Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Il male oscuro” as Want to Read:
Il male oscuro
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Il male oscuro

4.12  ·  Rating details ·  337 ratings  ·  35 reviews
Questo romanzo audacemente sperimentale, che alla sua uscita vinse contemporaneamente il Premio Viareggio e il Premio Campiello, è la testimonianza di una nevrosi che si scatena nel protagonista dopo la morte del padre, con un crescere e proliferare fino alla scoperta della psicoanalisi che l’autore affronta come tema centrale del suo racconto autobiografico: un libero e i ...more
Paperback, BUR Grandi romanzi, 419 pages
Published 2006 by BUR Rizzoli (first published 1964)
More Details... Edit Details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Il male oscuro, please sign up.

Be the first to ask a question about Il male oscuro

Community Reviews

Showing 1-30
Average rating 4.12  · 
Rating details
 ·  337 ratings  ·  35 reviews


More filters
 | 
Sort order
Carmine
Storia di una nevrosi (e della sua incessante battaglia)

"La quantità d'amore che un padre può avere per un figlio è compensata dal fatto stesso che il figlia esiste, in altre parole un padre non può pretendere che un figlio lo ami con la stessa intensità con la quale lui lo ama né con la stessa qualità d'amore."

"Ma purtroppo questa paura non sempre prende la strada dell'evidenza e spesso rimane come paura astratta o va a finire nel caldo lombare o nei giramenti testicolari e in questi casi è facile/>"Ma
...more
Roberto
May 24, 2017 rated it it was amazing

La paura di avere paura

Non so bene per quale ragione, ma prima di iniziare a leggere questo romanzo mi ero fatto l'idea che si trattasse di un cupo, pesante e deprimente resoconto della vita di una persona affetta da depressione. Un mattone insomma. Un libro che bisogna leggere lontano da lamette e barbiturici.

Mi sbagliavo, di grosso.

E' un uomo, Berto, che con un monologo senza respiro, con frasi lunghissime e con la punteggiatura risicata all'osso, si apre. Svela ogn
...more
Evi *
Jun 08, 2013 rated it really liked it
Lui, Giuseppe Berto, ha impiegato tre mesi a scrivere di getto questo denso romanzo fiume che evidentemente era già lì nella sua testolina bacata, bello pronto a sgorgare fuori come un tumore che per guarire il corpo che lo ospita deve esserne estirpato, io invece ne ho impiegati tre di mesi per portarne a termine, anche faticosamente, la sua lettura, però l’ho fatto senza saltare mezza riga perché, se devo abbandonare (un libro) lo abbandono e senza rimpianto, ma quando decido di leggerlo allor ...more
Ron
Mar 11, 2019 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Shelves: 8-900, italiano
Pensavo che avrei lottato con Il male oscuro, che sarebbe stata una lettura ostica e impegnativa. Tutt'altro. Berto mi ha subito intrappolato tra le pagine della sua vita, mi ha incantato e ha deciso che fino alla fine non avrei potuto abbandonarlo. Con la promessa che se mi fossi dedicato a lui, lui si sarebbe preso cura di me.
Per una settimana ho vissuto attraverso il suo monologo fitto eppure mai claustrofobico. Attraverso le sue fobie, i suoi sensi di colpa, le sue nevrosi. Attraverso il rapp
...more
Padmin
Dec 08, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Un capolavoro di profondità e umorismo. Tiene il tempo come il vino buono, anche perché il racconto di una nevrosi, al giorno d'oggi, è il "nostro" racconto. Sono convinta che ipocondria e paranoia siano diventati la cifra del tempo che viviamo: il sospetto, la paura, la credulità imperversano.
Colpisce soprattutto lo stile: un flusso di coscienza interminabile, privo spesso di punteggiatura, incurante della sintassi, con un intercalare di "si capisce" che lo rendono "discorso diretto". Par
...more
Mirco con la C
Nov 15, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Commento del settembre 2015:
Questo romanzo mi ha a lungo attratto ed intimorito allo stesso tempo soprattutto perché mi è purtroppo familiare il male oscuro a cui si riferisce il titolo, inteso come nevrosi legata ad un conflitto irrisolto con un genitore che per giunta è pure deceduto, invece mi è successo come con Il viaggio al termine della notte di Céline che non c’entra proprio niente con questo libro, ma anche quello all’inizio mi spaventava un po’ per ragioni del tutto diverse, ed i
...more
Siti
Jul 30, 2019 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: letto
Il gusto del narrare, a dispetto di una materia autobiografica difficile da governare perché frutto di quello che viene avvertito come un fallimento esistenziale che altro non è che uno stato di malattia, in questo romanzo bello, fresco e originale non viene mai meno. Direi anzi che è l'essenza che regge la materia narrata meglio e più delle contingenze legate al puro contenuto. Uno stile dallo stesso Berto definito psicoanalitico, un libero fluire di parole per associazioni che non portano al p ...more
marco_izner
Jul 29, 2017 rated it it was amazing
Allora.
Qui si potrebbe cominciare e finire con una parola, togliendosi il peso di cercare di dir qualcosa di sensato su un'Opera letteraria così grossa e importante. La parola in questione è CAPOLAVORO.
Non sarò certo il primo ad accostare il fin troppo abusato vocabolo a "Il male oscuro"; e del resto mi auguro di non essere l'ultimo. Poiché qui siamo davanti a una delle più grosse espressioni della letteratura italiana del secondo Novecento.

