Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “El colibrí” as Want to Read:
El colibrí
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

El colibrí

by
3.80  ·  Rating details ·  4,542 ratings  ·  596 reviews
Aquesta és la història d'en Marco Carrera, oftalmòleg italià tocat per la tragèdia, la nostàlgia i l'esperança. La seva vida es veu marcada per grans amors, pèrdues atroces i coincidències fatals que amenacen d'arrossegar-lo en un remolí cada cop més profund. Però en Marco persisteix i lluita per mantenir-se dret i entomar les cartes marcades que li brinda el destí.

El col
...more
Paperback, 344 pages
Published November 3rd 2020 by Edicions del Periscopi (first published October 2019)
More Details... Edit Details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about El colibrí, please sign up.

Be the first to ask a question about El colibrí

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-30
Average rating 3.80  · 
Rating details
 ·  4,542 ratings  ·  596 reviews


More filters
 | 
Sort order
Start your review of El colibrí
Laura Gotti
Nov 06, 2019 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Premessa doverosa. Non è il più bel periodo della mia vita, non amo particolarmente Veronesi come uomo (mica lo conosco, inteso dalle interviste, dai tweet, dalle cose che ho letto su di lui cosa così) ma lo adoro come scrittore fin dai tempi di Venire Venite B52. L'ho divorato fino a Caos Calmo, poi la roba che ho letto mi ha fatto cordialmente schifo. L'hype su questo libro ancor prima che uscisse mi aveva già fatto accapponare la pelle: Ciabatti entusiasta (colei che mi ha rifilato quella sòl ...more
Tittirossa
Disclaimer: Letto su suggestione di commenti su GR e FB (ma non gliene faccio una colpa, a volte anche le suggestioni negative possono essere foriere di buone letture, e così vale anche il contrario).

Leggere gli “italici” di narrativa contemporanea non è complicato, solitamente sono scorrevoli e facili, che poi è il motivo per cui non li leggo. Anzi no, non li leggo perché l’attorcigliamento ombelicale di cui soffrono mi produce un’ernia strozzata e allora preferisco evitare.

In sintesi L’uccel
...more
SCARABOOKS
Nov 09, 2019 rated it really liked it  ·  review of another edition
Questo romanzo è un tacchino alla canzanese. Ottimo piatto della cucina teramana.
Si cuoce il tacchino dopo averlo disossato; poi si mette tutto in frigo in modo da far solidificare il brodo e far formare la gelatina. Qui c’è tutto quel che bisogna sapere
http://www.tacchinoallacanzanese.it/t...

E’ buonissimo (anche se a me il tacchino non fa impazzire per niente, fatto così acquista un senso). E anche il romanzo è buono. Il segreto, ovviamente, in tutti e due i casi sta nel brodo. Lì sì vede la
...more
Cristian Fassi
Lezione di scrittura da parte di Veronesi in questo romanzo dove utilizza diversi stili, un compendio di racconti con un protagonista (Marco) come filo conduttore, ci sono lettere, poesie, chat sul cellulare, dialoghi telefonici, tante referenze e piccole storie, un vero collage.

Faccio fatica però a seguire con piacere una storia molto frammentata, ogni capitolo appartiene a una fase della vita di Marco, saltando indietro e avanti nel tempo, persino nel futuro (la parte più brutta).

Molte delle s
...more
Nood-Lesse
Nov 20, 2019 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Settanta battiti d’ali al secondo per rimanere dove già sei

Pagine e pagine di prosa conciliante, chiara, priva di sbavature, essenziale. La prosa di chi scrive per farsi capire e non per essere interpretato, la prosa di chi vuole arrivare al lettore, non quella dello scrittore tormentato che si nasconde e chiede che sia il lettore a scovarlo. Sandro Veronesi ci consegna il suo romanzo più maturo. La fatica maggiore che ho fatto è stata non cedere alla tentazione di leggerlo tutto d’un fiato. Br
...more
piperitapitta
«I lupi non uccidono i cervi sfortunati, uccidono i cervi deboli»



