Margherita Dolcevita's Reviews > La casa

La casa by Angela Bubba
Rate this book
Clear rating

by
2615950
's review
Nov 14, 2010

did not like it
bookshelves: scambio-temporaneo

Siccome oggi mi sento stranamente buona, voglio iniziare dalle cose positive.
Anzi, dall'unica cosa positiva di questo romanzo. Ti tira su il morale, accresce l'autostima. Perché ripensi ai temi che scrivevi in seconda superiore e ti dici che in fondo erano scritti molto meglio, che se hanno pubblicato un libro del genere forse c'è speranza anche per te, per i tuoi scritti, per quando in un italiano stentato descrivevi la tua famiglia, "A mio padre, ci, piace il formaggio, con la crosta, a me invece, non mi piace perché, tengo l'allergia, la, mia mamma mi dice sempre che con l'allergia, il formaggio non, ce, lo posso mangiare, porco il mondo che ciò sotto i piedi!". Il tenore del romanzo in questione è questo, virgole a sproposito incluse (l'errore è voluto, fa tanto parlata popolana che va così di moda).
Illeggibile. Sì, non l'ho finito, ma come si fa?
Eppure c'è qualcuno che grida al miracolo, mai una scrittrice così giovane e così brava. Certo. Costoro farebbero bene a rileggersi gli scritti giovanili di Calvino o le prime poesie di Gozzano o addirittura, volendo esagerare, il banale Giordano de "La solitudine dei numeri primi", che in confronto a "La casa" è da Nobel, da Pulitzer, da Oscar, da MTV Video Music Award e da Nastro del Culatello.
L'unica vera casa che ha dimostrato coraggio è quella editrice, altroché.
Già mi figuro le critiche alla mia critica, "Eh ma tu non capisci, certe cose non le puoi capire". No no, io certe cose non le voglio proprio capire. E' un romanzo che parla di una famiglia, non è mica la risoluzione della congettura di Poincaré.

http://ladydarcy.wordpress.com/2010/0...
flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read La casa.
Sign In »

No comments have been added yet.