Berto, malgrado tutto, nonostante una vita
...more
Grazia
Jul 30, 2017 rated it it was amazing
"Il racconto è dolore, ma il silenzio lo è ancora di più"

L'attacco di panico entra nella mia vita più o meno 15 anni fa. Una telefonata nel cuore della notte, quando il sonno, prima dell'arrivo di mia figlia, era così robusto che neanche le cannonate potevano svegliarmi. Il consorte che dice: " È tuo fratello"

Credo che solo chi ha provato la sensazione, o si è relazionato con qualcuno che di questa cosa ha sofferto, possa avere una idea di quanto l'ansia o l'angoscia possa esser
...more
Io Nuca
Oct 20, 2014 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: 2014
N-am știu ce dor mi-e de o carte cu nevrotici până n-am citit Răul ascuns! E mare, dar m-am bucurat de fiecare pagină. (Poate că în altă viață o să fiu psiholog. Mă mai gândesc.)
arcobaleno
Sep 30, 2013 rated it really liked it  ·  review of another edition
Letto decenni fa, eppure ricordo bene, ancora, la partecipazione e l'avidità nella lettura.
Una scrittura senza pause che traduce "in simultanea" i pensieri; un flusso di parole che riesce, con immediatezza, a trasmettere i tormenti acuti prodotti dal male oscuro, fin quasi a “imprigionare” anche la mente del lettore attraverso un coinvolgimento intenso e martellante.
Thomas
Aug 12, 2019 rated it it was amazing  ·  review of another edition
La nevrosi come se vi foste dentro. Altroché stream of consciousness, è un’alluvione che straripa su pagine e pagine portando con sé un’accurata descrizione di quello che passa per la testa a un nevrotico. Quanti spunti di riflessione da trarre da un solo libro di narrativa.
Il libro è stato, a dire dello stesso Berto, “limato” prima della pubblicazione, ma ci si chiede che cosa abbia veramente cambiato. L’immediatezza del linguaggio, la frenesia del fraseggio, sono da immaginare che abbia
...more
Simone Subliminalpop
Mar 17, 2013 rated it it was amazing
Un padre muore, un figlio si sposa, il male oscuro rompe gli argini.
Un bellissimo romanzo (non sempre facile, va detto, ma molto scorrevole una volta entrati nel suo ritmo particolare) che è un’immersione, tra passato e presente, nella vita di un protagonista scomodo perché sinceramente umano, verso il quale si provano sentimenti ambigui, dalla simpatia al disgusto, ma al quale non si può, si riesce a voler male, anzi.
Lo dice meglio l’autore stesso nell’appendice: “Nonostante racconti la più s
...more
Arwen56
Il male oscuro, di Giuseppe Berto, è un romanzo magnifico, che esplora le teorie freudiane attraverso la vita e le esperienze del protagonista e del suo rapporto conflittuale col padre.