Alla fine non mi è dispiaciuto, ma nemmeno piaciuto: dai primi capitoli che mi sono sembrati inconsistenti e imbarazzanti, nei quali Veronesi sciorina tutto il repertorio dell’autore nostrano impegnato trovando ispirazione qua e là - dal QT di Edoardo Albinati agli Urania di Francesco Pecoraro (in particolare proprio Starship Troopers di Robert A. Heinlein!) - attraversando una parte centrale in cui ha cercato appassionarmi senza r
...more
Sini
Mar 22, 2020 rated it really liked it  ·  review of another edition
Zelden heb ik in een roman zo veel op elkaar gestapelde ellende gezien als in "De kolibrie". Zelden las ik ook een boek met zoveel sentimentele zinnen vol bijna wanhopige hoop op een betere wereld. Bovendien las ik het boek in de eerste Nederlandse "blijf allemaal thuis- week" van de coronacrisis, en ik ben geen dapper mens. Daardoor was ik nauwelijks in de stemming voor een boek, en al helemaal niet voor een boek dat zo doordesemd is van persoonlijke ellende en van treurnis over allerlei wereld ...more
Cosimo
Apr 26, 2020 rated it liked it  ·  review of another edition
Un destino è un destino

È un buon libro, si legge con semplicità. Prima a distanza, poi sempre più coinvolti. Non c'è alcun dubbio che Veronesi conosca molto bene l'arte di progettare un'opera di successo. Attraverso la professione della scrittura o la scrittura di professione, compone per il lettore una narrazione estremamente equilibrata e simbolicamente appassionata. A tratti precipita nel cinismo, poi si fa lieve tramite l'interpretazione e l'ironia, lavora e imprime e sbalza ottimamente form
...more
Marc
By now I have read 5 books by Veronesi, and my impression is almost always the same: the man can absolutely write, and at times offers literary fireworks (often very strong opening scenes); he also nicely incorporates philosophical or existential issues in his novels, which are experienced by his main characters in a very introspective way. All of this is captivating, but you are always left with the feeling that something is missing, that the stories keep rippling on the surface a bit too much ...more
Carlo Mascellani
Quando si contempla la propria vita in retrospettiva, come un insieme di istantanee, ci si può scoprire alla stregua dei vinti e provar rimpianto o vedersi come piccoli colibrì, piccoli, ma tenaci, pronti a spender ogni brandello d'energia per non precipitar nell'abisso pronto a inghiottiti e tesi solo ad attendere, resistendo, il momento giusto per innalzarsi di nuovo. Inviti. ...more
 amapola
Dec 17, 2019 rated it liked it  ·  review of another edition
Shelves: italiani
Il romanzo è ben scritto, ben costruito e mette tanta carne al fuoco (ieri, oggi, domani, perdita, smarrimento, lontananza, padri e madri, figli, fratelli, amici, sentimenti, amore, dolore, resistenza… la vita, la morte), eppure non è riuscito a coinvolgermi se non a sprazzi: non basta. Sorry, non sono la lettrice adatta per libri come questo.

“And I am not frightened of dying, any time will do, I don’t mind.
Why should I be frightened of dying? There’s no reason for it, you’ve gotta go sometime…”
...more
Inga Pizāne
Man (kā kvēlai vēstuļu rakstītājai) mīļākais citāts no grāmatas izrādījās "vēstule nav cauri, vienkārši lapai pienākušas beigas". Pārfrāzējot, protams, gribas teikt, ka grāmata nav cauri, vienkārši pienāca ceturtais vāks, grāmata (kā visas labas grāmatas) turpinās manī, caur mani utt. Lasīju šo grāmatu 20 dienas, un 20. dienā es apraudājos. ...more
Come Musica
Nov 01, 2019 rated it really liked it  ·  review of another edition
Recensione

