Lavecchiastrega's Reviews > Malamore: esercizi di resistenza al dolore

Malamore by Concita De Gregorio
Rate this book
Clear rating

by
4539807
's review
Nov 14, 2010

really liked it
bookshelves: letture, collettive

Letto per la lettura collettiva di novembre.
Il Malamore di Concita De Gregorio è un testo che mi è piaciuto e anche molto!
Gli "Esercizi di resistenza al dolore" costellano la vita di ogni donna e ciascuna potrà trovare nel libro quello cha ha praticato o che continua a praticare.
Le osservazioni non hanno nulla di teorico o astratto, riflettono semplicemente le "storie" delle donne.
Alcune pagine sono da ritagliare e conservare o da donare ad amiche in difficoltà.
Riporto a mo' di esempio quella sull'avere figli maschi (pagg. 61-62)

«Si potrebbe cominciare dal non essere particolarmente fiere di aver partorito un figlio maschio. Non comunicare né con le parole né coi gesti che per la madre si tratta di un privilegio: addirittura non pensarlo. Considerare il fatto che si rifacciano il letto e raccolgano da terra i calzini non un gesto di generosità ma una semplice decenza. Che tirino l'acqua del wc dopo essere stati in bagno un obbligo; mostrare raccapriccio, fin da quando sono bambini per l'abitudine contraria a meno di non vivere in luoghi desertici e non raggiunti da acquedotto. Non lasciarli dormire fino a mezzogiorno o alle due perché hanno fatto tardi, ieri sera, in fondo sono ragazzi. Se hanno fatto tardi, che dormano meno. Non essere fieri con gli amici della quantità delle loro conquiste sentimentali e dell' eventuale turnover ... Non chiedergli cosa vogliono per pranzo, eventualmente chiedergli di preparare il pranzo....
Se va a stare da solo, ma tanto capita di rado, ... non offrirsi di lavare e stirare la sua biancheria portata a sacchi due volte a settimana, meno che mai andarla a raccogliere a domicilio.
... Non andarlo a prendere perché non gli va di venire in autobus. ... Non nascondere al marito le malefatte del figlio, non fare la parte di quella che tutto comprende e tutto risolve, quella che "non lo diciamo a papà", ma nemmeno lasciare che il marito - o il compagno, o il fidanzato, o chiunque sia - sia quello che gioca alla playstation e vede la partita in tv col figlio maschio che così si divertono e sono proprio simpatici quei due...».

Ho scelto questo brano, che non è certo il più pregnante, perché ho figlie femmine ("solo" quattro fratelli maschi) ma ho un mucchio di amiche che ne ha e nei comportamenti descritti ho riscontrato un deja vu troppo familiare.

Il libro non è opera di un'autrice «Post femminista con data di consumazione scaduta», quanto piuttosto una raccolta di esempi di vita e di dolore che ciascuna può riconoscere come il proprio.
Non direi consigliato, oserei dire consigliatissimo!

flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Malamore.
Sign In »

No comments have been added yet.