La scrittura è come un fiume in piena da cui si viene letteralmente travolti e in cui la punteggiatura è praticamente assente. I pensieri e le considerazioni del protagonista sono un flusso continuo che il lettore si trova a seguire senza neppure avere il tempo di soffermarsi un attimo a riflettere. Solo dopo averlo con
...more
Abc
Apr 19, 2018 rated it did not like it
Ci ho provato perché la tematica mi interessa molto, ma questo periodo infinito non riesco a sopportarlo. Faccio fatica ad affrontare una sequela di pagine scritte fitte fitte con pochissimi punti e innumerevoli virgole.
Per di più anche l'esposizione non mi piace. È tutto troppo confusionario, mi pare proprio che la terapia non sia servita a molto, l'autore ha ancora le idee molto annebbiate.
Bryan
If Thomas Bernhard and Woody Allen had a kid, I don't know if it would be Guiseppe Berto or not, but the kid's memoirs might read like Incubus (Il Male Oscuro). What a serendipitous find--I snatched this one up at a recent library sale not knowing anything at all about the author or the title, but was willing to take a flyer for two bits. Maybe it was the combination of discovery and luck and finding such a pleasant read for next to nothing, but I was thoroughly taken with this dense, funny novel.
...more
Stefania Sorbara
Su “Il male oscuro” è stato detto, se non proprio tutto, quasi.
È un libro che non concede nè ammette distrazioni, che pretende attenzione, pazienza, tolleranza (ciascun lettore, di fatto, è il “vecchietto”), che incalza e preme chi legge. È vertigini, avvitamenti di pensieri e di parole che si rincorrono, con pochi punti, molte virgole, fino alla fine di ogni capitolo, a cui si arriva in apnea, senza fiato.
La forma, ne “Il male oscuro”, è sostanza, pensiero, verità.
Verità autobiografica e universale insieme (“Il“”),“Il
...more
Vera
Nov 25, 2010 added it
Shelves: narrativa, vita
Ho intrapreso la lettura di questo libro particolarissimo su consiglio di una persona alla quale sono stata e sono legata affettivamente, che me lo ha indicato quale chiave di lettura della sua personale esperienza di vita. Non è stato semplice leggere ed ho abbandonato il libro più di una volta, perchè è stato un'esperienza forte per il momento di vita che vado attraversando.
Ho conosciuto, però, un autore dal quale adesso, al termine del libro, faccio fatica a staccarmi.
L'opera è il
...more
Francesco Andrini
Dec 14, 2016 rated it it was ok
This review has been hidden because it contains spoilers. To view it, click here.
Paolo Rinco
Jan 01, 2017 rated it it was amazing
Uno dei più bei libri che abbia mai letto! Mi ha preso subito! Raramente mi sono imbattuto in uno racconto di "una vita interiore" narrata attraverso lo sciorinare incessante e quasi senza pausa di pensieri e fatti così come semplicemente attraversano le nostre menti. lo stile è unico e magistrale! In questa corsa e questo affasteĺlarsi di eventi e concetti anche filosofici i periodi sono lunghissimi: i punti sono praticamente inesistenti a favore di qualche virgola. Questo conferisce alla lettu ...more
Paolo Zanella
Nov 14, 2017 rated it it was amazing
L'angosciante cronaca di un'escursione nella paranoia, scritta con uno stile adeguatamente folle, senza nemmeno un segno di punteggiatura.
Grande esercizio stilistico dell'autore, una vicenda che coinvolge e inquieta, molto di più dei noiosi e insulsi "viaggi" di Zeno Cosini nel più famoso La Coscienza di Zeno.

Consigliato a: chi è stato costretto a leggere La Coscienza di Zeno e pensa che il protagonista non sia uno "fuori di testa" ma solo uno scemo.