È la storia di Marco Carrera e della sua famiglia, dei suoi amori e dei suoi fallimenti: è una storia costellata di lutti, anche. Marco Carrera fino all’adolescenza manifesta segnali evidenti di ipoevolutismo, che lo fanno distinguere dai suoi coetanei. La madre lo paragona a un colibrì, perché pur essendo più basso dei ragazzi della sua età, ha in sé una bellezza e un’armonia tutte sue. Alla fine però l’ostinazione del padre, fa sì che Marco si sottoponga a una cura sperimentale che l
...more
Grazia
Nov 17, 2019 rated it really liked it  ·  review of another edition
Per andare dove non sai / devi passare per dove non sai

“Ti muovi nel buio e non ti trovi, cammini piano tra le pareti di casa ma ciò che ti aspettavi non lo tocchi, ciò che sfiori è inatteso, arriva troppo presto, troppo tardi, ha spigoli nuovi, profili inauditi, allora cerchi a tentoni l’interruttore più vicino, accendi un attimo la luce per orientarti, solo un attimo per non svegliarti del tutto, e quell’attimo ti basta per individuarti, per riconoscere il tragitto un istante prima che scompai
...more
capobanda
Nov 25, 2019 rated it really liked it  ·  review of another edition
Romanzo bellissimo per speditezza narrativa, contestualizzazione sociologica dei personaggi, acume psicologico, tono emotivo, agilità ed efficacia della scrittura.

Poi, la catastrofe.

Un finale portatore del famigerato “messaggio”: dopo la fine delle ideologie, la nuova frontiera del politicamente corretto, tipicamente debole come è giusto attendersi dalla generazione che ha sbagliato tutto ma non rinuncia a dire la propria.
E ineluttabilmente, mentre i demoni vengono addomesticati, la scena diven
...more
Iwan
Jan 08, 2021 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: gelezen-in-2021
Vond u het wat? vroeg ik de dame uit het Noord-Hollandse Heemskerk nadat ik haar in de deuropening € 5 had overhandigd voor de Kolibrie van Sander Veronesi (gebonden, 333 pagina's, zo goed als nieuw). Ze schudde haar hoofd: 'nee, het kon me niet zo boeien.'

Of de Kolibrie mij zou boeien was ook nog maar de vraag. Na het prachtige Kalme chaos (2006) was ik vastgelopen in XY (2010) en ook Zeldzame aarden uit 2015 (het vervolg op Kalme chaos) was me slecht bevallen.

Patjepeeër
In dat laatste boek ha
...more
Oskars Kaulēns
Feb 18, 2021 rated it really liked it  ·  review of another edition
vienā no nodaļām izcili aprakstīta drosme, kas ir nepieciešama nevis tam, lai īstenotu pārmaiņas, bet gan lai noturētos un paliktu uz vietas. bieži vien tā pēdējā izrādās daudz lielāka un svarīgāka, nekā tā pirmā.
Gabril
Aug 15, 2020 rated it liked it  ·  review of another edition
“ ...tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo. Settanta battiti d’ali al secondo per rimanere dove già sei. Sei formidabile, in questo. Riesci a fermarti nel mondo e nel tempo, riesci fermare il mondo e il tempo intorno a te, certe volte riesci addirittura anche a risalirlo, il tempo, e a ritrovare quello perduto, così come il colibrì è capace di volare all’indietro”.

