear rating

by
15499043
Tre stelle e mezzo. Uscito prima dell'esplosione del trend "love stories strappalacrime di adolescenti malati o agonizzanti per altri motivi", questo romanzo giapponese affronta il tema con una delicatezza che ho apprezzato molto. Non ci sono quegli elementi forzati che di solito mi danno fastidio in questo genere, non c'è bisogno di fare sensazione: ci sono due ragazzi che prima sono amici, poi innamorati, e che affrontano qualcosa di enorme e devastante senza doverla buttare in drammah. Molto carino.
9 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Gridare amore dal centro del mondo.
Sign In »

Reading Progress

February 2, 2017 – Shelved
February 2, 2017 – Shelved as: to-read
February 3, 2017 – Started Reading
February 3, 2017 – Shelved as: regali
February 3, 2017 – Shelved as: autori-asiatici
February 3, 2017 – Shelved as: culture-giappone
February 3, 2017 – Shelved as: prima-lettura-autori-sconosciuti
February 3, 2017 –
page 56
34.57%
February 4, 2017 – Finished Reading
March 29, 2017 – Shelved as: rc-continenti

Comments Showing 1-4 of 4 (4 new)

dateDown arrow    newest »

Anarchic Rain la delicatezza è un tratto tipico di molti autori giapponesi...ed è quello he apprezzo di più. Niente dramma-a-tutti-i-costi (no, non mi riferisco alla scopiazzatura di D'Avenia, no).


Rowizyx Quello "Bianca come il latte...", quella roba lì?
Io questo l'ho trovato proprio piacevole, anche che loro come coppia non facciano tutti gli "step" doverosi perché sia il dramah rosa di moda...


message 3: by Yukino (new) - added it

Yukino Oh *_* quindi è bello! Mi hai convinto ;) appena posso lo leggo


Anarchic Rain esatto, proprio Bianca ecc... per non sbagliare l'ho letto quasi subito dopo e l'ho trovato ridicolo e offensivo anche. Ma la sensibilità dei giapponesi è anni luce dalla nostra (o da quella degli americani, per dire). Loro amano i sottintesi, i silenzi, gli sguardi più delle parole. O almeno è quello che sento ogni volta che leggo un libro nipponico.


back to top