Ginny_1807
Jun 21, 2012 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: romanzi
Angosciante.
Maggie Eleonora
Oct 27, 2012 rated it it was amazing
Lo sto leggendo per la seconda volta dopo molti anni. È sempre fantastico e si scoprono sempre delle sfumature nuove
Mark
May 30, 2018 rated it it was amazing  ·  review of another edition
«non appena da qualche regione fisica o metafisica del mio corpo sentivo partire una corrente di malessere caldo o freddo che andava all'assalto del mio Io col proposito di disintegrarlo cercavo lei prima di tutti, anzi cercavo unicamente lei in una città che pur sovrabbonda di medici e cliniche per malati di cervelli, ed ecco che lei quando può viene, talvolta anche di notte viene e si sdraia accanto a me sopra le coperte col plaid addosso e mi tiene le mani e mi dice che non sono solo al mond
...more
Calandrino_Tozzetti
Sep 12, 2019 rated it it was amazing
Quando in libreria m'imbattevo in questo romanzo, il pensiero andava subito alla canzone di Lelio Luttazzi. Non ho mai capito se dietro ci fosse un riferimento diretto all'opera bertiana, ma non considererei casuale la prefazione dello stesso Berto a "Operazione Montecristo" del sommo artista triestino. Tuttora mi vien dunque da collegarli inevitabilmente, benché questo libro c'incastri ben poco con la musica di Lelio.
Di certo questo è un viaggio che non si dimentica; è doloroso, ma al tem
...more
Aldo Rita
May 25, 2014 rated it liked it
E' un romanzo in gran parte autobiografico. Berto la definisce come la storia della sua nevrosi da cui fu affetto a partire dal 1951 e che nel 1964, anno della pubblicazione del libro, non era completamente superata. Essa gli aveva impedito per lungo tempo di scrivere. Berto si identifica col protagonista e descrive nel romanzo la propria vita e le proprie esperienze. La vita del protagonista viene esaminata nel suo complesso. Viene descritta la storia della sua nevrosi, che inizia praticamente ...more
Milo22
Apr 23, 2013 rated it it was amazing
Chi ha vissuto, suo malgrado, la quasi inspiegabile (e proprio per questo desolante e agghiacciante) esperienza dell'attacco di panico, potrà trovare in questo romanzo pane per i suoi denti. La lettura non è semplice, trattandosi di un testo sperimentale costituito da periodi lunghissimi, che durano anche intere pagine; ma proprio questo stile riesce a rendere pienamente lo stato d'animo di chi si ritrova a combattere contro questo "male oscuro" senza nome. Un libro che è un unico flusso di cosc ...more
Anna Russo
Feb 14, 2018 rated it it was amazing  ·  review of another edition
La scorticante ironia crea distanza sufficiente per seguire l'angoscia del protagonista senza mai scivolare nel pathos. Un magistrale flusso di pensieri, limpidissimo benché la punteggiatura tradizionale salti e spesso rinunci ai punti fermi, trascina il lettore sino all'ultima pagina. Il finale è per me straordinario e lirico. Vicino alla coscienza di Zeno ma con pennellate a volte più scure, altre più poetiche e con uno scioglimento molto diverso.
Mauro Morellini
Mar 14, 2018 rated it really liked it  ·  review of another edition
si fa fatica, perché si fa fatica eh... tutti quei periodi infiniti. Sai quando te ne stai a letto a leggere e vuoi spegnere la luce e aspetti, non dico la fine del capitolo ma almeno un punto, un piccolo normale punto, e invece pagine e pagine che a volte lo odiavo. Però si, è un libro che ti lascia qualcosa, che fa pensare e per questo arrivo a 4 stelle
Gustl
Jan 31, 2015 rated it liked it
Le teorie Freudiane spiegate in questo romanzo a "flusso continuo" oltre alla depressione del protagonista-Berto e al suo rapporto traumatico con il padre fanno di questa lettura un viaggio significativo nel tormentato Io di uno scrittore ingiustamente trascurato dalla nostra editoria.
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »

Readers also enjoyed

  • La cognizione del dolore
  • Tempo di uccidere
  • Diceria dell'untore
  • Cronache di poveri amanti
  • Tu, sanguinosa infanzia
  • La vita agra
  • Il giorno del giudizio
  • Libera nos a malo
  • Rimini
  • The Silent Duchess
  • Microcosms
  • Il resto di niente
  • Il compagno
  • Conversations in Sicily
  • Una questione privata
  • La donna della domenica
  • Caro Michele
  • Vain Art of the Fugue
See similar books…
No trivia or quizzes yet. Add some now »