Così viene definito il protagonista di questa storia da Luisa Lattes, suo eterno amor
...more
Pino Sabatelli
#fallabreve: Un brutto libro illuminato da sprazzi di ridicolaggine.
Gauss74
E così, anche io sono riuscito ad arrivare in fondo ad uno degli scrittori più celebrati della letteratura italiana contemporanea, in odor (se devo scommettere, scommetto su questo) di premio Strega. E la prima cosa che mi viene in mente è: siamo alle solite. Cioè, ma davvero i nostri migliori scrittori del terzo millennio non sanno offrire di meglio che saghe familiari, con tutti gli spunti che questa epoca tormentata ci offre, dallo scontro tra civiltà all'esaurimento delle risorse, dalla supe ...more
Luca Masera
Aug 29, 2020 rated it really liked it  ·  review of another edition
Il Colibrì è un libro velocissimo che però ha il dono di restare immobile, tanto il suo protagonista quanto l’uccellino cui tutto rimanda che fa una fatica enorme (70 battiti d’ali al secondo!) pur di rimanere fermo. E così, anche se la vita scorre addirittura attraverso quattro generazioni, tra matrimoni, tradimenti, partite di tennis, bugie, estati al mare, svariate tragedie, sorrisi malinconici, il colibrì decide che nulla deve cambiare… anche a costo di far cambiare tutto.

description

Il Colibrì è un rom
...more
Myriam
May 28, 2020 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: novel

‘Het zou bekend moeten zijn – maar dat is het niet – dat het lot van relaties tussen mensen eens en voor altijd wordt beslist in het begin, en dat je om van tevoren te ontdekken hoe iets gaat eindigen alleen maar hoeft te kijken naar hoe het begon. Aan het begin van een relatie is er immers altijd een moment van helderheid waarop je in staat bent te zien hoe de relatie zich zal uitstrekken over de jaren, om het te zien worden wat het gaat worden en te zien eindigen zoals het gaat eindigen – alle
...more
Federica Rampi
Perché separazione e perdita sono così dolorose?
Perché il dolore diventa qualcosa di totalizzante e non riusciamo invece a capire che c’è un tempo presente in cui possiamo e dobbiamo viverlo?
Conformismo e convenzioni sociali ci insegnano che il dolore, anche quello morale, va sedato, anestetizzato, ma soffrire non è uno sbaglio. E non è uno sbaglio nemmeno sapervi reagire, nei tempi e nei modi in cui riusciamo. La reazione è personale. Non c’è il prima e il dopo, c’è un soffio vitale che ci perm
...more
Arta Brice
Jan 20, 2021 rated it it was amazing  ·  review of another edition
“Ir cilvēki, kas visu mūžu raujas vai pušu, lai tiktu uz priekšu, lai izzinātu, iekarotu, atklātu, uzlabotu un pēc tam attaptos, ka vienmēr ir meklējuši tikai tās trīsas, kuras viņus iesviedušas pasaulē: viņiem ceļa sākuma un beigu punkts sakrīt. Un ir citi, kuri palikdami uz vietas veic garu un piedzīvojumu pilnu ceļu, jo pasaule pati slīd viņiem zem kājām un viņi nonāk daudz tālāk par vietu, no kuras savu ceļu sākuši.”

Saldsērīgi aizvēru grāmatu. Izslaucīju mitrumu no acu kaktiņiem. Un sapratu,
...more
Katrien Van Wambeke
Een mooi verhaal over pijn en de kwellende kracht van het leven.
Kurkulis  (Lililasa)
Meistarīgi savīts skaists smeldzīgs vēstījums, tomēr sirdī līdz galam neiekrita.

Interesants bija, ja tā var saukt, pēcvārds – autora skaidrojumi, kur viņš smēlies idejas nodaļām, un tā es nonācu pie mūzikas, konkrēti, pie dziesmas “Gloomy Sunday”.

Šoreiz vairāk par mūziku nevis Veronēzi: https://lililasa.wordpress.com/2021/0...
...more
Anna [Floanne]
Jun 21, 2020 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: ebook, _italia
★★★★½
“Mi chiedo: ma il male – hai presente? Ha circuiti preferenziali, il male, o si accanisce a caso?”

Devo riprendermi da tutto il dolore che questo libro mi ha scaricato addosso. La storia di una vita, quella di Marco Carrera, piena di amori difficili, lutti destabilizzanti, dolori incommensurabili e una piccola ma immensa gioia dal nome orientale, Miraijin, capace di non farlo naufragare nella follia. Un libro emotivamente devastante per il quale in questo momento non trovo molte altre parole
...more
Vilis
Feb 27, 2021 rated it liked it  ·  review of another edition
Shelves: atdošanai
Savādi tukša sajūta pēc izlasīšanas, it kā būtu iznācis no labi nostrādās iluzionista izrādes. Iespējams, fragmenti bija pārāk kinematogrāfiski, lai uz mani iedarbotos.
Cristina Mosca
penserò ancora a lungo a questo libro, perché è spietato e lucido nel raccontare le relazioni umane. metto quattro stelle perché ho trovato il finale un po’ spompato, ma forse non era affatto facile finire di scrivere un libro così.
Jan Koster
Mar 22, 2020 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Mijn kennismaking met Sandro Veronesi is mij zeer goed bevallen. De kolibrie is een prachtige roman die door de opbouw, tijdsprongen en verschillende vormen wel wat van de lezer vraagt maar dat is het meer dan waard. Mooi verhaal, het slotakkoord is memorabel.

Lees meer: bit.ly/2UBAumU
...more
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 next »

Readers also enjoyed

  • Tutto chiede salvezza
  • La misura del tempo (Guido Guerrieri #6)
  • Febbre
  • Almarina
  • La città dei vivi
  • Borgo Sud
  • De opgang
  • Wildevrouw
  • Cambiare l'acqua ai fiori
  • Ragazzo italiano
  • Sembrava bellezza
  • Ik ben er niet
  • Come un respiro
  • Prima di noi
  • Città sommersa
  • L'acqua del lago non è mai dolce
  • The Florios of Sicily
  • Il pianto dell'alba: Ultima ombra per il commissario Ricciardi
See similar books…
184 followers
Sandro Veronesi, born in Florence, Tuscany in 1959, is an Italian novelist, essayist, and journalist. After earning a degree in architecture at the University of Florence, he opted for a writing career in his mid to late twenties. Veronesi published his first book at the age of 25, a collection of poetry (Il resto del cielo, 1984) that has remained his only venture into verse writing. What has fol ...more

News & Interviews

Believe it or not, we're halfway through 2021! As is our tradition, this is the time when the Goodreads editorial team burrows into our data to...
107 likes · 79 comments
No trivia or quizzes yet. Add some now »
“Dovrebbe essere noto – e invece non lo è – che il destino dei rapporti tra le persone viene deciso all’inizio, una volta per tutte, sempre, e che per sapere in anticipo come andranno a finire le cose basta guardare come sono cominciate. In effetti, quando un rapporto nasce c’è sempre un momento di illuminazione nel quale si riesce anche a vederlo crescere, distendersi nel tempo, diventare ciò che diventerà e finire come finirà – tutto insieme. Si vede bene perché in realtà è già tutto contenuto nell’inizio, come la forma di ogni cosa è contenuta nel suo primo manifestarsi. Ma si tratta di un momento, per l’appunto, e poi quella visione ispirata svanisce, o viene rimossa, ed è solo per questo che le storie tra le persone producono sorprese, danni, piacere o dolore imprevisto. Lo sapevamo, per un lucido, breve momento l’avevamo saputo, all’inizio, ma poi, per il resto della nostra vita, non l’abbiamo saputo più. Come quando ci si alza dal letto, di notte, e ci si ritrova a brancolare nel buio della nostra stanza per andare in bagno, e ci sentiamo smarriti, e accendiamo la luce per mezzo secondo, e poi la rispegniamo subito, e quel lampo ci mostra la strada, ma solo per il tempo necessario ad andare a fare la nostra pisciatina e ritornare a letto. La prossima volta saremo di nuovo smarriti.” 1 likes
More quotes…